In natura, tutti gli organismi viventi sono in costante relazione l'uno con l'altro. Come si chiama? La biocenosi è un insieme stabilito di microrganismi, funghi, piante e animali che si è formato storicamente in uno spazio vitale relativamente omogeneo. E tutti questi organismi viventi sono collegati non solo tra loro, ma anche con il loro ambiente. La biocenosi può esistere sia a terra che in acqua.

Origine del termine

Il concetto fu usato per la prima volta dal famoso botanico e zoologo tedesco Karl Moebius nel 1877. Lo applicò per descrivere la totalità e le interrelazioni degli organismi che abitano un determinato territorio, che è chiamato biotopo. La biocenosi è uno dei principali oggetti di studio dell'ecologia moderna.

La biocenosi è

L'essenza della relazione

La biocenosi è una relazione derivante dal ciclo biogenico. È lui che lo fornisce in condizioni specifiche. Qual è la struttura della biocenosi? Questo sistema dinamico e autoregolante è costituito dai seguenti componenti correlati:

  • Produttori (atotrophs), che sono produttori di sostanze organiche da inorganici. Nel processo della fotosintesi, alcuni batteri e piante convertono l'energia solare e sintetizzano la materia organica che viene consumata dagli organismi viventi, chiamati eterotrofi (materiali di consumo, decompositori). I produttori intrappolano l'anidride carbonica dall'atmosfera che altri organismi emettono e producono ossigeno.
  • Consumatore, che sono i principali consumatori di sostanze organiche. Gli erbivori mangiano cibi vegetali, a loro volta, diventando una cena per predatori carnivori. A causa del processo di digestione, i consumatori eseguono la macinazione primaria di materia organica. Questa è la fase iniziale del suo decadimento.
  • I decompositori, infine si decompongono materia organica. Dispongono di rifiuti e cadaveri di produttori e consumatori. I riduttori sono batteri e funghi. Il risultato del loro sostentamento sono i minerali, che di nuovo consumano i produttori.

Pertanto, è possibile rintracciare tutti i collegamenti nella biocenosi.

Concetti di base

Tutti i membri della comunità di organismi viventi sono chiamati certi termini derivati ​​da parole greche:

  • un insieme di piante in una particolare area - fitocenosi;
  • tutte le specie di animali che vivono nella stessa zona - zoocenosi;
  • tutti i microrganismi che vivono nella biocenosi - microbiocenosi;
  • comunità di funghi - micocenosi.

Struttura della biocenosi

Indicatori quantitativi

I più importanti indicatori quantitativi di biocenosi:

  • biomassa, che è la massa totale di tutti gli organismi viventi in specifiche condizioni ambientali;
  • biodiversità, che è il numero totale di specie nella biocenosi.

Biotopo e biocenosi

Nella letteratura scientifica vengono spesso usati termini come "biotopo", "biocenosi". Che cosa significano e in che cosa differiscono gli uni dagli altri? In effetti, l'intera serie di organismi viventi che fanno parte di un particolare sistema ecologico viene solitamente chiamata comunità biotica. La stessa definizione ha una biocenosi. Questa è una raccolta di popolazioni di organismi viventi che vivono in una specifica area geografica. Si differenzia dagli altri in un certo numero di indicatori chimici (suolo, acqua) e fisici (irradiazione solare, altitudine, dimensioni dell'area). Si chiama l'area dell'ambiente abiotico occupato dalla biocenosi biotopo. Quindi entrambi questi concetti sono usati per descrivere comunità di organismi viventi. In altre parole, un biotopo e una biocenosi sono quasi la stessa cosa.

Struttura spaziale della biocenosi

struttura

Esistono diversi tipi di strutture di biocenosi. Tutti loro lo caratterizzano secondo criteri diversi. Questi includono:

  • La struttura spaziale della biocenosi, che è divisa in 2 tipi: orizzontale (mosaico) e verticale (a livelli). Caratterizza le condizioni di vita degli organismi viventi in specifiche condizioni ambientali.
  • La struttura delle specie della biocenosi responsabile di una certa diversità del biotopo. È una raccolta di tutte le popolazioni che ne fanno parte.
  • Struttura trofica della biocenosi.

