Attualmente, l'era Cenozoica continua sulla Terra. Questo stadio di sviluppo del nostro pianeta è relativamente breve, se lo confrontiamo con quelli precedenti, ad esempio il Proterozoico o l'Archeano. Mentre è solo 65,5 milioni di anni.

I processi geologici che hanno avuto luogo in tutto il Cenozoico hanno formato l'aspetto moderno degli oceani e dei continenti. Il clima gradualmente è cambiato e, di conseguenza, il mondo vegetale in una o un'altra parte del pianeta. L'era precedente - il Mesozoico - si è conclusa con la cosiddetta catastrofe del Cretaceo, che ha causato l'estinzione di molte specie di animali. L'inizio di una nuova era è stato caratterizzato dal fatto che il nicchie ecologiche ha cominciato a riempirsi di nuovo. Lo sviluppo della vita nell'era Cenozoica avvenne rapidamente sia a terra che nell'acqua e nell'aria. I mammiferi hanno dominato. Alla fine apparvero gli antenati dell'uomo. Le persone si sono rivelate creature molto "promettenti": nonostante i molteplici cambiamenti climatici, non solo sono sopravvissute, ma si sono anche evolute, stabilendosi in tutto il pianeta. Nel corso del tempo, l'attività umana è diventata un altro fattore nella trasformazione della Terra.

Era cenozoica: periodi

In precedenza, Cenozoico ("l'era di una nuova vita") era diviso in due periodi principali: terziario e quaternario. Ora è in corso un'altra classificazione. Il primissimo stadio del Cenozoico è il Paleogene ("formazione antica"). Cominciò circa 65.5 milioni di anni fa e durò 42 milioni di anni. Paleogene è diviso in tre sottoperiodi (Paleocene, Eocene e Oligocene).

Il prossimo passo è Neogene ("nuova educazione"). Questa era iniziata 23 milioni di anni fa e la sua durata era di circa 21 milioni di anni. Il periodo di Neogene è diviso in Miocene e Pliocene. È importante notare che la fine del Pliocene risale all'emergere di antenati umani (sebbene in quel momento persone moderne non hanno nemmeno ricordato). Da qualche parte 2-1,8 milioni di anni fa, iniziò il periodo antropogenico, o quaternario. Lui continua fino ad oggi. In tutto l'antropogenico, lo sviluppo umano ha avuto luogo (e sta accadendo). I sotto-periodi di questa fase sono il Pleistocene (l'epoca della glaciazione) e l'Olocene (l'epoca post-glaciale).

Condizioni climatiche del Paleogene

Un lungo periodo del Paleogene apre l'era Cenozoica. clima Paleocene ed Eocene erano miti. Nell'area equatoriale, la temperatura media ha raggiunto i 28 ° C. Nella regione del Mare del Nord, la temperatura non era molto più bassa (22-26 ° C).

Era cenozoica

Sul territorio di Svalbard e Groenlandia sono state trovate prove che le caratteristiche delle piante delle moderne regioni subtropicali, si sono sentite abbastanza a proprio agio lì. Tracce di vegetazione subtropicale si trovano in Antartide. Non c'erano ghiacciai o iceberg nell'Eocene. Sulla Terra, c'erano aree che non avevano problemi di umidità, regioni con un clima umido variabile e regioni aride.

Nel periodo dell'Oligocene bruscamente più freddo. Ai poli, la temperatura media è scesa a 5 ° C. La formazione dei ghiacciai iniziò, formando successivamente la calotta antartica.

Flora Paleogene

L'era Cenozoica è un periodo di dominio universale di angiosperme e gimnosperme (conifere). Quest'ultimo è cresciuto solo ad alte latitudini. All'equatore dominavano le foreste pluviali, alla base delle quali c'erano palme, piante di gomma e vari rappresentanti di sandalo. Più lontano dal mare, più secco diventava il clima: nelle profondità dei continenti si espandeva la savana e la foresta leggera.

Alle medie latitudini, piante tropicali e piante temperate che amano l'umidità del clima temperato (felci arboree, alberi da pane, sandalo, banani). Più vicino alle alte latitudini, la composizione delle specie divenne molto diversa. Per questi luoghi, la tipica flora subtropicale è tipica: mirto, castagno, alloro, cipresso, quercia, tuia, sequoia, araucaria. La vita vegetale nell'era Cenozoica (in particolare, nell'era del Paleogene) fiorì anche Circolo polare artico: foreste decidue conifere e latifere dominate nell'Artico, nell'Europa settentrionale e in America. Ma qui incontrato e piante subtropicali sopra elencate. Notte polare non è un ostacolo alla loro crescita e sviluppo.

Fauna paleogenica

L'era Cenozoica ha dato una possibilità unica alla fauna. Il mondo animale è cambiato radicalmente: i piccoli mammiferi primitivi hanno sostituito i dinosauri, vivendo principalmente nelle foreste e nelle paludi. Rettili e anfibi divennero meno. Vari animali proboscidi prevalevano, indicoterium (simile ai rinoceronti), tapiro e suino.

la vita nell'era Cenozoica

Di regola, molti di loro sono stati adattati per trascorrere un po 'di tempo in acqua. Durante il periodo Paleogene, appaiono anche gli antenati di cavalli, vari roditori, in seguito predatori (creodonti). Gli uccelli sdentati si annidano sulle cime degli alberi, i diatrini predatori vivono nelle savane - uccelli che non possono volare.

Periodi dell'era Cenozoica

Grande varietà di insetti. Per quanto riguarda la fauna marina, poi c'è una fioritura di cefalopodi e bivalvi, coralli; ci sono gamberi primitivi, cetacei. L'oceano in questo momento appartiene al pesce ossuto.

