Il carico fiscale in Russia è un indicatore complesso che riflette l'impatto dei pagamenti effettuati sul bilancio sulle attività economiche dello stato in generale e dei singoli cittadini in particolare. È definito come la proporzione del reddito. Successivamente, daremo uno sguardo più approfondito su come viene distribuito il carico fiscale. carico fiscale

Informazioni generali

L'entità del carico fiscale è il rapporto tra l'ammontare delle detrazioni, che sono prese per un certo periodo, e il reddito percepito nello stesso periodo. Il risultato è espresso in percentuale. Il carico fiscale dell'economia fu affrontato nel lavoro di Smith nel XVIII secolo. Nel suo studio sulla natura e le cause della ricchezza, l'autore ha sottolineato la relazione più importante tra il volume dell'onere di pagamento e il flusso di denaro nel bilancio del paese. Ridurre il carico fiscale è vantaggioso per lo stato. In questo caso, vince più di quando aumenta l'onere per i pagatori. Un onere fiscale eccessivo non consente la costituzione di fondi liberi, da cui possono essere percepiti redditi e le tasse pagate al bilancio.

Ricercatori

Gli esperti hanno analizzato seriamente il problema dell'impatto delle tasse sull'economia e sulla qualità della vita della popolazione. Gli scienziati hanno cercato di determinare il limite ragionevole delle detrazioni, per condurre una valutazione quantitativa dell'indicatore del carico. F. Justy, che ha esaminato per la prima volta il carico fiscale, lo ha definito come il rapporto tra reddito nazionale e budget. In questo caso, il ricercatore ha indicato il limite di carico richiesto. In particolare, ha affermato che le detrazioni sul budget non dovrebbero essere superiori a 1/6 del profitto nazionale. La determinazione del carico è stata effettuata empiricamente dai ricercatori, poiché le tecniche di calcolo necessarie non erano disponibili. riduzione del carico fiscale L'aumento della pressione fiscale era dovuto all'inizio della prima guerra mondiale. Appariva la necessità di determinare l'ammontare dei pagamenti di riparazione. A questo proposito, sono state sviluppate metodologie con cui calcolare il carico fiscale. Va notato che differivano nella debolezza della base e nella tecnica del calcolo diretto. Tuttavia, il loro ruolo era che costituivano la base per il successivo sviluppo dei cambiamenti nell'onere sui contribuenti.

Aspetti del calcolo

Il carico fiscale riflette il rapporto tra i pagamenti ricevuti al bilancio e il PIL formato. L'essenza di questo indicatore sta nella stima della quota del prodotto lordo ridistribuita tramite deduzioni. Il livello del carico fiscale sulla popolazione può essere determinato dalla formula:

Br = N: Chn / D: Chn, dove:

Br - onere fiscale;

H - tasse pagate dalla popolazione (anche indirette);

Chn: il numero di cittadini paganti;

D - l'ammontare del reddito percepito dalla popolazione.

Tuttavia, questa formula ha un inconveniente significativo. Con il suo aiuto, è impossibile determinare con precisione matematica la percentuale di imposte dirette e indirette che vengono detratte dai cittadini dello stato come consumatori finali. Il grado di onere per la popolazione dipende non solo dal volume dei prelievi di bilancio. Altrettanto importante è il benessere dei cittadini.

Onere fiscale delle imprese

Il metodo per determinare il carico su una determinata azienda consiste nel determinare il rapporto tra l'importo delle detrazioni e il reddito ricevuto. L'onere del dipendente è in realtà pari al tasso economico per l'imposta sul reddito. Questo indicatore viene utilizzato per confrontare il carico per le aziende di diversi paesi. condivisione degli oneri fiscali

Valutazione del carico

I metodi utilizzati nella pratica per determinare l'onere per le entità aziendali differiscono solo in tipi di tasse che sono presi in considerazione nel processo di calcolo e ciò che è riconosciuto come reddito. Il rapporto tra pagamenti e profitti non riflette pienamente il grado di influenza dell'onere sulle condizioni finanziarie delle società. Ciò risulta dal fatto che il guadagno derivante dalla vendita di prodotti non costituisce una fonte di detrazioni di alto livello. L'indicatore di profitto non può essere così a causa dell'organizzazione, è necessario prima di tutto per coprire il costo dei materiali usati, l'ammortamento. Anche il confronto del carico fiscale tra le imprese non riflette il risultato esatto. Ciò è dovuto alla diversa struttura dei costi di produzione in diversi settori. Da ciò consegue che la base economica per stabilire il carico fiscale non è comparabile.

