Grande borghese Le riforme di Alessandro 2, portato avanti negli anni '60 -'70 del XIX secolo portò con sé dei cambiamenti cardinali che riguardarono tutti gli aspetti più importanti della vita non solo dello stato, ma anche della società. In un periodo relativamente breve, è stata attuata tutta una serie di riforme in settori quali economia, istruzione, cultura, amministrazione e affari militari. In questo articolo, le riforme borghesi saranno brevemente discusse e descritte su tutti i punti.

Imperatore russo Alexander 2

Nel 1855, durante il cannoneggiamento, che rombò vicino alle mura di Sebastopoli assediata, Nicholas 1 morì improvvisamente e il titolo di imperatore andò al figlio maggiore. Più tardi, scenderà nella grande storia della Russia come Alexander 2 Liberator.

Il nuovo imperatore salì al trono da una persona già formata - a 36 anni. Va detto che fino a quel momento non aveva un suo specifico programma politico o economico, dal momento che non era un sostenitore né dei liberali né dei reazionari.

Riforme borghesi degli anni 60-70 del XIX secolo

prerequisiti

Alexander Nikolaevich non ha percepito e non ha condiviso idee e ideologie lontane dalla vita. Preferiva agire, ma allo stesso tempo non andava avanti. Ha capito perfettamente che senza compromessi e alcune concessioni da parte sua, è impossibile gestire efficacemente lo stato. Pertanto, Alexander 2 era convinto della necessità di cambiare i circoli politici che governano lo stato.

Il nuovo imperatore ha cercato di cambiare l'ordine stabilito che esiste in Russia da secoli. E iniziò restituendo i Decembrists dalla Siberia e permettendo ai cittadini di andare liberamente all'estero. Inoltre, ha posto nuove persone, più intelligenti e istruite, a molti incarichi governativi molto importanti. Sempre nel gabinetto è apparso suo fratello Costantino, un liberale convinto.

A metà del XIX secolo, un nuovo governo, così come circoli conservatori, capirono chiaramente che la questione dei contadini doveva essere risolta a tutti i costi. I tentativi delle autorità di in qualche modo si attenuano la servitù della gleba non hanno portato a nulla, dal momento che un intero esercito di proprietari terrieri si è opposto.

Infine, le precondizioni delle riforme borghesi in Russia riguardanti la questione dei contadini sono maturate completamente. La schiavitù è sopravvissuta economicamente. Le fattorie dei proprietari terrieri, mantenute a galla solo grazie al lavoro dei contadini ridotti in schiavitù, diminuirono. Ciò ha fortemente turbato le autorità e il governo, che ha stanziato ingenti somme di denaro per sostenere i proprietari terrieri e le loro fattorie.

Abolizione del servaggio

Le riforme borghesi degli anni '60 e '70 non potevano che influenzare la maggior parte della popolazione dell'impero russo: i contadini. Molti hanno concordato sul fatto che la trasformazione in questo settore debba essere effettuata per prima. A tal fine, nel 1857, il governo creò la commissione principale per gli affari contadini.

Riforme borghesi di 60-70 anni

Per realizzare questa riforma, Alexander 2 ha redatto una prescrizione. Ha parlato della necessità di creare un numero di comitati che sarebbero coinvolti nello sviluppo di un progetto per liberare i contadini. Ecco i punti principali di questa prescrizione:

  • tutte le terre dovrebbero essere riservate ai proprietari come loro proprietà personale;
  • le parcelle potrebbero ricevere terreni da un proprietario terriero solo per lavoro o affitto;
  • i contadini danno il permesso di acquistare il loro maniero dal proprietario terriero.

Su questa base, la commissione principale ha presentato il suo progetto di riforma e lo ha inviato al Consiglio di Stato per esame. Il 19 febbraio 1861 il re approvò il "Regolamento sui contadini". Anche il metropolita Philaret ha redatto un manifesto reale su questo argomento. E il 5 marzo, entrambi i documenti furono resi pubblici, e da quel momento vennero lanciate le riforme borghesi di Alexander 2 riguardanti la questione dei contadini.

Quali condizioni li hanno posti in modo che potessero liberarsi dalla schiavitù? Certo che non erano redditizi per i contadini. Le disposizioni del 1861 hanno creato le condizioni più favorevoli per mantenere la dipendenza asservita dalla popolazione principale del paese sui proprietari terrieri. Inoltre, le riforme borghesi del XIX secolo costrinsero i contadini ad affittare le loro terre in condizioni ovviamente difficili.

Riforma Zemsky

Cominciò il 1 gennaio 1864. Le riforme borghesi degli anni '60 -'70 del XIX secolo, riguardanti non solo le province, ma anche le istituzioni zemstvo provinciali, presero la creazione di corpi fondamentalmente nuovi di autogoverno locale. Prima di questa legge, erano burocratici, burocratici e abbaianti. Ciò significava che i proprietari terrieri provavano i contadini, e i nobili sorvegliavano il loro governo a livello statale.

Ora, in conformità con i nuovi "Regolamenti", le istituzioni di Zemstvo erano obbligate a essere costituite da rappresentanti (pubblico eletto) di tutte le classi, senza eccezioni, ma tenendo conto della qualifica di proprietà, ad es. proprietà di un'impresa o di un terreno. L'elezione delle vocali è stata effettuata separatamente e ha suggerito 3 gruppi di elettori: proprietari terrieri, abitanti delle città e contadini.

