La guerra russo-turca del 1768-1774 si concluse con la vittoria della Russia. Il paese finalmente ha assicurato l'accesso al Mar Nero. Ma secondo il trattato di Kyuchuk-Kaynardzhiysky potente Fortezza Ismaele situato alla foce del Danubio, è rimasto fino ai turchi.

Ambiente politico

Verso la metà dell'estate del 1787, la Turchia, con il sostegno di Francia, Gran Bretagna e Prussia, richiese che l'impero russo restituisse la Crimea e negasse il patrocinio delle autorità georgiane. Inoltre, volevano ottenere il consenso per ispezionare tutte le navi mercantili russe, seguendo lo stretto del Mar Nero. Senza attendere una risposta positiva alle loro affermazioni, il governo turco ha dichiarato guerra alla Russia. È successo il 12 agosto 1787.

La chiamata è stata accettata. L'impero russo, a sua volta, si affrettò a sfruttare la situazione attuale e ad aumentare i suoi possedimenti a spese della terra nella regione del Mar Nero settentrionale.

Inizialmente, la Turchia stava pianificando il sequestro di Kherson e Kinburn, lo sbarco di un gran numero di truppe nella penisola di Crimea e la distruzione della base dello squadrone russo del Mar Nero a Sebastopoli.

La cattura di Ismaele

Allineamento delle forze

Per schierare le ostilità su larga scala Costa del Mar Nero Kuban e il Caucaso, la Turchia ha trasformato le sue forze principali in direzione di Anapa e Sukhum. Aveva un esercito di 200 mila e una flotta abbastanza forte di 16 fregate, 19 navi di linea, 5 corvette bombardate, così come molte altre navi e navi di supporto.

In risposta, l'impero russo ha iniziato a schierare i suoi due eserciti. Il primo è Ekaterinoslavskaya. Era comandato dal feldmaresciallo Grigori Potemkin. Ha contato 82 mila persone. Il secondo era l'esercito ucraino di 37 mila comandato dal feldmaresciallo Peter Rumyantsev. Inoltre, due potenti corpi militari di stanza in Crimea e Kuban.

Per quanto riguarda la flotta russa del Mar Nero, era basata in due punti. Le forze principali, costituite da 23 navi da guerra, che trasportavano 864 cannoni, erano di stanza a Sebastopoli e le comandavano l'ammiraglio M. I. Voinovich. Un fatto interessante è che, allo stesso tempo, anche il futuro grande ammiraglio F. F. Ushakov servì qui. Il secondo luogo di spiegamento era l'estuario di Dnieper-Bug. Ospitava una flottiglia di canottaggio, composta da 20 navi e navi con tonnellaggio leggero, che erano solo parzialmente armate.

Piano alleato

Va detto che l'impero russo in questa guerra non è stato lasciato solo. Da parte sua era uno dei più grandi e più forti paesi europei dell'epoca - l'Austria. Lei, come la Russia, ha cercato di espandere i suoi confini a spese di altri paesi balcanici che erano sotto il giogo della Turchia.

Il piano dei nuovi alleati, l'Austria e l'impero russo, era esclusivamente offensivo. L'idea era di attaccare la Turchia da entrambe le parti allo stesso tempo. L'esercito di Yekaterinoslav dovette iniziare operazioni militari sulla costa del Mar Nero, impadronirsi di Ochakov, quindi attraversare il Dnieper e distruggere le truppe turche nell'area tra i fiumi Prut e Dniester, e per questo fu necessario prendere Bendery. Allo stesso tempo, la flottiglia russa con le sue azioni attive incatenò le navi nemiche sul Mar Nero e non permise ai Turchi di atterrare sulla costa della Crimea. L'esercito austriaco, a sua volta, ha promesso di lanciare un'offensiva da ovest e tempesta Hatin.

