Ci sono molte interpretazioni del termine "capitale". Quasi tutti sono ridotti a tre aree: reale, monetario e lavoro. Per maggiori dettagli su ciò che costituisce una struttura del capitale in generale e in particolare in un'impresa, continua a leggere.

definizione

Allo stato attuale, il termine "struttura del capitale" include tutti i tipi di capitale e debito. Nella prima categoria deve essere presente non solo il denaro inizialmente investito, ma anche le riserve accumulate in futuro, i fondi fiduciari. Il capitale preso a prestito è costituito da leasing, credito merci, passività correnti. La composizione delle fonti di finanziamento gioca un ruolo importante nella formazione del valore dell'impresa. struttura del capitale

Ci sono quattro concetti base del termine "capitale":

  • tradizionale;
  • indifferenza della struttura;
  • compromesso;
  • contraddizioni di interessi.

Si basano su approcci alternativi alla possibilità di ottimizzazione e all'assegnazione di fattori che influenzano il capitale.

Concetto tradizionale

Sta nel fatto che la struttura viene creata tenendo conto del diverso costo dei singoli elementi. Sull'esempio delle imprese, ciò significa che il prezzo di raccolta di fondi propri è sempre superiore a quello preso in prestito. Ciò è dovuto a diversi livelli di rischio. Il rendimento dei fondi presi in prestito è deterministico: il tasso di interesse è determinato dalle parti in un importo fisso. La redditività dei fondi personali si forma in condizioni di mercato in base ai risultati dell'attività economica.

La struttura del capitale di un'impresa attratta dall'esterno è assicurata sotto forma di garanzie, garanzie o ipoteche di terzi. In caso di fallimento dell'organizzazione, la legislazione dei paesi prevede il diritto di soddisfare le richieste dei creditori (in primo luogo). Cioè, l'uso del capitale preso in prestito comporta una diminuzione del prezzo medio ponderato delle risorse aziendali e un aumento del valore di mercato dell'organizzazione. L'applicazione pratica di questi principi incoraggia i proprietari a massimizzare i prestiti e a ridurre la stabilità finanziaria.

Concetto di indifferenza

Si basa sul presupposto che la struttura del capitale ottimale non dipende dalla crescita del valore di mercato dell'organizzazione. Ma ciò che conta è la redditività delle sue attività. Questo concetto, che è stato sviluppato da F. Modigliani e M. Miller, è teorico. In ulteriori studi, gli autori hanno riconosciuto che i concetti in esame sono ancora correlati.

Concetto di compromesso

Si basa su una serie di condizioni contraddittorie che determinano il livello di redditività e rischio, che dovrebbero essere presi in considerazione in un certo modo nel processo di ottimizzazione della struttura. Nell'ambito di questa direzione, sono state evidenziate le seguenti disposizioni:

  • I costi per servizi di debito sono deducibili dalla base imponibile. Pertanto, il costo del capitale preso in prestito è sempre inferiore, e la domanda per esso in una certa misura provoca una diminuzione del suo prezzo.
  • Con l'aumento della quota di fondi presi in prestito, esiste una possibilità di fallimento dell'organizzazione. I banchieri sono costretti a ridurre l'ammontare dei prestiti o richiedono all'azienda di analizzare la struttura del capitale per ottimizzarlo.
  • Il costo dei singoli elementi delle fonti di finanziamento attratte dall'esterno comprende non solo le spese per il servizio del debito, ma anche le spese iniziali.

struttura del capitale ottimale

Da quanto sopra, possiamo concludere che i proprietari oi gestori scelgono il livello di redditività e rischio in base alle loro "preferenze".

Concetto di conflitto di interessi

I manager ricevono informazioni più complete sulle attività dell'organizzazione rispetto ai proprietari. Se gli azionisti possedevano gli stessi dati, potevano gestire i fondi più correttamente. Quindi l'ottimizzazione della struttura del capitale si verificherebbe più velocemente.

Con prospettive di crescita favorevoli, i gestori cercheranno di soddisfare l'esigenza di finanziamento attirando fondi presi a prestito. Altrimenti, verranno utilizzati capitali da fonti esterne, ad esempio investimenti aggiuntivi da parte degli azionisti.

