Resurrezione Convento di Novodevichy a San Pietroburgo

02/06/2019

Tra i principali templi della capitale settentrionale, spicca in particolare il Monastero di Resurrezione di Novodevichy. San Pietroburgo riceve ogni anno migliaia di turisti che vengono a vedere i suoi monumenti. E tutti loro sono stupiti dalla straordinaria architettura del tempio, attirando non solo i residenti delle città, ma anche gli ospiti ai servizi divini festivi.

Storia della creazione

Il Convento della Resurrezione di Novodevichy (San Pietroburgo), fondato nel 1748 durante il regno di Elizaveta Petrovna, era originariamente situato dove sorge Smolny, ma per vari motivi non è stato possibile creare una comunità in essa, quindi nel 1797 la chiesa fu è chiuso Convento di Novodevichy a San Pietroburgo

A metà del diciannovesimo secolo, nonostante la diffusione del monachesimo femminile in Russia, San Pietroburgo non aveva una tale dimora. Pertanto, su richiesta della principessa Olga Nicholas I, è stata presentata una relazione sulla possibilità di creare un monastero nell'allora capitale russa. Il sovrano ha sostenuto la proposta.

Originariamente, il Convento di Novodevichy (San Pietroburgo) fu collocato sull'isola Vasilyevsky sul territorio della Chiesa dell'Annunciazione, ma già nel 1848 l'imperatore fu presentato con un vasto terreno situato nell'avamposto di Mosca. E dopo il completamento della costruzione di nuovi edifici, la comunità monastica si trasferì lì.

La prima badessa del monastero fu Feofania, che era l'ex pensionato privato Queen Maria Feodorovna durante i suoi studi all'Istituto Catherine. La monaca era conosciuta a San Pietroburgo per la sua devozione e attività piuttosto attiva che ha esposto nella chiesa di Goritsky.

architettura

Le celle di questo santo chiostro sono riempite stile pseudo-russo. Sono disposti nella forma della lettera "P". Foto del convento di Novodevichy Direttamente al centro si trova il monastero della Resurrezione di Novodevichy, e ai suoi lati si trovano la Chiesa di Athos, attualmente funzionante, e la Chiesa dei tre Santi attualmente chiusa per il restauro. Tutti gli edifici sono dipinti in tenero colori giallo-rosa. Le finestre del complesso hanno una forma ad arco a lancetta, caratteristica di questa direzione architettonica russa. Nel 1854, la piccola chiesa di Athos fu santificata nel nome dell'icona della Madre di Dio. Qui è stata stabilita la lista, che è stata inviata da Seraphim Svyatogorets dall'immagine miracolosa situata sul Monte Athos. Un anno dopo, tre chiese in onore dei tre Santi furono consacrate nel monastero in una sola volta.

Sullo sfondo delle celle, spicca l'edificio a due piani della Cattedrale della Resurrezione, costruito nello stile architettonico russo-bizantino. L'ingresso è realizzato sotto forma di un alto portale ad arco. Va al viale di Mosca. Il monastero della Resurrezione di Novodevichy (San Pietroburgo) è coronato da cinque cupole con oro, e nelle sue cupole, di cui ci sono solo quattro, sono disposti i campanili. All'interno della cattedrale, rispettivamente, ci sono cinque troni.

Sulle piccole chiese

Il convento di Novodevichy, la cui foto indica che questo santo monastero non è del tutto tipico dell'architettura classica della capitale del nord, si trova vicino alla stazione della metropolitana di Mosca Gate. Resurrezione Convento di Novodevichy San Pietroburgo Questo complesso della cattedrale ha due piccole chiese apparentemente identiche - Athos e i Tre Santi. Si trovano su due lati della Cattedrale della Resurrezione. Sono stati costruiti dagli architetti Efimov e Sychev. La Chiesa di Athos è anche chiamata Vatopeda o "Gioia e Consolazione". Il secondo - nel nome dei Tre Santi - fu costruito a spese del contadino Chizhov e originariamente era destinato a servire l'ospedale del monastero.

A San Pietroburgo, ci sono diverse attrazioni che non si adattano alla singola architettura della città. Sono più vicini allo stile di Mosca. Uno di questi è il convento di Novodevichy. La foto delle sue cupole dorate e delle sue torri verdi è così insolita per la capitale del nord che sembra quasi che si tratti di una città completamente diversa.

Prima della rivoluzione

Tutti i seguaci del monastero dopo Teofania hanno anche contribuito alla creazione di questo monastero. La badessa Evstolia realizzò che la cupola della cattedrale era dorata e la sepoltura fu messa in ordine. Ha anche organizzato un rifugio per ragazze, che aveva una scuola di otto anni.

La badessa Valentina (1888-1904) divenne la priora con la quale fondarono la scuola parrocchiale Principe-Vladimir con la chiesa di origine e gli eremi. Quando Anthony (1904-1916) eresse un campanile, progettato da Zeyler e Benoit. Poco prima della rivoluzione fu costruita la chiesa in pietra dell'icona di Kazan della Madre di Dio. Fu costruito secondo il progetto dell'architetto V. Kosyakov nello stile dell'architettura bizantina.

