La mitologia greca antica somiglia in molti modi a una fiaba - quindi tutto è interessante, misterioso, le divinità possiedono poteri soprannaturali e sono capaci di molto. Comprendere tutte le loro connessioni e relazioni è molto difficile, ma oggi cercheremo di descrivere la dea suprema, la moglie e la sorella di Zeus, Hera, nel modo più dettagliato possibile. Lei è la patrona del matrimonio, protegge le donne durante il parto. Ma allo stesso tempo, l'antica dea greca Hera era caratterizzata da un personaggio molto potente, dalla gelosia e dalla crudeltà. Quali miti ti faranno sapere di più su di lei? dea hera

introduzione

L'antica dea greca Hera nell'antica mitologia è il tipo di donna che, per le sue proprietà e qualità, corrisponde al sovrano del cielo: Zeus. La sua "controparte" nell'antica mitologia romana è Giunone. Dea greca Hera ha agito innanzitutto come tutore e protettrice del matrimonio, dei rapporti familiari, dei decreti. Zeus custodiva anche le istituzioni pubbliche. Per gli antichi greci, la poligamia (poligamia) regnava ovunque, erano loro che sostenevano la monogamia e la introducevano. Pertanto, la dea Hera di Grecia personifica la protesta contro la poligamia e protegge la monogamia.

Attributi della dea

Se studi le opere di antichi poeti, puoi imparare che in essi la dea viene descritta come la proprietaria di un personaggio ostinato, fiero e scontroso. L'arte dà sempre una bellezza maestosa e rigorosa. Il simbolo principale della dea Era è il velo. Nelle immagini antiche, avvolgeva completamente la sua figura, ma Fidia l'aveva già raffigurata con l'attributo restituito. Un altro simbolo invariabile della dea Era è il diadema. È anche molto raro vederlo senza attributi come il pavone e il cuculo. Questa è un'alta dea con movimenti calmi e misurati, ha i capelli splendidi e gli occhi grandi. Era è la dea dell'antica Grecia

Litigi e gelosia

La più potente e potente di tutte le dee dell'Olimpo è Hera. Il personaggio della dea ha un carattere prepotente e capriccioso, ma si sottomette al coniuge. Spesso causa rabbia in Zeus, di solito con la sua gelosia. Un gran numero di antichi miti greci si basano su storie sui problemi che la dea greca Hera invia alle amanti di Zeus, i loro parenti e figli. Ad esempio, sull'isola dove visse Egina, avendo un figlio di Zeus, Hera ne inviò molti serpenti velenosi. Cosa ha fatto alle altre amanti? La dea Era incenerì Semela, maledetto Echo. Ha anche reso Eno sconvolto, trasformando Lamia in un mostro e Callisto in un orso. Dea Hera

Hera e il cuculo

La dea Hera è spesso raffigurata con uno scettro, in cima al quale si trova un cuculo. Cosa ne dice la mitologia? Si scopre che Zeus si innamorò di lei quando era molto giovane. Tuttavia, la ragazza orgogliosa non gli ha dato alcuna attenzione, le richieste respinte di essere sua moglie. Il signore degli dei, che voleva più di ogni altra cosa diventare il marito di Hera, andò al trucco. Si è trasformato in un cuculo. Poi Zeus fece in modo che scoppiasse la tempesta più forte. Tutto bagnato, freddo e miserabile, volò sotto le spoglie di un uccello a una dea, si sedette ai suoi piedi, come se chiedesse rifugio e salvezza. La dea Era, che, stranamente, era caratterizzata dalla compassione, sollevò il cuculo e lo premette sul petto per riscaldarlo. Fu in quel momento che Zeus divenne se stesso, e la ragazza, toccata da un'offerta così insolita, accettò di diventare sua moglie. Si scopre che l'uccello sullo scettro personifica Zeus stesso. antica dea greca hera