Mosaico e livelli

La struttura spaziale della biocenosi è determinata dalla posizione di organismi viventi di specie diverse l'una rispetto all'altra nella direzione orizzontale e verticale. La stratificazione offre l'uso più completo dell'ambiente e una distribuzione uniforme delle specie in verticale. A causa di ciò, viene raggiunta la massima produttività. Quindi, in qualsiasi foresta ci sono i seguenti livelli:

  • terreno (muschi, licheni);
  • erboso;
  • arbusto;
  • legnoso, compresi alberi di prima e seconda grandezza.

La disposizione appropriata degli animali è sovrapposta al palangaro. A causa della struttura verticale della biocenosi, le piante sono maggiormente utilizzate. flusso luminoso. Così, gli alberi amanti della luce crescono nei livelli superiori e gli alberi tolleranti all'ombra crescono nei livelli inferiori. Diversi orizzonti si distinguono anche nel suolo, a seconda del grado di saturazione delle radici.

biocenosi forestale

Sotto l'azione della vegetazione, la biocenosi forestale crea il proprio microambiente. In esso, non c'è solo un aumento della temperatura, ma anche un cambiamento nel gas composizione dell'aria Tali trasformazioni del microambiente favoriscono la formazione e il tiering della fauna, compresi insetti, animali e uccelli.

La struttura spaziale della biocenosi ha un mosaico. Sotto questo termine comprendere la variabilità della flora e della fauna in senso orizzontale. L'area del mosaico dipende dalla diversità delle specie e dal loro rapporto quantitativo. Inoltre è influenzato dalle condizioni del terreno e del paesaggio. Spesso, una persona crea un mosaico artificiale, abbattendo foreste, prosciugando paludi, ecc. A causa di ciò, si formano nuove comunità in questi territori.

Mosaico inerente a quasi tutte le fitocenosi. Entro i loro limiti, si distinguono le seguenti unità strutturali:

  • Consorzi, che rappresentano un insieme di specie, unite da relazioni topiche e trofiche e dipendenti dal nucleo di questo gruppo (membro centrale). Il più delle volte si basa su una pianta e i suoi componenti sono microrganismi, insetti e animali.
  • Sinusias, che sono un gruppo di specie nella fitocenosi, appartenenti a forme di vita vicine.
  • Pacco, che rappresenta la parte strutturale della sezione orizzontale della biocenosi, che si differenzia dalle sue altre componenti nella sua composizione e proprietà.

Struttura della comunità spaziale

Un buon esempio per capire i livelli verticali degli esseri viventi sono gli insetti. Tra loro ci sono tali rappresentanti:

  • abitanti del suolo - geobia;
  • abitanti dello strato superficiale della terra - herpethobia;
  • vivere in muschi di briobia;
  • situato in erba filatura;
  • alberi e arbusti di aerobia.

La strutturazione orizzontale è causata da una serie di motivi diversi:

  • fattori del mosaico abiogenico natura inanimata come sostanze organiche e inorganiche, clima;
  • fitogeno, associato alla crescita di organismi vegetali;
  • eolian-phytogenous, che rappresenta un mosaico da fattori abiotici e fitogeni;
  • nutrienti associati principalmente agli animali che sono in grado di scavare la terra.

Collegamenti nella biocenosi

La struttura delle specie della biocenosi

Il numero di specie in un biotopo dipende direttamente dalla persistenza del clima, dalla durata e dalla produttività della biocenosi. Ad esempio, in una foresta tropicale una tale struttura sarà molto più ampia che nel deserto. Tutti i biotopi si differenziano tra loro per il numero di specie che li popolano. Le biogeocenosi più numerose sono chiamate dominanti. In alcuni di essi è semplicemente impossibile determinare il numero esatto di esseri viventi. Di norma, gli scienziati determinano il numero di diverse specie concentrate in un particolare territorio. Questo indicatore caratterizza la ricchezza di specie del biotopo.

Questa struttura consente di determinare la composizione qualitativa della biocenosi. Confrontando i territori della stessa area, determinano la ricchezza di specie di un biotopo. Nella scienza, c'è il cosiddetto principio di Gauze (esclusione competitiva). In accordo con esso, si ritiene che se in un mezzo omogeneo ci sono 2 tipi di organismi viventi simili insieme, allora in condizioni costanti uno di loro gradualmente affrancherà l'altro. Allo stesso tempo hanno una relazione competitiva.