Cattura della fortezza di Ismaele

Sviluppo di eventi

L'inizio delle ostilità per la Russia ha avuto molto successo. La conquista della fortezza di Ochakov, due vittorie di A. Suvorov a Rymnik e Forshany hanno detto che la guerra dovrebbe finire molto presto. Ciò significava che l'impero russo avrebbe firmato un mondo favorevole. La Turchia in quel momento non aveva forze del genere che potessero seriamente respingere gli eserciti alleati. Ma i politici per qualche ragione hanno perso questo momento di buon auspicio e non ne hanno approfittato. Di conseguenza, la guerra si trascinò, dato che le autorità turche erano ancora in grado di riunire un nuovo esercito e ottenere aiuto dall'Occidente.

Nel corso della campagna militare del 1790, il comando russo progettò di impadronirsi delle fortezze turche situate sulla riva sinistra del Danubio e, successivamente, spostare ulteriormente le sue truppe.

Quest'anno i marinai russi al comando di F. Ushakov hanno vinto una brillante vittoria dopo l'altra. Sull'isola di Tendra e nello stretto di Kerch, la flotta turca ha subito una sconfitta schiacciante. Di conseguenza, la flottiglia russa fu stabilmente stabilita sul Mar Nero e fornì le condizioni favorevoli per l'ulteriore avanzata dei suoi eserciti sul Danubio. Le fortezze di Tulcea, Qilius e Isaccea erano già state prese, quando le truppe di Potemkin si avvicinarono ad Ismaele. Qui incontrarono la disperata resistenza dei turchi.

Cittadella inespugnabile

Assumere Ismaele era considerato impossibile. Poco prima della guerra, la fortezza fu completamente ricostruita e fortificata. Era circondato da un pozzo alto e un fossato piuttosto ampio pieno d'acqua. La fortezza aveva 11 bastioni, dove furono piazzati 260 cannoni. Il lavoro è stato supervisionato da ingegneri tedeschi e francesi.

Inoltre, la cattura di Ismaele era considerata irrealistica perché si trovava sulla riva sinistra del Danubio tra due laghi - Catlabukh e Yalpukh. Si ergeva sul pendio di una montagna in pendenza, che al letto del fiume finiva in un pendio basso ma ripido. Questa fortezza era di grande importanza strategica, poiché si trovava all'incrocio delle rotte da Khotin, Kiliya, Galati e Bender.

La guarnigione della cittadella consisteva di 35 mila. Guerrieri comandati da Aydozle Mehmet Pasha. Alcuni di loro sono stati inviati direttamente a Kaplan Gerai, il fratello del Crimean Khan. Fu aiutato dai suoi cinque figli. Nel nuovo decreto del Sultano Selim III si diceva che se si fosse verificata la presa della fortezza di Izmail, ogni soldato della guarnigione sarebbe stato giustiziato ovunque si trovasse.

La cattura di Ismail Suvorov

Scopo di Suvorov

Le truppe russe accampate sotto la cittadella hanno avuto difficoltà. Era tempo umido e freddo. I soldati si scaldarono, bruciando canne negli incendi. Il cibo era gravemente carente. Inoltre, le truppe erano in costante allerta, temendo gli attacchi del nemico.

L'inverno non era lontano, così i comandanti russi Ivan Gudovich, Joseph de Ribas e il fratello Potyomkin Pavel si riunirono il 7 dicembre per un consiglio militare. Su di esso, decisero di sollevare l'assedio e rimandare la cattura della fortezza turca Ismaele.

Ma Grigory Potemkin non era d'accordo con questa conclusione e rovesciò la decisione del consiglio militare. Invece, firmò un ordine in cui dichiarava che il generale in capo A.V. Suvorov, che era di stanza a Galati con le sue truppe, doveva prendere il comando dell'esercito che stava attualmente assediando la cittadella inespugnabile.

Preparazione per l'assalto

La cattura della fortezza da parte delle forze russe di Ismail ha richiesto l'organizzazione più attenta. Pertanto, Suvorov mandò alle mura del bastione il suo miglior reggimento di granatieri Fanagori, 1 mille arnauti, 200 cosacchi e 150 cacciatori che prestarono servizio nell'Absheron Musketeer Regiment. Non ha dimenticato i marcatori con le scorte di cibo. Inoltre, Suvorov ordinò di grattare e inviare 30 scale e 1mila fascini a Izmail, e diede anche il resto degli ordini necessari. Trasferì il comando delle restanti truppe, vicino a Galati, al tenente generale Derfelden e al principe Golitsin. Il comandante stesso lasciò il campo con un piccolo convoglio formato da soli 40 cosacchi. Sulla strada per la fortezza, Suvorov incontrò le truppe russe in ritirata e le respinse, mentre progettava di usare tutte le sue forze nel momento in cui la cattura di Ismaele ebbe inizio.

