Le persone che sono cresciute e sono state educate negli anni sovietici non hanno bisogno di essere spiegate, cos'è il comunismo. Questa è una formazione socio-economica, in cui tutti cercano di fare tutto per la società, e allo stesso tempo riceve tutti i benefici materiali e spirituali che desidera. Per 74 anni un esperimento su larga scala ha avuto luogo nel nostro paese, il cui scopo era quello di costruire una società di uguaglianza universale. Tentativi simili sono stati fatti in molti altri paesi.

il comunismo è

Il marxismo come scienza

La costruzione pratica del comunismo iniziò immediatamente dopo l'ottobre 1917 (vecchio stile). Prima di ciò, veniva eseguita un'elaborazione teorica di metodi e obiettivi, e continuò negli anni del dominio dell'ideologia più avanzata del mondo. Il Manifesto del partito comunista (1848), composto da Marx ed Engels, elencava dettagliatamente tutte le ingiustizie del sistema capitalista e delineava il metodo per affrontarle. Il ruolo principale in questo processo è stato assegnato al proletariato, come la classe più consapevole e coesa. In futuro, lo stesso marxismo divenne oggetto di studio, dapprima pochi aderenti, e poi, dopo la rivoluzione, e intere istituzioni intuirono la saggezza della "scienza di tutte le scienze". Nelle università, agli studenti è stato insegnato il comunismo scientifico. Questo avrebbe dovuto portare il momento più luminoso per raggiungere la giustizia universale, dopo la quale non c'è un posto dove muoversi.

il comunismo primitivo è

Già avuto?

Ma una volta, agli albori dell'umanità, lo era già. Nelle tribù preistoriche, tutti godevano di uguali diritti, il leader era eletto democraticamente al centro della democrazia, cercava di sopravvivere insieme e divideva la preda secondo necessità. Tale struttura sociale è stata designata dal termine storico-sociologico "comunismo primitivo". Ciò non significa che dovrebbe tornare all'era delle asce di pietra e della vita nelle caverne, al contrario, il fatto dell'esistenza di un tale sistema nel passato corretto con la dialettica hegeliana nell'aspetto della "spirale di sviluppo". Se le persone hanno già vissuto una volta, distribuendo i benefici insieme ed equamente, cosa può impedire di stabilire ordini simili a un livello diverso, più elevato di scienza, tecnologia e tecnologia? È così che ragionavano i primi marxisti. Forse hanno in qualche modo idealizzato il sistema comunale primitivo.

politica del comunismo di guerra

Fasi del comunismo

L'umanità, secondo Marx e i suoi seguaci, cambiò nel corso del suo sviluppo varie formazioni in una certa sequenza. Il feudalesimo fu sostituito dal capitalismo, le monarchie furono soppiantate dal dominio repubblicano, e quindi il proletariato sorse inevitabilmente. Dopo la comparsa della classe operaia, la borghesia era già condannata, essa stessa coltivava i propri carnefici e scavatori di tombe. Poi venne la svolta della rivoluzione socialista, nella quale, come ha definito il marxista V.I. Ulyanov (Lenin), la riluttanza a vivere alla vecchia maniera fu una specie di risonanza con l'incapacità dei superiori di mantenere lo status quo. Ma il comunismo non poteva venire subito. Ciò è stato ostacolato da molti fenomeni inerziali, vale a dire istinti di proprietà privata, autocoscienza nazionale arretrata e persino l'istituzione della famiglia. Per una socializzazione universale, tutti questi atavismi dovevano essere superati. E la base di produzione dovrebbe essere creata in modo tale che sia possibile distribuire tutto e tutto per niente. In generale, per le generazioni successive, fu formulato un compito chiamato "triune" (J. V. Stalin, "Le questioni del leninismo", 1930). E il periodo della sua attuazione è chiamato socialismo, dopo il quale il comunismo avrebbe dovuto venire direttamente. Questa volta è stato un po 'ritardato.

socialismo comunismo è

Succede e l'esercito

Fenomeni rivoluzionari accompagnati da devastazione. La parola significa la massiccia perdita di persone e delle loro proprietà. Da quando l'autoregolamentazione del mercato cessò di funzionare a causa della distruzione delle basi economiche della Russia, le nuove autorità iniziarono a perseguire una politica di comunismo di guerra. Ciò significava che tutta la ricchezza materiale e le risorse umane disponibili in quel momento erano messe a disposizione dello stato proletario, i cui organi effettuavano la loro distribuzione. Il commercio era vietato e dichiarato dalla speculazione, tutti i cittadini erano obbligati a lavorare sotto coercizione, ricevendo una razione standard (ce ne erano altri per la gestione, secondo le categorie). Il denaro in quanto tale ha perso non solo la funzione di pagamento, ma anche qualsiasi significato, tuttavia, temporaneamente. I contadini sono stati sottoposti alla distribuzione di cibo, in altre parole, hanno preso tutto da loro. Nel periodo della guerra civile del 1918-1921, secondo gli autori del libro La storia del PCUS, era proprio la politica del comunismo di guerra che era necessaria. Questo tempo mostruoso è finito dopo Insurrezione di Kronstadt. Quindi è stata introdotta la NEP.

