L'era paleozoica copre un arco di tempo enorme di circa 542 - 250 milioni di anni fa. Il suo primo periodo fu il Cambriano, che durò circa 50-70 (secondo varie stime) milioni di anni, il secondo - Ordovik, il terzo - Silur, il quarto - sesto, rispettivamente, Devon, Carbon e Perm. . All'inizio del Cambriano, la vegetazione del nostro pianeta era rappresentata principalmente da alghe rosse e blu-verdi. Questa specie è più simile nella sua struttura ai batteri, poiché non ha un nucleo nella cellula (le alghe reali hanno questo nucleo e quindi sono eucarioti). L'era paleozoica, il cui clima era inizialmente temperato, con una predominanza di mari e terre di pianura, favorì la prosperità delle alghe.

Era paleozoica

Ritenuto di aver creato un'atmosfera

Le alghe blu-verdi apparvero sulla Terra più di tanto tempo fa, circa 3,5 miliardi di anni fa. E, come sostengono gli scienziati, sono stati loro a rendere l'atmosfera terrestre dovuta al rilascio di ossigeno nel processo di fotosintesi. Le alghe erano in grado di unirsi alla fotosintesi a causa della presenza di due sostanze in esse. Uno, blu - ficocianina, l'altro, verde - clorofilla. Inoltre, alcune specie e generi di queste creature hanno varie modifiche della coppia di cui sopra, che consente alle alghe di sopravvivere con l'ombreggiamento, la quantità minima di ossigeno, le alte e le basse temperature. Oggi le alghe blu-verdi si trovano nei collezionisti delle acque reflue e nelle acque dell'Oceano Artico. I resti di antiche alghe oggi si trovano sotto forma di biostrom - grandi lenti composte da calcare biogenico.

Aromorfosi dell'era paleozoica

I muschi vivevano sul pianeta un terzo di un miliardo di anni fa

La flora terrestre dell'era paleozoica all'inizio, come si suppone (ma questo non è provato), potrebbe includere solo i muschi. Allo stesso tempo, le prime piante primitive superiori, le psilofite, che possedevano solo un gambo, conducevano un liquido, senza foglie, apparvero nel terzo sub-periodo del Paleozoico, Silure. Continuarono il loro sviluppo nel quarto periodo del Paleozoico - "Devon" - sotto forma di rinofite, che erano anche piante vascolari. Inoltre, come è stato dimostrato ufficialmente, a Carbone esistevano già piante muschiose (0,35 miliardi di anni fa) con un ciclo di sviluppo gametofitico prevalente, con foglie e steli (a differenza delle alghe), con piante maschili e femminili o maschi e femmine elementi in una pianta.

Le loro dispute furono portate dal vento.

L'era paleozoica, il cui clima era abbastanza caldo in alcuni periodi, ha dato origine a erbe sempreverdi - equiseti e muschio. Il primo, rispetto ai muschi, ha una struttura complicata nella forma della presenza di un gambo chiaramente pronunciato, foglie squamose, radici (noduli), un sistema di conduzione e tessuti che consentono alla pianta di stare verticalmente. Gli equiseti erano già propagati dalle radici e erano gametofiti impollinati dal vento (non era più necessaria l'acqua per la riproduzione). Le lune, rispetto agli equiseti, avevano foglie più pronunciate, un apparato radicale ben sviluppato, che assorbiva l'acqua (nei muschi l'assorbimento avviene a spese dell'intera superficie).

Clima dell'era paleozoica

L'era paleozoica "creò" e felci, tra le quali esemplari di tre metri nel Devoniano. Non avevano foglie completamente, perché quello che vediamo oggi come una bella vegetazione intagliata è vayya - un sistema di rami situato su un piano. Le antiche felci potevano moltiplicarsi come muschi, spore, e sessualmente e radici, o vayyami (cioè vegetale), per la fertilizzazione avevano bisogno di acqua, e non potevano fiorire, perché non erano e non erano piante angiosperlite che apparivano dopo Paleozoico.

L'attributo Antenati del nuovo anno è apparso nel Devoniano

Ma gli antenati degli alberi di Natale moderni sono nati proprio nell'era paleozoica. Si trattava di gimnosperme, che non necessitavano più di acqua per la riproduzione. Avevano già una chiara separazione degli organi - il tronco, le radici, le foglie sotto forma di aghi, ricoperti di squame di seme. Gimnosperme - piante dioiche, propagate da semi, discese, come previsto, da un separato specie di felci Tali sono le aromorfosi dell'era paleozoica nel mondo vegetale, dove per aromorfosi si intende il progresso nell'evoluzione, che porta ad un aumento del livello di organizzazione di qualsiasi organismo.

Tavola dell'era paleozoica

Tassi di accelerazione senza precedenti

Il periodo Cambriano è interessante in quanto si è verificata la cosiddetta esplosione cambriana, che è un mistero di evoluzione. Il fatto è che fino a quel momento tutti i processi erano molto lenti - ci sono voluti 2,5 miliardi di anni per l'emergere di cellule complesse dai più semplici, 0,7 miliardi di anni per la comparsa di organismi multicellulari. Mentre nel Cambriano e oltre, oltre 100 milioni di anni, gli organismi multicellulari si sono formati in una tale diversità che nel corso del prossimo mezzo miliardo di anni non sono state trovate sul pianeta nuove varianti fondamentalmente della struttura dei corpi degli organismi viventi.

