Il futuro padre di Zeus Kron, oppure - Kronos, durante l'infanzia era un bambino difficile. Iniziò lasciando cadere suo padre Urano con una falce. È vero, lo fece su istigazione di sua madre Gaia, sfinita dall'irrefrenabile fertilità di suo marito. Una misura così radicale ebbe il suo effetto, e da allora i Titani, ai quali Kron apparteneva, divennero i padroni sovrani del cosmo.

Bambini difficili

Va notato che Urano non ha avuto fortuna con la prole. All'inizio, terribili mostri nacquero dal suo matrimonio con Gaia, che fece tremare i loro genitori. Tra loro c'erano mostri come i hekatonheirs con una sola mano e cinquanta teste e i giganti con un occhio solo, i ciclopi. Riguardo a questi e altri va avanti, mostreranno quello che possono. Urano era talmente spaventato dalla forza e dal potere sempre crescenti che pensava fosse bello legare i suoi figli e gettarli nel Tartaro. Le cose andarono anche peggio. Sono nate sette sorelle titanidi e sei fratelli titani, tra i quali il futuro padre di Zeus e Ade - Kron erano i più giovani.

padre di zeus

La sfortunata Gaia, versando lacrime sui suoi bimbi due lati, languendo sotto terra, concepì la sua vendetta su Urano, e per questo scopo preparò una rivolta dei titani e dei titanidi. Essi, seguendo il volere della madre, attaccarono insidiosamente il padre. L'unica eccezione era uno di loro, chiamato Ocean. Il ruolo speciale è stato assegnato a Kron. Gaia gli consegnò una falce fatta con un materiale molto resistente (forse anche un diamante), e li privò delle ulteriori opportunità del padre di produrre prole. A proposito, gli storici sostengono che questo è abbastanza coerente con la morale del mondo antico - si è deciso di tagliare i genitali dei nemici e salvarli come trofeo. In seguito all'assegnazione della madre, Kronus regnò in pace.

Bei tempi di Hellas

Secondo la testimonianza del primo poeta storicamente autentico dell'antica Grecia, Esiodo, il periodo in cui il futuro padre di Zeus governava il mondo era a volte il più felice, il cui intero non conosceva l'intera storia mitologica. Secondo lui, le persone erano come dei e non conoscevano né dolore, né tristezza, né fatiche quotidiane. Dato che non c'era bisogno di lavorare, ma io volevo ancora occuparmi di qualcosa, i figli dell'antica Grecia erano divisi in poeti, artisti e scultori. Così, l'era della grazia ha dato all'umanità innumerevoli capolavori d'arte.

Il divoratore dei propri figli

Avendo preso posto sul trono, il futuro padre del dio Zeus Kron pensò agli eredi del suo potere e si sposò. Portò sua sorella a sua moglie, Titanida Rhea, ma questo matrimonio difficilmente può essere definito felice, e non del tutto perché era legato al sangue - nella vita di tutti i giorni questa è una cosa normale. Sua madre, Gaia, una donna saggia e accorta, avvertì che uno dei suoi futuri figli avrebbe fatto lo stesso con lui come aveva fatto con suo padre Uran: se non lo avesse fatto, sarebbe certamente privato del potere. Niente di peggio per Crohn, e si chiese con fermezza come aiutare il dolore. Kronos padre di Zeus

Forse il sovrano moderno avrebbe scelto un percorso diverso, ma gli dei antichi avevano le proprie idee su ciò che era giusto e ciò che non lo era. Krone non pensò a lungo, ma semplicemente divorò tutti i bambini che Ray produceva in abbondanza. "O volte, o mores!" - il filosofo romano Cicerone esclamerà attraverso molti secoli. Ma cosa a Krona prima di alcuni romani lì, la cosa principale è la forza del potere statale, e per il suo conseguimento tutte le vie sono buone.

Padre di zeus ingannato da sua moglie

Ma solo un uomo poteva ragionare in questo modo, oltre ad essere accecato dallo splendore della gloria. Sua moglie non approvava affatto tali opinioni e, una volta di nuovo risolta dal peso, decise di salvare la figlia. Infilò Krona invece di un'altra pietra vittima avvolta in pannolini. O la paura generata dalla predizione della madre si rivelò così grande, o il governante del mondo era già molto incomprensibile nel cibo, ma ingoiò questo ciottolo come una focaccia dolce e si calmò. Dio titan padre di Zeus

Nel frattempo, Rhea, internamente trionfante, nascose il suo bambino in una grotta sull'isola di Creta, dove la sollevò, nonostante l'astuzia di suo marito. Ha soprannominato suo figlio Zeus e ha affidato le sue guardie ai kurets, creature terribili, demoniache ma completamente addomesticate. Esiodo, già menzionato nella storia, racconta che con il loro ruggito annegarono il grido e il pianto del bambino, che aiutò a tenere in segreto il luogo in cui era nascosto. Sotto la loro instancabile cura, il giovane Zeus è cresciuto potente, bello e straordinariamente intelligente. Affetto, apparentemente ereditarietà ed educazione.

Il trucco della moglie di un giovane Zeus

Avendo raggiunto l'età giusta, il giovane sposò la bella Metis. Devo dire che il suo amato era dalla nascita incline a tutti i tipi di intrighi ed era molto disposto ad aiutare il marito a raggiungere la massima autorità. In quel momento, Kronos - il padre di Zeus - regnava senza sospettare nulla ed era assolutamente sicuro della sua completa sicurezza. Questa è la sua delusione e ha approfittato di Metis.

