Il test Reberg è un metodo di test molto accurato oggi. Allo stesso modo, lo studio permette di valutare il lavoro dei reni, così come la velocità di filtrazione glomerulare. E molti pazienti sono interessati a domande su come questa analisi viene eseguita e su come interpretarne i risultati.

Cos'è il test Reberg-Tareeva?

Non è un segreto che quasi tutte le sostanze che entrano nel corpo umano sono più o meno riassorbite nei tubuli renali. Ma ci sono delle eccezioni. Per esempio tiosolfato di sodio, Inulina, mannitolo e creatinina sono escreti nelle urine nella stessa quantità in cui sono passati attraverso i glomeruli. Ecco perché la misurazione del loro livello è un metodo abbastanza accurato per valutare il lavoro del sistema escretore.

test delle costole

Il test di Reberg, o, come lo chiamano i medici, la clearance della creatinina endogena, è un indicatore molto importante. Mostra quanto plasma sanguigno liberato di questa sostanza in un minuto mentre passa attraverso i reni. Le deviazioni dalla norma (in qualsiasi direzione) dimostrano alcune anomalie nel lavoro dei reni, in particolare il sistema glomerulare.

Storia dello studio

Per la prima volta una tecnica simile fu sviluppata nel 1926. L'autore dell'idea era il fisiologo danese Paul Reberg. Fu lui che per primo propose di studiare la velocità di filtrazione glomerulare usando i dati della clearance della creatinina esogena. Tuttavia, questa analisi è stata irta di difficoltà. Infatti, la misurazione della clearance della creatinina esogena ha suggerito l'introduzione di questa sostanza nel corpo per via endovenosa. Più tardi, gli scienziati hanno stabilito che la concentrazione di creatinina nel sangue rimane pressoché invariata e rimane costante per tutto il giorno. Data questa scoperta scientifica, nel 1936 fu proposto un nuovo metodo per determinare l'autorizzazione. È stato sviluppato dal terapeuta sovietico E. Tareev - è stato lui a proporre di valutare il lavoro del sistema glomerulare dei reni, prestando attenzione alla clearance della creatinina interna (endogena). Pertanto, il test Reberg è stato migliorato. La tecnica di ricerca è diventata molto più semplice, dal momento che non c'era bisogno di somministrazione endovenosa di creatinina.

Indicazioni per l'analisi

Il test Reberg viene utilizzato a scopo diagnostico. Tale studio è prescritto a pazienti con sospette malattie specifiche del parenchima renale. In particolare, i test sono condotti in presenza di sintomi di amiloidosi renale, glomerulonefrite idiopatica (forma acuta o cronica), nonché nella sindrome nefrosica, pielonefrite, nefropatia diabetica, nefrite da glomerulina secondaria e alcune altre malattie.

test di ribberg

D'altra parte, tale studio è una parte importante della diagnosi e del trattamento dell'insufficienza renale. Misurare la velocità di filtrazione glomerulare aiuta non solo a diagnosticare, ma anche a determinare lo stadio di sviluppo del deficit, la natura del decorso e il tasso di sviluppo della malattia.

Come prepararsi per il test?

Ovviamente, il test Reberg viene eseguito sotto la supervisione di uno specialista. Il medico le parlerà dei requisiti per il paziente (ad esempio, ricorderà le regole per la raccolta dei campioni di urina) e fornirà le raccomandazioni appropriate. Tuttavia, ci sono alcune regole che dovresti assolutamente seguire. Di norma, la prima raccolta di urina e sangue viene effettuata al mattino, a stomaco vuoto. Inoltre, alcune ore (almeno sei) prima dell'inizio dello studio, il paziente dovrebbe abbandonare tè e caffè. test di ribberg Inoltre, non è possibile mangiare piatti a base di carne, pesce e pollame, poiché ciò potrebbe falsare i risultati. Se stai assumendo farmaci, assicurati di informare il tuo medico. Il fatto è che alcuni farmaci possono influenzare i risultati dello studio, il che, a sua volta, porterà alla formulazione di una diagnosi errata e, di conseguenza, alla scelta dei metodi sbagliati di trattamento.

Come viene eseguita l'analisi?

