Coloro che sono interessati, che hanno detto: "L'essere determina la coscienza", non hanno certamente familiarità con la filosofia di Karl Marx - forse uno dei pensatori più controversi nella storia dell'umanità. Parleremo un po 'della sua comprensione dell'essere, della politica e della filosofia in questo articolo.

Il pensare di solito si riferisce all'idea di un essere che è consapevole di se stesso. Solo l'uomo possiede questa abilità. Tuttavia, la frase "L'essere determina la coscienza" illustra perfettamente le concezioni filosofiche dello stesso Marx, che considerava il pensiero come secondario rispetto alla realtà materiale.

Anniversario del bicentenario della Celebrazione dei Marchi

Coscienza secondo Marx

Per Marx, descrive il senso politico della personalità di una persona. Cioè, descrive letteralmente la consapevolezza della politica della persona e il suo ruolo in essa. Per Marx, il pensiero genuino era associato alla comprensione della sua vera posizione nella storia. Se Hegel vedeva Dio come base della mente umana, Marx lo sostituì con una semplice economia politica.

Nel 20 ° secolo, molti movimenti sociali e intellettuali svilupparono questa comprensione marxista della mente.

Falsa coscienza

Secondo Marx, il pensiero umano è sempre stato politico, poiché è sempre stato il risultato di circostanze politiche ed economiche. Ciò che una persona pensa della vita, del potere e di se stesso è un prodotto delle forze ideologiche.

Secondo Marx, le ideologie spiegano e giustificano l'attuale distribuzione di ricchezza e potere nella società. In società con distribuzione diseguale di benefici sociali, queste disuguaglianze sono presentate come accettabili, virtuose, inevitabili, ecc. Quindi, le ideologie portano le persone a riconoscere lo status quo. Le persone subordinate credono nella loro sottomissione: i contadini accettano la corretta esistenza dell'aristocrazia, gli operai concordano con la visione del mondo dei capitalisti e i consumatori non contestano il potere delle corporazioni. Questa credenza nella sua sottomissione, esercitata attraverso l'ideologia, per Marx è una falsa coscienza.

Ritratto di Karl Marx

Cioè, le condizioni di disuguaglianza creano ideologie che fuorviano le persone riguardo alle loro vere aspirazioni, valori e obiettivi. Ad esempio, Marx riteneva che la classe operaia fosse ingannata dal nazionalismo, dalla religione organizzata e da altre forme di "oppio per il popolo". Questi costrutti ideologici impediscono alle persone di comprendere che sono loro a produrre ricchezza, il che significa che sono loro che meritano il diritto di possederlo.

Il ruolo dell'economia politica

"L'essere determina la coscienza", l'autore di "Capitale", parlando di questo, implicava la propria comprensione del pensiero umano, che a suo avviso era strettamente connesso con la politica e l'economia. Per Marx, è un riflesso dell'economia politica. I pensieri di una persona sono generalmente determinati dalle sue circostanze politiche ed economiche. Marx ha scritto che non è la coscienza delle persone che determina il loro essere, ma, al contrario, il loro essere sociale che determina la loro coscienza.

Forse il più grande contributo del filosofo al pensiero moderno è il suo studio completo del ruolo dell'ideologia o di come l'essere sociale determina la percezione del mondo, che porta a certi sistemi e valori (per lo più inconsci) a seconda della specifica infrastruttura economica che dipende dall'era attuale. Da un punto di vista marxista, tutti gli artefatti culturali - sistemi religiosi, filosofie, valori etici - sono naturalmente prodotti di pensiero e come tali sono soggetti a queste influenze ideologiche.

Foto di Karl Marx

Coscienza e movimenti sociali

Molti movimenti sociali hanno liberamente interpretato le opinioni di Marx sul pensiero. Molti credono che implichi la ricerca di un vero percorso storico, in contrasto con la propaganda diffusa dalle élite dominanti. Ad esempio, il movimento femminista ha parlato di sensibilizzazione e molti attivisti sudafricani si definiscono parte del Movimento della coscienza nera, che invita i neri a seguire la loro "vera" traiettoria politica (al contrario delle idee delineate, ad esempio, dal regime di apartheid). Nell'ultimo esempio, per molti neri sudafricani, significava rinunciare a idee razziste sui neri, abbandonare il governo bianco e ripristinare la propria identità nazionale, la propria storia e il proprio potere. Ciò a cui tutto ciò ha portato, possiamo vedere dall'esempio del moderno Sudafrica e dello Zimbabwe.

