Dal 16 ° secolo, Mosca Rus, in una costante lotta contro i tatari di Crimea e Nogai, cercò di impadronirsi delle zone costiere dell'Azov e del Mar Nero. Numerose guerre con l'impero ottomano fino alla fine del XVII secolo non hanno portato a determinati risultati. E solo con l'ascesa al trono di Pietro I, il passo decisivo è stato compiuto sulla via per l'uscita verso i mari del sud, così come per la creazione della flotta russa - la conquista della fortezza turca di Azov. Questi eventi, chiamati campagne Azov, furono i primi risultati significativi del giovane autocrate.

Personalità di Pietro I

Viaggi Azov

La presenza di forti qualità personali, volontà, ideologia, prima di tutto, Pietro è obbligata a Madre Natura, che gli ha dato una vita, ricettiva alla mente delle scienze e molti talenti. Peter è rimasto a 4 anni senza padre, e a 10 anni - senza un fratello. Tutta l'adolescenza e la gioventù, fu lasciato a se stesso, la sua educazione fu trascurata, nessuno era impegnato nell'educare il futuro sovrano. Quegli anni in cui le qualità principali si formano in un uomo, ha passato in qualche modo in disgrazia, nel villaggio di Preobrazenskij, con sua madre. Natalya Kirillovna, in virtù della sua percezione femminile, non poteva dare a suo figlio l'educazione necessaria per il suo alto scopo. Tuttavia, Peter stesso ha trovato un esempio da seguire - Genevain Lefort, che si stabilì nel quartiere tedesco vicino a Mosca e immediatamente guadagnò credibilità con il giovane re.

Successivamente, insieme a Peter Lefort andò alle campagne Azov, catturò personalmente la bandiera turca, presto fu nominato ammiraglio della flotta russa. Da questo abile ed educato ragazzo militare, il re ha sentito parlare per la prima volta di Europa, di famosi comandanti, della navigazione, e lui stesso ha iniziato a cercare di creare un nuovo tipo di esercito e flotta.

Conflitti russo-turchi

Campagne azov di Pietro 1

Dalla conquista della Crimea da parte della Turchia nel 1475, le relazioni russo-turche sono rimaste piuttosto tese per diversi secoli.

Nella seconda metà del diciassettesimo secolo, la Turchia, oltre alla conquista Rzeczpospolita Podolii, vicino a Venezia - l'isola di Creta, cercò di impossessarsi della riva destra dell'Ucraina. Ciò fu accolto con opposizione, e come risultato delle campagne di Chigirin (1677, 1681), le truppe cosacche della Russia e dell'Ucraina hanno completamente sventato i tentativi di cattura.

Di conseguenza, in Bakhchisarai tra Russia, Turchia e Khanato di Crimea fu firmato un accordo di armistizio (Bakhchisarai Peace Treaty, 1681). Era di grande importanza internazionale.

Tuttavia, le condizioni dell'accordo di Bakhchisarai furono cancellate quando la "Pace Eterna" fu firmata con la Polonia, che fermò la guerra russo-polacca, ma ordinò al regno russo di riprendere le campagne militari contro il Khanato di Crimea.

Nel 1687 e nel 1689, sotto il comando del principe V. Golitsyn, favorito della regina Sofia, furono intraprese due campagne contro la Crimea e la Turchia, che non portarono successo. Quindi era ovvio che la Russia non aveva abbastanza potenziale per vincere.

Preparazione per le campagne Azov

L'entusiasmo adolescenziale per gli affari militari portò alla creazione di Peter nel villaggio di Preobrazhenskoye, una compagnia divertente che registrò i suoi coetanei. Nel corso del tempo, il loro numero è aumentato così tanto che una parte è stata trasferita a Semenovskoye. Fu da loro che si formarono più tardi due reggimenti: Semenovsky e Preobrazhensky, dove, secondo tutte le regole della scienza militare europea, furono studiati gli affari militari. Quello fu l'inizio della Guardia russa.

