Svalbard è un'isola nell'Oceano Artico. È una delle regioni abitate più settentrionali del mondo. Nonostante le dure condizioni, qui ci sono sette parchi nazionali e il turismo si sta sviluppando attivamente. Chi possiede l'isola di Svalbard? Cosa lo rende interessante? Scopriamolo.

Arcipelago dell'oceano ghiacciato

Le Svalbard occidentali (spesso usate senza la parola "western") sono un'isola nell'arcipelago omonimo, formata da diverse grandi e dozzine di isolette, scogli e sporgenze rocciose individuali. Ha diverse località, un aeroporto, miniere di carbone e una banca mondiale di sementi.

Dov'è l'isola di Svalbard? Si trova a 450 chilometri dalla costa orientale della Groenlandia ea circa 650 chilometri dal nord della Norvegia. È bagnata dalle acque dei mari della Groenlandia e di Barents, e al nord - dalle acque aperte dell'Oceano Artico.

spitsbergen island

L'arcipelago omonimo a cui appartiene è anche noto come Svalbard, Grumant o Spitsbergen. Comprende: Northeastern Land, Barents Island, Edge, Kongsøya, Bear Island, Svenskøya e altri territori.

L'arcipelago copre 61.022 chilometri quadrati. Il numero totale dei suoi abitanti è inferiore a tremila persone.

La storia di Svalbard

La storia di Svalbard è un affare molto complicato. Per lungo tempo, il suo territorio era considerato una sorta di zona internazionale, "terra di nessuno", in cui più di dieci paesi del mondo svolgevano varie attività. Successivamente, questo ha dato origine a controversie sulla sua proprietà, e il ruolo principale in questo "gioco" è stato giocato da Russia e Norvegia.

Il pioniere dell'isola di Svalbard (Norvegia) è ufficialmente considerato l'esploratore e navigatore olandese Willem Barents. Lo aprì nel 1596, chiamando Spitsbergen (o "montagne taglienti").

Grandi colonie di balene e trichechi vivevano nelle acque costiere, quindi i balenieri di tutte le regioni più vicine arrivarono presto qui. Inghilterra e Danimarca sono riuscite a rivendicare la proprietà dell'isola, ma la questione non è andata oltre le dichiarazioni. Entro il 18 ° secolo, le balene in quest'area furono quasi completamente distrutte e l'interesse per i nuovi territori diminuì significativamente.

Alla fine del XIX secolo, all'inizio del XX secolo, iniziarono a inviare spedizioni di ricerca qui. L'isola fu visitata da Fridtjof Nansen, Roald Amundsen, Solomon Andre, Vladimir Rusanov. Scoperta di depositi carbone ha portato alla nascita di insediamenti minerari di norvegesi, svedesi, russi, britannici, ecc.

Oggi, il paese che possiede l'isola di Svalbard, come l'intero arcipelago, è la Norvegia. Fu la prima a rivendicare ufficialmente il suo territorio e ad ottenere il consenso del resto degli Stati nel 1920.

Durante la seconda guerra mondiale, i residenti dell'isola furono evacuati. Ospitò diverse stazioni meteorologiche tedesche, per l'eliminazione delle quali furono inviate le truppe norvegesi. Dopo la guerra estrazione del carbone rinnovato dalle forze di Norvegia e Russia.

spitsbergen che possiede

Di chi è l'isola?

Svalbard è stata più volte oggetto di controversie tra Russia e Norvegia. E anche se tutti i problemi, a quanto pare, si sono risolti all'inizio del 20 ° secolo, la questione di chi dovrebbe possedere l'isola, tuttavia, periodicamente riemerge.

Entrambi i paesi affermano che il loro popolo era a conoscenza dell'esistenza dell'isola molto prima della scoperta del Mare di Barents. I norvegesi riferiscono che sotto il nome di Svalbard, apparve nelle saghe scandinave dei secoli X-XI. Secondo la Russia, fu prima abitata dagli abitanti delle coste russe. Ma non un singolo fatto è stato ancora sufficientemente motivato.

Nel 1920, il trattato di Spitsbergen fu firmato a Parigi, assicurando la sovranità della Norvegia. Ora vi partecipano 50 paesi, tra cui Russia, Paesi Bassi, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, ecc. Tutti loro hanno il diritto di svolgere attività di ricerca e di attività economica lì. Secondo il trattato, l'isola è una zona demilitarizzata - la costruzione di basi militari su di essa è proibita.

Nel 1947 furono riconosciuti gli interessi economici speciali della Russia nelle Svalbard. Attualmente, l'attività principale qui è solo lei e la Norvegia. Il resto del paese solo in parte. La comunicazione mobile russa sta lavorando sull'isola, e gli stessi russi non hanno bisogno di un visto per visitarlo.

gente del posto

La popolazione dell'arcipelago è concentrata principalmente su Spitsbergen occidentale. Ha un aeroporto che collega l'isola con le città di Oslo e Tremse. I voli charter trasportano i passeggeri a Mosca.

