Era una di quelle meravigliose bellezze che l'hanno visto almeno una volta, non è mai stato possibile dimenticarlo. Ha iniziato a recitare nei film a diciotto anni, e il primo film, che era già diventato un classico del cinema sovietico, "Behind the Storefront di un grande magazzino", le ha fatto guadagnare un po 'di fama. Poi sono arrivati ​​gli altri film e un altro, il nuovo uso del suo talento come attrice. Quindi, facciamo conoscenza, Michaela Drozdovskaya.

Inizio del viaggio della vita

Michaela Mikhailovna Drozdovskaya è nata quattro anni prima dell'inizio di una delle guerre più terribili della storia dell'umanità - il 10 marzo 1937. Il bambino ha dovuto crescere in un momento molto difficile per l'Unione Sovietica. Allora la maggior parte delle persone sognava solo una vita tranquilla, ben nutrita e felice. Eppure, nonostante questo stato di cose, la piccola Michaela Drozdovskaya (attrice nel prossimo futuro) ha studiato bene a scuola, anche lei si è laureata ed è diventata studentessa presso l'All-Union State Institute of Cinematography. Ha studiato molto duramente e mai perso le lezioni.

L'inizio di una grande strada

Il suo primo ruolo è avvenuto quando Macaela aveva solo 18 anni. Ha studiato nel suo primo anno quando ha ricevuto un invito a girare alla commedia "Oltre il negozio di un grande magazzino". E lascia che questa immagine non sia così popolare come, per esempio, la storia di una notte di carnevale, ma il trio di belle donne, Drozdovskaya, Volodina e Druzhinina, è stato ben ricordato dal pubblico.

Mikaela Drozdovskaya

Il debutto è stato più che positivo. Grazie a lei, l'amore popolare e la fama arrivarono all'attrice. Il pubblico sovietico era pieno di simpatia per la dolce ragazza, in attesa del suo nuovo aspetto sullo schermo. Un paio di anni dopo, Mikaela Drozdovskaya ha lavorato alla Sinfonia di Leningrado, e dopo altri dodici mesi è andata sul set del film drammatico militare Volunteers, dove il suo partner era Leonid Bykov. È stato questo film che è entrato nel salvadanaio d'oro del cinema nazionale, è diventato pazzo di popolarità e è rimasto sugli schermi per molto tempo.

Drozdovskaya finalmente si rese conto che una tale gloria assordante. Eppure ha continuato a lavorare sia a teatro che al cinema.

Parallelamente allo scatto ...

Altri tre anni e quattro film sono passati nella vita dell'attrice quando lo stesso Rolan Bykov ha suggerito che recitasse nel suo film "Seven Nannies". Il talentuoso regista ha potuto vedere in lei un tipo incredibilmente vivace che differiva così tanto dalla stragrande maggioranza delle attrici di quei decenni. Questa commedia divertente è piaciuta anche al pubblico sovietico. Anche dopo tanti anni, molte persone ricordano le frasi dei suoi personaggi che sono diventate popolari.

Nel 1965, per la prima volta, Michaela Drozdovskaya, la cui biografia iniziò così intensamente e finì così terribilmente, diede la sua voce ad una delle attrici francesi, dandole voce nel film "Thunder of Heaven". E lo ha gestito semplicemente fantastico. Pertanto, il doppiaggio diventa ora la sua seconda carriera, che dura fino al 1971.

Attrice Mikaela Drozdovskaya

Per sei anni, dal 1963 al 1969, Michaela Mikhailovna è riuscita a interpretare un sacco di personaggi molto brillanti, lavorando con registi di spicco. In questo momento nella sua biografia creativa sono apparse nuove interessanti opere nei film "Dà un libro di querelanti", "Brucia, brucia, La mia stella", "Wake Mukhin", "Mimino" e molti altri.

1970 è stato segnato per l'attrice di un nuovo film, che in seguito è entrato in concorso al prossimo festival di Cannes. Era il famoso dramma bellico "Running". Gli anni settanta non hanno avuto altrettanto successo per Drozdovskaya negli ultimi dieci anni. È arrivato un significativo calo della sua popolarità, e ruoli meno o meno significativi sono stati offerti a Michaela Mikhailovna molto meno spesso. Pertanto, è stata costretta ad accettare tutte le offerte che ha ricevuto.

Bellezze della vita personale

Era sempre circondata da gentiluomini, ma non contraccambiava nessuno.

A quel tempo, Mikaela Drozdovskaya era impegnata nello studio e nella carriera di attrice. La sua vita personale in quel momento fu spinta molto indietro. Sì, di tanto in tanto voleva essere in grado di appoggiarsi a una spalla maschile forte. Eppure ha iniziato una famiglia solo quando aveva quasi trent'anni ...

Mikaela Drozdovskaya vita personale

Lo sposo della bellezza era un uomo lontano dal mondo del cinema - era un cardiologo. Il suo nome era Vadim Smolensky. Il loro romanzo era come descritto nei libri: c'erano ferventi confessioni, voci tremanti, abbracci ardenti. Il loro amore era bello e reale. Al matrimonio c'erano solo amici, colleghi e parenti dei giovani. Presto hanno avuto una figlia Veronika, e pochi anni dopo una seconda figlia, Daria (ora attrice Daria Drozdovskaya). Michaela Drozdovskaya praticamente non si è seduto sul decreto, ha cercato di lavorare, lavorare e lavorare.

Per questo, Smolensky era per le ragazze non solo un padre, ma anche una madre: lavava i pannolini, li nutriva, li leggeva favole ... E la mia amata madre era piuttosto una specie di uccello magico o fata fatata.

Morte terribile

La loro figlia più giovane è appena arrivata in prima classe, quando il dolore irreparabile è avvenuto in famiglia: non c'era madre. Dopo le riprese nella città di Ordzhonikidze, che sono state le ultime della sua vita, Michaela Drozdovskaya ha deciso di non partire con i cineasti, ma di pernottare nella casa prevista per il loro soggiorno. Faceva freddo: per la strada, il 7 novembre 1978, e la casa non era riscaldata. Per riscaldarsi in qualche modo, l'attrice accese due riflettori, si tirò su una coperta e si addormentò profondamente.

Biografia di Mikaela Drozdovskaya

Di notte, lei accidentalmente ha preso a calci la coperta in piedi, è scivolata sulle lampade calde e ha preso fuoco. Mentre dormiva ancora, Michaela fu avvelenata dal monossido di carbonio. All'inizio le sue gambe stavano bruciando. E quando vennero correndo per salvarla e aprirono la porta, con una brutta copia, il fuoco si spostò più in alto. Drozdovskaya fu immediatamente inviato a Mosca. I migliori dottori hanno combattuto disinteressatamente per la sua vita. Ma niente potrebbe aiutarla. Una settimana dopo, il 14 novembre 1978, morì in una terribile agonia.