La storia degli studi economici negli ultimi due secoli è stata un periodo di confronto continuo di opinioni sull'eventualità che uno stato interferisse o meno nell'economia del paese. Ciò garantisce in modo più efficace il benessere dei cittadini: politica fiscale nazionalizzazione e economia pianificata o il liberalismo assoluto? Nonostante l'esistenza di punti di vista estremi, la maggior parte degli stati del mondo si trova in equilibrio tra i due estremi. Il rallentamento della crescita industriale in URSS a metà degli anni '60 costrinse il governo a indebolire un po 'il proprio volontariato (le riforme di Kosygin), e il crollo del mercato liberale statunitense costrinse il governo locale a intervenire nell'economia (Roosevelt New Deal). Tuttavia, dovrebbe essere chiaro che per la regolamentazione del sistema economico, il governo ha metodi e tecniche speciali. Uno di questi metodi è la politica fiscale dello stato. Tale intervento aiuta a stabilizzare le finanze e disinnescare un ambiente sociale. In realtà, la politica fiscale è una misura del governo nell'ambito della spesa pubblica, della tassazione e bilancio dello stato che mirano a risolvere i problemi economici esistenti e a fornire posti di lavoro Queste operazioni sono eseguite attraverso la manipolazione fiscale, gli appalti pubblici di beni e servizi, i prestiti. Cioè, la politica fiscale regola l'aumento o tipi di politica fiscale riduzione di quegli articoli che influenzano il microclima economico nel paese e i suoi principali indicatori macroeconomici. Con questo strumento, lo stato può regolare il livello domanda aggregata sui beni (influenzando i loro prezzi, attraverso sovvenzioni, per esempio), e attraverso questo sul prodotto interno lordo. Allo stesso modo si stabilizzano altri indicatori macroeconomici.

Tipi di politica fiscale

La storia economica di ogni stato può essere suddivisa in cicli specifici, cioè alti e bassi. A seconda del periodo in cui il governo persegue una politica fiscale, è suddivisa in due tipi: stimolante e contenimento.

Politica di incentivazione

Tale approccio è necessario in un momento in cui il paese si trova in una depressione finanziaria o in una situazione di crisi. Quindi il governo decide una politica stimolante. In sostanza, il suo obiettivo è quello di rivitalizzare il clima degli affari del paese e aumentare principali indicatori macroeconomici. Tale stimolazione è effettuata come segue: lo stato aumenta la politica fiscale è il numero di acquisti propri di beni e servizi, offre maggiori trasferimenti e riduzioni fiscali. Ciascuna di queste azioni (o la loro totalità) porta ad alleviare la situazione materiale dei consumatori e ad aumentare l'attrattiva del mercato per le piccole e medie imprese. E, quindi, questo porta ad un aumento della domanda aggregata e del volume di produzione di beni e servizi. Di conseguenza, aumentati indicatori macroeconomici.

Politica di moderazione fiscale

Questo insieme di misure viene attuato in un periodo di rapido sviluppo e il cosiddetto "surriscaldamento" dell'economia, al fine di evitare una situazione in cui la crescita diventerà incontrollabile (che porterà ad un doloroso crollo finanziario). In una situazione del genere, il governo conduce una serie di misure contrarie alla politica stimolante: ridurre la spesa pubblica, aumentare le tasse e così via.