Era trilobite

Quali creature ha conosciuto l'era paleozoica per la scienza? Il regno animale Cambriano era rappresentato principalmente da trilobiti, dai quali, molto probabilmente, provenivano il moderno granchio a ferro di cavallo e alcuni altri artropodi. Trilobiti esistevano sulla terra per duecento milioni di anni, dopo di che si estinsero. Durante questo periodo, apparve una grande varietà di questi animali, ricoperti di conchiglie chitinose. Il loro dispositivo era tale che gli organi erano fissati al guscio interno, e l'addome era prevalentemente morbido, così gli esperti chiamano il guscio di trilobite uno scheletro esterno.

Alcune specie di grandi dimensioni (il trilobite poteva essere lungo circa 0,8 metri) includevano anche sali minerali nell'esoscheletro (carbonato di calcio), che ha permesso a molti esemplari di essere preservati in rocce fossili fino ai giorni nostri. La forma corporea degli artropodi nel periodo Cambriano era prevalentemente appiattita, il che indicava che questi animali conducevano uno stile di vita sedentario sedentario. I trilobiti avevano già occhi simili a quelli dei campioni moderni, ma il loro angolo visivo era vicino all'orizzonte, così tanti trilobiti avevano un piccolo spioncino, un terzo, sul retro della testa, per osservare cosa stava succedendo sopra le loro teste.

Il loro sangue era identico per composizione all'acqua nel mare.

Le aromorfosi dell'era paleozoica nel mondo animale sono rappresentate dall'apparizione di archeociti durante il periodo Cambriano. Nella forma, questi animali assomigliavano a vetri cavi di calcare, che erano attaccati al terreno, di nuovo formazioni calcaree. Le pareti degli "occhiali" erano porose e l'acqua passava attraverso di esse, portando minuscole particelle commestibili. Alla fine del Cambriano, queste creature scomparvero dai mari del pianeta, ma due grandi gruppi moderni di animali - coralli e spugne - provenivano da loro. Nei mari del Cambriano c'erano anche brachiopodi che erano attaccati al suolo dalle zampe cartilaginee, avevano uno stomaco, macchie di pigmentazione al posto degli occhi, un "cuore" pulsante e un sistema sanguigno sviluppato. Non consentivano più l'acqua libera attraverso se stessi, ma avevano una composizione di sangue incolore identica a acqua di mare

Piante e animali dell'era paleozoica

Sono discesi dai vermi.

L'era del Paleozoico era il periodo della nascita e gli antenati dei cefalopodi moderni: calamari, polpi e seppie. Quindi erano piccole creature con gusci di corno, attraverso i quali passava un sifone, consentendo all'animale di riempire parti delle conchiglie con acqua o gas, cambiando la sua galleggiabilità. Gli scienziati ritengono che gli antichi cefalopodi e molluschi discendano dagli antichi vermi, i cui resti sono pochi, poiché consistevano principalmente di tessuti molli.

L'era paleozoica, le cui piante e animali si sono alternati, hanno convissuto per milioni di anni e hanno dato vita ai cistoidi. Queste creature, attaccate al fondo del calice calcareo, avevano già tentacoli di mani che premevano sugli organi alimentari del cistoide le parti del cibo che passavano. Cioè, l'animale è passato dall'attesa passiva, come quella degli archeociti, all'estrazione del cibo. Gli scienziati attribuirono al primo Paleozoico una creatura simile a un pesce che aveva una spina dorsale (corda).

Fauna dell'era paleozoica

Scorpione di tre metri ... con una puntura velenosa

Ma lo sviluppo del pesce primitivo ricevuto nel Siluriano e nell'Ordoviciano, dove erano senza mandibola, coperto di gusci di creature, con corpi che emettono scariche elettriche per la protezione. Nello stesso periodo si possono trovare giganti nautiloidi con gusci di tre metri e scorpioni di grandi dimensioni, lunghi fino a tre metri.

flora dell'era paleozoica

L'era del Paleozoico era ricca cambiamento climatico Così, nel tardo Ordoviciano, divenne significativamente più freddo, poi ancora più caldo, nel primo Devoniano il mare si ritirò in modo significativo e si stava verificando una formazione vulcanica attiva delle montagne. Ma è il Devoniano che viene chiamato l'età del pesce, poiché i pesci cartilaginei - squali, razze, pesci dalle alette incrociate, che avevano aperture nasali per respirare aria dall'atmosfera e potevano usare pinne per camminare, erano molto comuni nell'acqua. Sono considerati gli antenati degli anfibi.

I primi stetofagi (anfibi serpenti giganti e lucertole) lasciarono le loro tracce nel tardo Paleozoico, dove coesistettero con cotilomeri, antichi rettili che erano sia predatori sia animali insettivori ed erbivori. L'era paleozoica, la tavola dello sviluppo delle forme di vita durante la quale è presentata sopra, ha lasciato molti misteri che gli scienziati devono ancora risolvere.