Le malattie del sistema vascolare sono diffuse in tutto il mondo. Le complicazioni che comportano spesso diventano cause di disabilità e mortalità. Pertanto, la forza dei medici è rivolta alla prevenzione e al trattamento delle patologie vascolari, nonché a combattere le loro conseguenze. Le condizioni più comuni che portano ad un ispessimento del sangue sono: aterosclerosi, complicanze del diabete mellito, vene varicose degli arti inferiori, emorroidi, violazione dell'integrità delle vene e delle arterie, uno stile di vita sedentario, a causa del quale si verifica la stagnazione. Tutto ciò può portare al lancio di processi specifici nel corpo. I cambiamenti nei sistemi vascolari e circolatori stimolano i coaguli di sangue, il che porta a conseguenze disastrose. Gli anticoagulanti sono farmaci che aiutano a prevenire questo processo.

Il meccanismo della trombosi

formazione di trombi

Quando si rallenta il flusso sanguigno, il ristagno nei vasi è a rischio di sviluppare un coagulo di sangue. Ma affinché si formi, è necessario un altro fattore: danni all'endotelio. Questo meccanismo porta all'adesione delle piastrine alla parete vascolare. Ciò comporta una reazione fisiologica del sistema circolatorio, che si esprime nella stratificazione della fibrina nel coagulo, il ritardo dei globuli rossi lì. L'ultimo stadio è la retrazione di un trombo, cioè l'adesione densa di tutte le sue parti l'una all'altra (come se l'incollaggio). Questi processi possono essere promossi da malattie del sistema circolatorio in cui inizialmente si presume che il sangue abbia una consistenza densa. Inoltre, vi è la risposta del corpo alle grandi perdite di liquidi - DIC, che si manifesta con la coagulazione intravascolare ed è una causa comune di morte dei pazienti.

Il meccanismo d'azione degli anticoagulanti

endotelio vascolare

La reazione, l'opposto dell'ispessimento del sangue, è la sua diluizione. Per fare questo, il corpo ha sostanze speciali che controllano questo processo - anticoagulanti. Molto spesso con malattie del sistema vascolare, la protezione naturale non è sufficiente. Pertanto, la terapia sostitutiva viene eseguita con medicinali contenenti anticoagulanti. I farmaci sono ampiamente utilizzati in medicina e sono usati sia per fornire cure di emergenza ai pazienti che per scopi profilattici. Questi farmaci esercitano i loro effetti interrompendo la formazione di fibrina, uno dei partecipanti alla formazione di trombi. Possono influenzare coagulazione del sangue usando meccanismi diretti e indiretti.

Classificazione degli anticoagulanti

Ci sono 2 grandi gruppi di farmaci, è - anticoagulanti di azione diretta e indiretta. I primi hanno un effetto depressivo sulla trombina, un fattore ematico che innesca il meccanismo patologico. Sono usati dalla somministrazione endovenosa. Il rappresentante più brillante del primo gruppo è l'eparina della droga.

farmaci anticoagulanti

Gli anticoagulanti di azione indiretta sono prodotti sotto forma di compresse, il loro ruolo è quello di bloccare la protrombina, che si forma nel fegato. Questi farmaci appartengono al gruppo farmacologico degli antagonisti della vitamina K, il loro rappresentante più importante è il farmaco Warfarin. Gli anticoagulanti indiretti, a loro volta, sono di tre tipi: mono-, marlin e indandiony.

Indicazioni per l'uso

Gli anticoagulanti dell'azione diretta hanno le seguenti indicazioni: trombosi delle vene e delle arterie, alterazione della circolazione coronarica e cerebrale - infarto del miocardio, ictus, malattia varicosa, diabete (con sviluppo di nefro, retinopatia), DIC. Inoltre, l'eparina e i suoi derivati ​​sono prescritti per trasfusioni di sangue e operazioni cardiache che utilizzano valvole artificiali.

anticoagulanti ad azione diretta

Gli antagonisti della vitamina K hanno le stesse indicazioni degli anticoagulanti diretti, ma il loro effetto è più lungo. Anche l'avvio della loro azione è lento, quindi non possono essere utilizzati in processi acuti che richiedono assistenza immediata. Gli antagonisti della vitamina K sono prescritti per le malattie varicose croniche, il diabete mellito, le patologie cardiovascolari.

Controindicazioni

Molte malattie vascolari possono essere complicate da sanguinamento. Con questo fluidificanti del sangue, solo aggravare la situazione. Per questo motivo, tutte le patologie alle quali esiste un rischio sono controindicazioni all'uso di anticoagulanti. Il sanguinamento si verifica con l'indebolimento delle pareti dei vasi sanguigni, rottura, difetti precedentemente esistenti (ad esempio, la superficie dell'ulcera), mentre è estremamente pericoloso utilizzare anticoagulanti. Sia i preparati diretti che quelli indiretti sono vietati per le seguenti patologie:

  1. anticoagulanti indiretti Ipertensione, grave
  2. Retinopatia, che ha una tendenza al processo emorragico.
  3. Ulcera gastrica e duodenale.
  4. Polipi e tumori sanguinanti.
  5. Espansione delle vene dell'esofago, che di solito portano a malattie del fegato, in particolare la cirrosi.
  6. Aterosclerosi dei vasi cerebrali negli anziani.
  7. Sharp e insufficienza renale cronica.
  8. Endocardite.
  9. Aneurisma aortico e arterie cerebrali.

Oltre a queste patologie, gli anticoagulanti non sono raccomandati per l'uso con alcolismo, gravi danni alle vene emorroidali, pancreatite.

Farmaci appartenenti al gruppo degli anticoagulanti

I rappresentanti che hanno un effetto diretto sono le medicine "Cybernin", "Eparina", "Trombofob", "Kaltsiparin", "Fragmin", "Fraksiparin", "Fluxum", "Clivarine", "Clexan". Gli antagonisti della vitamina K includono i seguenti anticoagulanti: farmaci "Warfarin", "Sinkumar", "Trombostop", "Phepromaron", "Fenilin", ecc.