L'ebraismo è una delle più antiche religioni del mondo e la più antica tra le cosiddette Religioni abramitiche, dove, oltre a lui, include il cristianesimo e l'islam. La storia dell'ebraismo è inestricabilmente legata al popolo ebraico e si estende indietro di secoli, per almeno tremila anni. Inoltre, questa religione è considerata la più antica tra tutte quelle che proclamavano il culto dell'unico Dio - un culto monoteistico in cambio dell'adorazione dei pantheon di varie divinità.

Ebraismo idee principali

L'emergere della fede in Yahweh: una tradizione religiosa

Il momento esatto in cui è sorto il giudaismo non è stato stabilito. Gli aderenti di questa stessa religione attribuiscono la sua apparizione ai circa 12-13 secoli. AC. Quando, sul monte Sinai, il capo degli ebrei, Mosè, che portò le tribù ebraiche fuori dalla schiavitù egiziana, ricevette l'Apocalisse dall'Altissimo, e l'Alleanza fu fatta tra il popolo e Dio. È così che è apparsa la Torah - nel senso ampio del termine, istruzione scritta e orale nelle leggi, comandamenti e requisiti del Signore in relazione ai suoi adoratori. Una descrizione dettagliata di questi eventi si riflette nel libro "Genesi", la cui paternità è attribuita anche agli ebrei fedeli e che fa parte della Torà scritta.

Uno sguardo scientifico sulle origini dell'ebraismo

Tuttavia, non tutti gli scienziati sono pronti a supportare la versione precedente. Primo, perché l'interpretazione ebraica della storia del rapporto dell'uomo con Dio include la lunga tradizione di adorare il Dio di Israele prima di Mosè, a partire dall'abbraccio Abramo, che, secondo varie stime, visse dal XXI secolo. XVIII secolo. AC. e. Quindi, le origini del culto ebraico sono perse nel tempo. In secondo luogo, è difficile dire quando la religione pre-ebraica divenne l'ebraismo stesso. Un certo numero di ricercatori attribuisce l'emergere del giudaismo a molto più tardi, fino all'epoca del secondo Tempio (la metà del primo millennio aC). Secondo le loro conclusioni, la religione di Yahweh, il dio che professano gli ebrei, non era monoteista fin dall'inizio. Le sue origini sono radicate in un culto tribale chiamato Yavismo, che è caratterizzato come una forma speciale di politeismo - monolatria. Con un tale sistema di credenze, l'esistenza di molti dei è riconosciuta, ma la venerazione risulta essere solo per uno - il suo patrono divino sul fatto di nascita e insediamento territoriale. Solo più tardi questo culto si trasformò in un insegnamento monoteistico, e così apparve l'ebraismo - la religione che conosciamo oggi.

