Lo scienziato italiano, il pensatore del Rinascimento Niccolò Machiavelli ha una doppia reputazione. Da un lato, è spesso citato e citato come un esempio di come uno stato dovrebbe essere governato. Altri lo considerano un cinico consigliere dei politici del passato, la cui unica misura non è la moralità, ma il potere e il denaro. In questo articolo cercheremo di capire chi fosse veramente questa persona interessante. Macchiavelli niccolo

Infanzia e gioventù

Questo periodo nella vita di Niccolò Machiavelli, di cui qui descriviamo le idee, non è ben noto. Era nato in un piccolo villaggio che si trovava nel territorio dell'allora Repubblica di Firenze. Suo padre, Bernardo, era un noto avvocato. L'educazione gli è stata impartita da insegnanti familiari, ma nello stesso tempo Niccolò ha ricevuto un'eccellente conoscenza della cultura classica antica. Conosceva il latino e in origine leggeva autori romani come Tito Livio e Cicerone. In giovane età, la lista dei suoi interessi era guidata dalla storia e dalla politica. Ha cercato in modo vivace di intervenire negli eventi della sua città-stato nativa, come dimostra la sua corrispondenza con personaggi noti - per esempio, commenti critici sulle attività di Savonarola a Firenze. Filosofia di Niccolo Machiavelli

Niccolò Machiavelli - biografia di una celebrità durante la prima carriera politica

Ritratti conservati e descrizioni dell'aspetto di questa figura del Rinascimento. I biografi affermano che era magro, con la faccia bianca, i capelli scuri, con la fronte alta e le labbra sottili. Molti menzionano il suo ghigno sarcastico. La vita di questa persona prese forma in un momento molto frenetico per Firenze, quando molti stati vicini, approfittando del momento politico, cercarono di impadronirsi delle repubbliche italiane. Non c'era potere stabile, quasi ogni mese c'erano colpi di stato. Anche allora, Machiavelli Niccolò iniziò a fare carriera usando metodi dubbi. Ad esempio, da un lato, in lettere private ha criticato Savonarola, ma ha preso il suo primo incarico nel servizio pubblico con il suo sostegno. E quando il monaco rigoroso fu bruciato come un eretico, Machiavelli fu tuttavia rieletto alle autorità, questa volta grazie al fatto che il primo ministro di Firenze, Marcello Adriani, era il suo maestro. I primi dieci anni del XVI secolo, Niccolò compie missioni diplomatiche in diversi paesi per conto della Repubblica. Libri di Niccolo Machiavelli

Il periodo di massimo splendore della carriera

Nel 1501, Machiavelli Niccolò raggiunse un livello di vita tale da poter sposare un rappresentante della sua cerchia sociale. Il matrimonio si è sviluppato con successo sia economicamente che in termini familiari. La coppia ha avuto cinque figli e, inoltre, Niccolò ha comunque mantenuto buoni rapporti con varie bellezze all'estero. Nel 1502, incontrò il famoso avventuriero e comandante Cesare Borgia, che lo colpì con la sua abilità nell'usare ogni possibilità che aveva scoperto di espandere i suoi possedimenti. Ha trascorso un anno al suo servizio. Fu allora che fu abbracciato dall'idea di scrivere un trattato su un sovrano ideale che potesse perseguire magistralmente i suoi obiettivi, indipendentemente dalla moralità. Ma quando papa Alessandro Borgia morì nel 1503, padre Cesare, quest'ultimo perse i mezzi finanziari, e Niccolò fu costretto a tornare a Firenze. Ha anche servito la repubblica con alcuni intrighi durante una missione diplomatica a Roma, cercando di influenzare la politica del nuovo Papa, e poi affrontato la struttura interna della Repubblica e la sua capacità di difesa. In particolare, è l'autore dell'idea di un esercito professionale (il trattato "Dialogo sull'arte della guerra"). Questa teoria è stata implementata con successo a Firenze, in connessione con la quale la città-stato ha riacquistato il distaccamento era Pisa. Biografia di Niccolo Machiavelli

espulsione

La celebrazione di Machiavelli Niccolò continuò fino al 1512. Papa Giulio II riuscì a ottenere la partenza dalle repubbliche italiane delle truppe francesi, che alla fine del XV secolo espulsero la famosa famiglia dei Medici che aveva governato la città per molti decenni da Firenze. In seguito, il figlio di Lorenzo il Magnifico - Giovanni - tornò al suo patrimonio, liquidò la Repubblica e iniziò a reprimere coloro che si opponevano alla sua famiglia. Queste rappresaglie furono anche subite da Niccolò Machiavelli, che fu gettato in prigione, accusato di cospirazione anti-statale e persino torturato. Ma alla fine riuscì a giustificarsi e si ritirò in esilio nella proprietà dei suoi genitori, dove visse con la sua famiglia per quasi tutto il resto della sua vita e scrisse trattati che lo portarono alla fama mondiale. Condusse un'esistenza misurata, girando per il quartiere e leggendo gli antichi autori. Nel 1520, Florence tornò di nuovo al suo diplomatico un ufficio pubblico - questa volta, uno storico. Morì nel 1527 nella sua proprietà, ma nessuno sa dov'è la sua tomba. La sua "Storia di Firenze" ha avuto un enorme successo con i compatrioti, anche dopo la morte dell'autore.