I prestatori vogliono esercitare il controllo sull'uso dei fondi. Questi costi vengono trasferiti ai proprietari. Maggiore è la quota del capitale preso in prestito, maggiore è il livello dei costi, il costo medio ponderato dei fondi e il prezzo di mercato dell'impresa. Questa è la definizione della struttura del capitale.

Concetti moderni

Sono basati sulle seguenti condizioni:

  • livello ottimale di redditività e rischio;
  • minimizzazione del costo medio ponderato;
  • massimizzare il prezzo di mercato dell'impresa.

La priorità dei criteri specifici con cui è strutturata la struttura del capitale di un'impresa è determinata dalla direzione in modo indipendente. Ma non esiste un unico approccio.

L'ottimizzazione della struttura del capitale consiste nel trovare il rapporto tra le fonti di formazione di fondi personali e prese in prestito, che garantiranno il raggiungimento di un equilibrio tra redditività e rischio, minimizzando la media ponderata e il valore di mercato dell'organizzazione. Nel tempo, questo rapporto cambia, pertanto è necessario un adeguamento periodico dei valori. La dinamica dell'indicatore dipende dalla velocità interessi di prestito il livello di tassazione, i costi di transazione e altri fattori.

La struttura del capitale dell'organizzazione

Il principio principale della formazione delle fonti di finanziamento è massimizzare il prezzo di un'organizzazione e trovare il livello ottimale di leva finanziaria: la capacità di influenzare i profitti modificando il volume delle passività a lungo termine. La sua dinamica dipende dal tasso di crescita. utile netto al reddito lordo. Più è alto, minore è la dipendenza tra i concetti considerati. Il livello di leva finanziaria aumenta con la crescita della quota di capitale preso a prestito. Allo stesso tempo, la redditività delle fonti di finanziamento e il livello di rischio sono in aumento. Questa è la struttura del capitale finanziario. condividere la struttura del capitale

fattori

La formazione ottimale della struttura del capitale è un processo complesso. Deve inoltre tenere conto della capacità dell'azienda di rimborsare i debiti derivanti dal reddito ricevuto, dalla stabilità dei flussi di cassa e da altri fattori. Dovresti anche prendere in considerazione le caratteristiche settoriali, territoriali dell'ente, gli obiettivi e le strategie, il tasso di crescita pianificato. Viene presa in considerazione anche la struttura del capitale circolante esistente. I rischi delle opzioni di finanziamento alternative non sono sempre i tassi di interesse previsti sono più convenienti dei fondi propri.

La gestione della struttura del capitale era interessata anche a finanziatori autorevoli: i vincitori del Premio Nobel M. Miller e F. Modigliani. Hanno fatto una conclusione unica. Nelle condizioni di un mercato perfetto, con pari accesso alle risorse creditizie, la struttura del capitale non dipende dal prezzo della raccolta di fondi. Con la crescita della quota di finanziamento del debito aumentano i rischi dell'organizzazione. Ciò riduce i benefici dei prestiti a zero. Cioè, i manager devono occuparsi della gestione patrimoniale. In pratica, la questione dell'ottimizzazione delle fonti di finanziamento riceve molta più attenzione. struttura azionaria

Questo paradosso ha anche una spiegazione: le condizioni reali sono lontane dall'ideale, che Modigliani e Miller hanno esposto nella loro teoria. Non esistono mercati assolutamente efficaci, le persone fisiche e giuridiche hanno un accesso diverso alle risorse di credito, ma ci sono costi di transazione. Pertanto, per i proprietari in questa fase, una struttura di capitale ottimale ha una priorità più alta. Inoltre, gli interessi sui prestiti possono essere attribuiti al costo di produzione, cioè per escluderli dalla base imponibile.

regole

Un aumento della quota di fondi presi in prestito entro limiti ragionevoli può ridurre il prezzo del capitale attratto. Il compito della gestione finanziaria è trovare questi limiti. Per risolverlo, è necessario sviluppare i principi in base ai quali valutare la struttura del capitale fisso. Alcune regole sono già state formate nella teoria della sequenza di Myers:

  1. È preferibile finanziare l'azienda con le proprie risorse.
  2. Le organizzazioni impongono dividendi.
  3. Se il volume delle proprie fonti di finanziamento è insufficiente, la società dovrebbe ridurre il portafoglio di attività.
  4. Se non si può fare a meno di finanziamenti esterni, è meglio iniziare con l'emissione dei titoli più sicuri e poi passare alle azioni.