religione ebraica

La storia di yavvizma

Come già accennato, il Dio di Yahweh è il Dio nazionale degli ebrei. Tutto intorno alla sua cultura e alle sue tradizioni religiose. Ma per capire cosa costituisce l'ebraismo, soffermiamoci brevemente sulla sua storia sacra. Secondo la fede giudaica, Yahweh è l'unico vero Dio che ha creato il mondo intero, compreso il sistema solare, la terra, tutta la sua flora, fauna e infine la prima coppia di persone - Adamo ed Eva. Allo stesso tempo, fu dato il primo comandamento per l'uomo di non toccare i frutti dell'albero della conoscenza del bene e del male. Ma le persone hanno violato il comando divino e per questo sono stati espulsi dal paradiso. Un'ulteriore storia è caratterizzata dall'oblio dei discendenti di Adamo ed Eva al vero Dio e all'apparenza del paganesimo: cruda idolatria, secondo l'opinione degli ebrei. Tuttavia, di quando in quando l'Onnipotente si faceva sentire, vedendo i giusti in una comunità umana corrotta. Tale era, per esempio, Noè - un uomo dal quale la gente si stabilì di nuovo sulla terra dopo il Diluvio. Ma i discendenti di Noè dimenticarono rapidamente il Signore, cominciando ad adorare altri dei. Ciò continuò fino a quando Dio chiamò Abramo, un residente di Ur dei Caldei, con il quale stipulò un patto, promettendo di renderlo padre di molte nazioni. Abramo aveva un figlio Isacco e un nipote di Giacobbe, che sono tradizionalmente riveriti come patriarchi - i progenitori del popolo ebraico. L'ultimo, Jacob, aveva dodici figli. Per la provvidenza di Dio accadde che undici di loro furono venduti in schiavitù il dodicesimo - Giuseppe. Ma Dio lo aiutò, e col tempo Giuseppe divenne il secondo uomo in Egitto dopo il faraone. Il ricongiungimento familiare ebbe luogo in tempi di terribile carestia, e quindi tutti gli ebrei, su invito del faraone e di Giuseppe, andarono a vivere in Egitto. Quando il patrono reale morì, un altro faraone divenne crudele con i discendenti di Abramo, costringendoli a fare un duro lavoro e uccidere i neonati. Per quattrocento anni questa schiavitù continuò, finché alla fine Dio chiamò Mosè per liberare il suo popolo. Mosè guidò gli ebrei fuori dall'Egitto e al comando del Signore dopo quaranta anni entrarono nella Terra Promessa - Palestina moderna. Lì, combattendo guerre sanguinose con idolatri, gli ebrei stabilirono il loro stato e persino ricevettero un re dal Signore - prima Saul, e poi David, il cui figlio Salomone costruì il grande santuario del giudaismo - il tempio di Yahweh. Quest'ultimo fu distrutto nel 586 dai Babilonesi, e poi ricostruito di nuovo per ordine di Tiro il Grande (nel 516). Il secondo tempio è durato fino al 70 d.C. O. quando fu bruciato durante la guerra ebraica dalle truppe di Tito. Da quel momento, non è stato ripristinato e il servizio è cessato. È importante notare che nel giudaismo non ci sono molti templi - questo edificio può essere solo uno e solo in un posto - in monte del tempio a Gerusalemme Pertanto, per quasi duemila anni l'ebraismo è esistito in una forma particolare - nella forma di un'organizzazione rabbinica guidata da studiosi e laici.

Giudaismo: idee e concetti di base

Come già accennato, la fede ebraica riconosce un solo ed unico Dio - Yahweh. In realtà, il vero suono del suo nome fu perso dopo la distruzione del tempio da parte di Tito, quindi "Yahweh" è solo un tentativo di ricostruzione. Sì, e lei non entrò negli ambienti ebraici di popolarità. Il fatto è che nel giudaismo c'è un divieto alla pronuncia e all'ortografia del sacro nome di quattro lettere di Dio - tetragrammaton. Pertanto, fin dai tempi antichi, è stato sostituito in conversazione (e anche in Sacra Scrittura) la parola "Signore".

Un'altra caratteristica importante è che il giudaismo è una religione di una sola nazione - gli ebrei. Pertanto, è un sistema religioso piuttosto chiuso, che non è così facile da raggiungere. Certamente, ci sono esempi nella storia dell'adozione del giudaismo da parte di rappresentanti di altre nazioni e persino intere tribù e stati, ma in generale gli ebrei sono scettici riguardo a questa pratica, insistendo sul fatto che l'alleanza del Sinai si applica solo ai discendenti di Abramo - il popolo ebraico scelto.

Gli ebrei credono nella parrocchia dei mashiachas - un messaggero di Dio eccezionale, che tornerà in Israele per la sua antica gloria, diffonderà gli insegnamenti della Torah in tutto il mondo e persino restaurerà il tempio. Inoltre, l'ebraismo è caratterizzato dalla fede nella risurrezione dei morti e da un giudizio terribile. Al fine di servire Dio con giustizia e impararlo, il Tanah, il santo canone dei libri, che inizia con la Torah e termina con le rivelazioni dei profeti, fu donato al popolo di Israele dall'Altissimo. Tanach è conosciuto nei circoli cristiani come Antico Testamento. Naturalmente, gli ebrei non concordano categoricamente con una simile valutazione delle loro Scritture.

