Lo sviluppo della scienza è un processo complesso ed eccitante, che comporta molte fasi e cambiamenti nelle direzioni principali in cui è stata acquisita la conoscenza. Per comprendere l'importanza dell'attuale stato delle cose, è necessario presentare i precedenti processi storici nel loro complesso. Prima di tutto, è necessario capire quali sono le rivoluzioni scientifiche, quante erano e quando sono avvenute.

Come si sviluppa la conoscenza?

rivoluzione scientifica

Le informazioni non si accumulano e si espandono costantemente. Anche il campo scientifico si sta sviluppando e il processo di questo processo è associato ai cambiamenti nei principi, nei metodi e nelle strutture della conoscenza. Non sorprende che alcuni scienziati si siano interessati a questo fenomeno e abbiano deciso di studiarlo in modo più dettagliato. Risultati particolarmente brillanti hanno raggiunto Thomas Kun. La struttura delle rivoluzioni scientifiche è stata analizzata da lui dal punto di vista del modello di crescita della conoscenza. Kuhn ha individuato due periodi di sviluppo: paradigma, che può anche essere definito normale o rivoluzionario, altrimenti chiamato straordinario. Nel primo caso, gli scienziati creano conoscenza entro certi limiti e con l'aiuto di metodi, principi, valori e modelli specifici accessibili all'intera comunità scientifica. In questo caso, il "paradigma" può essere sinonimo della definizione di "tradizione". Durante il periodo normale, gli scienziati non stabiliscono obiettivi per lavorare su nuove teorie. Tuttavia, il loro processo è inevitabile. Secondo Kuhn, la rivoluzione scientifica è direttamente correlata a tale periodo - il paradigma contribuisce all'emergere di nuove teorie e fenomeni, sebbene non sia finalizzato alla loro creazione. Ecco perché il periodo normale prima o poi si trasforma in uno straordinario.

Problemi filosofici

La questione dello sviluppo della conoscenza non è stata affrontata solo da Thomas Kuhn. La struttura delle rivoluzioni scientifiche create dagli scienziati ha i suoi svantaggi. Il paradigma può seriamente limitare l'angolo di visione, portando al fatto che ogni nuovo fenomeno è descritto da metodi già noti e tutte le informazioni sono adattate al fotogramma desiderato. Ecco perché la questione di come avviene la rivoluzione scientifica, Kuhn non è l'unica autorità, ma aiuta solo ad affrontare il problema in parte. I filosofi coinvolti nei meccanismi del rapporto tra innovazioni e tradizioni affrontano due problemi principali. Prima di tutto, si tratta della diversità dei paradigmi scientifici e della loro struttura complessa. Il prossimo problema è la continuità e l'interazione delle tradizioni con le innovazioni.

Il contributo dei filosofi domestici

struttura delle rivoluzioni scientifiche

La struttura delle rivoluzioni scientifiche fu accuratamente studiata da studiosi come V.S. Stepin e M.A. Rozov. Le loro opere tengono conto della diversità delle tradizioni e analizzano la loro interazione. Secondo gli scienziati, i paradigmi differiscono, prima di tutto, dal modo di esistere: possono essere incorporati in libri di testo, testi o monografie. In un'altra forma di realizzazione, non sono rappresentati da informazioni verbali espresse in modo chiaro. Idee simili espresse nel suo lavoro "Implicit knowledge" e Michael Polani. Sulla base delle sue argomentazioni, Rozov ha creato il concetto di relais sociali, attraverso il quale ha compreso il trasferimento di forme di comportamento o modalità di attività da una generazione all'altra. In relazione alla domanda su quale sia la struttura delle rivoluzioni scientifiche, questa teoria può descrivere molti "programmi" culturali e campioni usati da scienziati di diversi anni.

Quando la conoscenza viene trasferita?

