Sebbene la Russia abbia riconosciuto Pushkin come il più grande poeta russo, non lo ha portato a livello mondiale, non ha vinto un posto vicino a Omero, Shakespeare, Dante e Goethe.

Tema del prigioniero Pushkin

La vita e la morte del poeta - la tragedia più dolorosa di tutta la storia della Russia.

Le circostanze che precedono la stesura del poema

Il poema "Prigioniero" Puskin ha scritto, essendo in esilio a Chisinau. Un ruolo importante è stato svolto dalle circostanze della vita in cui il poeta si è trovato.

Prigioniero di Pushkin

1820. Segretario collegiale A.S. Puskin, per la necessità del servizio, fu inviato nel Territorio del Sud della Russia - così nella tabella di marcia rilasciata al poeta, lo scopo del suo viaggio fu indicato, di fatto, come riferimento. Il Liceo Tsarskoye Selo, il servizio nel Collegio degli Affari Esteri e la rumorosa Pietroburgo con numerosi amici rimasero indietro. Nel nuovo sito, Alexander Pushkin lavora come impiegato di ufficio minore e svolge un lavoro monotono di routine, che deprime persino una persona comune, per non parlare di una personalità creativa così eccezionale, che è stata un brillante poeta.

Il generale Ivan Nikitich Inzov, il suo immediato superiore, lo capì e cercò di non caricare il poeta con molto lavoro. Lo tratta molto favorevolmente. Pushkin fu accettato nei circoli aristocratici di Chisinau. A volte Alexander Sergeevich si permetteva di criticare pubblicamente le azioni del governo e dell'esercito, ma Inzov, di turno, doveva riferire sui suoi subordinati, in rapporti a Pietroburgo ha sottolineato che le dichiarazioni di Pushkin erano di natura imitativa e non erano il suo modo di pensare. Se un tale rapporto fosse il risultato del riconoscimento del talento e della simpatia per A. S. Pushknu, o se Inzov lo pensasse davvero, rimarrà un mistero per i posteri.

Opinioni politiche del poeta

Dal libro di testo della letteratura russa, che analizza il poema "Prisoner" Pushkin, apprendiamo che è l'incarnazione dell'amore per la libertà del grande poeta, intriso delle idee dei Decembrists. A Alexander Sergeevich vengono prescritti pensieri ribelli e terroristici, che ha iniziato a difendere con tutta la sua anima e attraverso immagini allegoriche che ha cercato di trasmettere alla gente. Pushkin viene presentato agli scolari sotto forma di un rivoluzionario segreto e un sofferente politico.

Tuttavia, studi più approfonditi degli studiosi di Pushkin mostrano che la passione del poeta per la politica era superficiale. Inoltre, nel tempo, si è sinceramente pentito delle sue opinioni e le ha considerate un'illusione della gioventù.

Prigioniero di circostanze

Certamente, solo un maestro di parole come Pushkin potrebbe dare una versatilità e una contraddizione a un poema in termini di interpretazione. "Prigioniero" potrebbe essere scritto da un giovane poeta e sotto l'influenza delle circostanze della vita. Sulla strada per il luogo dell'esilio a Chisinau, Alexander Sergeevich visse per 3 settimane con i suoi conoscenti - nella famiglia Raevsky, che si stabilì sulla costa meridionale della Crimea.

analisi del poema Prigioniero di Puskin

Questo periodo di vita è stato impresso nella memoria del poeta come i giorni più felici in cui poteva godere appieno della bellezza del paesaggio della Crimea e della piacevole comunicazione con persone e amici affini. Dopo la Crimea, Chisinau sembrò a Pushkin triste e sgradevole - le steppe bruciate dal sole cominciarono a circondarlo, e invece di amici dovette affrontare arroganti e spavaldi aristocratici moldavi. Pushkin - un prigioniero delle circostanze in cui è stato costretto a essere. Si sentiva davvero un prigioniero. La sensazione di solitudine, monotonia e mancanza di libertà, dipendenza dalle autorità, assenza di amici - è stato difficile per Pushkin amante della libertà sopportare tutto questo. Il prigioniero è un argomento ispirato alla vita stessa di un giovane di 23 anni.