1 campagna Azov

Essendo arrivato all'autocrazia, Peter non rinuncia ai giochi adolescenziali, gradualmente diventano strategici sempre più seri. Ma il giovane re è ancora ossessionato dagli affari marittimi. Secondo il suo capriccio, inizia la costruzione di navi ad Arkhangelsk.

Nel 1693, visitò personalmente Arkhangelsk, l'unico porto marittimo in quel momento, e chiaramente se ne accorse politica estera e l'economia del Mar Bianco non è abbastanza. In effetti, la Russia non ha ancora accesso allo spazio di congelamento del mare. C'è un bisogno acuto di accesso alle acque del Mar Nero, dove regna Impero Ottomano. All'inizio degli anni '90, la Polonia e l'Austria, gli alleati della Russia, stipularono accordi di pace con la Turchia che non soddisfacevano gli interessi delle terre russe. Pietro I stesso iniziò le trattative con il Khan di Crimea e avanzò le richieste di libera circolazione nei mari del sud, la fine delle incursioni e il pagamento dei tributi. Le trattative dei Tartari sono state a lungo contestate e trascinate.

Quindi Peter inizia a prepararsi per una nuova guerra con la Turchia. Ciò richiede lo svolgimento di seri esercizi nel villaggio di Kozhukhovo nell'autunno del 1694, che durano per 3 settimane. Il compito principale delle manovre è l'attraversamento del fiume Moscova e la presa della fortezza, appositamente costruita per questo scopo. I reggimenti di Petrovsky trionfano sul tradizionale Streltsy. Dopodiché, il re prenderà una ferma decisione il prossimo anno per iniziare una campagna e inizialmente colpire la fortezza di Azov, che si trova alla foce del Don.

Prima campagna Azov

prima campagna Azov

L'addestramento prese l'inverno e la primavera del 1695, quando furono fatti sforzi per creare la prima flotta. Sul Don furono costruiti pescherecci e aerei, oltre a zattere per la consegna di truppe, munizioni e provviste.

In primavera, 3 gruppi di truppe sotto il comando di Gordon, Lefort, Golovin nelle aree del Volga e Don iniziarono a spostarsi verso sud. Una parte dell'esercito sotto Sheremetyeva condusse alla parte bassa del Dnepr dove si unirono i cosacchi ucraini. Infatti, Peter ha guidato tutte le azioni, ma allo stesso tempo è stato il capocannoniere. Durante la 1a campagna di Azov, il re stesso riempì i proiettili e sparò.

Due piccole fortezze dei Turchi riuscirono a catturare, ma l'obiettivo principale - la fortezza di Azov, circondata da bastioni e fossati, mentre era inaccessibile. A giugno, le truppe di Pietro hanno iniziato l'assedio di Azov. Ma gli assediati hanno ricevuto aiuto dal mare. L'esercito russo non era pronto ad agire lontano dalle basi di rifornimento.

L'olandese Jacob Jansen - uno straniero, ingegnere, accarezzato dal re, ha causato gravi danni. Conosceva i piani di Peter e, essendosi avvicinato al nemico, tradiva i russi con i turchi. Di conseguenza, i giannizzeri attaccarono dal lato debole dell'esercito russo. Tuttavia, il generale Gordon arrivò in tempo per aiutarli e sconfiggerli. Questo scontro ha indebolito ancora l'esercito russo.

I tentativi di assalto fatti il ​​5 agosto e il 25 settembre non sono stati coronati da successo. In ottobre, Pietro I diede l'ordine di sollevare l'assedio.

Vittoria russa

Peter the First Campagne di Azov

1 campagna Azov non ha avuto successo. Ma questo non solo non ha fatto precipitare Peter nell'oscurità, ma, al contrario, lo ha fortemente provocato. Già nell'inverno del 1695, Pietro iniziò i preparativi per una nuova marcia. Ora tutte le forze furono inviate a Voronezh, per creare una flottiglia russa a remi. Per diversi mesi furono costruite varie navi, guidate dalla nave da 36 cannoni "Apostol Peter".