In effetti, la struttura del capitale di un'impresa è tale che le obbligazioni sono una fonte di finanziamento più conveniente delle azioni. Il problema della società ha fatto ricorso allo scopo di espandere la produzione con bassi rischi di credito.

Vantaggi e svantaggi

La struttura del capitale delle grandi società di solito ha un rapporto di 70:30. Più equità, maggiore indipendenza finanziaria. Aumentando il capitale preso in prestito aumenta la probabilità di fallimento dell'impresa. Ciò costringe i finanziatori ad alzare i tassi di interesse, compensando nuovi rischi. Allo stesso tempo, le organizzazioni con una grande percentuale di fondi presi in prestito hanno i loro vantaggi. Con la stessa quantità di profitto hanno una maggiore redditività.

equità

È formato dal valore della proprietà investita dal proprietario. Calcolato come differenza tra totale attivo e passivo. L'equità presenta i seguenti vantaggi:

  • Semplicità di attrazione: la decisione è presa dai proprietari senza il consenso di altri soggetti.
  • Maggiore capacità di generare profitti, poiché non è necessario pagare interessi sui prestiti.
  • Garantisce la sostenibilità dell'organizzazione, la sua solvibilità e riduce il rischio di fallimento.

Svantaggi dell'equità:

  • Scopo limitato e opportunità di espandere le attività.
  • Alto costo
  • Non utilizzare l'opportunità per aumentare la redditività.
  • La cosa più importante è un'impresa che non usa prestiti, ha stabilità finanziaria, ma è limitata nel ritmo di sviluppo.

La struttura del capitale azionario è costituita da un fondo di riserva, aggiuntivo, autorizzato, utili non distribuiti. Consideriamo più in dettaglio ciascuno di questi elementi. struttura del capitale di un'impresa

Il capitale autorizzato è i fondi (proprietà) investiti al momento della fondazione dell'organizzazione. A seconda della forma di proprietà, può essere chiamata una condivisione (società in nome collettivo), una quota (cooperativa), una fondazione (impresa municipale). Determina la quota di ciascun partecipante nella gestione dell'organizzazione e garantisce gli interessi dei creditori. La struttura del capitale fisso può essere modificata solo dopo un cambiamento nei documenti costitutivi a seguito di:

  • attrarre fondi dai partecipanti;
  • dirigere gli utili per aumentare i fondi;
  • ricevere sussidi dagli enti statali;
  • ritiro dei partecipanti dall'impresa;
  • portare la dimensione del capitale al valore del patrimonio netto;
  • ritiro di parte del fondo.

Il capitale aggiuntivo è il reddito creato come risultato di:

  • negoziazione (eccesso del valore dell'emissione di azioni rispetto al valore nominale);
  • rivalutazione di attività non correnti;
  • dinamica dei tassi di cambio - la differenza tra la valutazione del rublo del contributo del fondatore in valuta estera alla data di ricevimento dell'importo e quella specificata nei documenti;
  • la quantità di utili non distribuiti;
  • proprietà donata;
  • banconote dal bilancio.

In realtà, questo significa, formato a seguito di cambiamenti nel prezzo di mercato della proprietà. Non possono essere diretti ai bisogni dell'organizzazione. La crescita avviene solo su carta.

Fondo di riserva

Si tratta di fondi destinati a coprire perdite in assenza di altre possibilità di rimborso, pagamento di dividendi e reddito ai creditori nel caso in cui non vi sia abbastanza profitto. Il fondo di riserva è una garanzia del buon funzionamento dell'organizzazione. Il suo valore non può superare l'importo fissato dai proprietari e registrato nei documenti. Anche a livello legislativo per società per azioni e imprese con investimento straniero viene fissata la dimensione minima del fondo e il suo riapprovvigionamento annuale (5% dell'utile netto). Se la struttura del capitale circolante delle organizzazioni di altre forme di proprietà includerà riserve, o no, i fondatori decidono. gestione della struttura del capitale

La struttura del capitale comprende anche un fondo svalutazione crediti. È creato come risultato dell'inventario dei crediti. Il valore è determinato separatamente per ogni spedizione, a seconda della solvibilità del cliente. Se entro la fine dell'anno corrente le quantità generate non saranno utilizzate, dovranno essere aggiunte al profitto dell'anno.