Ruolo politico

In un senso politicamente carico, diventando "politicamente consapevoli", le persone, secondo Marx, risvegliano il loro vero ruolo politico, la loro vera identità. Le classi lavoratrici diventeranno consapevoli di se stesse come soggetti della storia - si uniranno e condivideranno i prodotti del loro lavoro. Secondo Marx, questo era il loro ruolo storico e giusto. Per molti afroamericani, la "coscienza" significava autoidentificazione e discredito delle forme di dominio bianco, incluse quelle che erano state interiorizzate dai neri.

Secondo il marxismo, una donna di colore non ha il suo modo di pensare, perché in generale mantiene un sistema governato da capitalisti maschi bianchi. Se fosse diventata politicamente cosciente, avrebbe pensato diversamente, o no? Quale dovrebbe essere il suo pensiero "vero"? Questo è uno dei problemi principali della frase "L'essere determina la coscienza".

Karl Marx in gioventù

La sinistra moderna e il problema della coscienza

Molti marxisti, femministi, afroamericani e altri esponenti della sinistra hanno cessato di affermare che esiste una vera forma di pensiero. Invece, pur mantenendo il sentimento che la classe dominante perpetua l'ideologia dominante e che presumibilmente nuoce alle altre classi, molti di sinistra ora assumono una posizione più liberale e tollerante, riconoscendo che gli altri hanno ragione.

"L'essere determina la coscienza" - cosa significa?

Come tutti i filosofi, la definizione della mente umana è cruciale per Marx. La coscienza è come una persona si definisce. Marx prende in prestito questa idea dal suo insegnante Hegel, che sosteneva che la coscienza è un processo costante, chiamato dialettica tra opposizioni (tesi e antitesi). Per Marx, questo processo è economico e avviene tra coloro che hanno denaro e potere e coloro che ne sono privati. Questo determinismo economico determina la storia, la lotta e il pensiero umano.

Per Marx, la coscienza individuale è qualcosa che non può essere separata dalla sua classe o dal suo gruppo socio-economico. Marx sostiene che l'intera storia può essere vista come una lotta di classe basata sul possesso della ricchezza. Di conseguenza, il modo di pensare delle persone è in realtà la consapevolezza del loro gruppo sociale.

Secondo il parere dell'autore dell'affermazione "L'essere determina la coscienza", il modo di pensare di una persona dipende completamente dal gruppo sociale a cui appartiene. Un uomo nato nelle classi inferiori, secondo Marx, pensa come le persone della sua classe, a differenza dell'altra persona che è un rappresentante di una classe superiore.

Quindi, non è una coscienza individualizzata e isolata delle persone, che determina la loro esistenza e autostima, ma un'esistenza sociale basata sulla realtà socio-economica. Definisce il loro "pensiero" e dà loro un senso di autostima. Per Marx, la storia è l'evoluzione della relazione tra quei gruppi che hanno ricchezza e coloro che ne sono privati.

Karl Marx e sua moglie

Ma la verità è, come sempre, nel mezzo.

Il concetto di coscienza umana in astratto, come prodotto passivo dell'essere, viene dalla filosofia pre-marxista e viene rifiutato inequivocabilmente da Marx. La dialettica insiste su un costante cambiamento della realtà, ei suoi sostenitori insistono anche sul fatto che le cose e i processi reagiscono l'uno con l'altro, e quindi sono correlati. L'essere determina la coscienza, ma può essere il contrario: le rivoluzioni francesi, russe e altre in cui l'azione umana ha cambiato le basi fondamentali dell'economia sono buoni esempi. Divennero possibili grazie alle conquiste delle forze materiali, ma potevano verificarsi solo a causa dell'azione dell'uomo, che a sua volta dipendeva dalla sua convinzione ideologica. Di conseguenza, l'essere e la coscienza sono interdipendenti e ugualmente si definiscono a vicenda. In pratica, non possiamo separare l'uno dall'altro: possono essere separati solo in modo astratto.

Ritratto di Marx

Quindi, insistere sul primato dell'essere non esclude o sminuisce il ruolo del pensiero. Ciò significa che la coscienza può essere intesa solo come relativa al mondo materiale: mantiene una certa autonomia, ma in un quadro più ampio, da cui dipende in ultima analisi.