Analisi dinamica

Per la sua implementazione, è necessario un indicatore che rifletta la reale e allo stesso tempo una singola fonte per l'implementazione di tutte le detrazioni in fondi extrabudgetary e budget. A questo proposito, il carico fiscale può essere determinato dal rapporto tra pagamenti e fonti. L'essenza di uno dei metodi esistenti è che per ciascuna categoria di pagamenti viene utilizzato il proprio indicatore di gravità. Il profitto dell'azienda funge da denominatore comune, al quale il livello di onere è:

Br = NP + NS + NP + HP / PR , dove:

  • Pr - profitto, definito come la differenza tra il reddito derivante dalla vendita, che include le detrazioni indirette e l'ammontare dei costi di produzione e di implementazione.
  • Hp - imposte pagate su entrate.
  • NF - detrazioni che si riferiscono al risultato finanziario.
  • Ns - tasse relative ai costi di produzione e produzione.
  • Np - detrazioni per profitto.
  • Br - onere fiscale. carico fiscale

Queste cifre riflettono la quota di profitti che vengono ritirati dalla società sotto forma di detrazioni obbligatorie e il rapporto tra il volume totale dei pagamenti effettuati e il reddito rimanente.

IVA

Un altro metodo con cui viene determinato il carico fiscale è stabilire il valore aggiunto creato e restituito allo stato. Al suo interno, agisce come reddito di un'impresa ed è considerato una fonte abbastanza universale di pagamenti obbligatori. Questo indicatore viene utilizzato per distribuire uniformemente l'onere fiscale per diversi tipi di produzione. Pertanto, viene fornita la comparabilità per varie strutture economiche. Per determinare l'indice utilizzato la formula:

Br = N / DS , dove:

  • N - l' ammontare delle tasse effettivamente pagate, ad eccezione dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
  • DS: di conseguenza, il valore aggiunto.

DS = Am + Zp + ESN + VAT + Ak + But + Pr , dove:

  • Pr - profitto.
  • Ma - deduzioni del capitale circolante e pagamenti che sono pagati a scapito dei costi, e si riferiscono anche al risultato finanziario.
  • Ak - accise.
  • IVA - detrazioni a valore aggiunto.
  • Sn - tassa sociale.
  • Sn: il costo del lavoro.
  • Am - deprezzamento. aumento del carico fiscale

A causa del fatto che le spese di ammortamento sono incluse nel valore aggiunto, la dimensione effettiva del carico è leggermente distorta quando si utilizza questa tecnica, che è dovuta alle differenze obiettive nella loro quota nel volume di DS. Quindi, un confronto tra il grado di tensione delle obbligazioni delle società ad alta intensità di capitale nel settore dei servizi bancari e di credito, le piccole imprese in termini di determinazione del carico fiscale secondo questo metodo non saranno completamente oggettive.

Valore creato

Questo indicatore viene utilizzato per escludere l'impatto dell'ammortamento sul carico fiscale. Il valore appena creato viene impostato deducendo dal DS. In questo caso, il carico fiscale è determinato dalla formula:

Br = N / Sv , con:

Valore creato = BP + IVA + Ak + Dv - Rv - Mz - Am, dove

  • Am - deprezzamento.
  • Mz - costi dei materiali.
  • RV - costi non operativi.
  • Dv - profitto non operativo.
  • Ak - accise.
  • BP - entrate derivanti dall'implementazione. eccesso di onere fiscale

I vantaggi di questo metodo, oltre a quello presentato sopra, sono che può essere utilizzato per confrontare l'onere per le imprese specifiche, indipendentemente dal settore industriale in cui sono coinvolte, e imprenditori individuali. Tuttavia, in questo caso il carico verrà determinato in relazione all'origine dei pagamenti.