Il desiderio di fuggire dalla realtà

C'è un'altra versione di ciò che viene richiesto A.S. Pushkin per scrivere questo poema. Essendo in esilio, Pushkin ha avuto l'opportunità di comunicare con i prigionieri e si è avvicinato a uno dei detenuti, che gli ha parlato delle sue intenzioni di fuggire. Pushkin fu profondamente toccato da questa idea, e rivestì alcuni dei condannati in versi. In The Prisoner, in una forma metaforica e romantica ha manifestato il suo desiderio di scappare dalla realtà.

Analisi del poema "The Prisoner" di Pushkin

Il lavoro può essere diviso in due parti, diverse l'una dall'altra per umore e intonazione. La prima parte, dove tutto è cupo e triste, si oppone al secondo: pieno di luce e speranza. Dalla prigione deprimente della prigione, l'eroe lirico vuole mentalmente entrare nel vasto spazio dell'universo. Il pensiero di porre fine al periodo oscuro infonde nuova vitalità in esso.

La triste storia della vita in cattività nel mezzo del poema si sviluppa in un grido dal cuore che richiede libertà, raggiunge il suo picco emotivo e finisce di nuovo con le parole di solitudine - "solo il vento ... sì io sono! .."

recensione sul poema di Puskin il prigioniero

Va notato che il poema è di natura metaforica, cioè l'idea principale in esso è velata e comunicata al lettore mediante un confronto figurativo. Ogni persona, in virtù della sua immaginazione sviluppata, può indovinare ciò che Pushkin non ha detto. Il prigioniero è l'eroe lirico dell'opera, seduto in una "rozza prigione sotterranea". Il poeta lo paragona ad una giovane aquila che è stufa di prigionia. Grazie a questo confronto, diventa chiaro quanto estraneo all'eroe lirico sia il mondo intorno. Per una persona, le restrizioni alla libertà e le condizioni di esistenza imposte, siano esse esiliate o barre di prigione, sono distruttive e innaturali quanto la schiavitù di un'aquila amante della libertà.

Il poema "The Prisoner" Pushkin trafitto con l'idea di libertà, senza mai usare la stessa parola "libertà". Si sente nel grido di un'aquila, dotato dal poeta con la capacità di pensare come un essere umano e di sperimentare i sentimenti insiti nell'uomo. "Voliamo via", vuole dire un uccello orgoglioso, chiamando il prigioniero con sé "dove solo il vento cammina ... sì, lo sono! .."

La cosa principale è non essere un prigioniero e ottenere la libertà che va da sé per tutti gli esseri viventi.

L'atteggiamento di Pushkin nei confronti delle sue opere

La risposta al poema di Puskin Il Prigioniero non infastidisce molto il poeta. Secondo le persone che lo conoscevano bene, Alexander Sergeevich era sempre insoddisfatto delle opere scritte. Una volta in una conversazione con Alexandra Osipovna Smirnova-Rosset Pushkin ha ammesso che le poesie più belle per lui sono in un sogno, ma non ha il tempo di ricordarle.

poema prigioniero Puskin

Il poeta ha selezionato con cura ogni parola, lavorando sul suo lavoro, come un cutter, lucidando accuratamente e con cura i bordi delle pietre preziose. Ma quando lo ha portato alla perfezione, a lui importava poco di come il suo lavoro sarebbe apprezzato. Inoltre, secondo i ricordi della stessa Smirnova-Rosset, Pushkin non poteva assolutamente leggere i suoi scritti. Nella sua interpretazione per valutare la bellezza del verso era impossibile. Da un lato sembrava che fosse riuscito ad essere piuttosto stanco del suo lavoro.

Tale era Alexander Sergeevich Pushkin agli occhi dei suoi contemporanei - un prigioniero del destino e delle circostanze.

Solo dodici righe, e quanto senso, sentimento e understatement sono investiti in loro ...