Le principali lingue dell'isola sono norvegese e russo. Molti locali parlano anche inglese. Fino al 1995, un numero molto più elevato di cittadini russi viveva qui. Ora, insieme agli ucraini, costituiscono circa il 16% della popolazione, il 70% sono norvegesi. Circa il 10% dei polacchi dell'isola di Svalbard vive nella stazione di ricerca polacca Horsund.

isole Spitzbergen, Norvegia

Ospita tre città minerarie russe. Due di loro, Grumant e Pyramid, sono conservati. Vive solo Barentsburg Ci sono due insediamenti norvegesi: Logjir e Sveagruva. Inoltre, la base internazionale Ny-Alesund si trova sul territorio di Svalbard. In varie occasioni vivono da 30 a 120 persone.

clima

Vedendo l'isola sulla mappa, quasi interamente segnata in bianco, puoi immaginare un'enorme area coperta di neve, dove regnano gelate eterne. Forse lo sarebbe, ma la calda corrente del Nord Atlantico lava le coste di Svalbard. Rende le temperature invernali medie sull'isola più alte di 20 gradi rispetto alle temperature delle stesse latitudini in Canada e Russia.

dov'è l'isola di Spitzbergen

A causa della corrente, la costa attorno all'arcipelago non è coperta da ghiaccio permanente e la navigazione è possibile per quasi tutto l'anno. La temperatura nei mesi invernali di solito non scende al di sotto di -20, e in estate la media è di +5 gradi.

In inverno, sull'isola, così come in tutto l'arcipelago, dominano venti forti che trasportano aria fredda. In estate ci sono spesso nebbie. Precipitazioni cadono su di lui regolarmente, ma la loro quantità è piccola.

Notte polare L'isola dura 120 giorni all'anno, il giorno polare è 127. Questo è uno dei luoghi del pianeta in cui è possibile vedere l'aurora boreale. Per studiarlo, c'è persino un osservatorio speciale a Svalbard.

natura

La flora dell'isola a suo modo è diversa. Il suo territorio è coperto dalla tundra, il che significa la quasi completa assenza di alberi. Ma ci sono oltre trecento diversi muschi, circa 180 piante vascolari e migliaia di specie di alghe. Le alghe rosse sono comuni sui ghiacciai, danno loro una tonalità rosata speciale.

Volpi, cervi, balene beluga, trichechi, ecc. Vivono in sette parchi nazionali locali.Gli orsi polari vivono sull'isola più delle persone, ed è abbastanza possibile incontrarli. A questo proposito, ogni persona è autorizzata a portare armi. In un'università locale, prima di iniziare i lavori pratici per strada, devi completare un corso di tiro.

Un altro fatto interessante sull'isola di Svalbard: nell'aria e nel suolo locali ci sono pochissimi batteri e parassiti. Per questo motivo, nessun popolo è sepolto nel suo territorio, perché i cadaveri semplicemente non si decompongono, ma attirano solo l'attenzione di quegli orsi. Quando qualcuno muore, il suo corpo viene consegnato al continente.

storia di spitzbergen

Deposito di semi del mondo

Come nessun altro, la Norvegia si è preparata per la fine del mondo. Nel caso di una catastrofe globale, il paese ha costruito un enorme bunker in cui sono conservati campioni di semi provenienti da tutto il mondo. A causa della presenza di temperature rigide e di una debole attività sismica e vulcanica, l'isola di Spitsbergen si è rivelata un candidato ideale per tale premessa.

Lo spazio di archiviazione si trova nel livello del permafrost, a una profondità di 120 metri. È dotato di un elaborato sistema di sicurezza e di porte anti-esplosione. Le sue celle frigorifere possono funzionare a carbone, in modo che la banca resista a una interruzione di corrente di sicuro.

spitzbergen cui isola

Ogni paese nel mondo ha la sua cassaforte. In totale ci sono circa 4 milioni di campioni racchiusi in diversi pacchetti. Per evitare che i semi invecchino rapidamente, le loro condizioni di conservazione vengono attentamente monitorate.

Longyearbyen

Il più grande insediamento sull'isola di Svalbard e il suo centro amministrativo è Longyearbyen. Appartiene al distretto di Svalbard. località fondata nel 1906 come base della società Arctic Coal Co. da Boston. Dopo il 1916, la base fu acquistata dall'azienda norvegese Store Norske.

Si trova nella parte interna dell'isola, sulla costa sud del Adventfjord. La città è attraversata dal fiume Longyear, che periodicamente si prosciuga.

il paese che possiede l'isola Spitzbergen

Un grande porto marittimo si trova a Longyearbyen, così come l'Università di Svalbard, una filiale del Norwegian Polar Institute. Questo è il principale centro culturale e turistico dell'isola. Le attrazioni principali qui sono: la chiesa nel 1921, la galleria e il museo di Svalbard, dove è possibile conoscere tutta la storia dell'isola, così come le sue caratteristiche naturali. Kayak tra i banchi di ghiaccio è un passatempo comune qui.

Barentsburg

Dove altro in Norvegia puoi vedere Lenin? Certo, nei villaggi russi di Svalbard. A Barentsburg, il monumento si trova vicino all'edificio del consolato. Dietro di lui, sul pendio, si vede l'iscrizione "Pace al mondo", e proprio dietro di esso, "Il nostro obiettivo è il comunismo!", Sono rimasti intatti dai tempi dell'Unione.

spitsbergen island fatti interessanti

La città si trova sulla stessa costa di Longyearbyen, proprio a ovest. La popolazione permanente al suo interno non supera le 500 persone, molte arrivate qui dal Donbass. C'è un ospedale, una scuola, un centro sportivo, un asilo e negozi, oltre a una centrale termica a carbone e una miniera. La miniera del Trust "Arctiugol" è considerata un'impresa in perdita, in quanto la risorsa mineraria è sufficiente a servire il Barentsburg.

I soldi "vivi" in città quasi non vanno, pagano solo nei negozi di souvenir. Tutti i residenti hanno carte speciali per le quali tutte le spese sono accreditate e quindi detratte dal loro stipendio. Anche se le carte di credito ordinarie sono valide anche qui.