Maxim Gorky: questo è solo lo pseudonimo dello scrittore. Il suo vero nome è Alexei Maksimovich Peshkov. Questo è un famoso scrittore di prosa, drammaturgo, una persona eccezionale nella letteratura russa. Ha guadagnato immensa popolarità e guadagnato prestigio non solo a casa, ma anche in Europa. La sua città natale è Nizhny Novgorod. Nato lui 28 marzo 1868. Suo padre era un falegname e la famiglia di Maxim Gorky non guadagnava molto. All'età di 7 anni, Alexey andò a scuola, ma i suoi studi terminarono molto presto, e per sempre, perché pochi mesi dopo il ragazzo si ammalò di vaiolo. Alexey ha acquisito conoscenze e abilità solo grazie all'autoeducazione.

La versione più popolare del perché Alexei si è fatto un tale pseudonimo per se stesso è che non poteva firmare con il suo vero nome, e l'"amaro" era un accenno a una vita dura.

Giovani anni

Gli anni dell'infanzia di Gorky erano estremamente difficili. È diventato orfano molto presto, dopo di che ha vissuto con suo nonno, che aveva un temperamento molto freddo e rude. Già all'età di 11 anni, Alexey è andato a guadagnarsi da vivere in campi completamente diversi. Si trattava di negozi, negozi, panifici, laboratori di pittura di icone, oltre a buffet di navi e molto altro. Nell'estate del 1884, Gorky decise di visitare Kazan per iscriversi e iniziare a studiare. Tuttavia, la sua idea di andare all'università fu un fallimento. Quindi è stato costretto a continuare a lavorare sodo.

Tentativo di suicidio

uno scrittore in gioventù

Il costante bisogno e l'eccessiva stanchezza portarono il giovane diciannovenne a un tentativo di suicidio, che intraprese alla fine del 1887. Ha cercato di spararsi con una pistola, mirando al suo cuore. Tuttavia, il proiettile ha superato alcuni millimetri dall'organo vitale. Durante la sua vita, Gorky cercò ripetutamente di porre fine alla sua vita, aveva forti tendenze suicide. Tuttavia, ogni volta è riuscito a evitare con successo la morte.

È possibile che non volesse uccidersi. In una delle storie, sua moglie menziona che mentre svolgeva le faccende domestiche, sentì un forte rimbombo nell'ufficio del marito. Raggiunta la posizione, vide il suo sposo coperto di sangue. Sulla questione di quello che è successo, lo scrittore ha solo risposto che si è fatto male intenzionalmente in modo da poter sentire le sensazioni del personaggio di cui ha scritto. A proposito, la vita personale di Maxim Gorky è stata molto dilagante. Era popolare con le donne ed era estremamente infedele alle sue mogli.

Nella biografia di M. Gorky molti conoscono personalità rivoluzionarie. A Kazan, ha incontrato e si è avvicinato a vari rappresentanti del populismo rivoluzionario, i marxisti. Va spesso in circolo, intraprende autonomamente tentativi di agitazione. L'anno successivo fu arrestato per la prima volta, e non l'ultima volta. In questo momento, Alexey sta lavorando sulla ferrovia sotto la stretta supervisione della polizia.

Nel 1889, Alexei Maksimovich Peshkov ritornò nella sua città natale, dove si mise a lavorare con l'avvocato Lanin come impiegato. Tuttavia, non ha perso la connessione con radicali e rivoluzionari. Fu in quel momento che Gorky scrisse il poema "La canzone della vecchia quercia", che chiedeva di valutare il suo amico Korolenko.

Prima edizione

Alexey Maximovich Pawn

Nella primavera del 1891, Gorky lasciò Nizhny Novgorod e viaggiò nel paese. Già a novembre, raggiunse Tiflis. Fu lì che uno dei giornali pubblicò il suo primo racconto nel settembre del 1892. Il ventiquattrenne Maxim Gorky pubblicò il suo "Makar Chudra".

Dopo Alexey Maksimovich Peshkov, torna a Nizhny Novgorod e torna a lavorare con Lanin. Le sue opere sono pubblicate non solo a Nizhny Novgorod, ma anche a Kazan e Samara. Nel 1895 si trasferì a Samara e lavorò lì in un giornale cittadino, a volte anche come redattore. Le sue opere sono stampate attivamente. Nel 1898, un'edizione in due volumi di Essays and Stories fu pubblicata sufficientemente grande per un autore principiante. Il lavoro è stato oggetto di discussioni attive alla luce. Nel 1899, Gorky completò il suo primo romanzo, Thomas Gordeev, e un anno dopo ebbe un incontro personale con luminari della letteratura russa come Cechov e Tolstoj.

Nel 1901, scrisse per la prima volta un'opera nel genere drammatico, perché in precedenza il lavoro di Maxim Gorky era principalmente in prosa. Scrive opere teatrali "The Tradesmen" e "At the Bottom". Trasferito sulla scena, il suo lavoro è stato molto popolare tra il pubblico. I "borghesi" furono persino messi in scena a Berlino e Vienna, grazie ai quali Gorky ricevette un enorme apprezzamento nei paesi europei. Da quel momento in poi, il suo lavoro cominciò a essere tradotto all'estero, e la critica europea iniziò a dare alla sua persona molta attenzione.

