Il XVIII secolo nella storia della Russia, in particolare, nella descrizione della sua politica estera, non può essere considerato senza riferimento ai monarchi che si sono stabiliti come imperatori di questo grande potere. È grazie alle loro azioni che lo stato è stato in grado di affermarsi sull'arena politica mondiale. È sicuro dire che i governanti della Russia del XVIII secolo hanno determinato il corso della sua politica estera. Lo stato in quel momento fu finalmente stabilito come potenza imperiale con un solo monaco alla testa. E se all'inizio, durante il regno di Pietro I, il vettore era ambiguo, c'erano continue ricerche di alleati, poi la seconda metà del XVIII secolo, il regno di Caterina II, portò il paese all'arena internazionale come giocatore indipendente. Ma per capire e vedere l'era nel suo insieme, è necessario parlare di come era la Russia nel XVIII secolo. Cerchiamo di evidenziare brevemente i principali eventi storici che hanno influenzato lo stato.

Pietro I e il suo consiglio

Per il primo quarto di secolo nell'Impero russo, lo zar Pietro I, famoso per le sue idee riformiste, il suo desiderio di unire il paese alla comunità europea, così come le sue continue campagne di conquista, governarono il paese. Con esso inizia lo sviluppo accelerato della Russia nel 18 ° secolo. Si è mostrato come un eccellente capo militare, un tattico, stratega e diplomatico sottile. Peter Alekseevich Romanov, che salì al trono nel 1682, non era interessato alla politica fino al 1695.

Politica estera russa nel XVIII secolo La governante della Russia in quel periodo era sua sorella, Sophia Alekseevna, che in seguito fu tonsurata come monaca a causa di ribellione fallita degli arcieri (1689). Fino al 1695, Peter formalmente governato sotto la guida rigorosa di sua madre, Natalia Kirillovna. Fu questo monarca a determinare cosa sarebbe stato politica estera La Russia nel 18 ° secolo. Sebbene le sue campagne militari non fossero riuscite come i loro predecessori, erano di grande importanza per l'autorità dello stato.

Le prime guerre della Russia nel 18 ° secolo

L'inizio del vero regno di Pietro - 1695. In questo momento, il primo si è verificato Campagna Azov. L'evento determinò il vettore della politica estera dell'imperatore su tutto il suo dominio. E lui era in guerra. Peter ha completamente cambiato la strategia dei precedenti governanti e ha aperto l'offensiva simultaneamente su tutti i fronti. La guerra con tutti i vicini non porta il risultato desiderato. Il giovane imperatore imparò presto questa lezione. Peter ha cambiato alleati in conformità con gli interessi dello stato.

Così, nel 1700 iniziò la Guerra del Nord, e un paio di giorni prima che la Russia entrasse in essa, la pace fu firmata con la Turchia. In effetti, Petr Alekseevich assicurò il sostegno di questo stato nella lotta con la Svezia, sebbene diversi anni prima avesse combattuto con gli ottomani per l'accesso al Mar Nero. La guerra nel Nord iniziò come un confronto dell'Impero svedese, guidato dal giovane imperatore Carlo XII. Nel corso degli anni, è cresciuto nella lotta di questi stati per la costa del Mar Baltico. Nonostante l'innato talento tattico di Carlo XII e le prime vittorie degli svedesi, in generale, la guerra fu persa perché Pietro I non era solo un buon comandante in capo, ma anche un delicato stratega e un abile uomo politico (a Karl mancava solo l'ultima qualità). Il primo imperatore non ancora proclamato della Russia ha dimostrato di saper imparare dai propri errori nel condurre battaglie. Il trattato di pace di Nystadt firmato nel 1721 assicurò in parte le terre di Livonia, Estland, Ingermanland e Karelia.

Esito della guerra del nord

La vittoria nella Guerra del Nord ha trasformato la Russia in un forte giocatore nell'arena politica mondiale. Nel 1722, lo zar Pietro Alekseevich fu proclamato imperatore. Dopo la sua morte nel 1725, la seconda moglie, Caterina I, salì al trono, ma in realtà il suo regno durò 2 anni, da quando morì nel 1727. La storia della Russia in questo periodo era ricca di eventi politici interni.

storia della Russia
Nel breve periodo del suo regno, l'imperatrice creò il Supremo Consiglio Privato, che comprendeva i soci di Pietro I A. Menshikov, F. Apraksin, P. Tolstoj. Questo si è rivelato un passo saggio e visionario. Nel 1727, Pietro II divenne il governatore formale della Russia. Ma in realtà tutti gli affari di stato furono decisi dal Consiglio Supremo della Privazione.

