Cosa sarebbe l'arte e la cultura contemporanea senza una grande eredità del passato? Senza un sublime rinascimento, un rigoroso classicismo e, naturalmente, una bellezza antica, che divenne una sorta di punto di partenza nella storia dell'opera di tutta l'umanità?

Furono proprio gli antichi canoni a diventare per noi classici, i più sublimi e completi. La mitologia dell'antica Grecia e di Roma colpisce ancora per la sua ricchezza e grandezza del pantheon, la varietà di soggetti e immagini. Forse nel mondo non c'è nessuno che non abbia idea di Zeus - il più grande degli dei dell'Olimpo. O, per esempio, su Efesto.

nomi delle muse della Grecia antica

Ricorda l'umanità e le belle ninfe, nayadas e nereidi, ma che dire degli eroi, un vivido esempio di ciò che può essere chiamato il grande Ercole?

Tra il cielo e la terra

Certo, c'era un abisso quasi insormontabile tra il picco irraggiungibile della divinità e l'esistenza terrena, ma c'erano anche quelli che erano nel mondo intermedio, che collegavano i due cosmi insieme: terreno e divino. Questo ruolo è stato svolto dalla musa dell'antica Grecia, che sarà discusso ulteriormente.

Chi sono le muse?

Prima di tutto, va notato che, nonostante il contatto piuttosto stretto con il mondo della terra, le muse avevano comunque un'origine divina. Tutte e nove le sorelle sono nate dalla dea Mnemosyne del dio supremo Zeus.

Nate da una tale unione, le nove muse della Grecia antica rappresentavano una sorta di ponte tra il passato e il presente: il primo pantheon (con a capo Kronos) e il secondo, in cima al quale si ergeva il grande Zeus.

Cosa hanno fatto le muse?

Come ogni altra cosa in questo mondo, il destino e lo scopo delle muse sono cambiati nel tempo. Se ci rivolgiamo alla mitologia, possiamo scoprire che la comprensione moderna di queste creature ultraterrene era significativamente diversa da quella attuale.

Oggi, le muse della Grecia antica sono percepite unicamente come una sorta di ispirazione. Soprattutto è necessario sottolineare il fatto che oggi il contatto con queste creature è attribuito solo agli artisti (artisti, poeti, registi). In effetti, c'erano mecenati della musica, su cui l'umanità si dimenticava con sicurezza.

musa dell'arte antica della Grecia

Inizialmente, le nove muse della Grecia antica avrebbero dovuto dare alle persone una parola persuasiva tanto necessaria, istruendole sulla retta via e confortandole nei momenti di disperazione. Inoltre, il loro scopo era, naturalmente, la glorificazione della buona morale degli dei che esisteva dalla creazione del mondo.

Nel tempo, le muse della Grecia antica hanno iniziato a svolgere funzioni più piccole, acquisendo un carattere sempre più simbolico.

Qualcosa sul leader delle Muse

Prima di parlare delle muse stesse, dovremmo parlare del loro leader, poiché è stato lui a capire perché i nomi delle nove muse della Grecia antica siano ora citati solo in connessione diretta con l'arte.

Era dominato sulle muse da nientemeno che il figlio di Zeus e la dea Leto Apollo. Nella coscienza dell'umanità moderna, è questo rappresentante dell'antico pantheon greco che è l'incarnazione della bellezza, della grazia e della sublimità.

Nomi delle 9 Muse dell'antica Grecia

Forse fu grazie al dio sole che i nomi delle muse della Grecia antica iniziarono ad essere associati esclusivamente all'arte. In tutta onestà va notato che Apollo stesso, oltre alle belle arti, ha anche frequentato la medicina, ma nel mondo moderno questo non è particolarmente importante.

Queste diverse sorelle

Se presti attenzione ai miti dell'antica Grecia, le muse per lo più rappresentano in loro una sorta di unità, un fenomeno. Tuttavia, ciò non significa affatto che non differiscano in alcun modo tra loro.

In effetti, ognuna delle muse ha svolto un ruolo speciale, ha svolto funzioni strettamente definite, ha patrocinato un fenomeno specifico.

Come accennato in precedenza, nella mitologia greca ci sono prove dell'esistenza di nove muse.

Che patrocinato

Nella forma più generale, la sfera di influenza di nove muse può essere suddivisa in tre settori significativi: scienza, poesia e musica, e infine teatro. Certamente, una tale divisione non è completa e dà solo una vaga idea di una tale divinità come una musa.

Riferendosi alle specifiche, notiamo che gli antichi greci erano molto attenti a vari dettagli, circostanze, sottigliezze che sembrerebbero insignificanti per l'uomo moderno. Tutta l'arte antica impressiona con la chiarezza e il rigore delle forme.

foto musa antica grecia

Non sorprende che lo stesso approccio dei greci sia stato applicato alle Muse. Ad esempio, la poesia epica e lirica aveva patroni separati. Lo stesso valeva per la tragedia e la commedia.

Ora che abbiamo capito in generale ciò che le muse della Grecia antica hanno patrocinato, parliamo di ognuna di esse separatamente.

Musa della storia

Come accennato in precedenza, nell'antica visione del mondo la musa era responsabile non solo per l'arte, ma anche per la scienza. La storia, per esempio, era il dominio dell'influenza di Muse Clio, che è più spesso raffigurata in corona di alloro, con una pergamena e un bastone per scrivere tra le mani.

