Non sempre la relazione tra il datore di lavoro e il flusso di dipendenti è in conflitto. Vi sono spesso casi in cui i dipendenti violano le norme stabilite nell'impresa. Nell'art. 192, 193 del Codice del lavoro della Federazione Russa fornisce le regole per portare i lavoratori alla responsabilità, così come le misure per influenzarli. La legge impone al datore di lavoro di seguire le procedure stabilite per evitare controversie.

Articolo 193 della Federazione Russa

Regole generali

Applicare l'arte 192, 193 del Codice del lavoro della Federazione Russa, il datore di lavoro, prima di punire il dipendente, deve richiedere una spiegazione scritta da lui. Un dipendente riceve 2 giorni per inviare un documento. Se nessuna spiegazione è stata fornita alla fine di questo periodo, il locatario deve redigere l'atto pertinente. L'assenza di spiegazioni da parte del dipendente non è considerata un ostacolo per l'imposizione di sanzioni.

condizioni

Sono previsti dall'art. 193 del Codice del lavoro della Federazione Russa. La procedura per l'applicazione delle misure di responsabilità è la seguente. La pena viene imposta entro e non oltre 1 mese. dalla data di scoperta della cattiva condotta. Allo stesso tempo, il momento della malattia, in ferie, e il periodo necessario per tenere conto delle opinioni del sindacato non sono presi in considerazione. In conformità con le disposizioni dell'art. 193 del Codice del lavoro della Federazione Russa, le sanzioni disciplinari non possono essere imposte dopo sei mesi e, in base ai risultati di una revisione contabile, di un audit delle operazioni finanziarie e commerciali o di un audit, dopo due anni dal momento della violazione. Il periodo non include il periodo del procedimento penale. Per ogni reato, la legge consente di applicare qualsiasi penalità prevista, ma solo una.

St 192 193 TK RF

Inoltre

Art. 193 del Codice del lavoro della Federazione Russa prescrive al datore di lavoro di emettere un ordine che impone una sanzione al dipendente. Questo documento viene fornito al dipendente per la revisione sotto la firma entro tre giorni dalla pubblicazione. Questo periodo non include l'assenza di un cittadino dal lavoro. Se una persona rifiuta di familiarizzare con l'ordine e firmarlo, la legge richiede che sia redatto l'atto pertinente. Il dipendente ha il diritto di appellarsi alla pena nell'ispettorato del lavoro o nell'ente autorizzato a prendere in considerazione le singole controversie.

Art. 193 del Codice del lavoro con commenti

In conformità con la clausola 1 della norma, il datore di lavoro deve, prima dell'imposizione di una sanzione, richiedere una spiegazione al dipendente. È necessario stabilire tutte le circostanze della violazione, determinare il grado di colpa di un cittadino. Nel frattempo, l'art. 193 del Codice del lavoro della Federazione russa stabilisce che il mancato conferimento di tale spiegazione non costituirà un ostacolo all'imputazione di una sanzione. Se, 2 giorni dopo la nomina della richiesta, le spiegazioni del dipendente non vengono ricevute, il datore di lavoro redige l'atto pertinente. Se sorge una controversia sulla legalità dell'applicazione di una misura di responsabilità, questo documento testimonierà la conformità del datore di lavoro alla procedura stabilita.

Articolo 193 della Federazione Russa con commenti

restrizioni

Sono stabiliti dal terzo comma dell'art. 193 del Codice del lavoro della Federazione Russa. Nella norma, in particolare, i termini sono determinati durante il quale è consentito imporre una penalità al trasgressore. Il periodo mensile è calcolato dalla data di rilevazione del reato. È il giorno in cui la persona a cui il dipendente invia rileva la violazione commessa. Allo stesso tempo, non importa se questo ufficiale superiore ha il diritto di applicare penalità o meno. Se la sanzione per violazione è il licenziamento di sub. "D" della clausola 6 della prima parte dell'articolo 81, il calcolo del periodo mensile inizia dalla data in cui entra in vigore la decisione giudiziaria, l'atto dell'ente / dipendente autorizzato a trattare i casi amministrativi.

Giorni di esclusione

In stabilito dall'art. 193 del Codice del lavoro della Federazione Russa, il periodo non include il periodo durante il quale il dipendente era assente al lavoro a causa di malattia o in vacanza. In quest'ultimo caso, vengono presi in considerazione tutti i giorni che vengono forniti a un cittadino in conformità con la legislazione. In particolare, stiamo parlando di ferie annuali (supplementari e maggiori), del periodo di studio, del tempo di riposo senza risparmiare. Se il licenziamento funge da penalità, il periodo necessario per tenere conto delle opinioni del sindacato, se la sua contabilità è obbligatoria, non è incluso nel termine. L'assenza di un dipendente per altri motivi, compresi quelli associati all'uso del tempo libero, indipendentemente dalla durata (ad esempio durante il lavoro a turni), stabilito dall'art. 193 del Codice del lavoro della RF non si interrompe.

Articolo 193 del disciplinare TC RF

sfumature

Art. 193 del Codice del lavoro della Federazione Russa vieta l'imposizione al dipendente di più di una sanzione per un reato. Nel frattempo, se, dopo la sua imputazione, il dipendente continua a non eseguire o ad eseguire impropriamente le sue funzioni, il datore di lavoro può imporgli una nuova sanzione, fino al licenziamento incluso in conformità all'articolo 81 (Parte 1, Clausola 5). In questo caso, è necessario tenere conto del fatto che il datore di lavoro può applicare la sanzione anche quando il lavoratore ha presentato domanda per la risoluzione del contratto di lavoro di sua iniziativa prima che la violazione sia consentita. Ciò è dovuto al fatto che il rapporto in tale situazione si conclude alla fine del periodo riservato all'avviso di licenziamento. Allo stesso tempo, un dipendente che ha rescisso un contratto non può essere coinvolto in responsabilità disciplinare.

Ordine di applicazione St 193 TK RF

conclusione

Le sanzioni disciplinari si applicano principalmente al capo dell'azienda. Altri dipendenti possono ritenere i dipendenti responsabili solo se hanno i poteri appropriati, ai quali sono conferiti per ordine del direttore, statuto e altri atti locali. L'uso della preclusione non è responsabilità del datore di lavoro. A questo proposito, il datore di lavoro, tenendo conto di tutte le circostanze dell'incidente, non può imporre una sanzione al dipendente, limitandosi a osservazioni orali o conversazioni. Quando si applicano sanzioni, il datore di lavoro deve seguire la procedura stabilita. In caso di violazione delle regole previste dal Codice, un'autorità autorizzata a considerare una controversia sul lavoro sulla legalità di una sanzione può dichiararla illegale. Secondo la prassi consolidata, l'ordine di perseguire il trasgressore è comunicato a tutto il personale. Se il dipendente ritiene che la sanzione gli sia stata applicata in assenza di motivi o che una misura dell'impatto sia sproporzionata rispetto alla gravità dell'infrazione, può presentare ricorso contro le azioni della direzione.