Maria Savinova: Campionessa non qualificata

16/03/2019

Maria Savinova (Farnosova) era uno dei più forti corridori del pianeta per le medie distanze non molto tempo fa. Per tre anni ha vinto medaglie d'oro ai campionati del mondo, ai campionati europei e ai giochi olimpici. Tuttavia, nel febbraio 2017, la Corte arbitrale dello sport ha privato l'atleta di tutti i suoi maggiori premi per aver violato la legislazione antidoping e squalificato l'atleta per quattro anni. Il corridore di Chelyabinsk è diventato una delle vittime delle disgrazie che sono cadute sull'atletica russa dopo scandalose rivelazioni del sistema di sostegno statale al doping nel paese.

Inizio del viaggio

Maria Savinova è nata a Chelyabinsk nel 1985. Da bambina, la ragazza passò molto tempo a cercare il suo posto nello sport: andò alle danze, praticò il badminton e raggiunse il titolo di candidato per il maestro dello sport. Solo nella sua giovinezza si è ritrovata in un allenamento di atletica leggera con la sua amica, dove il suo fisico eccellente è stato apprezzato dall'attrice stimabile Tatyana Maslova. Maria Savinova

Ha convinto la ragazza a provare la sua mano sul tapis roulant, e ha cambiato per ultimo le sue preferenze sportive. Innanzitutto, Maria Savinova preferiva le corse brevi, parlando a distanze di 100, 200, 400 metri. Tuttavia, divenne gradualmente chiaro che la velocità della ragazza non era abbastanza alta per trame ultracorte, e arrivò a una corsa di 800 metri. Questa distanza è diventata la corona per Maria, vincerà tutti i suoi premi su di lei.

Nel giro di pochi anni dopo l'adesione all'atletica, il Chelyabinka iniziò a progredire rapidamente. È diventata la terza nel campionato juniores della Russia nel 2003, è stata la prima in Coppa Europa. Nel 2004, Maria è già salita al secondo gradino del podio nel campionato russo.

transizione

Tuttavia, nel 2005-2006, una certa crisi di crescita è iniziata per l'atleta, ha smesso di progredire e ha mostrato risultati di campione. Insoddisfatto di questo stato di cose, Maria Savinova ha deciso di cambiare la situazione e nel 2006 ha passato l'allenatore Vladimir Kazarin. Atletica russa

La decisione è stata giustificata, dopo un anno la ragazza ha aggiornato il suo record personale, avvicinandosi a una pietra miliare simbolica in due minuti. Nell'inverno del 2008, Maria ha battuto di nuovo il suo record, andando oltre i due minuti e vincendo il campionato invernale del Paese. Questa medaglia è stata la sua prima vittoria importante ad un livello adulto. È andata al campionato mondiale indoor, ma non ha avuto abbastanza esperienza internazionale per competere con le migliori guardie femminili.

sfondamento

Il 2009 è stato un punto di svolta per l'atleta. Dopo aver vinto il campionato invernale della Russia, è andata al campionato europeo a Torino, dove è diventata inaspettatamente la prima per tutti. Maria è emersa dallo status di junior promettente e ha fatto irruzione rapidamente nella corsa intermedia di élite, dove in Russia la competizione è sempre stata particolarmente acuta.

Nell'estate del 2009, Maria ha continuato a guadagnare terreno e ha vinto il campionato nazionale negli stadi. Ai campionati mondiali di Berlino, stava già guidando una squadra "numero uno" incondizionata. Maria Savinova Farnosova Tuttavia, qui è stata delusa dalla mancanza di esperienza competitiva ad alto livello. Secondo la ragazza, ha trascorso un'enorme quantità di tempo e di nervosismo su notizie e notizie sui suoi rivali in gara, a causa della quale è semplicemente bruciata in pista. Tuttavia, qui raggiunse la finale e divenne la quinta, che era abbastanza buona per una debuttante.

Anni d'oro

Il tempo delle grandi vittorie per Maria Savinova è arrivato dal 2010. In inverno, ha vinto il campionato nazionale e il campionato del mondo nei locali, dopo di che è stata persino esentata dal partecipare al torneo di qualificazione per il campionato europeo estivo. Questa decisione si è rivelata corretta, un nativo di Chelyabinsk arrivato a Barcellona in ottima forma e letteralmente non ha notato i suoi rivali in pista.

Nella gara finale, era già nel mezzo della gara e si è assicurata una vittoria per se stessa e ha terminato con un largo sorriso sul suo viso. Ciò ha fatto un'ottima impressione e la ragazza è stata persino riconosciuta come miglior atleta d'Europa per l'anno.

Nel 2011, Maria Savinova ha vinto la Coppa del Mondo in Corea, dimostrando di poter combattere con i migliori corridori africani.

Tuttavia, il picco di una carriera per una ragazza è stata una vittoria alle Olimpiadi di Londra. Ha iniziato l'ultima gara nel suo solito stile, rimanendo dietro al gruppo di testa. Solo 150 metri prima del traguardo, ha attivato le sue abilità sprint e ha battuto tutti i concorrenti, incluso l'odioso Caster Semen.

Punizione severa

Dicembre 2014 è diventato il punto di partenza del vero incidente dell'atletica russa. Fu allora che fu mostrato il famoso film ARD, che rivelò l'enorme portata degli abusi di doping nello sport russo. Uno degli antieroi centrali di questo capolavoro fu Maria Savinova. Secondo le sue confessioni, fatte in una conversazione privata su una telecamera nascosta, tutti gli atleti del paese sono "seduti nella fattoria". scandalo del doping

Un grande scandalo contro il doping è scoppiato, agli atleti russi è stato impedito di partecipare a competizioni internazionali, non era permesso Giochi olimpici a Londra Maria Savinova stessa era in un limbo per diversi anni, incapace di esibirsi sul tapis roulant.

Sono state rivelate violazioni della legislazione anti-doping da parte sua, a seguito delle quali nel febbraio 2017 è stata annunciata la sua squalifica per quattro anni, e una decisione è stata presa per riprendere i premi ottenuti da Maria dal 2010 al 2013.