Oleksandr Bondar è un saltatore in acqua, un maestro dello sport di classe internazionale, che ha sostituito la squadra ucraina con la nazionale russa, nel processo quasi terminando la sua carriera, ma ora attivamente preparando per le prossime Olimpiadi 2020 a Tokyo.

Vita ucraina

Alexander è nato il 25 ottobre 1993 nella città ucraina di Lugansk. Ha iniziato la formazione all'età di 5 anni, e il suo primo allenatore è stato sua madre, un candidato maestro di sport nel nuoto. Come idolo, il piccolo Sasha ha scelto Greg Luganis - uno dei più leggendari atleti subacquei della storia, quattro volte campione olimpico, cinque volte campione del mondo, 47 volte campione degli Stati Uniti! Fu da lui che Sasha imparò che la forza e la disciplina sono due pilastri attraverso i quali si può raggiungere il successo.

E non si è sbagliato: all'età di 17 anni ha eseguito il "doppio d'argento" all'Olimpiade giovanile di Singapore!

Ma non tutto era così roseo: Sasha aveva sinusite cronica fin dall'infanzia e nel 2010 gli fu diagnosticato un tremendo salto per il sub: "sinusite frontale cronica". Questo non gli ha impedito di allenarsi e vincere! Nel 2011, insieme a Alexander Gorshkovozov, Alexander ha vinto la medaglia di bronzo in salti sincronizzati da una torre di dieci metri ai Mondiali di Shanghai, e alle Olimpiadi del 2012 ha raggiunto la finale e ha ottenuto l'8 ° posto.

Ai campionati del mondo di Shanghai nel 2011

La malattia si faceva sentire costantemente - secondo l'atleta stesso, si allenava per un mese, poi si sedeva con gli antibiotici, e così via in circolo, ma si sacrificò alla sua passione - saltando nell'acqua. Alexander Bondar, essendo un atleta universale, è diventato due volte campione europeo nel 2013 - in doppio e nell'individuo sulla torre. Nel 2014, tutto è andato storto: ai Campionati Europei di Berlino, Alexander è riuscito a prendere il bronzo in salti sincronizzati, ma la malattia lo ha stremato e ha deciso di risolvere il problema immediatamente e radicalmente - la mattina dopo essere tornato dalla Germania, ha avuto un'operazione sui seni mascellari. Dopo un mese e mezzo di recupero, ha cercato di tornare alla formazione, ma il dolore è tornato, e Alexander ha preso una decisione importante e audace: terminare la sua carriera e trasferirsi a vivere a Mosca.

Vita senza sport

In Russia, Alexander Bondar ha deciso di iniziare una vita completamente nuova. Trasferitosi alla fine del 2014, già a gennaio 2015, ha sposato Ekaterina Fedorchenko (ora Bondar), che ha incontrato 5 anni prima, quando giocavano insieme alle competizioni giovanili e si trovavano in squadre in competizione (lui è ucraino e lei dalla Russia ).

Senza pianificare di continuare la sua carriera sportiva professionale, Alexander ha lavorato con i suoi genitori (si sono trasferiti a Mosca poco prima) e la sera ha lavorato come allenatore nella sezione per bambini. Dopo un po 'di tempo, lui stesso iniziò ad allenarsi con i dilettanti, e ad un certo punto si rese conto che era pronto per tornare allo sport professionistico.

Grande sport in russo

Aleksey Viktorovich Vlasenko, presidente della Federazione Russa di Saltare nell'Acqua, ha aiutato Alexander Bondar a tornare allo sport, che in seguito divenne un amico di famiglia. Nonostante l'allenamento attivo, Alexander non ha avuto il tempo di prepararsi per le Olimpiadi del 2016. Il suo debutto come parte della squadra russa si è svolto ai Mondiali di Budapest nel 2017: ha vinto la medaglia d'argento nella torre di 10 metri con Viktor Minibaev.

Alexander Bondar e Victor Minibaev

In un individuo sullo stesso proiettile, Sasha si fermò ad un passo dalla medaglia. L'allenatore della nazionale russa in immersione, Svetlana Moiseeva, ha osservato che in queste competizioni una delle migliori squadre del mondo "è stata riproposta" - i russi, dopo aver vinto 5 premi, hanno perso solo la squadra cinese nella classifica generale!

Non senza ferite. Alexander non ha partecipato al Campionato Europeo 2017 a Kiev a causa di un infortunio alla mano e al piede: ha ricevuto il primo nel campionato russo, e il secondo, giocando a calcio. Da allora, i giochi traumatici sono un tabù rigoroso!

Allenamento di Alexander Bondar

Oggi Alexander Bondar si allena per 6 ore dal lunedì al venerdì e 3 ore sabato sotto la guida dell'allenatore personale Olga Feoktistova, maestro di sport di classe internazionale, in preparazione per le Olimpiadi del 2020 a Tokyo!