I filosofi identificano due tipi di opzioni per il trasferimento di conoscenze da una generazione di scienziati a un'altra. Il primo implica l'esistenza di azioni campione che descrivono il processo di esecuzione di un'operazione scientifica, e il secondo è l'esistenza di prodotti campione che suggeriscono il suo risultato specifico. Comprendendo come e quando una rivoluzione scientifica ha luogo, mentre sembra impossibile, il momento esatto della comparsa di ipotesi o assiomi rimane inafferrabile. Pertanto, il paradigma include non solo la conoscenza esplicita, ma anche informazioni vaghe relative alla personalità dello scienziato, i suoi interessi, lo stile di vita e la cultura circostante. Questo ci consente di parlare della diversità delle tradizioni in generale e scientifiche in particolare.

L'emergere di innovazioni

Nonostante il fatto che il processo sia difficile da studiare al cento per cento, alcuni punti possono ancora essere smontati. L'elemento principale della struttura, senza il quale una rivoluzione scientifica è impossibile, è l'innovazione. Come si fa? Vale la pena tornare alle opere di M. A. Rozov e, soprattutto, chiarire qual è l'innovazione. Secondo lo scienziato, include ignoranza e ignoranza. Il primo è il momento nel processo di acquisizione di informazioni, quando una persona ha bisogno di riflettere su una serie di azioni per acquisirla, sulla base di dati già esistenti. Il risultato è una conoscenza approfondita di qualcosa già conosciuto prima. L'ignoranza è spesso il risultato del caso. La scienza conosce situazioni in cui sono stati scoperti fenomeni e processi che non possono essere spiegati. Così sono stati aperti i "buchi neri": gli astrofisici non sono stati in grado di descriverli in dettaglio, tuttavia è stata ottenuta la conoscenza della loro esistenza. L'ignoranza rimane al di fuori delle possibilità cognitive dello scienziato ed è un elemento indefinito della struttura della rivoluzione scientifica.

Tipi di rivoluzioni scientifiche

Pertanto, la struttura del processo è ovvia e può essere studiata in una certa misura. Per capire cos'è una rivoluzione scientifica, questo è importante, ma non abbastanza. Devi anche capire che questo processo potrebbe essere diverso. Il concetto di rivoluzione scientifica combina in sé due aree di sviluppo della conoscenza: eventi globali e situazioni su piccola scala che riguardano solo un'area di studio. Questi ultimi cambiano le idee solo su sfere concrete e relativamente ristrette di fenomeni, senza cambiare le opinioni filosofiche e non cambiando l'immagine del mondo. I primi portano all'emergere di concetti completamente nuovi e diventano l'impulso per l'uso di metodi e modi innovativi per ottenere informazioni. La rivoluzione scientifica globale può iniziare in uno dei rami fondamentali della conoscenza o formarla, rendendola leader. Vale anche la pena considerare che tali processi richiedono sempre un certo tempo. I tipi di rivoluzioni scientifiche possono essere differenti, ma questo fenomeno non può mai essere definito fugace, specialmente quando comporta cambiamenti fondamentali.

Inizio della prima rivoluzione scientifica

rivoluzione scientifica del 17 ° secolo

Avendo affrontato la struttura e i tipi del processo, puoi andare a informazioni storiche. La prima rivoluzione scientifica ha avuto luogo in un punto di svolta in cui l'umanità ha compiuto il passaggio dal Medioevo alla Nuova Era. Più tardi questo periodo fu chiamato il Rinascimento. L'evento principale furono gli insegnamenti eliocentrici dello scienziato polacco Copernico, che capovolse l'intera immagine esistente del mondo, basata sul sistema geocentrico di Tolomeo e Aristotele. La prima rivoluzione scientifica ha permesso alle persone di rendersi conto che la Terra è solo uno dei pianeti in orbita attorno al Sole. Non meno importante scoperta di Nicolaus Copernico fu il fatto che la rotazione avvenisse attorno al proprio asse. Ha anche avanzato l'idea che il movimento è una proprietà naturale per oggetti terrestri e celesti e che obbedisce a certe leggi generali che la meccanica può descrivere. Prima che la gente credesse nell'esistenza di un motore primo immobile, inventato da Aristotele. Si credeva che fosse lui a mettere in moto l'universo. Il risultato della prima rivoluzione scientifica fu la realizzazione dell'insolvenza del metodo visivo per ottenere la conoscenza e l'impossibilità di fidarsi della percezione sensoriale - esternamente sembra che il Sole si muova davvero attorno a una Terra stazionaria. Gli scienziati sono giunti alla necessità di utilizzare un atteggiamento critico nei confronti dei dati ottenuti attraverso i sensi.

