L'antico pantheon degli dei slavi era in realtà piuttosto esteso e comprendeva circa 70 personaggi diversi. Per lo più questi dei erano associati ad alcune forze della natura, e il più importante di essi era Rod. Gli slavi credevano che questa divinità creasse l'intera realtà visibile, separava le Javas da Navi (il mondo visibile dallo spirituale), così come la Verità da Krivda. Il genere è considerato la divinità più antica, il patrono della natura, della fertilità, del raccolto. I nostri antenati credevano di essere il signore delle nuvole e di mandare l'anima sulla terra alla nascita. Il suo uccello è considerato un'anatra, e il pesce è un luccio, come in molte leggende le donne danno alla luce bambini, avendo assaggiato zuppa di pesce da questo particolare pesce.

Antiche divinità slave

Le antiche divinità slave hanno nomi simili con gli indiani

Oggigiorno, gli adoratori della religione antica mettono monumenti nel Sort sotto forma di simboli fallici di colore rosso da cenere, olmo o faggio, che riecheggiano la tradizione indiana di erigere tali monumenti in onore della foresta indiana Rudra. Quest'ultimo è anche il dio dei temporali, l'agricoltura e la fertilità, ed è una creatura con la pelle rossa, i capelli neri e il collo blu. Il Rudra indiano è anche un guerriero vestito con pelli di animali. Dio è ancora adorato in Russia inconsapevolmente venerato fino ai nostri giorni, quando il giorno del Rodion ortodosso il rompighiaccio è celebrato il 21 aprile (in lingua pagana - Radogoshche).

Antico dio del sole slavo

Le abitudini di quei tempi sono rispettate fino ad ora

Accanto a Rod nell'epica slava ce ne sono due dea (Lada con la figlia Lyolya), che proteggono le donne incinte e in procinto di partorire. Lada - è la moglie di Rod, in altre culture, con Venere, iperborea Lato o Demetra. Era associata al periodo di maturazione estiva dei frutti, una casa adattata dalla vita. In russo, questo è stato espresso nelle parole LAD, per regolare, cioè, per stabilire l'ordine, per equipaggiare. La dea Lola patrocinò gli slavi dell'amore da nubile, amanti, bellezza, felicità, i primi germogli sulla terra arabile. Pertanto, Lelu - Primavera - si è deciso di richiamare alla fine di aprile (quindi il clima era più severo e l'inverno - lungo). Gli antichi dei slavi non hanno lasciato alcuna targa ai popoli che vivevano sul territorio della Russia (o, forse, si erano persi dopo la prescrizione del tempo). Tuttavia, per molti anni, fino ai nostri giorni, alcune abitudini sono state osservate, lasciate in eredità da allora. Ad esempio, la prima volta che tagliava il bambino è stata presa "su Rozhanits", cioè il giorno della festa in loro onore, 8-9 settembre.

Vecchio pantheon slavo di dei

Quattro divinità solari in Russia

L'antico dio slavo del sole, in diverse versioni, non era solo in epoca preistorica in Russia. I ricercatori hanno scoperto che le persone adoravano diverse divinità solari in diversi periodi dell'anno. Così, God Hors, identificato con la crescita dei flussi di energia solare (Kolyade), è stato portato offerte dal solstizio d'inverno all'equinozio di primavera (22 dicembre - 21 marzo). Questa divinità "governò" direttamente dal disco solare e portò la stella al cielo su un carro (i Greci avevano Helios). Il nome di Dio deriva dalla parola "coro", che significa "cerchio", la stessa radice ha la parola "round dance" e "horoshul" - torta rituale - un pollo rotondo.

Antiche divinità slave e il loro scopo

L'antico dio slavo del sole, Yarilo, ha ricevuto la sua parte di offerte e preghiere tra il 21 marzo e il 22 giugno. Il suo arrivo portò un aumento del potere produttivo nelle piante, il risveglio di sentimenti della gente e temperamento, oltre che coraggio. Quindi Yarilo era anche un guerriero, figlio di Veles e Diva Dodola, che concepiva il bambino in modo immacolato, annusando il giglio della valle, che era diventato Veles. Era associato a un giovane giovane di temperamento, poi a una donna vestita con abiti da uomo. Pertanto, nelle lingue slave ci sono molte parole "femminili" associate a questo dio - rabbia, mungitrice, primavera - "yar", pecore primaverili - "brillante", grano primaverile, ecc.

