L'insufficienza venosa è un problema estremamente comune. Per statistiche deludenti, possiamo ringraziare lo stile di vita moderno. Lavoro da seduti, mancanza di attività fisica, dieta malsana - tutto questo influisce negativamente sul lavoro del sistema vascolare.

Allora, qual è questa malattia? Quali sono i suoi primi sintomi? Quanto può essere pericolosa l'insufficienza delle navi venose? Ci sono trattamenti efficaci? Queste domande interessano molti pazienti.

Qual è la malattia?

insufficienza venosa

L'insufficienza venosa è una malattia che alcuni medici chiamano scherzosamente retribuzione per camminare in piedi. Non è un segreto per nessuno che le vene siano i vasi attraverso cui il sangue si muove verso il cuore, e quindi contro la forza di gravità. Il flusso di sangue inverso è impedito da valvole venose speciali. Ma con carichi statici prolungati (seduti, in piedi) la pressione sulle valvole e sulle pareti dei vasi è troppo grande.

Innanzitutto, le valvole sono allungate, dopo di che viene spesso osservato il cosiddetto reflusso venoso - il flusso di ritorno del sangue dall'alto verso il basso. Un volume addizionale di fluido preme contro la parete del vaso, provocandone l'allungamento e l'assottigliamento. Nel tempo, il plasma inizia a filtrare attraverso la sottile parete vascolare, che si accumula nei tessuti molli, formando edema. Pertanto, non solo la struttura dei vasi sanguigni viene disturbata, ma anche la nutrizione dei tessuti circostanti.

Recenti studi statistici hanno dimostrato che nei paesi sviluppati almeno il 15-40% della popolazione soffre di insufficienza venosa. E nella maggior parte dei casi, la malattia viene diagnosticata in persone di età compresa tra 20 e 50 anni.

Sfortunatamente, la maggior parte dei malati va dal dottore già agli stadi molto avanzati della malattia. Questo è ciò che i flebologi considerano il problema principale. Dopotutto, prima verrà assistito il paziente, più facile sarà eliminare i principali sintomi e prevenire lo sviluppo di complicanze.

Le principali cause dello sviluppo dell'insufficienza venosa degli arti inferiori

Infatti, l'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori può svilupparsi sotto l'influenza di vari fattori. Per cominciare vale la pena notare che questa malattia appare spesso sullo sfondo delle vene varicose. Inoltre, l'insufficienza vascolare può essere causata da alcune patologie congenite delle vene superficiali o profonde. Questo gruppo di malattie comprende ipoplasia, aplasia e presenza di fistole artero-venose.

insufficienza venosa cronica

Abbastanza spesso, il fallimento è il risultato di una flembotrombosi precedentemente tollerata dal paziente. Molto meno spesso la malattia si sviluppa dopo l'infortunio.

D'altra parte, ci sono alcuni fattori di rischio che aumentano la probabilità di sviluppare una malattia in una persona. Ad esempio, alcune persone hanno una certa predisposizione genetica, che è associata alla carenza di tessuto connettivo, risultante in una carenza di collagene - le pareti dei vasi sanguigni in questi pazienti sono meno elastiche.

I fattori di rischio includono anche carichi statici a lungo termine, che si osservano nelle persone la cui professione richiede una permanenza costante in posizione seduta o in piedi (venditori, cassieri, impiegati). Non dimenticare l'obesità, perché quei chili in più sono un onere aggiuntivo per il sistema cardiovascolare.

L'insufficienza venosa cronica nelle donne viene diagnosticata molto più spesso che negli uomini. Ciò è dovuto alle continue fluttuazioni dei livelli di estrogeni, che si osservano durante la gravidanza o l'assunzione di farmaci ormonali. Il rischio di sviluppare una carenza aumenta con l'età. Inoltre, le persone a rischio di soffrire di stitichezza cronica sono a rischio.

Classificazione e gravità della malattia

In effetti, nella medicina moderna ci sono diversi sistemi di classificazione per questa malattia. Ad esempio, in base all'eziologia, l'insufficienza venosa cronica può essere congenita (associata a certe caratteristiche anatomiche dell'organismo), primaria (la causa della malattia è sconosciuta) o secondaria (la malattia si è sviluppata a seguito di lesioni, trombosi o altre patologie venose).

Il più delle volte flebologi usano il seguente sistema di classificazione, che tiene conto della presenza e dell'intensità dei sintomi:

  • Grado 0 - una persona non ha sintomi della malattia. Questa categoria di persone è stata assegnata per caso, poiché l'assenza di segni non indica sempre la piena salute. Alcuni pazienti che sono stati diagnosticati come carenti non manifestano alcun disagio, e non ci sono anche sintomi esterni.
  • Con il primo grado si osservano dolori periodici alle gambe, crampi notturni e sensazione di pesantezza, che aumenta con carichi statici prolungati. L'edema appare solo occasionalmente.
  • Il secondo grado di gravità è caratterizzato da edema persistente. Sulla pelle, è possibile sostituire l'iperpigmentazione, così come le aree di eczema piangente o secco.
  • Nel terzo grado, ulcere trofiche compaiono sulla pelle, che periodicamente si aprono e guariscono.

