L'epoca delle grandi scoperte geografiche è di grande importanza nella storia dell'umanità. La maggior parte delle solite merci e prodotti alimentari semplicemente non esisterebbero nel nostro mercato oggi senza questi due secoli.

Continua a leggere e scopri Columbus e Vasco da Gama, tabacco, pomodori e mais. Parleremo di cinque diversi continenti, seguiremo le orme dei grandi navigatori europei.

preistoria

L'epoca grandi scoperte geografiche chiamò il periodo dal XV al XVII secolo della nostra era. Questo termine è apparso a causa della ricerca attiva e l'espansione che ha avuto luogo oltre duecento anni. In questo momento del paese Europa occidentale e il regno di Mosca aumentò significativamente la propria proprietà includendo nuovi territori.

A volte le terre venivano comprate, meno spesso - si erano appena sistemate, più spesso dovevano essere conquistate.

Oggi gli scienziati ritengono che la ragione principale per l'aumento di tali spedizioni sia stata la rivalità nella ricerca di un breve percorso verso l'India. Alla fine del Medioevo nell'Europa occidentale si diffuse l'idea che si trattava di uno stato molto ricco.

Dopo che i portoghesi iniziarono a importare spezie, oro, tessuti e gioielli da lì, Castiglia, Francia e altri paesi iniziarono a cercare modi alternativi. Le crociate non offrivano più alcuna soddisfazione finanziaria, quindi c'era bisogno di aprire nuovi mercati.

Questo è ciò che verrà discusso ulteriormente.

Spedizioni portoghesi

Come abbiamo detto prima, l'era delle Grandi scoperte geografiche iniziò con le prime spedizioni dei portoghesi. Esplorando la costa atlantica dell'Africa, raggiunsero il Capo di Buona Speranza e sbarcarono nell'Oceano Indiano. Così è stata aperta la rotta marittima verso l'India.

l'era delle grandi scoperte geografiche

Prima di questo, si sono verificati diversi eventi importanti che hanno comportato una spedizione simile. Nel 1453 Costantinopoli cadde. I musulmani hanno catturato uno dei più importanti santuari cristiani. D'ora in poi, la strada per i commercianti europei a est - in Cina e in India - fu bloccata.

Ma senza le ambizioni della corona portoghese, forse l'era delle grandi scoperte geografiche non sarebbe iniziata. Il re Afonso V iniziò a cercare stati cristiani nell'Africa meridionale. A quel tempo, si credeva che le terre dei musulmani, il Marocco, iniziassero a dimenticare le nazioni cristiane.

Così le isole di Capo Verde furono scoperte nel 1456 e dopo un decennio iniziarono ad esplorare la costa del Golfo di Guinea. Oggi c'è la Costa d'Avorio.

Il 1488 fu l'inizio dell'era delle scoperte. Bartolomeu Dias arrotondò Cape Storms (in seguito ribattezzato King of Good Hope dal Re) e si fermò sulla costa del Pacifico.

Questa era la via per l'India. L'unico problema per il portoghese era che il viaggio durava un anno. Per il resto dei monarchi, la scoperta fu una spina, poiché fu il Portogallo a monopolizzarlo nella bolla papale.

Scoperta dell'America

Molti credono che sia iniziata l'era delle grandi scoperte geografiche scoperte dell'America. Tuttavia, questo era il secondo stadio.

Il quindicesimo secolo fu una fase piuttosto difficile per due parti della Spagna moderna. Allora era un regno separato - Castiglia e Aragona. Il primo, in particolare, in quel momento era la monarchia mediterranea più potente. Consisteva nel territorio del sud della Francia, nel sud dell'Italia, in diverse isole e in parte della costa Nordafricano.

Tuttavia, il processo di riconquista e la guerra con gli arabi separarono considerevolmente il paese dalla ricerca geografica. La ragione principale per cui i Castigliani iniziarono a finanziare Cristoforo Colombo fu l'inizio dello scontro con il Portogallo. Questo paese, a causa dell'apertura della rotta verso l'India, ha ricevuto il monopolio del commercio marittimo.

