Caratteristiche dei paesi sviluppati

Paesi industrializzati - paesi che sono membri dell'OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico). Questi includono Australia, Regno Unito, Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Grecia, Irlanda, Spagna, Islanda, Italia, Stati Uniti, Finlandia, ecc. Ci sono un totale di 24 stati. I paesi sviluppati hanno le seguenti caratteristiche principali:

paesi sviluppati - L'alto livello di un tale indicatore economico come il PIL, calcolato pro capite per anno. Fondamentalmente, il suo valore dovrebbe essere nell'intervallo di 15-30 mila dollari. I paesi sviluppati hanno tale annuale PIL pro capite che è cinque volte superiore alla media mondiale.

- Struttura economica diversificata. È inoltre necessario considerare il fatto che oggi il volume del settore dei servizi è in grado di fornire una produzione superiore al 60% del PIL.

- Struttura della società sociale orientamento. Per gli stati di questo tipo, la caratteristica principale è l'esistenza di un piccolo divario di reddito tra i più poveri e i più ricchi, oltre a una potente classe media con uno standard di vita piuttosto elevato.

Il ruolo dei paesi sviluppati nell'economia globale

paesi sviluppati nell'economia mondiale I paesi sviluppati nell'economia globale svolgono un ruolo cruciale. Fondamentalmente, nel prodotto lordo totale, la loro quota è superiore al 54% e nelle esportazioni mondiali - oltre il 70%. Tra gli stati di questo livello per l'economia nazionale, quelli che costituiscono i sette (Canada, Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna, Francia, Giappone e Italia) rivestono un'importanza particolare. Questi paesi sviluppati forniscono circa il 51% di tutte le esportazioni e il 47% del prodotto interno lordo totale nel mondo. Il dominio tra di loro negli ultimi decenni, negli Stati Uniti.

Ruolo degli Stati Uniti nell'economia mondiale

Quindi, negli anni '90, l'economia statunitense era abbastanza stabile nelle posizioni di vertice nel grado di competitività. Di recente, tuttavia, tale leadership economica in questo stato si è notevolmente indebolita. Questo fatto si manifesta principalmente in una diminuzione dal 30% (1950) al 20% (2012) della quota degli Stati Uniti nel PIL totale dell'orientamento economico non socialista degli Stati. paesi industrializzati La ragione principale dell'indebolimento della posizione americana nell'economia di tutto il mondo è il fatto che paesi così sviluppati come il Giappone e Europa occidentale, cominciò a svilupparsi attivamente. E l'impulso per questo era precisamente l'aiuto americano. Secondo Piano Marshall Gli Stati Uniti hanno stanziato alcuni fondi per il ripristino di un'economia distrutta a causa delle ostilità. Grazie a queste misure, sono stati effettuati profondi cambiamenti strutturali nell'economia, sono state create industrie completamente nuove. In questa fase, sia giapponese che occidentale europeo sistemi economici raggiunto un alto livello di competitività internazionale (ad esempio, l'industria automobilistica giapponese e tedesca). Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che, nonostante un indebolimento dell'influenza americana sull'economia mondiale, il ruolo di questo stato è sempre rimasto il principale.