Di conseguenza, le riforme borghesi di Alexander 2, che introdussero il cosiddetto zemstvo tutto-proprietà, di nuovo trasmisero l'intero ruolo di guida della borghesia e dei proprietari terrieri, ei problemi che potevano risolvere rispondevano solo ai bisogni locali ed economici. Inoltre, tutte le loro attività erano sotto il controllo dei leader della nobiltà e dei governatori.

Riforme borghesi di Alessandro 2

Riforma urbana

Fu pubblicato il 16 giugno 1870. Secondo questa disposizione, sono stati creati dumas cittadini, che hanno svolto il ruolo di organismi di regolamentazione, nonché consigli comunali sotto forma di organi esecutivi. Così, le riforme borghesi del 1860-1870, relative al locale come governo rurale e cittadino, furono costruite sulla stessa base.

Le nuove disposizioni non consentivano loro di andare oltre lo stretto ambito di risoluzione delle sole questioni economiche. I consigli comunali, ad esempio, erano impegnati nel miglioramento della città, svilupparono misure di prevenzione antincendio, scuole e ospedali attrezzati, si occuparono del commercio, ecc. La dipendenza del governo della città, non solo sui governatori, ma anche sul governo era persino maggiore di quella degli zemstvos.

Le riforme borghesi brevemente

Riforma giudiziaria

Nuova attività commerciale e industriale, rapporti di produzione così come i consigli comunali e distrettuali necessitavano di navi aggiornate. Le riforme borghesi degli anni '60 -'70 del XIX secolo non potevano che influenzare settori così importanti delle pubbliche relazioni.

I tribunali dovevano essere riformati in modo da liberarsi da qualsiasi influenza della nobile amministrazione. Inoltre, dovevano garantire l'uguaglianza legale per tutte le classi e proteggere il cerchio sulla proprietà. Per questo, Alexander 2 il 20 novembre 1864 firmò un decreto sull'introduzione della riforma giudiziaria, integrato da nuovi statuti. Stabilirono il principio di onnipotenza.

Nel quadro della nuova riforma è stato creato 2 tipo di navi. Il primo è il distretto, che era responsabile per i procedimenti civili e penali e le camere giudiziarie, in qualità di istanza di cassazione. Il secondo tipo erano i tribunali della pace, considerando solo vari reati minori. È stato inoltre creato l'istituto di avvocati o avvocati della giuria, che ha fornito assistenza legale ai cittadini.

Riforme borghesi del 60-70 ha anche introdotto la presenza di tribunali militari, che erano destinati a condurre processi politici. Ma allo stesso tempo, è rimasto un volost speciale per i contadini e tribunali speciali per i sacerdoti. E questo, va notato, ha violato il nuovo principio di classificazione.

Grandi riforme borghesi di Alessandro 2

Trasformazione militare

Anche le riforme borghesi degli anni '60 -'70 del XIX secolo hanno colpito l'esercito. Questa necessità è stata causata, prima di tutto, dalla sconfitta dell'Impero russo nel Guerra di Crimea e quei compiti di politica estera che potrebbero essere risolti esclusivamente con l'aiuto dell'esercito. In ogni momento, faceva la guardia sulla salvaguardia dell'unità dello stato, e senza di essa era impossibile risolvere questioni relative alle relazioni interstatali.

Inoltre, l'esercito è l'organo più importante dell'autocrazia zarista, con l'aiuto di cui ha lottato con disordini, a volte lampeggianti in molte parti del paese. Deve essere sempre forte, politicamente stabile e soprattutto pronto al combattimento.

Le riforme borghesi degli anni 60-70, riguardanti la trasformazione dell'esercito, furono le prime ad aggiornare il Ministero della Guerra, e l'intero stato fu diviso in distretti militari. I kit di reclutamento sono stati annullati. Invece, hanno introdotto il servizio militare universale. Ha toccato uomini di età compresa tra 20 anni. Anche cambiato i termini del servizio militare. Invece dei precedenti 25, fu stabilito un termine di 6 anni per i soldati e un termine di 7 anni per i militari in marina.

Sfondo delle riforme borghesi in Russia

Riforma dell'istruzione

Alexander 2 capì che le riforme borghesi in Russia non avrebbero sortito l'effetto desiderato se non ci fossero specialisti competenti e ben addestrati nel paese. Per questo, abbiamo iniziato a creare nuovi tipi di istituzioni educative. Le scuole di grammatica erano divise in quelle classiche con un periodo di studio di 8 anni e quelle reali, in seguito chiamate scuole. Quest'ultimo ha formato specialisti per varie industrie e commercio. Inoltre, sono state aperte nuove università in diverse città del paese. È stata inoltre introdotta l'istruzione superiore per le donne.

importanza delle riforme borghesi

L'importanza della riforma

Il significato delle riforme borghesi non può essere sopravvalutato. Dopo che la schiavitù fu abolita, il capitalismo in Russia fu fermamente stabilito e irrevocabilmente. Dal paese agricolo arretrato, iniziò rapidamente a trasformarsi in uno agricolo-industriale.

Inoltre, l'abolizione della schiavitù causò la decomposizione dei contadini come classe. Questo processo ha giocato un ruolo estremamente importante nella formazione di due nuove classi: la borghesia e il proletariato.

Le riforme borghesi degli anni 60-70 del XIX secolo erano di fondamentale importanza per l'impero russo e il suo ulteriore sviluppo. Grazie a loro, il paese divenne una monarchia borghese. Ma, nonostante il fatto che le riforme fossero molto importanti, erano ancora timide e alquanto incoerenti.