Colpi di palazzo

Dopo la morte improvvisa di Pietro II da vaiolo nel 1730, iniziò un periodo di transiti di palazzo. Il trono fu invitato dalla nipote di Pietro I, Anna Ivanovna. Con astuzia riuscì a rimuovere il Supremo Consiglio Privato, eliminando tutti i suoi partecipanti. Dal 1730 al 1740 infatti, il paese era governato dal favorito di Anna E. I. Biron e dai tedeschi vicino a lui. Questo decennio non ha portato nulla di buono in Russia: solo autorità dilaganti e appropriazione indebita.

Nel 1740, l'erede al trono imperiale fu dichiarato nipote di 3 mesi della sorella di Anna Ivanovna, Ivan, sotto la reggenza di E. I. Biron (in seguito questo posto fu occupato da Ivan Leopoldovna sotto Ivan). Ma non è stato possibile consolidare il potere degli stranieri nel paese, e dopo due colpi di stato per i prossimi 20 anni, il trono è stato preso da Elizaveta Petrovna, la figlia minore di Pietro I e Caterina I, nata 2 anni prima del matrimonio ufficiale dell'imperatore con la seconda moglie. Eliminando tutti i suoi concorrenti, Elisabetta Petrovna divenne imperatrice della Russia.

XVIII secolo nella storia della Russia Definendo la sua politica come una continuazione del corso di suo padre, Elisabetta restaurò il ruolo del Senato, del capo magistrato e del governo dei ministri nell'impero. Ha ampliato i diritti e i privilegi dei nobili. La politica estera della Russia nel XVIII secolo fu un tempo che per molti versi assomigliava al regno di Pietro Alekseevich.

Sette anni di guerra

L'aggressione della Prussia costrinse la Russia a firmare un'alleanza con l'Austria e ad unirsi alla Guerra dei sette anni (1756-1763), che alcuni storici chiamano la prima guerra mondiale a causa del numero di schieramenti opposti. Dopo la fine dei combattimenti, l'impero non ha guadagnato nulla, tranne l'inestimabile esperienza di introdurre ostilità e autorità tra i paesi europei. Non avrebbe potuto essere altrimenti, perché l'esercito russo, l'unico nella coalizione anti-prussiana, ha avuto un saldo positivo dopo le battaglie.

La fine della guerra dei sette anni, Elizabeth Petrovna non attese, morendo nel 1761. Il suo successore fu Pietro III, che firmò il mondo con la Prussia. La condizione era il ritorno sotto il controllo del re Federico II delle terre precedentemente conquistate. La storia della Russia mantiene molti riferimenti agli affari di questo sovrano, ma non meritava buone recensioni. Fare sul serio conflitto di interessi tra la nobiltà indigena e i favoriti dell'imperatore.

Caterina II

L'orientamento alla Prussia nella politica estera della Russia del XVIII secolo, così come il disprezzo delle tradizioni e della fede ortodossa, causarono insoddisfazione per le azioni di Pietro III, e un anno dopo l'ascensione al trono, sua moglie, la tedesca Federica Augusta Anhalt-Zerbtstka, meglio conosciuta come Caterina II, ricevette il sostegno delle Guardie lo rovesciò. Gli scienziati definiscono la regola di questa donna potente l'età dell'oro dell'impero russo. Durò fino alla fine del XVIII secolo (fino al 1796).

Governanti russi del XVIII secolo La politica interna Catherine ha condotto sotto il segno dell'approvazione finale la servitù della gleba, e anche la distribuzione delle libertà ai nobili. La Russia nella seconda metà del XVIII secolo sulla scena mondiale è un grande impero che consolida il suo status di importante soggetto delle relazioni internazionali.

Nella sua attività di politica estera, piuttosto attiva ed energica, Caterina II cercò di espandere i confini dell'Impero russo e rafforzarlo, restituire terre bielorusse e ucraine sotto la sua ala e consolidare anche la sua influenza sulla costa del Mar Baltico. A tal fine, risorse materiali colossali furono assegnate per sostenere l'esercito. Numerose guerre in Russia nel XVIII secolo diedero all'impero uno sbocco al Mar Nero. Come risultato delle tre sezioni del Commonwealth tenute insieme con Austria e Prussia, il paese ha ricevuto la terra di Ucraina occidentale, Bielorussia e Lituania.