La struttura delle specie della biocenosi comprende 2 concetti: "ricchezza" e "diversità". Differiscono un po 'tra loro. Quindi, la ricchezza della specie è un insieme comune di specie che vivono nella comunità. È espresso dalla lista di tutti i rappresentanti di diversi gruppi di organismi viventi. La diversità delle specie è un indicatore che caratterizza non solo la composizione della biocenosi, ma anche i rapporti quantitativi tra i suoi rappresentanti.

Gli scienziati distinguono tra biotopi poveri e ricchi. Questi tipi di biocenosi differiscono nel numero di rappresentanti della comunità. L'età del biotopo gioca un ruolo importante in questo. Quindi, le giovani comunità che hanno iniziato la loro formazione relativamente di recente includono una piccola serie di specie. Ogni anno il numero di creature viventi può aumentare. I più poveri sono i biotopi creati dall'uomo (giardini, giardini, campi).

Struttura trofica

Si chiama l'interazione di vari organismi che hanno il loro posto specifico nel ciclo di sostanze biologiche struttura trofica della biocenosi. Consiste dei seguenti componenti:

  • I produttori sono organismi che producono materia organica. Questi includono piante verdi, dando prodotti primari e vari batteri. Quasi il 99% di tutta la materia vivente sulla superficie del nostro pianeta è rappresentato dai produttori. Costituiscono il primo anello della catena alimentare. I produttori sono la base di ogni piramide ecologica.
  • I consumatori sono organismi eterotrofi che consumano materia organica. Questo gruppo include vari animali e persone. Tra di loro anche le piante parassite che non hanno clorofilla.
  • I riduttori sono organismi che distruggono la materia organica di consumatori e produttori morti.

Popolazioni e biocenosi

Caratteristiche delle biocenosi

Le popolazioni e le biocenosi sono oggetto di uno studio attento. Quindi, gli scienziati hanno scoperto che la maggior parte dei biotopi acquatici e quasi tutti terrestri sono composti da microrganismi, piante e animali. Hanno stabilito una tale caratteristica: maggiore è la differenza in due biocenosi vicine, più eterogenee sono le condizioni ai loro confini. È stato inoltre stabilito che il numero di alcuni gruppi di organismi in un biotopo dipende in gran parte dalla loro dimensione. In altre parole, più piccolo è l'individuo, maggiore è il numero di questa specie. È stato anche stabilito che gruppi di creature viventi di diverse dimensioni vivono in un biotopo su diverse scale di tempo e spazio. Quindi, il ciclo di vita di alcune cellule unicellulari avviene entro un'ora e un grande animale - entro decenni.

Numero di specie

In ogni biotopo c'è un gruppo di specie principali, le più numerose in ogni classe di dimensioni. Sono i legami tra loro che sono decisivi per il normale funzionamento della biocenosi. Quelle specie che predominano in dimensioni e produttività sono considerate dominanti di questa comunità. Dominano e sono il nucleo di questo biotopo. Un esempio potrebbe essere l'erba erbosa, che occupa la massima area di pascolo. Lei è il principale produttore di questa comunità. Nelle biocenosi più ricche, quasi sempre tutte le specie di organismi viventi sono poche. Quindi, anche nei tropici in una piccola area raramente si trovano diversi alberi identici. Poiché tali biotopi si distinguono per la loro elevata stabilità, raramente contengono focolai di riproduzione di massa di alcuni rappresentanti della flora o della fauna.

Tutti i tipi di comunità lo inventano. biodiversità. Il biotopo ha determinati principi. Di norma, si compone di diverse specie principali, caratterizzate da numeri elevati e un gran numero di specie rare, caratterizzate da un piccolo numero di suoi rappresentanti. Questa biodiversità è la base dello stato di equilibrio di un particolare ecosistema e della sua sostenibilità. È grazie a lui che una circolazione chiusa di sostanze nutritive si verifica in un biotopo.

Biocenosi da biotopo

Biocenosi artificiali

I biotopi sono formati non solo da mezzi naturali. Nella loro vita, le persone hanno da tempo imparato a creare comunità con proprietà che ci sono utili. Esempi di biocenosi creata dall'uomo:

  • canali artificiali, serbatoi, stagni;
  • pascoli e campi per le colture;
  • paludi prosciugate;
  • giardini, parchi e boschetti rinnovabili;
  • piantagioni di rifugi