La storia ufficiale dell'Egitto inizia, secondo gli scritti del sacerdote di Manetho, approssimativamente dal XXX secolo aC. L'Egitto è un'antica oasi sul territorio dell'Africa nord-orientale, che deve la sua prosperità al possente fiume - il Nilo. Le tribù agricole si stabilirono sulle rive del Nilo nel VI millennio aC. o anche prima. È ancora sconosciuto quale delle grandi civiltà sia più antica - sumera o egiziana, ma le condizioni per l'emergere di entrambe sono simili, e il loro contributo alla cultura mondiale è enorme.

Storia dell'antico Egitto: il periodo pre-dinastico e il primo regno

L'aspetto delle persone sulle rive del Nilo era dovuto ai cambiamenti climatici: le savane si trasformavano in deserti e non potevano più nutrire le numerose tribù che le abitavano. Le persone sono state costrette a cercare modi per sottomettere il fiume. Ciò è stato ottenuto attraverso la costruzione di dighe e canali di irrigazione.

antico Egitto

Un sistema di canali separato è stato mantenuto combinando comunità di quartiere. Tale associazione era chiamata "nom". I nomadi dell'Alto Egitto sono da tempo entrati in alleanze contro i nomi del Basso Egitto. L'Egitto superiore era più coeso ed economicamente sviluppato, e alla fine uno dei faraoni locali (presumibilmente Narmer) unì entrambe le parti del paese. Tuttavia, negli annali di questo atto è attribuito a Pharaoh Mine (Menes), che regnò intorno al 30 ° secolo aC. Da questo momento inizia il periodo del primo regno. Gli antichi faraoni dell'Egitto, che governarono il paese nel 30-28 ° secolo aC, erano principalmente impegnati nella soppressione delle insurrezioni nell'Alto Egitto, nella guerra con i vicini e nel miglioramento dell'apparato burocratico.

Antico regno

Il regno primitivo terminò con l'unificazione finale. La capitale dell'Antico Regno (28-23 secoli aC) era Memphis, costruita al confine tra l'Alto e il Basso Egitto. Benessere economico stato centralizzato fornito il reale, tempio e famiglie nobili. A quel tempo in Egitto cominciarono a essere eretti edifici monumentali (in genere funerari) di pietra. La storia dell'antico Egitto di questo periodo fu catturata non solo negli annali, ma anche nei rilievi colorati sulle pareti delle tombe. I faraoni acquisirono un potere senza precedenti. Nell'era dell'Antico Regno, si identificarono con gli dei e acquisirono funzioni sacerdotali. Le piramidi dei faraoni defunti hanno superato la ricchezza e il lusso dei templi degli dei. Questo stato di cose non si adattava ai governanti regionali (nomarhov). La lotta per il decentramento del potere ha portato al collasso del paese.

Middle Kingdom

L'inizio dell'epoca del Medio Regno risale alla metà del XXI secolo aC, quando i rappresentanti della dinastia tebana (Mentuhtetepy) iniziarono a governare l'Egitto. Ma questo è stato preceduto da un periodo di transizione difficile. L'Egitto, antico e un tempo potente, fu in declino per due secoli a causa delle guerre civili. La riunione sotto il governo di Mentuhetep I pose fine alle guerre interne, anche se non per molto tempo. Nell'era del Medio Regno, gli egiziani padroneggiarono i nuovi strumenti di produzione, iniziarono a produrre oggetti e utensili in bronzo e stagno. Il ruolo dello scambio economico tra i nomines è aumentato. Potere locale rafforzato. Gli aristocratici si opposero ai faraoni e compirono i doveri sacerdotali. Anche il sistema di cronologia nell'antico Egitto di questo periodo in ciascun nome aveva il suo. Durante il regno della dodicesima dinastia (i cui rappresentanti più famosi furono Amenemkhets), l'Egitto guidò guerre di conquista (ad esempio, con la Nubia e gli stati della penisola del Sinai) e commerciò con i paesi del Mediterraneo. Il regolare conflitto civile pone fine alla fioritura economica. Alla fine del XVIII secolo aC, l'Egitto fu invaso dagli invasori dell'Arabia settentrionale e della Siria meridionale - gli Hyksos.

Nuovo Regno e il declino del paese

Solo 110 anni dopo, il faraone Yahmes, il fondatore della XVIII dinastia, riuscì a espellere gli Hyksos dalla loro capitale, Avaris. Così iniziò il Nuovo Regno, che durò circa 600 anni. Durante questo periodo, l'Egitto riuscì a diventare un grande potere che conquistò il Medio Oriente e abbandonò tutti gli dei tranne uno (durante il regno di Akhenaton). L'era del Nuovo Regno è caratterizzata da un aumento del potere militare (ad esempio, sotto Thutmose III e Ramses II), la fioritura di arte e cultura e sconvolgimenti religiosi.

antichi faraoni egizi

Tuttavia, nel 11 ° secolo aC L'Egitto, l'antica dimora di molti dei, cominciò a perdere il potere. Le dinastie straniere si succedettero l'un l'altra. A metà del VI secolo aC L'Egitto si unì all'impero persiano, in seguito - passò sotto il potere Alessandro di Macedonia. L'ultimo sovrano dell'Egitto, appartenente alla dinastia tolemaica, era Cleopatra. Con la sua morte, lo stato ha finalmente perso la sua indipendenza. La cultura egiziana originale fu gradualmente sostituita da quella greco-romana.