I risultati del periodo rinascimentale

prima rivoluzione scientifica

Forse, la scienza e le rivoluzioni scientifiche non sono mai state così importanti nella storia come nel periodo in cui apparvero gli insegnamenti di Copernico. Ha minato le fondamenta del quadro religioso del mondo e le idee basate sulla teoria di Tolomeo. Cambiato non solo la conoscenza dell'universo, ma anche l'opinione dell'uomo. Il suo posto nell'universo era completamente diverso. Anche l'atteggiamento umano nei confronti del mondo è cambiato - prima che la dottrina religiosa si opponesse alle cose perituri e terrene all'eterno e immutabile celeste, che divenne inaccettabile dopo la comparsa di dati sul costante movimento di oggetti astronomici. Tuttavia, Copernico aderì a conoscenze errate - credeva che l'Universo fosse finito. Secondo le sue teorie, da qualche parte finiva in una sfera solida su cui le stelle si trovavano in qualche modo. Ci sono voluti circa un centinaio di anni per sfatare un tale mito. Copernico sostituì il nuovo grande scienziato. L'astronomo italiano Giordano Bruno ha scritto un articolo dal titolo "Sull'Infinito dell'Universo e dei Mondi". In esso, suppose che ci fossero altri pianeti abitati da qualche parte, e riferì che non c'è semplicemente una sfera solida che delimita il cielo e una stella fissa. Questo lavoro scientifico può anche essere attribuito al retaggio della prima rivoluzione, poiché alla fine ha distrutto l'immagine del mondo che esisteva prima.

L'inizio della seconda rivoluzione scientifica

struttura kun delle rivoluzioni scientifiche

Le teorie di Copernico e Bruno rovesciarono la visione umana del mondo, ma le domande che dovevano essere studiate rimasero molto, molto. Gli scienziati non hanno smesso di lavorare, così presto c'è stata una seconda rivoluzione scientifica. Cominciò nel diciassettesimo secolo e si estese per i successivi due secoli. La base per questo era le idee dei principali scienziati del periodo precedente. Galileo Galilei ha dimostrato che l'opinione che il corpo può muoversi solo se c'è un'influenza esterna è sbagliata. Ha suggerito che la situazione è completamente diversa. Secondo Galileo, il corpo o rimane a riposo, o si muove, senza cambiare direzione e velocità, in quei casi in cui non è soggetto ad influenza esterna. Ha anche formulato il principio di inerzia, che è stata la ragione per cambiare gli stessi metodi di ricerca - gli scienziati erano di nuovo convinti che non era sempre ragionevole fidarsi dei dati dell'osservazione diretta. La rivoluzione scientifica del XVII secolo portò all'umanità tali scoperte come la legge delle oscillazioni del pendolo e la rilevazione del peso dell'aria. Il merito di Galileo risiede non solo nella conoscenza acquisita, ma anche nel fatto che ha permesso di essere convinto che l'immutabile credenza nell'autorità diventa un ostacolo allo sviluppo della scienza. Usare le credenze di Aristotele o dei Padri della Chiesa non permetteva alle persone di studiare la natura attraverso l'osservazione, la sperimentazione e la ragione, limitando i loro modi di acquisire conoscenza leggendo testi antichi o la Bibbia. La rivoluzione scientifica del XVII secolo ha cambiato radicalmente questa situazione. Questo periodo si è concluso con il lavoro Isaac Newton. Ha continuato il lavoro iniziato da Galileo e ha contribuito alla creazione della meccanica classica. La seconda rivoluzione scientifica ha permesso di creare un'immagine meccanicistica del mondo, sostituendo infine le credenze di Tolomeo e Aristotele. Inoltre, Newton ha aperto l'universale la legge dell'ampiezza del mondo a cui tutti i fenomeni obbediscono. L'immagine del mondo creata dallo scienziato era semplice e chiara.