Già nel maggio del 1696, i 40mila soldati russi iniziarono la seconda campagna di Azov. Don e Zaporizhzhya Cosacchi si unirono attivamente a lei. Ha comandato le azioni militari del Generalissimo Shein. Ora le navi russe dal mare bloccarono la fortezza. Pietro I insieme a tutti nel grado di capitano, prese parte all'assedio.

Il 19 luglio la fortezza di Azov capitolò e per la prima volta la Russia aprì l'accesso ai mari del sud. Nel corso della 2 campagna Azov, l'esercito russo ha prodotto 16 bandiere turche, 130 cannoni.

Questo fu il primo significativo successo del 24enne re in politica estera. In segno di consolidamento del successo, Peter dà l'ordine di costruire una fortezza e un porto a Cape Taganrog.

Il significato storico delle campagne Azov di Pietro I

Così iniziò la sua carriera statale e militare nello Zar Pietro il Grande. Le campagne Azov lo hanno portato non solo alla fama e all'autorità, ma anche all'esperienza. Fu allora che realizzò che per ottenere nuovi risultati e ottenere prestigio, la Russia aveva bisogno di una forte flotta. Già 20 ottobre 1696 incontro Boyar Duma deciso di espandere la costruzione navale. Questo giorno è considerato il compleanno della flotta russa.

Le campagne Azov, i cui risultati influenzarono lo sviluppo della flotta e gli affari militari in Russia, divennero il punto di partenza per le ulteriori attività di Pietro I per rafforzare la capacità di difesa del paese.

I risultati del controllo della fortezza

Campagne Azov di Pietro 1 - un passo molto importante della Russia sulla via per il Mar Nero, per l'ulteriore avanzata dello stato a sud. Come risultato di queste campagne, sono stati raggiunti i seguenti obiettivi:

  • cattura della fortezza di Azov;
  • la prima uscita della flotta russa nei mari del sud;
  • divenne possibile un attacco dal mare;
  • il porto di Taganrog cominciò a essere costruito;
  • I confini meridionali della Russia sono diventati sicuri;
  • prerequisiti per la creazione di una flotta professionale.

Nel 1699, sulla nave russa "Fortezza" di 46 cannoni, l'ambasciatore russo arrivò a Costantinopoli per i colloqui di pace. Sultan fu colpito dalla grandezza della nave e nel luglio del 1700 fece la pace, lasciando la fortezza russa di Azov.

Posizione di fissaggio

Seconda campagna di Azov

Pietro capì bene che, per far sì che Azov rimanesse con la Russia zarista, non basta conquistarlo. Era necessario renderlo una città russa. Per fare questo, il re trasferì lì 3.000 famiglie, mise in città un distaccamento di cavalleria di 400 soldati e 3.000 fanti per mantenere l'ordine.

Azov si rafforzò, le moschee si reincarnarono nella chiesa, i mercanti, i cittadini, gli artigiani si trasferirono nella regione di Azov. Con l'aumento della popolazione russa, le abitudini cambiarono. Nell'archivio storico c'è la prova che Peter, dopo aver visitato Azov dopo un po ', era di ottimo umore, sentendo il russo ad ogni angolo.

Azov - il punto di partenza

Risultati della campagna Azov

Azov fu catturato e infine assegnato alla Russia. Ora questa passata linea non sembrava così importante per Peter. Aveva piani di vasta portata. Le campagne Azov di Pietro il Grande divennero il punto di partenza nella questione più importante: dominare il Mar Nero.

Il possesso di Azov non ha soddisfatto lo zar, è stato percepito da lui solo come un punto che ha aperto la strada per l'ulteriore movimento della Russia a sud.

Già il 4 novembre 1696, Pietro I nel villaggio di Preobrazenskij raccolse una Duma dai boiardi russi e dagli stranieri vicini, dove fu decisa la creazione di una flotta per una nuova campagna militare nel più breve tempo e fu sviluppata una strategia per sopprimere l'ostinata opposizione dei turchi e dei tatari. Una nuova pagina è stata aperta nella storia della Russia.