I principali segni della malattia

sintomi di insufficienza venosa

Sicuramente nella vita di quasi ogni persona c'è almeno un fattore di rischio, sotto l'influenza di cui può svilupparsi l'insufficienza venosa. I sintomi di questa malattia sono estremamente importanti da sapere, perché prima una persona presterà attenzione al deterioramento della salute, prima consulterà un medico e riceverà un trattamento di qualità.

I primi segni di insufficienza venosa degli arti inferiori sono dolore e gonfiore. Di regola, la pesantezza e il dolore nelle gambe compaiono nel tardo pomeriggio. Il disagio è aggravato dal rimanere in piedi prolungato. Il gonfiore appare anche di sera, con gonfiore visibile solo sulle caviglie e non si estende alle dita dei piedi. Al mattino, una persona di solito si sente bene, che è la ragione più comune per rifiutare la consulenza medica.

Se non trattata, l'insufficienza veno-linfatica si sposta su un nuovo livello - ora i sintomi diventano più evidenti. Una persona malata soffre di dolore costante e dolore bruciante alle gambe. Gli edemi diventano persistenti: possono essere notati in qualsiasi momento della giornata. Molti pazienti si lamentano di crampi notturni, che influenzano la qualità del sonno.

A causa della insufficiente circolazione sanguigna, la troficità (nutrizione) dei tessuti è disturbata. Le aree iperpigmentate possono apparire sulla pelle che sembrano piccoli granelli di marrone. La pelle sopra i vasi affetti diventa più sottile e inizia a staccarsi - così si sviluppa l'eczema.

Questo è l'aspetto dell'insufficienza venosa. I suoi sintomi peggiorano di mese in mese. Il terzo stadio della malattia è caratterizzato dalla comparsa di ulcere trofiche. Tali lesioni cutanee si formano gradualmente. In primo luogo, appare una macchia scura sulla superficie. Nel corso del tempo, una piccola compattazione appare nel suo centro, il cui aspetto ricorda la cera di paraffina. Questa zona della pelle è estremamente sensibile alle sollecitazioni meccaniche - qualsiasi colpo o lesione porta all'apertura dell'ulcera, che col tempo aumenterà solo di dimensioni.

foto di insufficienza venosa

Questo non è tutto il pericolo rappresentato dall'insufficienza venosa. La foto mostra l'aspetto di una futura ulcera trofica. Una tale area aperta sulla pelle diventa un'eccellente porta d'ingresso per l'infezione. Spesso il processo ulcerativo è complicato da varie infiammazioni batteriche e fungine.

Moderni metodi diagnostici

Naturalmente, quando compaiono i primi sintomi della malattia, dovresti andare dal medico. Solo uno specialista può valutare correttamente le condizioni del paziente e diagnosticare l'insufficienza venosa.

Di regola, il sospetto della presenza di problemi con le navi presso il medico si pone anche durante l'esame iniziale. Tuttavia, il paziente deve sottoporsi ad alcuni esami. I test standard sono studi biochimici di campioni di sangue e di urina. Queste non sono analisi specifiche, ma consentono di determinare la presenza di infiammazione e alcune malattie associate. Conteggio ematico completo aiuta a scoprire il numero di globuli rossi, piastrine e, di conseguenza, l'indice di viscosità del sangue.

La procedura più informativa è l'esame ecografico dei vasi degli arti inferiori. Durante l'esame, uno specialista può determinare la presenza di aree dilatate di vene, noduli o coaguli.

insufficienza venosa degli arti inferiori

In rari casi (se l'ecografia non ha dato un risultato accurato), al paziente vengono prescritte procedure più complesse. In particolare, la flebografia è considerata un metodo abbastanza accurato. Durante lo studio, un agente di contrasto speciale viene iniettato per via endovenosa nel paziente, e quindi monitorano il suo progresso attraverso il sistema venoso.

Insufficienza venosa degli arti inferiori: trattamento con metodi conservativi

Quando viene rilevata una tale malattia, sorge la questione della terapia. Come trattare l'insufficienza venosa? Per cominciare, vale la pena notare che questa malattia è cronica, quindi la terapia in questo caso deve essere completa e duratura.

