La rabbia è una malattia incurabile. Immediatamente dopo l'infezione, il vaccino antirabbico viene usato per combattere la malattia. Perché quando compaiono i sintomi, è già impossibile salvare una persona. Non esiste un trattamento specifico per questa malattia. Il paziente viene semplicemente messo in una stanza separata e protetto da sostanze irritanti. Solo trattamento sintomatico (grandi dosi di morfina, anticonvulsivanti e sonniferi).

Vaccino contro la rabbia

Cura della rabbia

Al momento, solo tre casi segnalati di recupero di laboratorio sono noti in tutto il mondo. Altri cinque non sono confermati. In casi registrati, il trattamento era basato su una combinazione di vari farmaci antivirali, così come l'introduzione di una persona in un coma artificiale con l'aiuto di anestetici iniettabili. Questo metodo è stato chiamato il protocollo di Milwaukee. Fu utilizzato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2004 per il trattamento di quindici Gina Gis.

vaccinazione

L'aiuto della rabbia è fornito da un chirurgo. È necessario per una persona dopo il contatto con un animale infetto o semplicemente sospettoso. Il vaccino contro la rabbia viene somministrato il primo giorno quando il paziente si rivolge ai medici. Precedentemente corsi di iniezione sotto la pelle dell'addome (20-30 pezzi). Tuttavia, questa tecnica è considerata obsoleta e quasi mai utilizzata. Adesso i medici usano il vaccino per la cultura della rabbia. Ti permette di abbreviare il corso, così come ridurre una singola dose del farmaco. Questo farmaco è generalmente ben tollerato. È estremamente raro che i pazienti ottengano luce. eruzione allergica (0,03% dei casi).

Vaccino per la cultura della rabbia

Dosaggio e metodo

Il vaccino antirabbico moderno viene somministrato per via intramuscolare. La dose standard è 1 ml. Adolescenti e adulti vengono iniettati nel muscolo deltoide. Per i bambini, il farmaco viene introdotto nella superficie esterna delle cosce. Il vaccino contro la rabbia non è somministrato a muscoli glutei.

Schema di vaccinazione

Lo schema è composto da cinque iniezione intramuscolare: in 1 giorno, e poi il 3, 7, 14 e 30 giorni dal momento del morso animale. Alcune persone ricevono anche un'altra dose al 90 ° giorno. Questa tecnica è più efficace e ti consente di non torturare una persona con diverse dozzine di iniezioni in un giorno.

Immunoglobulina anti-rabbia

Efficacia del vaccino antirabbico

Il farmaco contro la rabbia può prevenire la malattia nel 96% dei casi. Tuttavia, il vaccino antirabbico dà il massimo effetto, se lo inserisci entro e non oltre 14 giorni dal momento del morso. Ma i corsi di immunizzazione sono raccomandati per essere somministrati anche diversi mesi dopo il contatto con animali sospetti o malati.

Come funziona il vaccino contro la rabbia

Due settimane dopo la prima iniezione, gli anticorpi compaiono nel corpo. La loro concentrazione raggiunge un massimo dopo 30-40 giorni. Tuttavia, nei casi in cui si tratta di un breve periodo di incubazione (per morsi nel collo, nella testa, nelle dita e mani, danno multiplo), questo periodo potrebbe essere insufficiente. Pertanto, ai pazienti vengono inoltre somministrate iniezioni di immunoglobulina antirabbica. Di norma, una persona acquisisce l'immunità 14 giorni dopo il completamento del corso. La sua durata è di circa un anno.

L'importanza di un corso di vaccinazione completo

Dovrebbe essere chiaro che solo un ciclo completo di iniezioni di coniglio consente di evitare la morte. Stranamente, ma anche in presenza di farmaci così efficaci come il vaccino contro l'immunoglobulina e la rabbia, la gente continua a morire di rabbia. Il fatto è che molte vittime semplicemente non attribuiscono importanza ai morsi di animali e quindi non cercano assistenza medica. Alcuni, per vari motivi, rifiutano la vaccinazione. Circa il 75% sono tra i morti. Circa il 12,5% dei decessi è dovuto agli errori degli operatori sanitari che giudicano erroneamente la situazione. Lo stesso numero di decessi si verifica nei pazienti che sospendono la vaccinazione o violano il suo regime.

Vaccino contro la rabbia e alcol

Controindicazioni e caratteristiche

Il vaccino contro la rabbia e l'alcol sono incompatibili. Durante il corso della vaccinazione e sei mesi dopo il suo completamento, è severamente vietato usare alcolici. Ipercooling, surriscaldamento (nel bagno o al sole), il superlavoro sono anche controindicati nei pazienti. Questi fattori riducono notevolmente l'attività di produzione di anticorpi. Se è stata effettuata la vaccinazione durante l'assunzione di immunosoppressori e corticosteroidi, si raccomanda di determinare la presenza di anticorpi nel corpo da parte del laboratorio. Se sono assenti, un altro ciclo di vaccinazione è prescritto al paziente.