il comunismo scientifico è

Vecchia nuova politica come partenza temporanea

il nuova politica economica infatti, non c'era nulla di nuovo. Consentendo un'iniziativa privata limitata sotto lo slogan "Diventa ricco!" Divenne una misura necessaria per "liberare il vapore accumulato" dall'indignazione popolare che minacciava l'esistenza stessa del potere sovietico. Allo stesso tempo, è proseguita la creazione di una base industriale ed energetica per l'ulteriore diffusione del marxismo verso nuovi paesi. I leader della RSFSR e, dopo il 1922, l'URSS, erano consapevoli che fino a quando esisteva l'ambiente capitalista, era impossibile costruire il comunismo. Questa posizione è stata registrata in molti documenti di partito. C'erano solo due opzioni. O i capitalisti di tutti i paesi si uniranno e schiacceranno i germogli di una nuova società in un singolo paese, o viceversa, il socialismo vincerà. In ogni caso, la guerra era inevitabile.

il comunismo primitivo è

Generazione attuale

Al comunismo furono date molte definizioni. La formula di Lenin "Il comunismo è il potere sovietico più l'elettrificazione" negli anni Cinquanta. Il primo segretario del Comitato centrale del PCUS N. S. Khrushchev ha aggiunto un altro termine, la chimica. A quel tempo, il sistema socialista mondiale era stato creato, unendo molti paesi in diversi continenti, era stata vinta la vittoria sulla Germania nazista e sui suoi alleati, erano stati dimostrati risultati significativi nel campo della ricerca spaziale e delle arti e il socialismo era stato finalmente dichiarato. Il comunismo è la fase più alta dello sviluppo. pubbliche relazioni La fine della sua costruzione fu annunciata al XXII Congresso del PCUS, e fu persino nominata la data approssimativa dell'attacco. "L'attuale generazione" rappresentava il 1980. Ma il comunismo non è mai venuto.

il comunismo di guerra è la definizione

Compito Triune

Il numero "3" è sempre stato nel nostro account speciale. Tre eroi, il padre aveva tre figli, il Regno dei Sogni, la Santa Trinità ... I teologi del comunismo scientifico non l'hanno ignorato. Il compito di costruire una società fondamentalmente nuova consisteva in tre punti ugualmente importanti. In primo luogo, sulla terra. Mentre i residenti del campo socialista paragonavano la loro vita con le condizioni di vita dei lavoratori nei paesi capitalisti sviluppati (non li volevano con quelli arretrati) e lamentavano la costante carenza di molti beni, bassi salari e pensioni mendicanti, c'erano alcuni vantaggi (a proposito, potevano) da tribune alte. In un certo senso politica del comunismo di guerra - Questo è il primo tentativo al costo di incredibili sforzi per superare il calo della produzione che si è verificato dopo la guerra civile. E senza uno sviluppo riuscito della base materiale è impossibile parlare del progresso. Questa volta

il comunismo di guerra è la definizione

La seconda parte del compito triestino era di creare una sorta di relazioni speciali nella società, in cui l'idea stessa della possibilità di uno sfruttamento reciproco sarebbe disgustosa per tutti i suoi membri. E se lo sviluppo della sfera materiale sembrava problematico, l'aspetto socio-economico era molto più complicato.

E il terzo era il più difficile, il problema principale. Era necessario un nuovo uomo. E dove trovarlo, se tutto è intorno, anche molto giovane, ancora irrimediabilmente vecchio? I comunisti ebbero la risposta a questa domanda: "Educare!" E i metodi pedagogici furono sviluppati, e le dissertazioni difese. Non ha funzionato

il comunismo di guerra è la definizione

Era possibile?

E oggi c'è la percezione che l'idea in sé non sia male, possiamo dire, buona, ma la sua implementazione non ha successo. Ora, se nel 1937 le guardie di Lenin non furono sterminate, o non ci fu guerra, o Krusciov non avrebbe piantato l'Artico con grano, o Trotsky sarebbe rimasto al timone ... Ma Lev Davydovich aveva le sue idee su quello che dovrebbe essere uno stato proletario, e I metodi di Stalin sembrano molto morbidi rispetto a loro. Quindi, in particolare, suggerì che l'intera popolazione del paese fosse portata a lavorare negli eserciti sindacali, cioè fino alla completa vittoria della rivoluzione mondiale, per mantenere un comunismo militare permanente nel paese.

il comunismo di guerra è la definizione

Questa definizione è adatta per le azioni di Pol Pot, Mao e Enver Hoxha e di molte altre figure passate alla storia come eminenti selvaggi. C'erano regimi più morbidi con "volti umani", ma più si addolcivano, più si allontanavano dall'obiettivo caro, diventando revisionisti ordinari. Dopotutto, la cosa principale che distingue un vero comunista è il completo rifiuto della proprietà privata dei mezzi di produzione. Ci sono centinaia di migliaia di imprese private nella Cina "rossa" di oggi ...