Nell'aterosclerosi cerebrale, il danno vascolare si verifica nel cervello, portando all'interruzione dei processi biochimici. La causa principale della patologia sono i depositi di colesterolo nelle pareti delle arterie che alimentano il cervello.

arteriosclerosi cerebrale Aterosclerosi cerebrale: sintomi

A seconda della posizione e dell'estensione del danno alle arterie cerebrali, ci sono diversi tipi di malattia. Tuttavia, di solito non vengono considerati separatamente, poiché la patologia influenza non solo le funzioni per le quali le parti del cervello direttamente interessate sono responsabili, ma tutte le funzioni di natura neurologica. I sintomi tipici non sono sempre possibili per determinare la posizione della lesione. Sebbene alcuni modelli risaltino ancora. Quindi, l'aterosclerosi cerebrale può manifestarsi in vari modi menomazione visiva udito, memoria, parola, attenzione, riflessi e anche causare cambiamenti nella sfera emotiva. Nonostante i sintomi che si verificano, la patologia nelle fasi iniziali non viene quasi mai rilevata. I pazienti spesso non si accorgono di avere problemi, ad esempio con la memoria o l'attenzione. Pertanto, i medici iniziano a sospettare di aterosclerosi cerebrale solo quando vi sono già evidenti segni di lesioni vascolari. trattamento di arteriosclerosi cerebrale

Cause di malattia

Non ci sono ragioni specifiche per questa particolare patologia. Ci sono fattori di rischio che portano alla suscettibilità, cioè fattori precipitanti che aumentano il rischio di deposizione di colesterolo nelle pareti delle arterie. La crescita delle placche in una dimensione pericolosa richiede 15-20 anni, e per tutto questo devono verificarsi anche i fattori di rischio. Pertanto, al fine di non sviluppare l'aterosclerosi cerebrale, anche nella fase di predisposizione è necessario limitare l'influenza di fattori quali:

  • fumare (il fattore di rischio più significativo);
  • stile di vita sedentario;
  • mancanza di sonno;
  • in sovrappeso;
  • stress emotivo;
  • nutrizione scorretta.

Diagnosi della malattia

Per identificare la tendenza all'aterosclerosi cerebrale si può fare con il lipidogramma e l'analisi dei livelli di colesterolo. Questi studi sono in grado di riconoscere la presenza di punti grassi o placche nelle pareti delle arterie. La localizzazione della lesione può essere determinata mediante ultrasuoni, studi radiopachi, arteriogrammi. Tali metodi strumentali possono rilevare difetti nei vasi sanguigni e rallentare il movimento del sangue nei punti in cui si restringono. sintomi di arteriosclerosi cerebrale

Aterosclerosi cerebrale: trattamento

Per il trattamento della patologia sono stati usati molti metodi. Il più efficace di questi è la prevenzione precoce, volta a ridurre la quantità di colesterolo che circola nel sangue. Per fare questo, tutta la vita dovrebbe seguire una certa dieta, limitando il consumo di grassi animali. Sono sostituiti da alimenti vegetali e prodotti lattiero-caseari. Aderendo a questa dieta, si può presumere che l'aterosclerosi cerebrale non causerà complicanze. Un'altra importante misura preventiva è l'esercizio. Così, conducendo uno stile di vita sano, che implica dieta e sport, è possibile prevenire la malattia.