Nel 1917, il Convento di Novodevichy (Pietroburgo) aveva già più di 400 suore, di cui settantacinque erano suore e il resto erano novizi e suore a tempo pieno "in libertà vigilata". Al monastero c'era una fattoria di qualità: una stalla con un granaio, un pollaio, un porcile, un apicoltore e una fattoria. Qui si sono svolti i famosi laboratori di pittura con icone e ricami in oro, birreria e tappeti. Il monastero trascorse una parte significativa della capitale monastica in attività caritatevoli - nel mantenimento di un orfanotrofio, di un ospedale e di una casa per poveri.

Dopo la rivoluzione

Questo santo chiostro toccò lo stesso destino di molte chiese e cattedrali, per le quali San Pietroburgo era famosa. Anche il Convento della Resurrezione di Novodevichy prese su se stesso i colpi degli dei senza dio. L'intero fardello della persecuzione cadde su Feguania (1918-1935), Igoumenia, che in quegli anni divenne non solo una madre premurosa per le suore, ma anche un ardente difensore del suo monastero.

Nel 1929, tre chiese furono chiuse contemporaneamente, la prima delle quali fu la chiesa di legno distrutta in seguito nel nome dell'icona della Madonna di Kazan. Nell'autunno dello stesso anno, questa sorte toccò le cappelle, che furono smantellate mattone per mattone. Anche la chiesa dei Tre Gerarchi e le cappelle del cimitero furono distrutte. Resurrezione Convento di Novodevichy

Nell'aprile 1932, praticamente tutte le suore e le suore furono arrestate nel convento di Novodevichy, lasciando solo i novizi anziani e ammalati, che non erano più in grado di muoversi. E nel maggio dello stesso anno, il Lenoblispolkom adottò un decreto con il quale fu liquidato il convento di Novodevichy a San Pietroburgo. L'edificio della cattedrale della Resurrezione iniziò a essere ricostruito sotto il grande magazzino.

Pochi mesi dopo l'alta recinzione è stata smantellata, le cupole e le tende sono state demolite, il campanile e l'interno sono stati distrutti. In alcuni edifici si trova l'Istituto di ricerca di ingegneria elettrica.

rinascita

Il restauro del complesso è iniziato nel 1996 con l'arrivo della comunità sorella. Si sistemò in un edificio a due piani vicino, in un edificio dove non c'erano servizi. Convento di Novodevichy di San Pietroburgo A poco a poco, le autorità iniziarono a tornare ai templi e agli edifici monastici della comunità, così come le icone del monastero di Novodevichy. Tuttavia, tutti gli edifici erano in uno stato distrutto. Per prima cosa, nell'omonimo tempio, è stata nuovamente installata l'icona rinnovata e splendente della Madre di Dio di Kazan. Nel corso degli anni, l'immagine oscurata è stata decisa per essere ripristinata, ma è accaduto un vero miracolo. Nella festa dell'icona - il giorno "Gioia di tutti coloro che si addolorano" - si è miracolosamente rinfrescata. Un'altra scoperta miracolosa - l'elenco dell'icona "Gioia e consolazione" - è avvenuta immediatamente dopo che il monastero di Uspensky è stato inaugurato nel 2014 per l'adorazione dei Doni dei Magi.

oggi

Il convento di Novodevichy a San Pietroburgo ha ricevuto una nuova vita. Attualmente, i templi sono già stati restaurati - Kazan e Athos, la cappella è stata ricostruita e la Cattedrale della Resurrezione è stata ripristinata.

Oggi c'è un rifugio per bambini nel monastero, una casa per poveri, la scuola di San Vladimir funziona con successo, recentemente è stato aperto un centro di beneficenza per la diagnosi di oncologia per le donne, ci sono laboratori di cucito e un negozio. Numerosi pellegrini trovano rifugio nel monastero. Resurrezione Convento di Novodevichy San Pietroburgo

Oggi il convento di Novodevichy a San Pietroburgo si sta gradualmente riprendendo. I lavori di restauro furono iniziati con gli sforzi di Abbessa Sofia, e la vita monastica stava lentamente migliorando. In generale, il chiostro fiorisce spiritualmente oggi.

Cimitero di Novodevichy

Dietro il monastero si trova uno dei cimiteri più privilegiati della capitale settentrionale - Novodevichy. Qui, nonostante il fatto che la maggior parte di esso sia stata demolita, ci sono ancora molte interessanti lapidi e monumenti. Qui sono sepolti molti personaggi famosi: il dottor S. Botkin, il contrammiraglio Vorozheikin, l'artista Vrubel, poeti come A. Maykov e F. I. Tyutchev, così come N. Nekrasov. Il giocatore di scacchi MI Chigorin e molte altre celebrità riposano nel cimitero di Novodevichy.

culto

Le ore di lavoro del monastero, così come la maggior parte delle chiese ortodosse della città, sono le seguenti: dalle otto del mattino alle cinque e trenta di sera. Nei giorni feriali, il servizio giornaliero mattutino inizia alle nove e mezza e il servizio serale a diciassette. Il sabato, la Divina Liturgia può essere ascoltata dalle nove, e la Veglia per tutta la notte - alle 17.00. Novodevichy Convento Pietroburgo

Per i turisti

Sarà interessante visitare il convento di Novodevichy a San Pietroburgo non solo per i cittadini fedeli, ma anche per coloro che sono interessati all'architettura e alla storia. La bellissima chiesa di Kazan colpisce per le sue soluzioni architettoniche. I turisti possono vedere antiche cripte e monumenti, ammirare i prodotti dei maestri, venduti nel negozio, e gustare dolci fatti in casa nel bar del refettorio.