La cattura della fortezza turca Ismaele

All'arrivo al campo, situato vicino alla fortezza, ha prima bloccato la cittadella inespugnabile da Danubio e sushi. Quindi Suvorov ordinò che l'artiglieria fosse posizionata come era stato fatto durante un lungo assedio. Così, riuscì a convincere i turchi che la cattura di Ismaele da parte delle truppe russe non era prevista nel prossimo futuro.

Suvorov ha condotto una presentazione dettagliata della fortezza. Lui e gli ufficiali che lo accompagnavano raggiunsero Ismaele a una distanza di tiro di fucile. Qui indicò i luoghi in cui le colonne sarebbero andate, dove sarebbe stato compiuto esattamente l'assalto e come le truppe si sarebbero aiutate a vicenda. Sei giorni Suvorov stava preparando la cattura della fortezza turca Ismaele.

Il comandante in capo visitò personalmente tutti i reggimenti e parlò ai soldati delle precedenti vittorie, senza nascondere le difficoltà che li attendevano durante l'assalto. Così Suvorov preparò le sue truppe per il giorno in cui la cattura di Ismaele sarebbe finalmente iniziata.

Assalto di sushi

Alle 3 della notte del 22 dicembre, il primo razzo di segnale prese fuoco nel cielo. Era un segno convenzionale, con il quale le truppe lasciavano il campo, si riorganizzavano in colonne e si dirigevano verso i luoghi di schieramento designati in anticipo. E alle cinque e mezza del mattino si trasferirono alla conquista della fortezza di Ismaele.

Il primo ai muri della cittadella era una colonna sotto la guida del generale maggiore P. P. Lassi. Mezz'ora dopo l'inizio dell'assalto, il cacciatore ha superato una tempesta dilagante sotto un uragano di proiettili nemici che piovono sulla loro testa, e una dura battaglia è arrivata in cima. Nel frattempo, i granatieri Fanagori e i fucilieri Apsheron sotto il comando del maggiore generale S. L. Lvov riuscirono a catturare le prime batterie nemiche e le porte di Khotyn. Sono anche riusciti a connettersi con la seconda colonna. Hanno aperto le porte di Khotyn per l'ingresso della cavalleria. Fu la prima grande vittoria delle truppe russe dal momento in cui la cattura di Izmir della fortezza turca di Suvorov iniziò. Nel frattempo, l'assalto continuò in altre aree con crescente forza.

La cattura di Ismaele da parte delle truppe russe

Allo stesso tempo, sul lato opposto della cittadella, la colonna del generale maggiore M. I. Golenishchev-Kutuzov afferrò il bastione, che era situato sul lato della porta Kiliya e l'asta adiacente ad esso. Il giorno della cattura della fortezza, Ishmael, forse il compito più difficile, era l'obiettivo fissato al comandante della terza colonna, il generale maggiore F. I. Meknob. Avrebbe fatto irruzione nel grande bastione settentrionale. Il fatto è che in questa zona l'altezza dell'albero e la profondità del fossato erano troppo grandi, quindi le scale con un'altezza di circa 12 m erano corte. Sotto il fuoco pesante, i soldati dovettero legarli a coppie. Di conseguenza, fu preso il bastione settentrionale. Anche le rimanenti colonne di terra hanno ben adattato i loro compiti.