Ebraismo brevemente

Secondo gli insegnamenti degli ebrei, Dio è inconcepibile, quindi non ci sono immagini sacre in questa religione - icone, statue, ecc. L'arte non è affatto famosa per il giudaismo. Possiamo anche citare brevemente la dottrina mistica dell'ebraismo - la Kabbalah. Questo, se non si basa su tradizioni, ma su dati scientifici, è un prodotto molto tardo del pensiero ebraico, ma non per questo meno eccezionale. La Kabbalah vede la creazione come una serie di emanazioni e manifestazioni divine del codice della lettera-numero. Le teorie kabbalistiche, tra le altre cose, riconoscono anche il fatto della trasmigrazione delle anime, che distingue questa tradizione da un numero di altre religioni monoteistiche, e ancor più abramitiche.

Comandamenti nel giudaismo

Nella cultura mondiale, i comandamenti del giudaismo sono ampiamente conosciuti. Sono strettamente legati al nome di Mosè. Questo è veramente un vero tesoro etico portato al mondo dal giudaismo. Le idee principali di questi comandamenti sono ridotte alla purezza religiosa - l'adorazione di un solo Dio e l'amore per lui e per la vita sociale e retta - onorare i genitori, la giustizia pubblica e l'onestà. Tuttavia, nel giudaismo c'è una lista molto più ampia di comandamenti, chiamati in ebraico mitsvot. Ci sono 613 tali mitzvot, che si ritiene corrispondano al numero di parti del corpo umano. Questa lista di comandamenti è divisa in due: i comandamenti proibitivi, il numero 365 e l'imperativo, di cui ci sono solo 248. La lista delle mitzvot, generalmente accettata nel giudaismo, appartiene al famoso Maimonide, un eminente pensatore ebreo.

Ebraismo e Cristianesimo

tradizioni

Lo sviluppo secolare di questa religione ha modellato le tradizioni del giudaismo, che sono strettamente osservate. Innanzitutto, riguarda le vacanze. Sono dedicati agli ebrei in determinati giorni del calendario o del ciclo lunare e sono progettati per preservare la memoria della gente di qualsiasi evento. Il più importante di tutti è la celebrazione di Pesach. Il comando di obbedirgli fu dato, secondo la Torah, da Dio stesso al momento dell'esodo dall'Egitto. Questo è il motivo per cui Pesach è stato programmato per la liberazione degli ebrei dalla prigionia egiziana e dalla traversata del Mar Rosso nel deserto, da cui il popolo poteva quindi raggiungere terra promessa Anche conosciuta vacanza Sukkot - un altro evento importante, che segna l'ebraismo. In breve, questa vacanza può essere descritta come un ricordo del viaggio degli ebrei attraverso il deserto dopo l'esodo. Questo viaggio è durato 40 anni prima dei 40 giorni promessi, in punizione per il peccato del vitello d'oro. Sukkot dura sette giorni. In questo momento, gli ebrei sono obbligati a lasciare casa e vivere in capanne, il che significa la parola "Sukkot". Ci sono molte altre date importanti tra gli ebrei, celebrati con celebrazioni, preghiere speciali e rituali.

Oltre alle date delle vacanze, ci sono post e giorni di dolore nel giudaismo. Un esempio di un giorno del genere è Yom Kippur, il giorno dell'espiazione, che costituisce il giudizio finale.

Ci sono anche molte altre tradizioni nel giudaismo: indossare paise, circoncisione di bambini maschi dall'ottavo giorno dalla nascita, un tipo speciale di attitudine al matrimonio, ecc. Per i credenti, queste sono importanti abitudini che il giudaismo imputa loro. Le idee principali di queste tradizioni sono coerenti sia direttamente con la Torah, sia con il Talmud - il secondo libro più autorevole dopo la Torah. È spesso difficile per i non ebrei capirli e comprenderli nelle condizioni del mondo moderno. Tuttavia, sono loro che formano la cultura del giudaismo dei nostri giorni, basata non sul culto del tempio, ma sul principio della sinagoga. La sinagoga, a proposito, è un incontro della comunità ebraica in un Sabbath o una vacanza per la preghiera e la lettura della Torah. La stessa parola è chiamata l'edificio in cui si riuniscono i credenti.