Il corso del trattamento è selezionato individualmente. Alcuni pazienti assumono farmaci per due mesi, mentre altri pazienti richiedono un'assunzione più lunga. Nella maggior parte dei casi, i medici prescrivono farmaci che possono rafforzare la parete venosa e normalizzare il flusso sanguigno. Anche i farmaci utilizzati per migliorare la nutrizione dei tessuti - questo impedisce la comparsa di ulcere trofiche.

insufficienza venosa del trattamento degli arti inferiori

È necessaria particolare cura per i pazienti che hanno già iniziato il processo ulcerativo. Le aree danneggiate della pelle devono essere regolarmente trattate con varie soluzioni antisettiche e cicatrizzanti o unguenti. A volte i medici prescrivono farmaci antinfiammatori - nei casi più gravi sono necessari farmaci corticosteroidi. Se vi è un'alta probabilità di coaguli di sangue, prescrivere eparina o altri farmaci per fluidificare il sangue.

È questo tipo di terapia che richiede insufficienza venosa. Il trattamento include anche vari metodi di fisioterapia che accelerano il processo di guarigione. Le procedure più efficaci includono il trattamento con campi magnetici, correnti dinamiche. Inoltre, i pazienti con questa diagnosi spesso vanno in elettroforesi. Un buon risultato dà la terapia laser.

Per normalizzare la circolazione sanguigna, si raccomanda che le persone malate indossino speciali calze a compressione o collant. Tali dispositivi aiutano a liberarsi dell'edema, ripristinano parzialmente la circolazione del sangue e prevengono il ristagno di sangue nei tessuti molli.

E, naturalmente, è parte integrante della terapia di qualità esercizi terapeutici L'insufficienza venosa degli arti inferiori si sviluppa spesso sullo sfondo di uno stile di vita sedentario. Questo fattore di rischio può e deve essere eliminato. Naturalmente, quegli sport che coinvolgono carichi pesanti sulle gambe (calcio, pallacanestro, sollevamento pesi) non sono adatti. Ma il nuoto o la ginnastica contribuiranno a migliorare la salute.

Trattamento chirurgico di CVI

La chirurgia viene solitamente prescritta nel caso in cui il trattamento conservativo fosse inefficace. Ad oggi, ci sono molte procedure chirurgiche. E la scelta qui dipende dalla gravità della malattia e dalle condizioni del paziente, dalla presenza di controindicazioni, ecc.

Nella prima fase della malattia, la scleroterapia può essere efficace. Durante la procedura, una preparazione speciale viene iniettata nella nave interessata, che blocca il lume della nave e ferma il flusso sanguigno in quest'area della griglia vascolare.

Sfortunatamente, questo metodo non può sempre eliminare la malattia chiamata insufficienza venosa cronica. Il trattamento del secondo e terzo grado della malattia è un'indicazione per un intervento chirurgico più massiccio. A seconda dello stato del sistema vascolare, viene eseguita la legatura o la rimozione della porzione ingrandita della nave. A volte durante la procedura è richiesta anche la plasticità dei vasi: ciò rende possibile la normalizzazione del flusso sanguigno. Naturalmente, dopo l'operazione dovrebbe essere un periodo di riabilitazione. Alcuni pazienti richiedono un ciclo aggiuntivo di assunzione di vari farmaci. E, naturalmente, è estremamente importante in futuro aderire a uno stile di vita sano ed evitare l'esposizione a fattori di rischio, in quanto la malattia potrebbe ritornare.

Possibili complicanze dell'insufficienza venosa

L'insufficienza venosa degli arti inferiori è una condizione estremamente pericolosa, che in nessun caso non deve essere presa alla leggera. Per cominciare, vale la pena notare che l'accumulo di volumi significativi di sangue nei vasi delle gambe influisce negativamente sul lavoro dell'intero organismo. Poiché il sistema nervoso non riceve abbastanza ossigeno e sostanze nutritive, i pazienti con tale diagnosi spesso lamentano vertigini persistenti, svenimenti, problemi di sforzo mentale. Una frequente complicanza è l'insufficienza cardiovascolare.

Questo non è tutti i problemi con cui l'insufficienza venosa è associata. Il risultato della malattia può essere flebite (infiammazione delle pareti venose) o tromboflebite (infiammazione delle pareti con formazione di coaguli di sangue). A sua volta, la separazione di un coagulo di sangue e il suo ingresso nel flusso sanguigno può portare a embolia polmonare - il blocco dei vasi polmonari in assenza di cure di emergenza, di norma, finisce nella morte.

Trattamento di rimedi popolari

Oggi molte persone di età diverse affrontano la diagnosi di insufficienza venosa degli arti inferiori. Il trattamento è un processo lungo e scrupoloso. Naturalmente, il medico dovrebbe selezionare il trattamento per il paziente. Ma ci sono alcune ricette per la medicina tradizionale che possono aiutare ad accelerare il processo di recupero.