Clima neogene

L'era cenozoica continua. Il clima nell'epoca Neogene rimane relativamente caldo e piuttosto umido. Ma il raffreddamento che ha avuto inizio nell'Oligocene fa le sue stesse regolazioni: i ghiacciai non si sciolgono più, l'umidità cala, il clima continentale aumenta. Alla fine del Neogene, la zonalità si avvicina al moderno (lo stesso si può dire per i contorni degli oceani e dei continenti, così come per il rilievo della superficie terrestre). Il pliocene segnò l'inizio del prossimo colpo freddo.

Neogene, era Cenozoica: piante

All'equatore e nelle zone tropicali prevale la savana o le foreste umide. Le temperate e le alte latitudini potevano vantare la più grande diversità del mondo vegetale: qui si estendevano foreste decidue, per lo più sempreverdi. Quando l'aria divenne più secca, emersero nuove specie, di cui si sviluppò gradualmente la moderna flora mediterranea (ulivo, platano, noce, bosso, pino meridionale e cedro). Nel nord, i sempreverdi non sopravvissero più. Ma le foreste di conifere e latifoglie hanno mostrato una ricchezza di specie - dalla sequoia al castagno. Alla fine del Neogene, appaiono forme del paesaggio come la taiga, la tundra e la steppa della foresta. Questo era di nuovo dovuto al raffreddamento. Il Nord America e l'Eurasia settentrionale sono diventati regioni della taiga. Nelle latitudini temperate con steppa formata dal clima arido. Dove erano le savane, apparivano semi-deserti e deserti.

Clima dell'era cenozoica

La fauna di Neogene

Sembrerebbe che l'era Cenozoica non sia così lunga (rispetto alle altre): la flora e la fauna, tuttavia, sono riuscite a cambiare notevolmente dall'inizio del Paleogene. Placental divenne i mammiferi dominanti. Inizialmente, lo sviluppo della fauna anchiteriana, e poi - ippopotamo. Entrambi prendono il nome da rappresentanti caratteristici. L'anchitherium è l'antenato di un cavallo, un piccolo animale che ha tre dita su ciascun arto. Ipparione è, in effetti, un cavallo, ma ancora a tre dita. Non c'è bisogno di pensare che i parenti dei cavalli e degli ungulati (cervi, giraffe, cammelli, maiali) appartenessero a queste faune. Infatti tra i loro rappresentanti c'erano predatori (iene, leoni), roditori e persino struzzi: la vita nell'era cenozoica era caratterizzata da una fantastica diversità.

sviluppo della vita nell'era Cenozoica

La diffusione di questi animali ha contribuito ad aumentare l'area di savana e steppa.

Alla fine del Neogene nelle foreste apparvero gli antenati dell'uomo.

Clima antropogenico

Questo periodo è caratterizzato dall'alternanza di glaciazioni e riscaldamento. Quando i ghiacciai avanzavano, i loro limiti inferiori raggiungevano 40 gradi di latitudine nord. I più grandi ghiacciai dell'epoca erano concentrati in Scandinavia, nelle Alpi, nel Nord America, nella Siberia orientale, nel Subpolar e negli Urali del Nord.

Era della pianta cenozoica

In parallelo con le glaciazioni, un'offensiva del mare avvenne a terra, sebbene non così potente come nel Paleogene. I periodi interglaciali erano caratterizzati da un clima mite e da una regressione (drenaggio dei mari). Ora è il prossimo periodo interglaciale, che dovrebbe concludersi entro e non oltre 1000 anni. Dopo questo, accadrà la prossima glaciazione, che durerà circa 20 mila anni. Ma non è noto se ciò accadrà realmente, poiché l'intervento umano nei processi naturali ha provocato il riscaldamento del clima. Ci si potrebbe chiedere se l'era cenozoica finirà. catastrofe ambientale globale?

Flora e fauna dell'era cenozoica

Flora e fauna di antropogenico

L'inizio dei ghiacciai costrinse le piante termofile a spostarsi verso sud. È vero, questo ha impedito le catene montuose. Di conseguenza, molte specie non sono sopravvissute ai nostri giorni. Durante le glaciazioni, c'erano tre tipi principali di paesaggi: taiga, tundra e steppa della foresta con le loro piante caratteristiche. Cinture tropicali e subtropicali fortemente ristrette e spostate, ma rimaste. Nei periodi interglaciali sulla Terra dominati da foreste decidue.

Per quanto riguarda la fauna, il primato apparteneva ancora (e appartiene) ai mammiferi. Gli enormi animali ricoperti di pelliccia (mammut, rinoceronti lanosi, megaloceri) divennero il segno distintivo delle epoche glaciali. Insieme a loro c'erano orsi, lupi, cervi, linci. Tutti gli animali a causa del raffreddamento e del riscaldamento sono stati costretti a migrare. Primitivo e disadattato si estinse.

I primati hanno continuato il loro sviluppo. Migliorare le abilità venatorie degli antenati umani può essere spiegato con l'estinzione di un numero di animali da gioco: bradipi giganti, cavalli del Nord America, mammut.

risultati

Non è noto quando terminerà l'era cenozoica, i cui periodi abbiamo esaminato sopra. Sessantacinque milioni di anni secondo gli standard dell'Universo è un bel po '. Tuttavia, durante questo periodo, sono stati formati continenti, oceani e catene montuose. Molte specie di piante e animali si sono estinte o si sono evolute sotto la pressione delle circostanze. I mammiferi hanno preso il posto dei dinosauri. E il più promettente dei mammiferi si è rivelato essere l'uomo, e l'ultimo periodo del Cenozoico, l'antropogenico, è associato principalmente all'attività umana. È possibile che dipenda da noi come e quando finirà l'era cenozoica, la più dinamica e breve delle epoche terrene.