Il poema "Monumento" fu scritto da A.Skinkin nel 1836. In opere come "The Poet" e "The Poet and the Crowd", il problema del rapporto tra la società e la personalità creativa è acutamente posto. E nel "Monumento" questa domanda ottiene una formulazione molto speciale e capiente. Permette di completare riflessioni sul significato di creatività e gloria poetica.

analisi del monumento alla poesia di Puskin

Funzionalità Pushkin funziona

Nell'analisi del poema "Monumento" di Puskin, uno studente può indicare che il lavoro era una sorta di riassunto del percorso creativo del poeta, un testamento fatto da lui alla fine del percorso. Secondo il suo tema, il lavoro risale all'ode di Orazio "A Melpomene" - l'epigrafe al poema è preso da esso. Va notato che la prima traduzione dell'ode fu fatta da M. V. Lomonosov, e quindi i suoi motivi furono sviluppati da G. R. Derzhavin. Tuttavia, ciascuno dei poeti interpretava in modo diverso il modo creativo passato, formulando a modo suo il diritto all'immortalità. Orazio credeva di essere degno di lode per le opere scritte da lui; Derzhavin - per la sincerità poetica e la capacità di esprimere direttamente le loro idee, il coraggio civile.

Ho eretto un monumento a me stesso

La storia della creazione del poema "Monumento" di Puskin

Ci sono diverse ipotesi associate alla creazione di un'opera. Alcuni ricercatori sostengono che il poema sia stato scritto come un'imitazione di Orazio. Altri dicono che Pushkin riformulò poesie di Lomonosov e Derzhavin. Il "Monumento" originale è stato trovato dopo la morte del poeta e consegnato a V. Zhukovsky. Ne fece dei cambiamenti e nel 1841 l'opera vide la luce.

La gloria eterna del grande poeta

L'analisi del poema "Monumento" di Puskin mostra che nell'opera l'eroe lirico collega la sua gloria futura all'esistenza della poesia in quanto tale. Il suo spirito sarà immortale finché "almeno un drink è vivo". Pushkin delinea i confini della sua fama, prevedendo che il suo lavoro si trasformerà in un tesoro nazionale di tutti i popoli della Russia. Il poeta scrive: "Ho eretto un monumento a me stesso non fatto a mano". Immediatamente, sottolinea che "questa via non è invasa da poesie popolari". Nell'opera l'eroe lirico comprende chiaramente questo diritto all'immortalità. Il poema è un eccellente esempio del lavoro maturo del grande poeta russo.

Alexander Pushkin monumento

genere

Continuando l'analisi del poema "Monumento" di Puskin, è necessario menzionare il suo genere. La maggior parte degli studiosi di letteratura attribuisce il lavoro all'ode. Tuttavia, questo è un genere molto speciale di genere. Come Derzhavin, il grande poeta russo divide il suo lavoro in cinque stanze, usando una dimensione in versi simile. Nelle prime tre righe A. Pushkin usa la taglia, il classico per l'ode è l'iamb di sei piedi. Tuttavia, l'ultima riga è scritta nel tetrametro giambico. Questo ti permette di renderlo un obiettivo semantico.

Tema e idea

Il lavoro è un inno alla poesia. Il tema del "Monumento" di Puskin è la glorificazione della poesia, così come l'affermazione dell'alta posizione del poeta nella vita della società. Nel poema, Puskin fa da erede delle tradizioni create da Lomonosov e Derzhavin. Anche nel lavoro, il grande poeta russo rivela il tema del rapporto tra il poeta e il lettore, sottolineando che il suo lavoro sarà interessante per destinatari molto diversi. E questo è evidente fin dalle prime linee del lavoro. Dopo le parole "Ho eretto un monumento a me stesso non creato dall'uomo", il poeta esprime la convinzione che la gente non dimenticherà la sua impresa creativa. Anche questa idea è espressa in righe successive. A.Skinkin scrive che la sua opera sarà coperta di gloria finché ci saranno dei poeti sulla terra.

Tema del monumento di Pushkin

composizione

L'analisi del poema "Monumento" di Puskin sarebbe incompleta senza descrivere la composizione dell'opera. La prima stanza stabilisce il tema del significato del monumento della poesia. Tuttavia, Pushkin introduce anche qui il motivo della libertà, che è tradizionale per il suo lavoro. Nella seconda stanza, il poeta afferma l'immortalità della poesia, permettendo all'autore di ottenere una continuazione della vita nella memoria dei discendenti. Nella terza stanza, analogamente al Monumento di Derzhavinsky, il tema dell'interesse della gente per la creatività si sviluppa tra gli strati più diversi della popolazione.

Ma il carico semantico principale è nella quarta stanza. In esso, il poeta definisce ciò che è più importante per il suo lavoro, che gli consente di sperare nell'immortalità: sarà "gentile con il popolo" che potrebbe, nei tempi crudeli, "lodare la libertà" e "invocare la misericordia per i caduti". Qui il poeta richiama l'attenzione sull'umanesimo, che permea le sue opere, l'umanità e la misericordia. Il poeta è sicuro che i "buoni sentimenti" che la poesia si risveglia siano molto più importanti delle sue proprietà estetiche.

Nell'ultima strofa dell'opera "Monument" di Alexander Pushkin, l'eroe lirico si riferisce tradizionalmente alla musa. La richiesta dell'eroe lirico, espressa nella musa, restituisce il lettore alle idee che sono state espresse nel programma di lavoro del poeta "The Prophet". La loro idea principale è che il poeta non fa parte della propria volontà, e quindi è responsabile non delle persone che sono spesso incapaci di comprendere le idee della creatività, ma in paradiso.

la storia della creazione del poema monumento Pushkin

Strumenti d'arte

Il lettore troverà un gran numero nel lavoro. mezzo di espressione artistica. Ad esempio, il poema è ricco di epiteti. Questo è "l'amico delle steppe Kalmyk" e "Grande Russia". Anche nel poema, il poeta usa il metodo della metonimia, o sineddoche: "E il fiero nipote degli slavi, e il finlandese ...". Ricordiamo che questa tecnica è chiamata un modo in cui un concetto viene sostituito da un altro, adiacente nel significato. C'è molta metafora nel lavoro: "l'anima è nella lira amata". Dalla sintassi viene usato il multi-sindacato. Il lavoro usa la croce-rima, dove alternano filastrocche e filastrocche.