Le pitture a tempera sono considerate le più antiche. Dove e quando è nato questo antico tipo di pittura, in cui tipi di arte Diffuso e usato nei tempi moderni. L'articolo discuterà che cos'è il tempera, di cosa è composto e di quali tipi esistono.

Tempera: definizione, storia

Nell'arte ce ne sono molti tipi di vernici. Cos'è la tempera? Tradotto dalla parola latina temperare significa "combinare, mescolare". Tempera è entrambi tipo di pittura e vernici ottenute miscelando un pigmento secco con un'emulsione legante.

Le pitture a tempera sono la tintura più vecchia della storia. Più di tremila anni fa, antichi artisti egizi hanno dipinto con sé le pareti di tombe e sarcofagi. Le pitture a tempera erano ampiamente utilizzate nell'iconografia. Famosi pittori icona russi dei secoli XIV-XV come Feofan Grek, Andrei Rublev ha scritto le loro creazioni con la tradizionale tecnica a tempera. Le facce dei santi sono state raffigurate su piastre messe a terra, che sono state poi coperte con uno strato di vernice o olio essiccato. A partire dal XV secolo in Europa e dal XVIII secolo in Russia, la pittura a tempera sostituisce gradualmente la pittura ad olio. Tuttavia, all'inizio del XX secolo, questo tipo di pittura è diventato di nuovo popolare, è ampiamente utilizzato sia nella pittura che nell'arte decorativa e applicata.

tempera cosa

Composizione, tipi

In generale, si dovrebbe notare che la tempera è un modo speciale di creare materiale colorante, e non la vernice stessa. I componenti principali della vernice sono polveri secche di pigmenti naturali o artificiali e leganti per emulsione. La composizione dell'emulsione del legante può includere: colla di caseina, uovo di gallina, gomma arabica, colla destrina, soluzione saponosa. La tempera naturale è la vernice che l'artista stesso produce utilizzando per la sua diluizione componenti naturali: tuorlo d'uovo di gallina, acqua o qualche altro conservante (ad esempio, aceto, vino). La tempera naturale viene utilizzata principalmente nella pittura di icone: grazie ad essa si ottiene un colore profondo e saturo, l'effetto della smaltatura su maiolica. Gli artisti moderni usano sempre più la tempera a base di sostanze di origine sintetica (colla, oli, polimeri). A seconda della sostanza è il componente principale dell'emulsione legante, le pitture a tempera sono suddivise in 3 tipi:

  • uova;
  • cera-caseina-olio;
  • PVA.

pitture a tempera

Tempera all'uovo

Questo tipo di tempera era ampiamente utilizzato dai pittori medievali del Rinascimento, così come dai pittori russi delle icone dei secoli XV-XVI. Alla tempera dell'uovo sono stati aggiunti sia un uovo di gallina intero che le sue parti, come bianco o tuorlo. Il più popolare era la vernice sulla base del tuorlo. È stato mescolato con acqua, vernice, olio, cera e altri componenti. Le tempere di acqua e tempera all'uovo erano ampiamente utilizzate nella loro opera dai maestri palekh nella pittura di miniature e icone. I componenti principali dell'agente legante in tempera all'uovo sono vernici di tuorlo di pollo, pittura e trementina. In precedenza, i pittori italiani aggiungevano parti sfilacciate di rami di fico o una miscela di vino e acqua alla tempera all'uovo, pittori tedeschi - birra, pittori icona russi - kvas di pane. Oggigiorno, i moderni pittori di icone, che lavorano con tecnica antica, aggiungono l'aceto di mele o da tavola come conservante alla tempera del tuorlo.

vernici ad acqua

Colori a base di tempera PVA, olio di cera e caseina

Le pitture di caseina sono pigmenti trasportati dall'acqua, il cui principale componente è la caseina (una proteina di origine lattiera). Contiene anche olio di lino e resina fenolica. Questo tipo di tempera viene applicato solo su una base speciale: tele innescate, assi, carta spessa.

Oltre alla cera e alla tempera del pigmento, sono inclusi cera, oli vegetali, resine e altri additivi. Diluire con qualsiasi solvente industriale, come ad esempio acquaragia, pinene, trementina, oli grassi vegetali, olio essiccante. Se diluito con acqua, puoi lavorare come un acquerello.

Svantaggi: asciuga a lungo.

Vantaggi: una tavolozza brillante e succosa se applicata, si miscela bene con colori ad olio. Molti artisti sanno che questa tempera si scurisce dopo l'asciugatura, ma se usi il gouache invece del bianco, il colore diventa più chiaro.

Tempera PVA Cos'è? È basato su una miscela di resine sintetiche, stabilizzanti, agenti strutturanti. È più popolare in lavori recenti, in quanto è utilizzato in quasi tutte le tecniche di applicazione della vernice e si adatta idealmente su qualsiasi superficie asciutta e dura.

caratteristiche di tempera

I principali vantaggi della pittura a tempera

Il principale vantaggio di questa vernice è l'asciugatura rapida, la resistenza e la durata. Lo strato di pittura essiccata aderisce saldamente alla superficie di lavoro e non può essere sciolto nemmeno con acqua. Questa proprietà della vernice è insostituibile, ad esempio durante il trasporto o l'ulteriore elaborazione del web finito. Interagisce perfettamente con il bianco. Le caratteristiche della tempera è che può essere scritto in varie tecniche: applicare uno strato sottile o creare una spessa lettera pastosa. Puoi versare su qualsiasi superficie: legno, carta, tela, usando nel lavoro di vari tipi e forme di spazzole. La simbiosi tra colla e olio contenuto nella vernice, contribuisce al fatto che sulla tela da lavoro, diventa elastica, luccica e non si incrina. Il colore delle pitture a tempera, a differenza dei colori ad olio, cambia dopo l'essiccazione e diventa più opaco. Per ottenere una superficie lucida vengono utilizzate varie vernici, ad esempio olio di dammaro, mastice o olio di lino. Un'altra differenza dalle pitture a tempera ad olio è la loro durata e resistenza alle influenze esterne.