Sistema di cronologia nell'antico Egitto

All'inizio, gli egiziani, come altri popoli del mondo antico, avevano un calendario lunare nel corso. Ma erano agricoltori e, quindi, dipendevano dal cambio delle stagioni. Non era possibile gestirlo con un calendario lunare, e in aggiunta sembrava solare. Questo è accaduto sotto i re Hyksos.

È importante notare che sulle rive del Nilo non esisteva il concetto di una singola era. La cronologia nell'antico Egitto fu condotta dall'adesione al trono del prossimo faraone.

antichi faraoni egizi

Secondo gli egiziani, l'anno è iniziato il 29 agosto (il 1 ° del mese del tota). A quel tempo, la stella Sirio (Sotis) apparve all'orizzonte, preannunciando l'inondazione del Nilo. L'anno è durato 365 giorni ed è stato diviso in 12 mesi per 30 giorni. I mesi sono stati raggruppati per stagione (alluvioni, letti fluviali e shallowing). La semina di orzo e grano è iniziata a novembre (alla fine della stagione delle piene). L'anno si è concluso con 5 giorni dedicati alle divinità. I giorni bisestili non hanno usato gli egiziani.

Già in epoca ellenistica, uno dei rappresentanti della dinastia tolemaica tentò di riformare la cronologia nell'antico Egitto introducendo anni bisestili, ma l'iniziativa non fu supportata. L'unificazione del calendario avvenne solo dopo la conquista romana.

religione

In ogni area dell'Egitto, è stato a lungo consuetudine venerare le "loro" divinità. I culti si sovrapposero e alla fine si formò un unico pantheon di significati diversi di dei. Le divinità avevano un aspetto antropomorfo, ma erano dotate di caratteristiche animali separate. Le divinità della fertilità godevano di una venerazione speciale, la cui incarnazione era considerata un animale sacro che viveva nei templi (solitamente tori o mucche). Gli egiziani tendevano anche a deificare i gatti, i coccodrilli, i serpenti, gli uccelli. Dopo la morte di animali sacri mummificati e sepolti con onori, come funzionari. L'Egitto, un'antica oasi sulle rive del Nilo, divenne gradualmente un enorme complesso funerario.

cultura dell'antico Egitto

In ogni momento i culti solari e il culto di Osiride, il dio morente e risorto, erano di particolare importanza. Gli egiziani avevano diverse divinità solari. Tra loro ci sono Ra, Amon e Atum. Come risultato della riforma religiosa, anche il singolo dio Aton apparve. Il sole era venerato come fonte di vita. Uno dei nomi della divinità solare apparve necessariamente nel titolo di Faraone, anch'egli deificato. Gli egiziani credevano che tutti i fenomeni naturali obbedissero alla volontà reale.

L'aldilà

Arte dell'antico Egitto deve il suo aspetto e il suo sviluppo al culto dei requiem, originato dal culto di Osiride, uno dei principali dei. Il faraone morto fu identificato con questo dio che regnò nel regno dei morti.

antica arte egizia

Ai tempi dei regni antico e antico, il lusso della vita eterna era disponibile solo per i faraoni, ma col tempo gli egiziani cominciarono a credere che le persone comuni possano continuare la loro esistenza dopo la morte se sono adeguatamente preparate. La preparazione per questo è iniziata quasi dai primi anni di vita. Il defunto non doveva essere sepolto in modo appropriato: i parenti dovevano assicurare la sua confortevole esistenza attraverso costanti sacrifici. Gli egiziani credevano che i morti avessero l'opportunità di influenzare il destino dei vivi e persino di essere tra loro. Ai morti fu chiesto di risolvere dispute, intercessione. La cultura dell'antico Egitto era alimentata da idee sull'aldilà. Questo vale per la letteratura, la scienza e l'arte.

architettura

L'arte dell'Egitto nel suo complesso è monumentale e arcaica. Per diversi millenni dell'esistenza dello stato, non è quasi cambiato. Nel migliore dei modi il desiderio degli egiziani per l'eternità espresso in architettura. L'antico regno era l'era delle grandi piramidi: prima Djoser, poi Cheope, Khafre e Menkau-Ra. Più tardi, le tombe sono diventate più modeste. Nell'epoca del Medio e del Nuovo Regno, tombe di roccia si diffusero riccamente decorate con rilievi dall'interno (per esempio, la tomba di Menthoutep III con il tempio adiacente).

Cronologia nell'antico Egitto

Col passare del tempo, la tomba e la chiesa commemorativa cominciarono a essere costruite a una distanza l'una dall'altra. I templi furono decisi a costruire lussuosi, con un sacco di sale multifunzionali, giardini interni, alte colonne scolpite. Tali erano i templi di Hatshepsut, Ramses II e Ramses III. Nell'era del Nuovo Regno, i piccoli templi - peripters e templi rocciosi - diventano popolari.

scultura

L'antico Egitto, i cui faraoni erano paragonati alle divinità, divenne il luogo di nascita di un'arte molto inerte orientata all'eternità. Le immagini scultoree di persone e divinità sono state fatte secondo rigidi canoni, che sono stati sviluppati nell'antichità. La scultura era un culto, era destinata a templi e tombe. Pertanto, le statue e le statuette egiziane non sono peculiari di posture complesse, dinamiche ed eccessiva espressività. Persone e personaggi mitologici sono stati raffigurati come in piedi, con le gambe piegate in avanti, o seduti, con le mani incrociate sulle ginocchia.

storia dell'antico Egitto

Più tardi, le statue di persone sedute in turco si diffusero. La scultura era dipinta in un certo modo, a volte incrostata di pietre e vetro. Regole rigorose applicate anche a rilievi e dipinti.