Questo attore caratteristico, capace di reincarnarsi in immagini diverse, è meritatamente considerato la personificazione del cinema di genere in Francia. La sua esibizione può essere invidiata da molti: Jean Rochefort, che ha festeggiato il suo 85 ° anniversario non molto tempo fa, va ancora al palcoscenico teatrale e al set cinematografico.

La carriera dell'attore non è stata sempre brillante e senza nuvole: non è stato immediatamente avvicinato per ruoli da protagonista. Gli spettatori francesi hanno ricordato il pubblico russo in primo luogo per il ruolo svolto nella famosa Angelica. Oggi ha avuto luogo non solo come attore, ma anche come regista e sceneggiatore. Chi è Jean Rochefort e cosa è stato notevole nella sua biografia creativa? Considera questa domanda in modo più dettagliato.

Anni di infanzia e adolescenza

Jean Rochefort - nativo di Dinan (Bretagna, Francia). Era nato il 29 aprile 1930 in una famiglia in cui la professione di attore era percepita come qualcosa di "trascendentale" e "distante dalla realtà".

Jean rochfort

I genitori del ragazzo si chiedevano perché il giovane Jean suscitasse improvvisamente un interesse per la grande arte. Andò volentieri a imparare le basi della recitazione in Blanche Street a Parigi, dove fu organizzato un club di recitazione privato. Dopo un po 'di tempo, Jean Rochefort ha continuato i suoi studi nell'arte di recitare nella scuola di recitazione di Nantes, poi il giovane è finito al Conservatorio di Arte Drammatica di Mosca. In questa scuola, i suoi famosi compagni seguaci diventarono Jean-Pierre Mariel e Jean-Paul Belmondo. Ma lo studio dovette essere interrotto per ragioni obiettive: Jean raggiunse l'età militare.

Inizio carriera

Smobilitato dall'esercito, Jean Rochefort, la cui biografia è di grande interesse per i fan del cinema francese, diventa un attore nel teatro Grenier-Yusseno.

Film di Jean Rochfort

In questo tempio Melpomena lavora per sette anni. I registi hanno coinvolto principalmente un attore alle prime armi nelle produzioni del repertorio "anglosassone", poiché hanno visto prima di loro un ironico giovanissimo flemmatico. Dopo un po 'di tempo, Jean Rochefort, i cui film gli spettatori sovietici adoravano guardare, iniziò a lavorare in un prestigioso cabaret con il magico nome di Fontana delle Quattro Stagioni. Ma non ha dimenticato le esibizioni nel teatro "Grenier-Yusenno". Ben presto l'attore teatrale cominciò a prendere parte a programmi televisivi, ma Jean inizialmente non rifletté sulla sua carriera come attore cinematografico.

Debutto cinematografico

Ma pochi anni dopo, Jean Rochefort, la cui filmografia contiene circa 80 opere nel cinema, ha deciso di provare la sua mano sul set. Il suo pallone da cinema era il dipinto "Meeting in Paris" (regia S. Gerard, 1956). Tuttavia, il debutto non ha avuto successo: l'attore non ha nemmeno colpito i crediti. Il successo non è venuto a Rochefort anche dopo la pubblicazione del dipinto "The Bullet in the Trunk" (regia S. Gerard, M. Deville, 1958).

Attore Jean Rochefort

In esso, l'attore è stato approvato per il ruolo di Leopold. I critici del lavoro del magnate francese nel film The Queen of Spades hanno risposto con un po 'più di comprensione (regia Stelliio Lorenzi, 1958). Rochefort ha l'immagine di Tomsk.

URSS

Per sopravvivere e dimenticare l'inizio di una carriera cinematografica senza successo, Jean va in Unione Sovietica. Tuttavia, qualche tempo dopo, gli viene offerto di prendere parte al film franco-sovietico Leon Garros è in cerca di un amico (dir. Marcello Palero, 1960). Inoltre, Rochefort rivendica uno dei ruoli chiave: interpreta un autista, i cui compiti includono non solo la guida, ma anche l'accompagnamento del personaggio principale durante la sua permanenza nell'URSS. L'immagine fu un successo, e dopo la sua uscita sugli schermi, l'attore francese della provincia della Bretagna ricevette la sua parte di fama. Notevole è il fatto che fu in Unione Sovietica che Jean Rochefort incontrò la sua futura moglie, Alexandra Mosca, una polacca di nascita.

Lavorare a teatro

Al suo ritorno a casa, l'attore si concentra sul lavoro nel tempio di Melpomena. I frequentatori di teatro francesi cominciano a notarlo. A lungo persuasione, il comico francese ha l'opportunità di dirigere le opere teatrali del drammaturgo inglese G. Pinter - "The Lover" e "The Collection". L'attore Jean Rochefort stesso partecipa alla produzione, dimostrando ai suoi colleghi del workshop come suonare sul palco.

Filmografia di Jean Rochefort

Quindi assume il Platonov di Cechov e la performance è accompagnata da ovazioni tempestose. Inoltre, Jean Rochefort dirige la commedia "Il modo in cui vuoi vedermi", basato sulla commedia pirandelliana.

Il picco della creatività nel cinema

Negli anni '60, gli artisti teatrali francesi lavorano principalmente nel genere del film d'avventura. E anche se ottiene i ruoli secondari, accetta volentieri le riprese. Il pubblico ricorda i suoi ruoli nei film: "Capitan Frakass" (regia P. Gaspar-Juy, 1961), "Angelica in a rabbia" (regia B. Borderi, 1964), "Le disavventure di un cinese in Cina" (regia Philip de Broca , 1965).

Ma negli anni '70, Jean Rochefort appare in un nuovo ruolo di fronte al pubblico, interpretando ruoli comici. E sullo schermo in episodi umoristici, poteva rimanere assolutamente serio, il che non poteva che provocare risate. Nelle commedie degli anni '70, i registi spesso lo reclamano per i ruoli principali. Questo, in particolare, riguarda i film: "biondo alto in una scarpa nera" (dir Yves Robert, 1972), "Hello, artist" (Yves Robert, 1973), "E gli elefanti hanno torto" (Yves Robert, 1976).

Ma il prestigioso premio cinematografico "Cesar" nel 1976, l'attore ha ricevuto un ruolo drammatico. È sulla foto B. Tavernier "Sia una vacanza!", Dove il maestro si reincarnò delicatamente nell'immagine dell'abate Dubois. Qualche tempo dopo, è stato nuovamente premiato con il premio cinematografico Cesar per il ruolo principale nel film "Crab Drum" (P. Schönderffer, 1977).

Biografia di Jean Rochefort

Jean Rochefort era richiesto nel cinema negli anni '80, e negli anni '90, e nello zero, interpretando molti ruoli importanti. L'attore ha sognato l'idea di interpretare il Cavaliere della triste immagine nel film diretto da Terry Gilliam "L'uomo che uccise Don Chisciotte" e ha ricevuto un invito a questo ruolo. Ma la salute di Jean Rochefort lo ha deluso e la sparatoria è stata interrotta.

Negli ultimi anni, l'attore si è concentrato sulla regia di film documentari. Nel tempo libero, gli piace allevare cavalli.

L'attore è stato sposato due volte. La prima moglie - una donna polacca, Alexandra Moscow - gli ha procurato due figli (Vilia, Julien) e una figlia (Marie). Il secondo prescelto di Rochefort, Francoise, lo presentò anche con i figli: il figlio di Peter e le figlie Louise e Garcia.