Dio ha insegnato alla gente a colpire il ferro

Gli antichi dèi slavi del Sole - Dazhdbog (Kupala) e Svetovit - Svarog - erano rispettivamente responsabili dell'energia solare nella seconda metà dell'anno. Dazhdbog, identificato dagli slavi con la luce del sole, "regole" da fine giugno a fine settembre, e Svarog - dal 23 settembre al solstizio d'inverno. Il cerchio era chiuso. Soprattutto in Russia venerato Svarog, che era un grande fabbro, guerriero e patrono del focolare familiare. Insegnò alle persone a sciogliere il rame e il ferro e, come alcuni ricercatori credono, comandò il bando della poligamia o della poliandria. Svarog era adorato sul territorio della moderna Repubblica Ceca, in Slovacchia, e il suo più grande santuario si trovava in Polonia. ascendenza slavi orientali Dio si chiamava Rarog, che è in qualche modo in consonanza con il nome di Rurik, che divenne il primo sovrano ufficiale delle tribù dell'antica Russia.

Antiche divinità e dee slave

Gli slavi adoravano la terra

Le antiche divinità slave avevano una certa gerarchia, al cui livello più alto appartenevano quelli che personificavano le forze più significative della natura. Compreso Svarog, Dazhdbog, Fire e la Madre della Cheese Earth. Quest'ultimo era parte integrante dell'universo, insieme a aria, acqua, fuoco. Nei rituali più antichi di sepoltura, gli elementi della divinizzazione della terra sono rappresentati da una disposizione speciale dei morti - sotto forma di embrioni, che riflette il ritorno al grembo materno. Le terre di queste tombe erano considerate sacre, cercavano di toccarle per essere ripulite dalle disgrazie (la tradizione moderna di lanciare una manciata sul coperchio della bara). Il terreno in Russia è stato portato per essere indossato al momento della partenza. I contadini, fino all'inizio del secolo scorso, festeggiavano il suo compleanno negli Spiriti del giorno (era impossibile eseguire manipolazioni, arare, seminare, scavare, ecc.).

Gli dei e le dee slave slavi hanno differenze nei nomi e nelle funzioni nelle diverse regioni delle tribù slave. Ad esempio, il nonno-Vseved, che è la divinità dei temporali primaverili, è chiamato "il nonno-Signore" tra i bulgari ed è associato con un vecchio che è venuto da persone per insegnare loro a seminare e seminare. Dea Makosh, che adoravano per un buon raccolto, e persino il principe Vladimir a Kiev la collocò nel pantheon degli dei, per le popolazioni del nord era Mokosh, una dea cattiva di freddo.

Antiche dee slave

Non svegliarti, sarà peggio!

Le antiche dee slave Dolya e Nedol erano i compagni di Mokos e determinarono il destino dell'uomo. La condivisione ha tessuto un destino felice e potrebbe immediatamente spostarsi nel mondo, non conoscendo gli ostacoli. Fece amicizia con tutti, ma non gli piacevano i pigri, gli ubriachi, i malvagi, lasciandoli. Anche Nedolya rendeva la vita di una persona miserabile, indipendentemente dalla sua volontà. Le disgrazie perseguirono lo sfortunato finché Nedol non si addormentò, il che si rifletteva nel proverbio: "Finché Lakho dorme, non svegliarlo".

Greco e dei slavi indossava scarpe simili "magiche"?

Le antiche divinità slave e il loro scopo sono oggetto di ricerca di scienziati moderni. Si ritiene che le divinità considerate abbiano compreso i bisogni della società di quel tempo nella ricerca di spiegazioni dell'impatto delle forze naturali e dei modi per attirare queste forze. Nota che le analogie con i culti degli dei in altre regioni della terra si incontrano molto spesso. Ad esempio, gli slavi occidentali avevano il dio Dobrogost che portava buone notizie dall'ufficio celeste, che, come Hermes, era raffigurato in scarpe alate, come scarpe da passeggio. Pertanto, possiamo supporre che gli dei antichi di quei tempi, forse, non fossero solo un'espressione delle forze della natura e si manifestassero visivamente in diverse parti del pianeta, come riportato nei miti, nelle leggende e nei costumi di servizio nelle diverse nazioni.