Come Zeus ha punito Hera

Abbiamo già detto che la dea era troppo gelosa. Sebbene lei, secondo la mitologia, protegga i matrimoni, la sua vita coniugale si svolge in costanti scandali con Zeus, che è stato costretto a fermarla e persino a punirla. Hera (la dea dell'antica Grecia) è orgogliosa non solo dei suoi meriti, ma anche dei suoi diritti. A volte lei fa ad un coniuge richieste così alte che rifiuta di adempiere. Lei spesso lo contraddice, lo rimprovera, ma non può fare nulla con la forza, perché cerca di essere astuta e intraprendente. Un giorno ha stipulato un accordo con Poseidone - hanno concepito per privare Zeus della sua sovranità. Sono persino riusciti a imprigionarlo nei ceppi, ma Thetis è venuto in soccorso, che ha fatto appello al terribile gigante. Una delle sue formidabili opinioni ha fatto ripensare a Gera e abbandonare i suoi piani. Zeus era così arrabbiato che ha appeso la sua sposa tra cielo e terra su una catena d'oro, e ha appeso un'incudine enorme ai suoi piedi. In uno dei tanti dipinti di questo mito esposto a Correggio. simbolo della dea Hera

Il mito di un altro trucco della dea

Quando fu Guerra di Troia, Era (la dea dell'antica Grecia) sostenne disperatamente i greci e si oppose ai troiani. Zeus proibì a tutti gli dei di prendere parte alla battaglia, e Gargan era in cima alla montagna e seguì rigorosamente l'osservanza di quest'ordine. Era, che era abituata ad andare contro Zeus, decise di aiutare i greci, vedendo che Ettore da Troia li stava sconfiggendo. Ha fatto appello ad Afrodite con la richiesta di darle una cintura per il momento. Era una cosa magica che conferiva alla bellezza ultraterrena di quello che indossava. Hera si mise una cintura e andò da Zeus. Ignaro, accettò tutte le sue carezze, perché era così strano per lui vedere la sua sposa così affascinante e affascinante. Dopo di ciò, si addormentò profondamente, ma Hera aiutò tutti i greci in quel momento, ei Troiani furono sconfitti. Quando Zeus si svegliò e vide tutto intorno, capì l'intenzione della moglie e minacciò con la punizione già familiare a lei. Tuttavia, non aveva senso in quella situazione, perché nulla poteva essere risolto.

Mito di Io e Hera

Grande, potente e molto geloso era la dea Era. I miti, come abbiamo detto, si basano principalmente su questo argomento. E questa storia non fa eccezione. Un giorno, Hera iniziò a cercare la moglie per risolvere un problema estremamente importante con lui. Ma, non trovandolo nel suo solito posto, sull'Olimpo, iniziò a guardare la terra e improvvisamente notò che c'era una grande nuvola molto scura. Le sembrava strano, la dea decise di scendere e vedere con i suoi occhi cosa stava accadendo lì, dissipando questa nuvola. E infatti, c'era Zeus, che correva dietro a una bellissima Io, che era la figlia del dio del fiume Inah. E si circondò di una nuvola appositamente affinché la gelosa Era non lo notasse da una grande altezza. L'antica dea cominciò a disperdere la nuvola, e Zeus, dopo aver indovinato le mani di questa cosa, aveva trasformato rapidamente Io in una mucca, in modo che la moglie non indovinasse nulla. Ha detto a sua moglie che questa mucca era appena nata e la stava solo ammirando. La dea ha chiesto di darle questo animale. Zeus, non avendo motivo di rifiutare un dono così apparentemente insignificante, fu costretto a farlo.

Che cosa ha fatto Hera dopo?

La dea ordinò ad Argus (un gigante centenario) di tenere d'occhio la mucca e di osservarla costantemente. E lui, anche se dormiva, chiuse solo due occhi, gli altri continuarono ad osservare. Gli antichi creatori non hanno potuto mostrare appieno questo mito, così hanno dipinto Argus nelle vesti di un vecchio che radunava una mucca. Zeus era oltraggiato da una supervisione così continua, era estremamente dispiaciuto per lo sfortunato Io. Convocò Mercurio e ordinò che il gigante fosse ucciso. Era Antica Dea