Prerequisiti per la terza rivoluzione scientifica

concetto di rivoluzione scientifica

Il risultato delle scoperte di Newton fu una filosofia completamente nuova. La rivoluzione scientifica del 17 ° secolo ha approvato nuovi modi di ricerca, tra cui l'intelligenza, l'esperimento e l'osservazione. Nell'opera "Mathematical Principles of Natural Philosophy", Newton espose le sue opinioni sul significato di questi metodi per studiare la natura. Inoltre, i nuovi dati sono stati l'impulso per lo sviluppo della fisica, della meccanica, dell'astronomia, della chimica, della biologia e della geologia. Il quadro meccanicistico del mondo ha i suoi inconvenienti, ma è rimasto rilevante per quasi due secoli, fino alla prossima rivoluzione scientifica e tecnologica. L'era della scienza ha cambiato i tempi della meccanica. L'umanità è arrivata all'evoluzionismo. La terza rivoluzione scientifica, avvenuta alla fine del diciannovesimo secolo, portò alla proclamazione del principio della connessione universale dei fenomeni e dei processi esistenti in natura. Gli scienziati hanno scoperto la legge della trasformazione di energia da una forma all'altra e dimostrata teoria cellulare struttura degli organismi. In breve, la scienza naturale divenne la vera essenza della terza rivoluzione scientifica, che portò alla distruzione dell'immagine meccanicistica del mondo e permise una nuova comprensione della realtà fisica.

Rivoluzione del nuovo tempo

seconda rivoluzione scientifica

Tutta una serie di scoperte che hanno avuto luogo dalla fine del diciannovesimo secolo hanno portato a una nuova tappa nella storia della conoscenza umana. La quarta e successive rivoluzioni scientifiche del XX secolo distrussero i fondamenti della scienza classica e dei suoi ideali, creando un quadro relativistico del mondo con idee completamente nuove sulla realtà fisica. Durante la prima rivoluzione scientifica, l'umanità ha acquisito nuove idee sul pianeta, il secondo è diventato un momento di revisione degli ideali e delle norme della conoscenza e ha anche contribuito allo sviluppo delle scienze naturali. Il terzo e il quarto hanno rivisto le idee classiche e hanno portato a una nuova razionalità. In senso lato, si può dire che hanno portato alla creazione di un tipo speciale di cultura europea. La sua base era il principio della vita, secondo il quale abilità umana pensare e prendere decisioni che si sono rivelate fondamentali. È diventato necessario per l'uomo essere in grado di usare la propria mente senza guida dall'esterno. Tale razionalità è stata identificata con la scienza fino alla metà degli anni sessanta del ventesimo secolo, quando i filosofi la ripensarono. Fu in quel momento che nacque il principio dello storicismo, che portò a un'analisi degli eventi degli anni precedenti. Apparve il lavoro degli scienziati menzionati sopra, ad esempio, Thomas Kuhn. Tutto ciò rende possibile notare che la razionalità scientifica cambia con il corso degli anni allo stesso modo della scienza stessa. La sua prima forma era filosofia antica. Parmenide proclamò l'identità dell'essere e del pensare. Platone sviluppò la sua idea sulla teoria dell'esistenza di entità disincarnate, che possono essere trovate solo dal volo del pensiero. I filosofi di quei tempi vivevano nella parola mondo. La prima rivoluzione scientifica ha creato un nuovo tipo di razionalità: scientifica. Il contenuto della filosofia è cambiato e l'essere ha cessato di essere considerato l'Assoluto. La seconda e la terza rivoluzione scientifica portarono le idee di sviluppo nel mondo. Ogni conoscenza è stata definita soggettiva. Successivamente, il tipo classico di razionalità è stato offuscato e ha ricevuto una percezione completamente diversa. Il principio scientifico moderno considera il punto di riferimento di una persona, la sua attività e le sue conseguenze. Inoltre, ciascun ricercatore diventa un soggetto attivo degli oggetti studiati. La scienza moderna si occupa di sistemi complessi e fa affidamento sull'aiuto di programmi per computer.