Di recente, anche gli utenti ordinari di Internet si trovano di fronte a un concetto come "hosting virtuale". Ciò che è nella sua essenza, poche persone rappresentano, per non dire costruire e mantenere. Nel frattempo, qui non c'è niente di particolarmente difficile. Più avanti nell'articolo vengono presi in considerazione i concetti di base e alcuni aspetti aggiuntivi ai quali prestare attenzione.

Hosting condiviso: concetto generale

In realtà, per essere chiari, qualsiasi tipo di hosting può essere descritto nell'esempio più semplice. Supponiamo che un utente abbia creato la propria pagina web. Ma è necessario renderlo accessibile ai visitatori su Internet (e perché quindi crearlo a tutti i costi?).

hosting condiviso

Posizionare la pagina finita su una risorsa specifica (server) - e questo è l'hosting virtuale. In parole povere, l'utente, applicando i servizi di fornire una certa quantità di spazio su disco, pubblica semplicemente la sua pagina su un server di proprietà di un'azienda o di un individuo. Tuttavia, ci sono dei limiti e ci soffermeremo su di essi separatamente.

I principali tipi di hosting

Oggi, se parliamo dei tipi di hosting virtuale, non ci sono così tante varianti. L'implementazione, di norma, si basa su due tipi di sistemi:

  • Simile a UNIX (incluso Linux);
  • Orientato a Windows.

Ma in ogni caso, l'hosting virtuale del server si basa su server Web e server di database (ovvero, tutto ciò che è necessario per il normale funzionamento del sito dell'utente).

hosting di server virtuali

Per i sistemi UNIX, vengono utilizzati principalmente i server Web Apache e Nginx ei sistemi MySQL e PostgreSQL che utilizzano PHP, Perl e altri linguaggi di programmazione che supportano il protocollo SSH vengono utilizzati come database (per la piattaforma Apache, il server Web è controllato da un file. htaccess).

siti di hosting virtuali

Nelle piattaforme basate su Windows, le soluzioni server basate su Windows Server 2003, 2008 R2 e 2012 (versione 2003 sta gradualmente lasciando il mercato) sono le più comuni. I server Web principali sono tutte le versioni e le modifiche di ASP.NET e IIS e i database utilizzati sono simili alle piattaforme UNIX.

La gestione viene effettuata tramite il file web.config. Ma, come dimostra la pratica, l'hosting virtuale dei siti su piattaforme basate su Windows è più costoso in termini di tariffe. Ciò è dovuto al fatto che solo le società che hanno una licenza SPLA speciale hanno il diritto di rendere tali servizi. Tuttavia, in questo momento ci sono alcuni vantaggi: in presenza di un tale accordo (licenza) puoi essere completamente sicuro che i sistemi operativi ufficiali e il relativo software sono utilizzati per l'organizzazione di hosting.

Pro, contro e limitazioni

Se si toccano i vantaggi e gli svantaggi del sistema indicato, sembra preferibile l'hosting virtuale individui perché è abbastanza economico e facile da configurare (i punti principali sono presi dal servizio o dalla società che lo fornisce). Inoltre, quando si utilizzano i servizi, l'utente è libero di scegliere il piano tariffario necessario che meglio si adatta alle sue esigenze.

Tuttavia, tra gli svantaggi si possono distinguere la limitazione dello spazio del server (disco) allocato, l'impossibilità di installare il proprio software e la distribuzione del carico sulle risorse dei server stessi tra tutti gli utenti.

servizi di hosting condiviso

Un altro punto è legato al fatto che nella maggior parte dei casi l'hosting è progettato per una frequenza relativamente bassa (non più di mille richieste al giorno). Se il limite di circolazione viene superato, possono anche essere considerati come tentativi di attuare attacchi DDoS.

Servizi di hosting virtuale

Per quanto riguarda i servizi forniti, di solito allocano un determinato elenco standardizzato che include da 1500 MB a 10 GB di spazio disponibile su disco, limite di traffico assegnato, un numero limitato di nomi di domini (sottodomini), caselle di posta e database connessi.

Nonostante ciò, gli utenti ordinari ne hanno abbastanza, come si dice, per i loro occhi, soprattutto perché la maggior parte delle pagine non sono una sorta di portali di gioco, ma contengono per lo più informazioni testuali o elementi multimediali (audio, video, grafica).

Differenze da un server dedicato

Prima di parlare di come creare un hosting virtuale, è necessario notare la differenza tra questo concetto e un server dedicato.

configurazione di hosting virtuale

Quando l'hosting è connesso al server, è possibile utilizzare solo un IP per tutti i siti registrati e il reindirizzamento viene effettuato specificando il nome del dominio. Nella seconda implementazione, è possibile utilizzare diversi IP separati per ciascun hosting, ma solo se il server stesso ha diverse interfacce di rete.

Quando si utilizza un server dedicato, ciascun sito si trova esclusivamente su un dispositivo remoto (server) e tutti gli altri sono mancanti.

Creare e mantenere un hosting

Come è già chiaro, per creare un servizio di hosting, è sufficiente contattare l'azienda interessata. L'impostazione di un hosting virtuale non verrà effettuata dall'utente, ma dai suoi specialisti (soprattutto dal momento che esiste già una piattaforma e un ambiente software appropriati).

creare un hosting virtuale

Il mantenimento da parte dell'utente è solo per adattare il creato alle loro esigenze. Sfortunatamente, la protezione dei terminali utente dai possibili effetti di virus o attacchi hacker ricade anche sulle spalle dell'utente, nonostante il fatto che i server principali siano protetti da firewall e potenti programmi antivirus. Questo è comprensibile. Dopo tutto, il contenuto sarà modificato non su un server remoto, ma su un terminale di lavoro o di casa sotto l'account dell'amministratore. E poi nessuno è immune da interferenze esterne.

Breve riassunto

Questo, in effetti, è tutto ciò che in minima parte descrive il concetto di hosting virtuale. Se facciamo la conclusione finale su ciò che è, quindi, grosso modo, l'utente si occupa dello spazio su disco assegnato su un server comune, dove piazza le sue pagine in modo che diventino disponibili su Internet. Il percorso verso di loro è controllato dalla potenza di calcolo dei server stessi e non dai terminali del computer dell'utente. Rendendolo ancora più facile. Tutto si riduce solo all'ordinazione dei servizi di una società di hosting (hosting).

Ed è con l'uso di tali soluzioni tecnologiche elementari che chiunque, di regola, per una tassa puramente simbolica può posizionare il suo sito Web e renderlo disponibile ai visitatori sul World Wide Web.

Ma in questa situazione, dovresti prendere in considerazione alcune sfumature relative alla sicurezza, perché l'amministrazione dei siti sul server viene effettuata esclusivamente dalla società che fornisce tali servizi, e la sicurezza del sito ospitato, il suo contenuto e il terminale remoto dal quale il contenuto viene modificato o aggiornato, ricade sulle spalle cliente.