Intervento al mercurio

La divinità convocata dal suo sovrano per uccidere Argus scese sulla terra. Mercury portò con sé un'asta speciale, che ha la proprietà di quasi istantaneamente addormentarsi. Assunse l'aspetto di un pastore che osserva il gregge delle sue capre e suona magnificamente il flauto. Argus adorava tali motivi musicali, gli davano un grande piacere. Senza pensarci due volte, il gigante invitò il pastore a sedersi più vicino a lui, affermando che non c'era pascolo migliore da nessuna parte, e il posto era bello e ombreggiato. Mercurio, naturalmente, e non avrebbe rifiutato l'offerta. Si avvicinò al terribile gigante e continuò a suonare. Mercury notò che da una musica così piacevole Argus cominciò a fare un sonnellino. E per farlo finalmente addormentare, usò anche la sua verga. Tutti i cento occhi della guardia vigile chiusi. E Mercurio, per portare la questione alla sua conclusione logica, prese la sua spada e tagliò la testa di un gigante. Apprendendo ciò, Hera era molto turbata. La dea raccolse tutti gli occhi del suo servo e li posò sulla coda e sulle ali del suo pavone. Da allora, questo uccello è stato dedicato a Hera, e i suoi occhi brillano di punti luminosi su di esso.

Cosa è successo dopo a Io?

Se credi che il mito sia finito, allora ti sbagli. L'implacabile e gelosa dea Era non aveva intenzione di fermare la sua persecuzione. Al contrario, chiamò a sé una delle Furie e le ordinò di punire costantemente il povero Io sotto le spoglie del tafano. Cercando di scappare dal fastidioso insetto, Io raggiunse le rive del Nilo, dove cadde semplicemente dalla perdita di forza e dalla terribile stanchezza. Zeus non poteva più guardarlo. Si rivolse a sua moglie e le chiese di risparmiare la ragazza. Questo, stranamente, fu d'accordo, ma stabilì una condizione: Io non avrebbe mai dovuto tornare in Grecia. dea greca hera

Figlie della dea Hera

Complessivamente, Gera ebbe quattro figli - due figli (Ares ed Efesto) e due figlie (Ilithia e Hebe). Ebe ha personificato la gioventù. Secondo i miti, ha presentato a tutte le divinità un meraviglioso nettare, grazie al quale non si sono mai ammalati o sono invecchiati. La sposa di Ercole è sempre stata raffigurata come una giovane ragazza che accarezza l'aquila di Zeus.

Ilifia è la dea del parto di successo e favorevole. Secondo la mitologia, non ha mai perso la verginità e ha dedicato tutto il suo tempo ad aiutarla a nascere. Era molto ubbidiente e non osava mai contraddire sua madre. Era, usando l'obbedienza assoluta di Ilithias, la usava spesso per i suoi scopi come strumento di vendetta. Per esempio, quando venne il momento di dare alla luce la piccola Latona, inseguita da una dea gelosa, Elythia, per ordine di sua madre, raggiunse la cima dell'Olimpo. Lì, la ragazza passò nove notti e giorni, non dando alla luce Latona. Irida, la dea dell'arcobaleno, implorò la ragazza per chiedere aiuto, chiese di scendere e abbi pietà della povera donna. L'Illiria fu toccata da queste suppliche e aiutò Latone. Di conseguenza, sono nati Apollo e Artemis.

conclusione

Infine, notiamo qualche altro fatto su questo ribelle, geloso, ma allo stesso tempo aiutando molte divinità. Quindi, una volta all'anno andava alla fonte di Kanaf per nuotare lì e diventare vergine di nuovo. Aiutò Jason quando organizzò una campagna contro gli Argonauti e mandò l'Odissea ai venti con l'aiuto di Eola. E 'anche menzionato nelle fonti sul dio di nome Ixion, che era appassionatamente innamorato di Hera. Ha perfino provato a dominarlo. A Zeus non piacevano tali tentativi, ma perché creò una nuvola che prese la forma di sua moglie e scivolò in un povero amante. Come risultato di tale unione, apparve un'intera generazione di centauri. Il nome di una dea greca così antica come Hera è collegata a questi miti e storie.