Inoltre, c'è stato uno scontro per le Isole Canarie.

Quando Colombo fu stanco di cercare di persuadere i portoghesi ad attrezzare la spedizione, Castile era pronto per un'avventura simile.

iniziò l'era delle grandi scoperte geografiche

Tre caravelle hanno raggiunto le isole dei Caraibi. Nella prima campagna furono aperti San Salvador, parte di Haiti e Cuba. Più tardi trasportò diverse navi di lavoratori e soldati. I piani originali per le montagne d'oro fallirono. Pertanto, iniziò una colonizzazione sistematica della popolazione. Ma ne parleremo più avanti quando si tratta di conquistadores.

Oceano Indiano

Dopo il ritorno della prima spedizione di Colombo inizia una decisione diplomatica della divisione delle sfere di influenza. Per evitare conflitti, il Papa pubblica un documento che definisce i possedimenti portoghesi e spagnoli. Ma João II era insoddisfatto del decreto. Secondo il toro, stava perdendo le terre del Brasile appena scoperte, che erano poi considerate l'isola di Vera Cruz.

Pertanto, nel 1494 fu firmato l'accordo di Tordesillas tra le corone castigliana e portoghese. La frontiera era di duecentosettanta leghe da Capo Verde. Tutto ciò che era ad est, partì dal Portogallo, ad ovest - la Spagna.

l'era delle grandi scoperte geografiche chiamato periodo

L'era delle grandi scoperte geografiche compiute dalle spedizioni nell'Oceano Indiano continuò. Nel maggio del 1498, le navi di Vasco da Gama raggiunsero la costa sud-occidentale dell'India. Oggi è lo stato del Kerala.

All'inizio del XVI secolo vennero scoperte le isole del Madagascar, Mauritius, Sri Lanka. Il portoghese ha gradualmente padroneggiato nuovi mercati.

Oceano Pacifico

Come accennato in precedenza, l'era delle grandi scoperte geografiche iniziò con la ricerca di una rotta marittima verso l'India. Tuttavia, dopo che le navi di Vasco da Gama raggiunsero le sue coste, l'espansione europea iniziò nei paesi dell'Estremo Oriente.

Qui agli inizi del XVI secolo, i portoghesi scoprono i mercati delle Filippine, della Cina e del Giappone.

All'altra estremità del Pacifico in questo momento, Balboa attraversa l'istmo di Panama e diventa il primo spagnolo a vedere "l'altro mare".

Il prossimo passo inevitabile fu lo sviluppo di nuovi spazi aperti, che portarono alla prima circumnavigazione della spedizione di Magellano negli anni 1519-1522.

conquistadores

I marinai dell'epoca delle grandi scoperte geografiche non solo si dedicarono allo sviluppo di nuove terre. Spesso i pionieri erano ondate di avventurieri, imprenditori e immigrati in cerca di una vita migliore.

navigatori dell'epoca delle grandi scoperte geografiche

dopo Cristoforo Colombo Prima di mettere piede sulla riva di una delle isole dei Caraibi, migliaia di persone hanno attraversato il Nuovo Mondo. La ragione principale era l'idea sbagliata di aver raggiunto l'India. Ma dopo che le aspettative del tesoro non furono giustificate, gli europei iniziarono la colonizzazione dei territori.

Juan de Leon, in viaggio dalla Costa Rica, scoprì la costa della Florida nel 1508. Hernán Cortés, per ordine di Velázquez, emerse da Santiago de Cuba, dove era sindaco, con una flottiglia di undici navi e cinquecento soldati. Aveva bisogno di conquistare gli aborigeni dello Yucatan. Lì, come risultò, c'erano due stati abbastanza potenti: gli imperi aztechi e maya.

Nell'agosto del 1521, Cortez cattura Tenochtitlan, la capitale degli Aztechi, e la rinomina Città del Messico. D'ora in poi, l'impero divenne parte della Spagna.

Nuove rotte commerciali

Il secolo di grandi scoperte geografiche ha dato all'Europa occidentale opportunità economiche inaspettate. Nuovi mercati di vendita furono aperti, apparvero territori, da dove venivano importati tesori e schiavi per una miseria.

