Marina Cvetaeva, la cui breve biografia è ricca di eventi, è oggi considerata uno dei migliori poeti russi. La sua vita e il suo lavoro sono ampiamente conosciuti non solo in Russia, ma in tutto il mondo. Oggi parleremo di questa donna straordinaria con un destino davvero "poetico".

Infanzia e gioventù

Una delle chiavi poeti dell'età dell'argento, Marina Cvetaeva nacque l'8 ottobre (26 settembre, vecchio stile) nel 1892 a Mosca. Per diverse generazioni, la famiglia Cvetaev aveva un rapporto diretto o indiretto con l'arte. Ad esempio, Marina Pope, Ivan Vladimirovich, ha fondato il Museo di Belle Arti di Mosca. La madre, Maria Mayne, ha studiato con un famoso pianista Anton Rubinstein ed era una famosa pianista.

Tsveeva breve biografia

A causa della malattia della madre, la famiglia si è trasferita spesso. Marina Marina con sua sorella Anastasia e i suoi genitori di solito trascorrevano l'estate a Tarusa. Poi la famiglia ha vissuto all'estero per molto tempo. Marina ha studiato a Mosca presso il M.T. Bruhonenko, in connessione con i viaggi, ha anche ricevuto un'istruzione in pensioni a Losanna (Svizzera) e Friburgo (Germania), un collegio francese. All'età di 16 anni ha frequentato un corso breve di letteratura francese antica alla Sorbona (Parigi).

Dopo la morte della madre nel 1906, la famiglia ritornò in Russia. Ivan Vladimirovich si assicurò accuratamente che le sue figlie ricevessero la migliore istruzione e non fosse pigro per imparare le lingue.

L'inizio di un modo creativo e la conoscenza di Sergey Efron

Le prime poesie scritte a Marina all'età di sei anni. La mamma incoraggiò la passione della figlia per le lingue e l'arte, sebbene Maria vedesse la figlia maggiore come musicista. Poems Marina ha scritto in 3 lingue: oltre al suo russo nativo, anche in francese e tedesco.

Nel 1910, con i suoi soldi, Marina pubblicò la prima raccolta di poesie - "Album serale". Sebbene includesse i suoi lavori scolastici, ancora piuttosto opere per bambini, attirarono immediatamente l'attenzione dei circoli poetici, inclusi famosi poeti come Massimiliano Voloshin, Nikolai Gumilev e Valery Bryusov. A seguito della prima raccolta, viene pubblicato anche il primo articolo critico di Marina "Bryusov's Magic in Verses".

Poesie di Tsveyeva

Nel 1911, Marina andò in Crimea per visitare M. Voloshin. Lì incontrò Sergey Efron, che sposò pochi mesi dopo. Il primo anno di matrimonio fu molto intenso: nel 1912, la coppia ebbe una figlia, Ariadne (Ala), e in aggiunta, la seconda raccolta di poesie di Marina - "The Magic Lantern", che includeva diverse opere giovanili, fu pubblicata.

Non importava quanto fossero impegnati i giorni, la Cvetaeva scrisse regolarmente poesie - parecchie ore al giorno. Oltre alla poesia, Marina ha anche scritto articoli, prosa e fatto traduzioni che hanno portato la maggior parte del denaro alla famiglia. Dietro ai primi due arriva la collezione "Of the Two Books" (1913). Si sente l'influenza del circolo di comunicazione del poeta (la Cvetaeva ha sottolineato che lei è un poeta, non un poeta), vale a dire M. Voloshin, V. Bryusov e N. Nekrasov. In questa raccolta, i primi anni della creatività della Cvetaeva sono considerati completi.

Incontra Sofia Parnok

Marina Cvetaeva, la cui breve biografia contiene molto, era un tipo molto amorevole. Si è costantemente innamorata di uomini e donne. Le sue migliori poesie, che sono ampiamente conosciute, sono state scritte proprio in uno stato d'amore o in un forte shock emotivo - senza che il poeta non potesse creare.

Nel 1914, Marina incontrò la poetessa e traduttrice Sofia Parnok e ne rimase affascinata. In realtà lasciò la famiglia, lasciando il piccolo Alyu a Sergey, che soffrì molto per il suo tradimento. Il romanzo tempestoso e scandaloso, di cui tutti erano a conoscenza, è durato fino al 1916. Dopo due anni di assenza e lunghe scuse, Marina tornò da suo marito, e il dolore per la separazione con Sofia portò al ciclo di poesie "Un amico".

Periodo della guerra civile

Dopo essere tornata da suo marito nel 1917, un'altra figlia apparve in famiglia: Irina. A quel tempo iniziò la rivoluzione. Sergey ha combattuto sul lato Esercito bianco, Marina ha vissuto con i bambini a Mosca, corsia Borisoglebsky. Non c'erano soldi, vendeva oggetti personali per sbarcare il lunario. A causa di circostanze limitate, ha dato a sua figlia più giovane un rifugio vicino a Mosca, dove morì all'età di 3 anni, che Marina stessa non perdonò fino alla fine della sua vita.

Marina Cvetaeva

Nello stesso periodo, il poeta incontrò la famosa figura teatrale russa, regista e scrittore, il principe Sergei Volkonsky, la cui amicizia fu prolifica e la ispirò fino alla fine della sua vita nel 1937. Fu durante questo periodo che la Cvetaeva non ricevette poesie confessioni in quel momento, scrisse diverse commedie romantiche. A questo periodo appartengono anche le poesie "zar-fanciulla", "Egorushka" e sul "cavallo rosso", così come il ciclo di poesie "Il campo dei cigni". Quest'ultimo è stato scritto sotto l'influenza della rivoluzione e intrisa di simpatia per l '"esercito bianco".