Inoltre, possono essere creati altri fondi fiduciari:

  • pagare vacanze, bonus, stipendi;
  • riparazione di attrezzature;
  • costi di produzione per lavoro stagionale;
  • servizio di garanzia;
  • coprire altri costi.

La loro dimensione, struttura e ordine di formazione sono anche regolati da documenti statutari e interni.

Guadagni trattenuti

Questa è la differenza tra il reddito percepito dall'organizzazione e il pagamento di tutti gli importi dovuti, comprese le tasse e altre detrazioni obbligatorie. Questo profitto viene utilizzato per la capitalizzazione, il reinvestimento nella produzione. I proprietari possono ritirare le attività nell'ammontare dei guadagni. Ma se i proprietari trovano opportuno abbandonare il loro reddito corrente in favore di benefici futuri, allora possono lasciarli sui conti dell'organizzazione. Questo è reinvestimento. La proprietà dei proprietari aumenta solo a seguito di un aumento della loro quota nel capitale dell'organizzazione, e alla società viene data l'opportunità di ampliare la portata delle sue attività.

L'ammontare del capitale proprio è l'indicatore più importante della stabilità finanziaria di un'impresa. Il suo livello determina l'attrattiva dell'investimento dell'organizzazione. Pertanto, il problema della corretta gestione dei fondi propri diventa importante nelle attività di un'entità economica.

Struttura del debito

Nel processo di sviluppo, un'organizzazione ha bisogno di raccogliere nuovi fondi. Il capitale preso in prestito si forma attraverso prestiti, locazioni, sussidi, ecc. Le fonti di finanziamento possono essere molto diverse. Non c'è una risposta chiara alla domanda sul rapporto tra i fondi propri e quelli presi in prestito nella struttura del capitale. Gli scienziati americani ritengono che siano i fondatori a dover finanziare prima l'organizzazione e ricorrere ai prestiti solo se necessario. L'opinione opposta esiste tra i banchieri giapponesi. Le aziende con una grande quota di fondi presi in prestito sono più attraenti, rispettivamente, la fiducia delle banche è più elevata. struttura del capitale finanziario

Per quanto riguarda le imprese russe, la struttura del loro capitale preso a prestito è dominata da prestiti a breve e a lungo termine (con scadenza oltre 1 anno). Sono una risorsa a tutti gli effetti che viene investita in progetti su larga scala e paga il tempo della redenzione. Questi includono il debito sul prestito, le obbligazioni emesse, l'assistenza rimborsabile. Tali fondi sono utilizzati per finanziare beni durevoli. Le passività a breve termine sono aumentate per coprire la necessità di attività correnti. Di solito vengono rimborsati entro pochi mesi. Questi includono i debiti correnti, i contributi al bilancio e ai fondi, gli anticipi ricevuti, il pagamento anticipato degli ordini, i debiti verso i fornitori, ecc. In teoria, l'impresa non è vietata a finanziare un progetto a lungo termine con prestiti a breve termine. Ma in pratica, questo porta ad un aumento delle attività di rischio.

Il capitale di debito può essere suddiviso in interessi (ad esempio prestiti) e senza interessi (debiti verso fornitori, ecc.). Quindi questo concetto è molto ampio. I prestiti consentono di coprire rapidamente la carenza di fondi, ma allo stesso tempo indicano che la società è finanziata attraverso le passività. Un'ampia percentuale di prestiti nella struttura del capitale è caratteristica di organizzazioni con politiche di finanziamento aggressive. L'efficacia del loro uso è il compito principale della gestione.

conclusione

Per garantire le attività dell'organizzazione fondi. Nelle prime fasi dell'operazione, viene utilizzato il capitale autorizzato. Ma prima o poi l'organizzazione dovrà attirare fondi da fonti esterne. Le società per azioni possono mettere in vendita le loro azioni e attirare nuovi membri dell'organizzazione. Le imprese di altre forme di proprietà devono utilizzare prestiti e prestiti. Tali fondi sono raccolti ad una certa percentuale per un periodo predeterminato. La gestione competente della struttura del capitale consiste nel trovare l'equilibrio ottimale tra capitale azionario e debito, in cui l'aumento della redditività non si verificherà a causa di un forte aumento del rischio.