Ci sono diverse opzioni per condurre questo studio. Ma il seguente è considerato il più popolare. Al mattino il paziente beve mezzo litro d'acqua a stomaco vuoto, dopo di che urina - questa mattina si versa l'urina. Dopo circa mezz'ora per prendere il sangue da una vena. E dopo mezz'ora, il paziente deve urinare di nuovo, e l'urina viene raccolta per l'analisi completa. Il volume di urina formato all'ora aiuta a determinare il tasso di diuresi minuto. Inoltre, il laboratorio misura il livello di creatinina nel sangue e nelle urine. Per determinare la velocità e la qualità della filtrazione, utilizzare la seguente formula:

  • Filtrazione = (concentrazione di creatinina nell'urina / concentrazione di creatinina nel plasma sanguigno) * diuresi di minuto. Norma delle costole

In futuro, l'utilizzo di formule speciali determinerà il tasso di riassorbimento. Inoltre, il tasso di clearance risultante (filtrazione) utilizzando la formula Dubois porta alla superficie standard del corpo umano.

Test Reberg: normale

Naturalmente, i risultati del test dipendono principalmente dal sesso e dall'età del paziente. Ad esempio, nei bambini di età inferiore ad un anno, la velocità di filtrazione glomerulare è di 65-100 ml / min. Per gli uomini di età inferiore ai 30 anni, questo indicatore raggiunge 88-146, e all'età di 40 anni si riduce leggermente da 82 a 140. In 40-50 anni, i risultati normali sono 61-120, e in 50-70 anni la cifra è 82-140 Dopo 70 anni, 55 - 113 ml al minuto sono considerati la norma. Per le donne, il tasso è leggermente diverso: prima dei 30 anni, i risultati sono 81-134, fino a 40 anni, 75-128. A 40-50 anni, il tasso è considerato di 58-110, e da 50 a 70 anni - 75-128. -anno-vecchia velocità è ridotta a 52 - 105 millilitri al minuto.

Se i risultati sono più alti del normale

test di ribberg Immediatamente vale la pena notare che alcuni farmaci possono aumentare il tasso di filtrazione glomerulare. In particolare, sono distorti quando prendono i fondi "Furosemide", "Levodopa", "Carbenoxolone", "Metilprednisolone" e farmaci contenenti amminoacidi. Inoltre, si può osservare un aumento delle prestazioni quando si mangiano alimenti ricchi di proteine, nonché durante uno sforzo fisico intenso. Inoltre, tali deviazioni dalla norma vengono osservate durante la gravidanza e gravi ustioni. La ragione potrebbe essere ipertensione, anemia, aumento della gittata cardiaca e stati ipercatabolici.

Riduzione della filtrazione glomerulare: cosa significa?

Se alcuni farmaci sono in grado di aumentare il tasso di filtrazione nei reni, quindi, ci sono farmaci che danno il risultato opposto. In particolare, si osserva una diminuzione degli indici nei pazienti che assumono tiazidici, farmaci nefrotossici, sostanze narcotiche (in particolare, eroina), nonché i farmaci Triamteren e Diazoxide. In alcuni casi, tale deviazione dalla norma è associata ad una diminuzione del flusso sanguigno renale, che si osserva con sanguinamento (incluso quello interno), disidratazione, insufficienza cardiaca congestizia e stati di shock. Inoltre, una diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare è osservata nelle malattie renali. La causa potrebbe essere anomalie congenite. rene, pielonefrite, glomerulonefrite, amiloidosi, blocco delle vie urinarie, disfunzione tubulare renale acuta, sindrome nefrosica, necrosi papillare e nefrite interstiziale.

test delle costole

In alcuni casi, una deviazione dalla norma può indicare malattie di altri sistemi d'organo. In particolare, le cause includono malaria, eclampsia, cistinosi, mieloma, insufficienza epatica, ipofunzione della corteccia surrenale. Ecco perché solo un medico può interpretare i risultati, basandosi non solo sui risultati dell'analisi, ma anche prestando attenzione ad altri studi condotti, alla storia del paziente e ai sintomi presenti. Dopotutto, ci possono essere molte opzioni.