i comandamenti del giudaismo

Sabato nell'ebraismo

Come già accennato, per il servizio di sinagoga nella settimana viene assegnato un giorno - Sabato. Questo giorno in generale è un tempo sacro per gli ebrei, e i credenti sono particolarmente ansiosi di osservare i suoi statuti. Per mantenere e onorare questo giorno è prescritto da uno dei dieci comandamenti fondamentali del giudaismo. Rompere il giorno di riposo del Sabbath è considerato un comportamento grave e richiede il senso di colpa dell'espiazione. Pertanto, nessun ebreo vero funzionerà e generalmente farà ciò che è proibito fare in questo giorno. La santità di questo giorno è associata al fatto che, avendo creato il mondo in sei giorni, il settimo l'Altissimo si riposò e lo ordinò a tutti i suoi ammiratori. Il settimo giorno è sabato.

tradizioni dell'ebraismo

Ebraismo e Cristianesimo

Dal momento che il cristianesimo è una religione che afferma di essere il successore del giudaismo attraverso l'adempimento delle profezie del Tanach sul miscuglio di Gesù Cristo, il rapporto degli ebrei con i cristiani è sempre stato ambiguo. Soprattutto queste due tradizioni erano separate l'una dall'altra dopo che il conclave ebraico aveva imposto un cristiano sul cristianesimo, cioè sulla maledizione. I successivi duemila anni furono un periodo di inimicizia, odio reciproco e spesso persecuzione. Ad esempio, l'arcivescovo di Alessandria, Cirillo nel V secolo, guidò un'enorme diaspora ebraica dalla città. La storia dell'Europa è piena di ricadute simili. Oggi, nell'apogeo dell'ecumenismo, il ghiaccio ha cominciato a sciogliersi gradualmente e il dialogo tra i rappresentanti delle due religioni ha cominciato a migliorare. Sebbene ci sia ancora sfiducia e estraneità da entrambe le parti dei credenti da entrambe le parti. È difficile per i cristiani capire l'ebraismo. Le idee di base della chiesa cristiana sono tali che gli ebrei sono accusati del peccato di crocifiggere Cristo. Sin dai tempi antichi, la chiesa ha rappresentato gli ebrei come cristiani di Cristo. È difficile per gli ebrei trovare un modo per dialogare con i cristiani perché, per loro, i cristiani rappresentano chiaramente eretici e seguaci di un falso messia. Inoltre, l'oppressione secolare ha insegnato agli ebrei a non fidarsi dei cristiani.

cultura dell'ebraismo

Ebraismo oggi

Il giudaismo moderno è una religione abbastanza numerosa (circa 15 milioni). È caratteristico che non ci sia un capo unico o un'istituzione a capo che abbia un'autorità sufficiente per tutti gli ebrei. L'ebraismo è diffuso ovunque nel mondo e consiste in diverse confessioni, che si differenziano tra loro per il grado di conservatorismo religioso e le caratteristiche del dogma. Rappresentanti dell'ebraismo ortodosso rappresentano il nucleo più forte. Gli Hasidim sono piuttosto vicini a loro - ebrei molto conservatori con un'enfasi sull'insegnamento mistico. Questo è seguito da diverse organizzazioni ebraiche riformiste e progressiste. E proprio alla periferia ci sono comunità di ebrei messianici, che, seguendo i cristiani, riconoscono l'autenticità della vocazione messianica di Gesù Cristo. Loro stessi si considerano ebrei e in qualche misura osservano le principali tradizioni ebraiche. Tuttavia, le comunità tradizionali hanno negato loro il diritto di essere chiamati ebrei. Pertanto, ebraismo e cristianesimo sono costretti a dividere questi gruppi a metà.

La diffusione del giudaismo

L'influenza del giudaismo è la più forte in Israele, dove vive circa la metà di tutti gli ebrei del mondo. Un altro quaranta percento si trova nei paesi del Nord America: Stati Uniti e Canada. Il resto è sistemato in altre regioni del pianeta.