Acqua assalto

La cattura di Izmail Suvorov è stata pensata nei minimi dettagli. Pertanto, si è deciso di assaltare la fortezza non solo dalla terra. Vedendo il segnale condizionale, le truppe aviotrasportate, guidate dal generale generale de Ribas, coperto dalla flotta di canottaggio, si trasferirono nella fortezza e si schierarono in due linee. Alle 7 del mattino hanno iniziato il loro sbarco sulla spiaggia. Questo processo ha avuto luogo in modo molto fluido e rapido, nonostante il fatto che siano stati respinti da più di 10 mila soldati turchi e tatari. Tale successo dello sbarco contribuì in misura non trascurabile alla colonna della città, che in quel momento attaccò le batterie costiere nemiche dal fianco. Anche le forze significative dei Turchi si sono ritirate su se stesse e forze di terra operando da est.

Una colonna sotto il comando del generale maggiore N. D. Arsenyev salpò a terra su 20 navi. Non appena le truppe sbarcarono, furono subito divise in diversi gruppi. Cacciatori della Livonia comandati dal conte Roger Damas. Hanno catturato la batteria che aveva unificato la costa. I granatieri di Kherson, guidati dal colonnello V.A. Zubov, riuscirono a conquistare un cavaliere piuttosto ripido. In questo giorno di prendere Ismaele il battaglione perse due terzi della sua composizione. Anche le rimanenti unità militari hanno subito perdite, ma hanno catturato con successo le loro sezioni della fortezza.

La cattura della fortezza turca di Suvorov Ismaele

Fase finale

Quando venne l'alba, si scoprì che il pozzo era già stato catturato e che il nemico era stato costretto ad uscire dalle mura della fortezza e si ritirò in profondità nella città. Colonne di truppe russe, che provenivano da diverse parti, si spostarono nella direzione del centro della città. Nuovi combattimenti sono scoppiati.

I turchi avevano una resistenza particolarmente forte fino a 11 ore. La città brillava qui e là. Migliaia di cavalli, in preda al panico che saltavano dalle stalle in fiamme, si precipitarono per le strade, spazzando via tutti quelli che incontravano. Le truppe russe hanno dovuto combattere quasi tutte le case. Lassi con la sua squadra ha raggiunto il centro della città. Qui Maxoud Gerai lo stava aspettando con i resti delle sue truppe. Il signore della guerra turco si difese ostinatamente, e solo quando morirono quasi tutti i suoi soldati si arrese.

La cattura di Ismail Suvorov si è conclusa. Per sostenere la fanteria con il fuoco, ordinò ai cannoni leggeri di sparare nella città in città. Le loro raffiche hanno aiutato a liberare le strade del nemico. All'una del pomeriggio divenne chiaro che la vittoria era già stata vinta. Ma le battaglie stavano ancora succedendo. Kaplan Gerai riuscì in qualche modo a raccogliere diverse migliaia di piedi e cavalieri dei Turchi e dei Tartari, che guidò verso le truppe russe avanzate, ma fu sconfitto e ucciso. Anche i suoi cinque figli morirono. Alle 16:00 è stata completata la cattura della fortezza di Ismail Suvorov. La cittadella, che in precedenza era considerata inespugnabile, è caduta.

Cattura della fortezza di Izmail Suvorov

risultati

La cattura di Izmail da parte delle truppe dell'Impero russo ha avuto un effetto drammatico sull'intera situazione strategica. Il governo turco fu costretto ad accettare i negoziati di pace. Un anno dopo, entrambe le parti firmarono un accordo in base al quale i turchi riconoscevano i diritti della Russia alla Georgia, alla Crimea e al Kuban. Inoltre, ai mercanti russi sono stati promessi benefici e la fornitura di tutti i tipi di assistenza dai vinti.

Il giorno della cattura della fortezza turca Ismaele, la parte russa perse 2.136 persone uccise. Hanno incluso: soldati - 1816, cosacchi - 158, ufficiali - 66 e 1 brigadiere. Ci sono stati altri feriti: 3214 persone, tra cui 3 generali e 253 ufficiali.

Le perdite dai turchi sembravano enormi. Solo uccisi erano più di 26 mila persone. Circa 9mila furono fatti prigionieri, ma il giorno dopo 2mila morirono per le loro ferite. Si ritiene che di tutta la guarnigione di Ismail sia stata salvata solo una persona. Fu leggermente ferito e, cadendo in acqua, riuscì a nuotare attraverso il Danubio su un tronco.