Categorie di detrazioni e loro influenza

Il confronto dell'importo delle imposte pagate con il volume del profitto di bilancio della società dovrebbe essere considerato fondamentalmente sbagliato. Ciò è dovuto al fatto che il reddito è lontano dall'unica fonte di detrazioni, specialmente nel sistema economico nazionale. Un certo numero di tasse, in particolare quelle di maggiore rilevanza finanziaria (accise, IVA e altre), sono inviate al bilancio dalla quota dei ricavi della società, attraverso la quale il profitto del soggetto non viene generato, in quanto è un premio al prezzo. Alcune tasse sono relative ai costi di produzione e ai costi di gestione. Riducono l'importo del profitto, che dovrebbe includere gli importi delle tasse detratti dall'impresa. L'oggetto della tassazione è il fondo salariale. Di conseguenza, come fonte di detrazioni sono i costi. Il pagamento di una parte delle tasse viene effettuato facendo riferimento al risultato finanziario - riducendo i profitti. L'utilizzo di questo approccio comporta un aumento del carico. Di conseguenza, alcune società hanno un carico fiscale eccessivo. All'organizzazione vengono addebitati più pagamenti di quanti ne sia stato in grado di guadagnare durante il periodo. A questo proposito, il confronto meccanico dell'importo totale delle deduzioni fiscali del soggetto con il profitto di bilancio non può essere utilizzato come un indicatore che rifletta il grado di carico.

La composizione dell'importo dei pagamenti

La questione della sua definizione sorge quando si utilizza uno dei metodi sopra descritti. Si presume che il calcolo dovrebbe essere effettuato tenendo conto di tutte le imposte inviate dalla società ai fondi fuori bilancio e al bilancio, compreso un contributo sociale unico, ad eccezione dell'imposta sul reddito delle persone fisiche. Quest'ultimo non ha alcun impatto sulle attività economiche di un particolare argomento. Tuttavia, questa tassa può fornire al lavoratore un profitto "netto" competitivo - reddito che rimane dopo che tutti i pagamenti sono stati effettuati. carico fiscale delle imprese L'entità economica in relazione a NDFL agisce come agente dallo stato e la invia solo al budget. Questa imposta dovrebbe essere presa in considerazione nel processo di calcolo della pressione fiscale per il dipendente, ma non per il datore di lavoro - l'entità aziendale.

Implementazione pratica

L'uso dei metodi sopra elencati dimostra che nessuno di essi costituisce un quadro oggettivo del grado di tensione degli obblighi finanziari delle entità economiche. Una combinazione di diversi indicatori può avvicinarsi a un'adeguata determinazione del carico fiscale. Il problema del carico ottimale sulle imprese è di particolare importanza nel processo di costruzione e miglioramento del sistema di riscossione dei pagamenti di bilancio in qualsiasi Stato.

In conclusione

Come dimostra la pratica secolare di formare sistemi fiscali in paesi con diverse economie sviluppate, oggi ci sono alcuni indicatori oltre i quali l'effettiva attività degli imprenditori è impossibile. Secondo l'esperienza di molti paesi, il ritiro di 1/3 del reddito dei contribuenti dei contributi obbligatori rappresenta il limite dopo il quale i risparmi e gli investimenti nella sfera economica iniziano a diminuire. Se le tariffe e la loro quantità raggiungono un tale livello, quando l'entità deve dare più del 40% dei profitti, questo elimina completamente tutti gli incentivi per espandere la produzione e intraprendere iniziative imprenditoriali. A questo proposito, qualsiasi stato si trova di fronte al compito di trovare il modo migliore per formare un carico, per garantire una riduzione del carico fiscale. Ciò libererà i fondi degli imprenditori che investiranno nella propria produzione. A causa di ciò, a loro volta, avranno un nuovo reddito, aumentando il commercio. Ciò non solo rafforzerà la posizione del produttore nazionale. Dai nuovi profitti verranno inoltre addebitate le detrazioni obbligatorie. Di conseguenza, una distribuzione uniforme del carico sui soggetti assicurerà un flusso costante di tasse.