Vagando nell'emigrazione

Sergei Efron dopo la sconfitta dell'esercito Denikin è fuggito all'estero e divenne studente all'Università di Praga. In sua assenza, Marina ha vissuto alcuni romanzi più appassionati, ma ha comunque deciso di trasferirsi all'estero dopo che suo marito è riuscito a mettersi in contatto con lei.

colore della vita

Nel maggio del 1922 Marina Cvetaeva, insieme a sua figlia Ariadna, ricevette finalmente il permesso di andarsene. Inizialmente rimasero a Berlino per un po 'e poi vissero per 3 anni nella periferia di Praga. Sergey studiò, Marina scrisse e tradusse. Le traduzioni rappresentavano la principale fonte di reddito e venivano aggiunte serate d'autore.

Anche se Marina ha cercato molto duramente di migliorare i rapporti con il marito, ha iniziato una nuova relazione - con Konstantin Rodzevich, uno scultore e oltre a tutto - un caro amico di Sergei. È lui che è l'eroe lirico delle sue poesie "Il poema della montagna" e "Il poema della fine", e sono dedicate a lui. Nel 1925, Marina diede alla luce il suo tanto atteso figlio, George (lo chiamò Moore), sperando di soffocare il senso di colpa per sua figlia che morì di fame. Sebbene molti pensassero diversamente, Marina ha sottolineato che questo bambino è nato da Sergey.

Dopo la nascita del figlio, la coppia si trasferì a Parigi, dove Marina fu sopraffatta dall'atmosfera di persecuzioni e omissioni. S. Efron è stato sospettato di aver partecipato a una cospirazione contro il figlio di Trotsky, Lev Sedov. Durante questo periodo, la Cvetaeva ha corrisposto a Boris Pasternak, con il suo deposito inizia la comunicazione con Rainer Maria Rilke, che si interruppe con la morte del poeta, non essendo durato nemmeno un anno. Quando Marina ha ricevuto la notizia del suicidio di V. Majakovskij, ha reagito molto dolorosamente. Nel 1930 apparve il ciclo Majakovskij.

creatività dei colori

In esilio, il lavoro della Cvetaeva non era ancora apprezzato. Ma è stato durante questo periodo che è cresciuta e ha guadagnato fama come scrittrice di prosa. Era la sua prosa di quel periodo ("My Pushkin", "House at Old Pimen", "Mother and Music", "The Tale of Sonia", "The Living on the Living", ecc.) Nutrivano la famiglia. Quasi tutte le poesie scritte in quel periodo furono pubblicate dopo la morte del poeta. L'unica e ultima raccolta di poesie dell'epoca - "After Russia", pubblicata nel 1928.

Ritorni all'URSS

Marina Cvetaeva, la cui breve biografia è piena di disgrazie, affronta un'altra tragedia. Il primo a tornare in Unione Sovietica fu permesso ad Arianna, andò nel 1937 e fu arrestata per prima - il 27 agosto 1939. S. Efron fuggì da Parigi a Mosca, essendo stata coinvolta in un omicidio politico - fu arrestato pochi mesi dopo sua figlia, 10 di ottobre. Meno di una settimana dopo, S. Efron è stato ucciso a Lubjanka. Alya sopravvisse - dopo 15 anni di prigionia e riferimenti, fu riabilitata. Marina è tornata a casa ultima. Al suo ritorno, ha vissuto nella regione di Mosca presso il cottage NKVD, situato a Bolshevo.

La fine della vita e il segreto della tomba

Il periodo successivo al ritorno in URSS era il meno pieno di versi: Marina era coinvolta attivamente nelle traduzioni. Prima dell'evacuazione a Elabuga, stava trasferendo Federico Garcia Lorca. La ragione per l'evacuazione era la guerra. Il 18 agosto 1941, Marina e suo figlio arrivarono a Elabuga con l'intenzione di trasferirsi a Chistopol, dove c'erano già molti scrittori evacuati. Ma ciò non accadde: il 31 agosto 1941 Marina Cvetaeva fu trovata impiccata nell'atrio della casa di Brodelschikov. Ha lasciato 3 note di suicidio: per il figlio, la famiglia Aseev e coloro che saranno coinvolti nel suo funerale. La vita della Cvetaeva fu breve e molto scandalosa - solo 49 anni.

È interessante notare che la posizione della tomba di Marina Cvetaeva non è nota con precisione. Fu sepolta il 2 settembre, molto silenziosamente, senza attirare troppa attenzione, in una delle tombe senza nome del cimitero di Elabuga. Successivamente è stata installata una lapide, che ora è considerata il luogo di sepoltura ufficiale.

Museo della Marina Cvetaeva

Marina Cvetaeva, la cui breve biografia è piena di eventi, ha lasciato dietro di sé una grande eredità poetica, che è stata meritatamente apprezzata dopo la sua morte. Mise diversi monumenti e molte poesie trasformate in bellissimi romanzi. Oggi sono state pubblicate molte raccolte postume di opere di Marina Cvetaeva, che non hanno visto la luce durante la sua vita - per lo più versi scritti in emigrazione e al loro ritorno in Russia.

Museo dei colori

Oggi, non c'è un museo di Marina Cvetaeva, ma ben otto. Alcuni di loro sono ufficialmente anche musei dell'intera famiglia dei Cevetaev o solo le sorelle di Marina e Anastasia Cvetaev. Nella foto - il Museo della Marina Cvetaeva a Mosca, corsia Borisoglebsky.