Allo stesso modo delle altre muse della Grecia antica, Clio era impegnata in una specifica attività, cioè la fissazione di tutte le grandi imprese compiute sia nel mondo terreno sia in quello divino. Il rotolo che tiene tra le mani su tutte le immagini è necessario affinché la musa possa immediatamente catturare ciò che è accaduto nella storia.

Musa dell'astronomia

Sin dai tempi antichi, i Greci erano interessati al mondo che li circonda, in particolare, era legato al cosmo, che per loro aveva molto più significato che per l'uomo moderno.

In virtù di questa astronomia era considerata una delle scienze più importanti, che fu studiata senza fallimenti insieme alla matematica e, a proposito, alla musica. Sulla base di questo, non sorprende affatto che tra le 9 muse della Grecia antica c'era un posto per Urania, la patrona dell'astronomia.

Questa musa era raffigurata con le bussole e le volte celesti nelle mani, che nella misura massima riflettevano il suo scopo.

Musa di poesia epica e conoscenza

Se guardi la foto, le muse della Grecia antica sono abbastanza simili tra loro. Così, il santo patrono della storia, Clea, può essere facilmente confuso con Calliope, che è anche tradizionalmente raffigurato con una pergamena e un bastone da scrittura.

nomi di nove muse dell'antica Grecia

A differenza di sua sorella, Calliope tutela la poesia epica e la conoscenza. Forse questo è dovuto alla somiglianza esterna, perché è un'opera epica dell'antica Grecia che non può essere immaginata senza l'evento storico che sta alla base della trama. In questo caso, questo non è necessariamente un fatto reale della storia - un fatto fittizio può anche essere coperto.

Testi di Muses

Insieme alla poesia epica, c'era, ovviamente, un lirico. È degno di nota il fatto che sia stata patrocinata non da uno, ma da due intere sorelle divine: Erato ed Euterpe.

Solo a prima vista, queste due muse dell'arte greca hanno patrocinato una realtà. Erato era considerato un'amorevole poesia lirica come mezzo di influenza. Era raffigurata con una lira tra le mani.

9 muse dell'antica Grecia

Quanto alla sorella Euterpe, ha anche aggiunto musica alla poesia lirica, e il flauto è stato considerato lo strumento della musa, secondo le immagini e le descrizioni che sono giunte ai nostri giorni.

Un'altra musa musicale

Il significato della musica per gli antichi greci può essere facilmente determinato almeno dal numero di muse che lo hanno patronato. Così, insieme a quanto sopra, c'era anche Polyhymnia, nel cui potere c'erano canti solenni.

Arte della danza

Continuando a elencare i nomi di 9 muse della Grecia antica, passiamo al culto della bellezza del corpo umano. In obbedienza al principio della kalokagatia, gli antichi greci prestavano molta attenzione all'arte della danza, quindi il fatto che la coreografia fosse patrocinata da una musa separata non era affatto sorprendente. Il Terpsichore dai piedi leggeri era spesso associato al culto di Dioniso, motivo per cui era quasi sempre possibile vedere l'edera tra i suoi attributi. Molto spesso la musa del ballo era raffigurata con una lira in mano.

Grande teatro degli antichi greci

È difficile immaginare l'era dell'antichità senza teatro. Fu lui che in molti modi divenne il primo passo per lo sviluppo dell'arte. Va notato che la commedia e la tragedia greche esistevano in un certo senso separatamente l'una dall'altra. La ragione di ciò era la divisione di tutta l'arte in alto e in basso. Quindi, la commedia era considerata un genere basso ed era principalmente associata al culto di Dioniso, mentre il bellissimo Apollo era patrocinato dalla tragedia.

la musa della Grecia antica

Per quanto riguarda le muse, ovviamente, ce n'erano due. L'alta tragedia greca esisteva e si sviluppò grazie a Melpomene, e la patrona della commedia per gli antichi greci era la musa Thalia.

Che aspetto avevano le muse

Qualcosa sull'aspetto delle nove muse è già stato detto, ma non fa male riassumere un determinato risultato in modo che l'impressione di queste creature sia completa.

Se guardi le sculture antiche conservate o le loro foto, le muse della Grecia antica sembravano quasi le stesse. Prima di tutto, è, ovviamente, un bel corpo. Il principio della kalokagatia, sopra menzionato, era che la bellezza esteriore era certamente bella e interiore. Ecco perché le creature così compiacenti, come muse, semplicemente non potevano avere un aspetto sgradevole.

Si differenziavano l'uno dall'altro per la maggior parte dai loro attributi, che parlavano delle "aree di responsabilità" delle bellezze divine.

L'eredità delle nove muse

In senso lato, l'umanità dalle muse ha ottenuto l'arte stessa. Tuttavia, sembra più curioso che nascano le creature di bellezza celesti dei greci creature che difficilmente possono essere caratterizzate allo stesso modo.

miti dell'antica musa greca

Inoltre, secondo i miti, i bambini delle Muse erano pericolosi per gli umani. Le sirene che uccisero così tanti navigatori con il loro meraviglioso canto nacquero da Melpomene di Achelois. Altre creature - i gemelli Paliki, secondo alcuni miti, nacquero da Thalia.

I nomi delle muse della Grecia antica non sono ascoltati molto spesso oggi, tuttavia, proprio il concetto, l'idea di essi è stata conservata per sempre nel ricordo dell'umanità. "La bellezza salverà il mondo", disse il grande Dostoevskij. la cos'è la bellezza? se non arte, che è sempre frequentato da una bella musa?