Ha preso una bevanda miracolosa, che Zeus ha segretamente bevuto suo padre. Non era un veleno banale, era qualcosa di eccezionale. Dopo averlo assaporato, il padre assetato di sangue di Zeus si sentì improvvisamente nauseato e, con grande gioia di coloro che lo circondavano, strappò da sé tutti i suoi ex figli, inghiottito da lui durante tutto il tempo del matrimonio. Inutile dire che erano vivi, sani e pieni di energia ... La storia ha conservato i loro nomi: Poseidone, Ade, Era, Demetra e Estia.

qual era il nome di padre di zeus

Dieci anni di guerra

Liberati in modo così miracoloso, i fratelli e le sorelle, guidati da Zeus, dichiararono guerra ai titani - i loro parenti, nati da Gaia e Urano, prima che questi ultimi si entusiasmassero. Poiché il padre di Zeus, Kron, era il loro fratello minore, quindi, loro stessi furono salvati dai ribelli zii e zie. C'erano sei titani e sei titanidi. La guerra con loro durò dieci anni e proseguì con un successo variabile.

Zeus aveva un'arma segreta: il Ciclope, che aveva portato fuori dalle profondità oscure del Tartaro in occasione della guerra. Queste feroci creature con un occhio solo combattevano con rabbia e disperazione, ma non potevano sconfiggere coloro che il padre di Zeus aveva messo contro di loro. I testimoni di questa battaglia parlano del terribile fulmine che cadde dal cielo contro i titani, e del rombo del tuono scosse la terra, ma tutto fu vano. E qui arrivò la pausa tanto attesa nel corso della battaglia.

Quando i titani erano pronti a celebrare la vittoria, dalle profondità della terra apparvero improvvisamente creature ad una sola mano dell'ecatonheira, che Zeus si prese cura di lì per il caso più estremo. Oltre a cento mani, ognuna di esse aveva altre cinquanta teste. Questi mostri hanno sollevato in aria rocce intere e le hanno lanciate contro gli avversari mentre si avvicinavano a una distanza sufficiente. Gli scrittori antichi non si preoccupano della descrizione dell'orrore che il loro aspetto ha prodotto tra le truppe dello sfortunato padre Kron. L'intervento di queste creature ha deciso l'esito del caso: il nemico è stato sconfitto e la giustizia ha prevalso.

padre di zeus e aida

Poesia dell'antica Grecia

Oggigiorno, alcuni scettici che non sono inclini a fidarsi delle testimonianze di Esiodo, Omero e altri poeti che hanno descritto gli eventi di quell'epoca nelle loro opere vedono in questa guerra decennale solo una manifestazione di disastri naturali che una volta infuriavano sul pianeta. Non li dissuaderemo - non hanno la possibilità di godersi il gioco della fantasia poetica. Sembra che gli stessi autori antichi non abbiano preteso il documentario di ciò che hanno dichiarato, ma con le loro poesie hanno costretto a morire i cuori dolci di molte generazioni.

Il trionfo dei vincitori

Ma torniamo ai piedi dell'Olimpo, dove fino a poco tempo fa tutto stava bruciando e scuotendo, inghiottito in una folle battaglia. Qui regnava una pace tanto attesa. I Titani, colpiti dall'orrore alla vista di creature tenute in mano, tremavano e fuggivano, ma ben presto essi, incatenati insieme, furono gettati nelle profondità delle profondità della terra. God-titan, il padre di Zeus, condivise un destino comune e divenne un prigioniero del Tartaro. La fine del regno delle forze cosmiche selvagge e impersonali è arrivata. Sono stati sostituiti da divinità umanoidi - gli olimpionici.

Padre Zeus Poseidon e Aida

Come da una serie di fonti, il padre di Zeus, Poseidon e Aida - il vecchio Kron - fu perdonato, riconciliato con i suoi figli e andò a regnare sull'oceano - questo era il nome del più grande fiume del mondo antico, separando il regno dei vivi dal mondo delle ombre. Si è mostrato lì come un sovrano saggio e generoso, motivo per cui il tempo del suo regno è considerato felice e gentile. Lasciando il regno dei morti, il padre frivolo di Poseidone e Zeus si è lasciato alle spalle, oltre ai suoi figli legittimi, anche quelli che erano il frutto dei suoi piccoli hobby. Il più famoso di loro è Chirone - un saggio centauro, nato da una giovane ninfa Filira.

Tempo immortale

Va notato che con la consonanza dei nomi nella comune etimologia, il nome Kronos viene spesso identificato con il nome del dio del tempo - Chronos. Molti ricercatori vedono il simbolismo di un cambio di generazioni in bambini nati nel mondo e divorati da Kron. Questo fu il motivo per cui nella mitologia degli antichi romani, il padre di Zeus Kron ricevette una nuova incarnazione nell'immagine di Saturno, che simboleggiava l'implacabilità e la transitorietà del tempo.

padre di poseidone e zeus

Le celebrazioni furono dedicate a lui, in cui servi e gentiluomini cambiarono ruoli, quasi a illustrare l'incostanza e la variabilità del secolo. In generale, tali vacanze erano nella natura di divertenti attività di carnevale. Il nome del padre di Zeus, gli antichi greci - Kron o Kronos, è ora difficile da dire, ma nel linguaggio moderno ci sono parole nelle radici di cui si conserva il nome, ad esempio: cronometro, cronologia, tempismo e così via. Tutti loro sono in qualche modo collegati al concetto di "tempo". Fu in loro che il titano, il padre di Zeus, trovò la sua vera immortalità.