Ad esempio, i guaritori popolari raccomandano fortemente i cappucci Ippocastano come l'estratto di questa pianta rafforza davvero le pareti venose. Un altro rimedio efficace è considerato un estratto di nocciola. Come materia prima, qui si usano corteccia e foglie della pianta.

Kalanchoe è un'altra pianta utile che viene utilizzata per le compresse. Per preparare, è necessario macinare 50 g di foglie di piante e versare 500 ml di alcol su di esse. La banca deve essere chiusa e conservata in un luogo buio per sette giorni. Dopo questa infusione è pronta per l'uso. Ma per disinfettare la superficie delle ulcere trofiche, puoi usare l'estratto Sophora giapponese.

In ogni caso, dovrebbe essere compreso che il trattamento dei rimedi popolari dell'insufficienza venosa è possibile solo previa consultazione con il medico. Le ricette di cui sopra possono essere utilizzate solo come terapia adiuvante. In nessun caso non bisogna trascurare le prescrizioni del medico.

Esistono metodi di prevenzione efficaci?

trattamento dell'insufficienza venosa

Oggi a molte persone viene diagnosticata un'insufficienza venosa. Il trattamento è un processo lungo e complicato. Ecco perché è molto più facile cercare di impedire il suo sviluppo. Certamente, non ci sono farmaci che possano proteggere in modo permanente dall'insufficienza vascolare. Tuttavia, l'adesione ad alcune semplici regole contribuirà a ridurre al minimo il rischio di sviluppare la malattia.

Poiché il principale fattore di rischio in questo caso è uno stile di vita sedentario, allora è da lì che si deve iniziare. Non tutte le persone hanno l'opportunità di cambiare il loro stile di vita. Ma se devi passare la maggior parte del tuo tempo di lavoro in posizione seduta, dovresti fare delle pause di tanto in tanto per sgranchirti le gambe. Anche l'attività fisica è un prerequisito: di tanto in tanto fai esercizi ginnici, iscriviti a un corso di fitness o di nuoto, fai una passeggiata all'aria aperta più spesso, corri al mattino, ecc.

Assicurati di prestare attenzione alle scarpe: dovrebbe essere comodo. Se necessario, puoi sempre acquistare speciali plantari ortopedici. Quando riposi o dormi, prova a tenere le gambe in una posizione leggermente rialzata (ad esempio, posiziona un cuscino sotto di loro). E, naturalmente, tieni d'occhio il peso corporeo, poiché quei chili in più hanno un impatto negativo non solo sul lavoro del sistema vascolare, ma anche sullo stato dell'intero organismo.

Se assumi regolarmente contraccettivi ormonali, devi sottoporti di tanto in tanto ad un esame ecografico delle vene degli arti inferiori. E, naturalmente, ai primi segni della malattia è necessario consultare un medico. Nelle prime fasi del problema è molto più facile da eliminare.

fallimento vasi cerebrali: che cos'è?

Una patologia comune oggi è l'insufficienza venosa della circolazione cerebrale. Questa malattia si sviluppa sotto l'influenza di molti fattori che possono portare alla rottura del normale deflusso di sangue dalla cavità cranica.

Di regola, la malattia si sviluppa sullo sfondo di altre condizioni patologiche. Le principali cause di insufficienza vascolare cerebrale includono lesioni cerebrali traumatiche, idropisia del cervello, insufficienza cardiovascolare e polmonare, così come tumori cerebrali, pleurite. I sintomi della malattia si manifestano spesso in persone che hanno avuto pleurite o pneumotorace. I fattori di rischio comprendono ipertensione, trombosi e tromboflebiti e asma. A volte la malattia si sviluppa dopo asfissia.

L'insufficienza venosa del cervello a volte è asintomatica. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, i pazienti lamentano mal di testa costantemente emergenti. Il dolore, di norma, aumenta con le brusche curve della testa, i cambiamenti di temperatura o pressione atmosferica, così come durante lo stress intenso o l'intossicazione da alcool.

Oltre al mal di testa, ci sono altri sintomi. In particolare, i pazienti hanno notato affaticamento costante, apatia e debolezza muscolare. Vertigini e acufeni compaiono di volta in volta. I sintomi di insufficienza venosa includono disturbi del sonno, blackout negli occhi, disturbi mentali, convulsioni epilettiche.

In ogni caso, dovrebbe essere chiaro che l'insufficienza circolatoria del cervello è un problema estremamente serio. La mancanza di un trattamento tempestivo può portare a conseguenze pericolose. Pertanto, in presenza di sintomi non si dovrebbe esitare a visitare un medico. In questo caso, è necessaria una terapia complessa, che ha lo scopo di ridurre l'edema, normalizzare il flusso sanguigno e migliorare il tono delle pareti vascolari.