Punti di vista politici Niccolo Machiavelli

Sono difficili da caratterizzare in modo inequivocabile. C'era un'opinione che la cosa principale per uno scienziato era il cinismo, che gli permetteva di raggiungere i suoi obiettivi con qualsiasi mezzo. C'è del vero in questo, ma l'atteggiamento di Machiavelli nei confronti delle persone, dei nemici e degli oppositori dovrebbe essere diviso. Quando Niccolò scrive del sovrano ideale, gli consiglia di fare affidamento sull'opinione pubblica, migliorare la sua vita e proteggere le libertà. Propone una politica cinica di mentire nei confronti dei nemici e si consiglia a crudeltà di rivolgersi a coloro che invadono il potere. Ma così in quei giorni, non pensava Niccolò Machiavelli. I suoi libri sul tema della politica - "Il Sovrano" e "Discorso sul primo decennio di Tito Libia" sono diventati una raccolta di opinioni di molti personaggi famosi, compresi quelli al potere, che hanno dominato il Rinascimento. Scienziato italiano pensatore del Rinascimento Niccolò Machiavelli

Cos'è la politica?

Nei suoi scritti, Machiavelli rivela i dettagli del rapporto tra governanti, persone, istituzioni e leggi, e pensa anche a come ottenere un migliore funzionamento di quest'ultimo. Può essere definito il "padre della scienza politica", poiché è stato il primo a dichiarare che si tratta di una scienza esperienziale, con la quale è possibile comprendere il passato, guidare il presente e prevedere il futuro. Lo scienziato credeva anche che molto dipenda dalla personalità del sovrano. Era un sostenitore di un forte potere e una mano ferma, affermando che una gestione centralizzata basata sulla forza, e usando la moralità solo come copertura, è in definitiva migliore per il popolo, e per il bene dell'unità del paese si può sopprimere la frammentazione. Tuttavia, non gli piacevano gli strati più bassi della popolazione. Le persone che considerava cittadini prospera e politicamente attivi, la cui opinione dovrebbe essere ascoltata. È affidarsi a queste persone a cui sono concesse le maggiori libertà che servono da base per la vitalità dello stato. Niccolo Machiavelli Idee

Come prendere e mantenere il potere

Qual è l'argomento preferito di Niccolò Machiavelli? La sua filosofia era di analizzare i modi più pratici per prendere il potere dello stato e governare le arti, cioè per mantenerlo il più a lungo possibile. L'ideale era per lui le antiche repubbliche, che univano, a suo avviso, l'amore per la libertà e le buone leggi. L'obiettivo principale della complessa arte del potere è il buon obiettivo: l'indipendenza e la grandezza del proprio stato. Per raggiungerlo, puoi usare qualsiasi mezzo. Nessuna moralità o diritto dovrebbe ostacolare lo stato, specialmente se protegge i suoi interessi. La legge dovrebbe essere letta finché soddisferà i bisogni del paese. Se, al fine di osservare l'interesse dello stato o la prosperità del paese, dovrebbe essere aggirato, allora questo deve essere fatto. Tuttavia, il filosofo non spera troppo per il sequestro del potere con la forza, dal momento che tale regola dovrà sempre essere mantenuta per mezzo di un'arma, e questo è uno spreco di potere in più. Preferiva la monarchia ereditaria. Citazioni di Niccolò Machiavelli

Come gestire

Prima di tutto, il capo dello stato dovrebbe assicurarsi che la popolazione sotto il suo controllo non possa danneggiarlo. Per fare questo, ci sono due modi: tenerlo a bada o bagnarlo di misericordia. Dio non gioca alcun ruolo sul fatto che il sovrano riesca a regnare per lungo tempo - dipende dalla fortuna. La monarchia è meglio essere assoluti. Altrimenti, il sovrano dipende sempre dalla volontà dei corpi eletti, che lo ostacolano costantemente. Il sovrano dovrebbe anche ricordare di essere circondato da nemici sia all'interno che all'esterno del paese. Pertanto, dovrebbe essere sempre sveglio, essere come un leone e una volpe. Questo confronto è diventato il più popolare tra tutti gli esempi citati da Niccolò Machiavelli. Citazioni di questo tipo, talvolta estrapolate dal contesto, sono passate da un trattato politico a un altro. E il concetto molto politico dell'autore ha ricevuto il nome di Machiavellianesimo.

Patrimonio letterario e filosofico

Le opere del primo scienziato politico del Rinascimento furono inizialmente criticate. Prima di tutto, la Chiesa cattolica romana non era d'accordo con loro. Ma non del tutto a causa del principio proclamato dall'autore che tutti i mezzi sono consentiti per il bene di un fine buono, ma perché ha privato il clero del diritto esclusivo alla leadership morale. Pertanto, le opere di Machiavelli furono condannate al consiglio ecclesiastico di Trento e incluse persino nell '"Indice dei libri proibiti". D'altra parte, molti filosofi come Jean Boden o Thomas Hobbes difendere l'idea stato centralizzato lo consideravano un innovatore nella vita politica, un uomo che osava scrivere la verità su ciò che tutti hanno fatto per così tanto tempo. In effetti, Machiavelli ruppe con le idee del Medioevo che le persone dovevano servire Dio, anche nel servizio pubblico, e il potere elevato e i suoi interessi al centro. La politica è diventata una disciplina indipendente, agendo a fini pratici e giustificando la violazione di leggi e atti immorali nei loro confronti.