La colonizzazione delle coste occidentali e orientali dell'Africa, della costa asiatica dell'Oceano Indiano e dei territori del Pacifico ha permesso agli stati un tempo piccoli di diventare imperi mondiali.

secolo di grandi scoperte geografiche

Aperto ai mercanti europei Giappone, Filippine, Cina. I portoghesi hanno persino ottenuto la loro prima colonia lì - Macao.

Ma la cosa più importante era che durante l'espansione ad ovest e ad est, le spedizioni iniziarono ad incontrarsi. Le navi salpate dall'attuale Cile raggiunsero le coste dell'Indonesia e delle Filippine.

Quindi, è stato finalmente dimostrato che il nostro pianeta ha la forma di una palla.

A poco a poco, i marinai padroneggiarono gli alisei, la Corrente del Golfo. Apparvero nuovi modelli di navi. Come risultato della colonizzazione, furono formate fattorie di piantagioni, dove veniva usato il lavoro degli schiavi.

Australia

Non solo la ricerca di un percorso verso l'India ha segnato l'era delle grandi scoperte geografiche. In breve, l'umanità ha iniziato a conoscere il pianeta. Quando la maggior parte delle coste divenne nota, rimase solo una domanda. Cosa c'è di così massiccio nel sud che i continenti del nord non la superano?

il valore dell'era delle grandi scoperte geografiche

Secondo Aristotele, c'era un certo continente: l'incognita terra australis ("terra meridionale sconosciuta").

Dopo diversi messaggi errati, finalmente nel 1603, l'olandese Janszon atterrò nel moderno Queensland.

E negli anni quaranta del diciassettesimo secolo, Abel Tasman scoprì la Tasmania e la Nuova Zelanda.

La conquista della Siberia

Non solo lo studio di America, Africa e Australia ha segnato l'era delle grandi scoperte geografiche. Il tavolo dei trofei e la mappa dei dintorni del Baikal parlano di importanti scoperte fatte dai cosacchi russi.

l'era delle grandi scoperte geografiche brevemente

Così, nel 1577, Ataman Yermak, che fu finanziato dagli Stroganov, andò a est della Siberia. Durante la campagna, infligge una pesante sconfitta al khan siberiano Kuchum, ma alla fine muore in una delle battaglie.

Tuttavia, i suoi affari non sono stati dimenticati. Dal diciassettesimo secolo, dopo la fine del periodo dei guai, iniziò la colonizzazione sistematica di queste terre.

Ricerca Yenisei. Lena, Angara. Nel 1632 fu fondata Yakutsk. Successivamente, diventerà il punto di transito più importante sulla strada verso est.

Nel 1639, la spedizione di Ivan Moskvitin raggiunge le coste dell'Oceano Pacifico. Kamchatka cominciò a svilupparsi solo nel XVIII secolo.

Risultati dell'era di grandi scoperte geografiche

Il valore dell'era delle grandi scoperte geografiche è difficile da sopravvalutare.

Innanzitutto, c'è stata una rivoluzione nel cibo. Piante come mais, pomodori, patate, fagioli, ananas e altri hanno raggiunto l'Europa occidentale. C'è una cultura di bere caffè e tè, le persone sono attaccate al fumo.

I metalli preziosi dal Nuovo Mondo inondarono rapidamente i mercati della "vecchia Europa". Con l'avvento di un gran numero di colonie, inizia l'era dell'imperialismo.

Nei paesi dell'Europa occidentale, il declino di alcune case commerciali e l'ascesa di altre. È l'era delle scoperte geografiche che i Paesi Bassi devono decollare. Anversa nel sedicesimo secolo divenne il principale porto di trasbordo nel percorso di merci dall'Asia e dall'America verso altri paesi europei.

Quindi, in questo articolo abbiamo trattato le scoperte geografiche per duecento anni. Abbiamo parlato delle diverse direzioni delle spedizioni, imparato i nomi dei famosi navigatori, così come il tempo della scoperta di alcune coste e isole.

Buona fortuna e nuove scoperte, cari lettori!