Vita rivoluzionaria

Massimi anni di vita amara

La biografia di M. Gorky è piena di eventi rivoluzionari. Non si è distinto dagli eventi della rivoluzione del 1905. Lo scrittore si unì al Partito socialdemocratico del lavoro russo. Un anno dopo, ha iniziato la sua prima biografia in emigrazione dalla Russia. Fino al 1913 visse sull'isola di Capri. È stato allora che ha lavorato al romanzo "Madre", grazie al quale è stata lanciata una nuova tendenza letteraria: il realismo socialista.

Dopo che l'amnistia politica fu dichiarata, lo scrittore tornò in Russia. Nello stesso anno inizia a lavorare sulla sua biografia artistica. Per tre anni ha lavorato alla trilogia My Universities, che si diplomerà solo nel 1923. Attualmente lavora come redattore dei giornali Bolscevico Pravda e Zvezda. Molti scrittori proletari si sono uniti attorno a lui, con i quali pubblica una raccolta delle loro opere.

Rivoluzione d'Ottobre

scrittore famoso

Maxim Gorky aveva un atteggiamento molto positivo verso la rivoluzione del 1905, ma gli eventi di ottobre erano contraddittori per lui. Lo scrittore ha espresso eloquentemente le sue fluttuazioni e le sue paure nel quotidiano Novaya Zhizn, che è stato pubblicato dal maggio del diciassettesimo al marzo del diciottesimo. Tuttavia, già nella seconda metà del 1918, divenne un alleato del governo bolscevico, sebbene mostrasse un certo disaccordo con i principi e i metodi, che in particolare riguardano l'intellighenzia. Grazie agli scritti dello scrittore, un gran numero di persone dell'intellighenzia riuscirono a evitare la fame e le rappresaglie. Gorky mette anche molto impegno nella cultura non solo preservato, ma ha continuato a svilupparsi.

Periodo di emigrazione

Nel 1921, Gorky lasciò la Russia. Secondo la versione ben nota, lo fece su raccomandazione di Lenin, che era preoccupato per la salute dello scrittore, in particolare a causa della sua tubercolosi aggravata. Tuttavia, cause più profonde possono essere basate su contraddizioni ideologiche nelle posizioni di Gorky con i leader del proletariato. Per lungo tempo, Alexei vive in diversi paesi europei, come la Germania, la Repubblica Ceca e l'Italia.

Il ritorno dell'emigrante

foto amara

In onore del suo sessantesimo compleanno, lo scrittore fu invitato personalmente in Unione Sovietica dal compagno Stalin. Fu organizzato un arrivo solenne. Lo scrittore viaggia in tutto il paese, dove gli vengono mostrati i successi del socialismo, data l'opportunità di parlare alle riunioni, ai raduni. Gorky è noto per il suo merito letterario, è ammesso all'Accademia Comunista, dando altri onori.

Nel 1932, nella biografia di M. Gorky, l'ultimo round si svolge, lo scrittore torna finalmente in patria, diventando il leader della nuova letteratura sovietica. Gorky conduce una vita sociale attiva, lancia molte pubblicazioni, serie letterarie e molto altro. Continua a scrivere e migliorare il suo lavoro. Nel 1934, sotto la guida di Gorky, si tenne il primo congresso di scrittori composto da tutti i sindacati. Per preparare questo evento, ha speso un grande sforzo.

Il lavoro di Maxim Gorky lo ha nominato cinque volte candidato al premio Nobel per la letteratura.

Scrittore di morte

scrittore anziano

Nel 1836, 18 giugno, la biografia di M. Gorky terminò. Il paese era pieno di notizie che Maxim Gorky era nella sua dacia. Il luogo della sua sepoltura era Mosca. Intorno alla sua morte, così come suo figlio, ci sono molte teorie su possibili avvelenamenti in connessione con cospirazioni politiche, ma nessuna conferma ufficiale è stata trovata.

Anni di vita di Maxim Gorky: 1868 - 1936

Vita personale

massima amara

Alexey è stato sposato più di una volta. La vita personale di Maxim Gorky è piena di passioni. Il suo primo matrimonio fu con Catherine Volzhina. Da questa unione ebbe una figlia Catherine, che, sfortunatamente lo scrittore, morì nell'infanzia, così come il figlio Maxim, che divenne un artista dilettante.

Il giovane morì nel 1934, inaspettatamente. La sua morte è stata la ragione per le voci della morte violenta di un giovane uomo.

La seconda volta Alexey era in un matrimonio civile con l'attrice e la rivoluzionaria Maria Andreeva. La terza famiglia dello scrittore Maxim Gorky era un matrimonio con Maria Budberg, che trascorse gli ultimi anni della sua vita con lui.