Liquidazione di Zaporizhzhya Sich

Dopo due guerre russo-turche il decreto Caterina II nel 1783 annetté il Khanato di Crimea. Per eliminare la minaccia di insurrezione da parte dell'Ucraina, decretò il suo Zaporozhian Sich nel 1775 con il suo decreto, e nel 1783 il Hetmanat. Durante il regno di Caterina, le relazioni tra Russia e Svezia si sono stabilizzate. Un trattato di pace fu firmato nel 1790, secondo il quale il confine tra i paesi non cambiava più. Anche migliorato i rapporti con la Prussia.

Cattura del territorio

Il successo della politica aggressiva dell'impero russo in questo periodo può essere spiegato sia da circostanze interne che da fattori esterni. In primo luogo, i soldati e il comando dell'esercito hanno acquisito una vasta esperienza nella condotta delle ostilità, e in secondo luogo, Svezia e Prussia sono state indebolite, e in Turchia è iniziato un periodo di declino. Approfittando dello stato di quest'ultimo, la Russia non solo occupò la Crimea, ma prese anche il territorio della Georgia sotto il suo protettorato. L'impero ha conferito alla Turchia il diritto a una forte flotta del Mar Nero.

Eventi del XVIII secolo in Russia La Rivoluzione francese, secondo Catherine, minacciò tutto il dominio monarchico in Europa, così l'imperatrice fu uno degli iniziatori della coalizione antifrancese, ma presto si ritirò. Nel 1796, di conseguenza emorragia cerebrale lei è morta.

Valutazione del consiglio di amministrazione di Catherine II

Molti storici valutano positivamente il ruolo di Caterina II nella condotta della competente politica estera russa nel XVIII secolo. Allo stesso tempo, si sostiene che la vita personale piuttosto dissoluta dell'Imperatrice fu minata dalle regole morali della nobiltà, che in seguito divenne la ragione dell'indebolimento dell'influenza del sovrano.

Nel suo complesso, gli eredi di Catherine valutano negativamente la sua politica estera, anche se durante il suo regno l'impero russo si è finalmente consolidato sulla scena internazionale come uno stato forte che non si è concentrato su alleanze con nessuno, ma sui propri interessi.

Guerre russe nel 18 ° secolo Molti storici chiamano le divisioni del territorio della Polonia tra i tre paesi confinanti con la barbarie. L'erede di Caterina, Paolo, condannò la politica della grande imperatrice. Tuttavia, i meriti di questa grande donna non possono essere né cancellati né dimenticati.

Età dell'impero

Nel complesso, la politica estera della Russia nel XVIII secolo è il periodo della formazione del Grande Impero. All'inizio del secolo, Pietro I, nei suoi affari, fu guidato dagli alleati e li cambiò a seconda degli interessi e delle circostanze attuali. Alla fine di questo periodo, Caterina II ha dimostrato che lo stato non dipende da circostanze esterne, è in grado di agire nel proprio interesse e non aspetterà l'approvazione degli altri. L'epoca del XVIII secolo in Russia è caratterizzata da una transizione dalla posizione di un concorrente allo status della potenza dominante nel continente. Nessun altro paese potrebbe sfidare il potere dell'impero.

debolezze

Questi erano i principali eventi del 18 ° secolo in Russia. Sfortunatamente, non hanno avuto solo un impatto positivo sul paese. La forte politica estera della Russia nel XVIII secolo, tuttavia, fu accompagnata da un declino interno. Non solo i disordini e le rivolte hanno fermato lo sviluppo dell'impero, ma anche vari fattori economici. Il tesoro, che era occupato principalmente dalle tasse della popolazione dei servi, era in realtà un alimentatore per la nobiltà e la nobiltà, che, durante Caterina II, ricevette straordinari privilegi. L'economia russa nel 18 ° secolo ha sofferto molto da questo. Ma nessuno dei governanti ha prestato attenzione, concentrandosi sui confini in espansione.

La Russia nel 18 ° secolo brevemente Oggi gli scienziati non hanno avuto una visione unica di questa era, ma nella maggior parte dei casi l'opinione principale è che il XVIII secolo nella storia della Russia è un periodo di ascesa. Per cento anni, il paese si è evoluto da uno stato piuttosto sottosviluppato all'impero più forte del mondo.