Paganesimo - religione Slavi orientali. Sono convinzioni multiformi e inusuali, radicate nel profondo dei secoli. Non ci sono informazioni precise sul luogo di nascita del primo culto pagano, perché quasi tutte le prove archeologiche sono state cancellate da un tempo intransigente. Tutto ciò che gli scienziati conoscono deriva dai pochi annali e storie che sono stati in grado di raggiungerci.

Ma anche questo è sufficiente per capire quale fosse la cultura e la religione degli slavi orientali prima dell'arrivo del cristianesimo. Comprendi cosa ha motivato le persone in quel periodo storico e come si è riflesso nel mondo moderno.

Religione degli slavi orientali

Il concetto di base del paganesimo

La religione degli slavi orientali era basata sulla credenza in molti dei: il politeismo. Tutti i fenomeni in natura sono stati i presagi di Dio e hanno testimoniato che le persone sono circondate da esseri ultraterreni.

Gli slavi temevano e riverivano gli dei, offrivano sacrifici a loro e li pregavano per avere aiuto. Molte usanze erano associate al culto delle divinità e venivano eseguite secondo le regole stabilite. Gli slavi credevano che ogni cosa fosse la volontà degli dei, e senza la loro partecipazione nulla fu realizzato.

Nel pantheon slavo c'era una sua gerarchia, secondo la quale gli dei erano divisi in maggiore e minore. Anche nel paganesimo c'erano spiriti guardiani che proteggevano la casa, aiutavano con i raccolti e curavano le malattie.

Creazione del mondo

La religione degli slavi orientali descrive brevemente la creazione del mondo. Si sa solo che all'inizio apparve un uovo d'oro, nel quale era il dio Rod, il padre di tutti i viventi e non viventi.

Ha creato il cielo, la terra, gli alberi, tutti gli dei sono andati da lui. Dal nome di questa divinità, si formò la parola "natura", che significava - tutto con Kin.

religione e vita degli slavi orientali

Lo spirito di Dio fu una delle prime creazioni del genere e lo raffigurò come un enorme gufo. Nel tempo, le fu dato il nome di Madre Sva. Apparve lo spirito di Dio Svarog - il dio del cielo, così come il re di tutte le cose sulla terra.

Poi i bambini vennero a Svarog: il dio del sole Dazhbog e il dio del vento Stribog. E poi alcuni dei creò altri, a loro volta diedero origine ad altre creature mistiche, finché l'intero regno divino non fu formato con le proprie leggi e regole. Nel corso degli anni, i nomi degli dei furono sostituiti da altri, ma la loro essenza rimase la stessa. È così che gradualmente la cultura pagana è nata con la sua gerarchia divina.

Dei principali

La religione pagana degli slavi orientali è cambiata notevolmente nel corso dei secoli. Allo stesso tempo, i nuovi costumi e le credenze non hanno sostituito i vecchi, ma sono diventati la loro continuazione, in parte cambiando la loro essenza. Pertanto, la popolarità degli dei superati spesso diminuiva, così come la loro posizione nella gerarchia divina.

religione orientale slavi brevemente

Inizialmente, il dio principale e più rispettato era Rod. Dopotutto, è il creatore di tutto sulla Terra, così come il patrono della terra e della fertilità. Gli sacrificavano e cantavano canzoni di lode nella speranza che si prendesse cura del raccolto e impedisse alle malattie di colpire i campi.

Più tardi Svarog prese il suo posto - un essere divino responsabile dell'ordine e della pace nelle terre degli slavi. Nel corso del tempo, Svarog ha assunto la maggior parte dei meriti di Rod, diventando il creatore del cielo e il fatto che sotto di esso.

Non meno riverito dio era Veles, che era responsabile per il bestiame. Questo atteggiamento era causato dal fatto che gli slavi, come molti altri popoli di quel tempo, erano impegnati nell'allevamento del bestiame. Se le mucche e altri animali cominciarono a morire, la gente pensava che Velez fosse arrabbiato e richiedesse sacrifici. Un altro compito di questo dio aspro era di prendersi cura delle anime dei morti, così spesso pregavano per lui di prendersi cura dei parenti morti.

Perunovo tempo

Va notato che inizialmente Perun non era il dio principale, ma era raffigurato solo come uno dei figli di Svarog e Madre Sva. Era un tuono e un sovrano della pioggia. Quando i periodi di pace furono sostituiti da frequenti campagne militari, il suo ruolo cambiò radicalmente: Perun divenne il dio della guerra e una delle divinità più venerate nel pantheon slavo. religione degli slavi orientali nell'antichità

La ragione di ciò è che il fulmine è sempre stato considerato invincibile e mortale, punendo chiunque abbia osato ostacolare Perun. Pertanto, i governatori credevano che se l'esercito avesse arruolato il supporto di questo dio, allora sarebbe stato in grado di vincere facilmente in qualsiasi battaglia.

Per attirare l'attenzione di Perun, i principi spesso facevano grandi offerte, costruivano altari e seguivano i segni dal cielo. Ciò portò alla diffusione di massa del culto di Perun, e la religione degli slavi orientali cambiò di nuovo il capo divino.

Varietà di divinità nella cultura slava

Ma non solo i grandi dei adoravano gli slavi. La dimora celeste consisteva in dozzine di divinità meno significative, e tutte erano responsabili di una certa parte della vita delle persone e dei fenomeni naturali, almeno questo è il modo in cui la religione degli slavi orientali li presenta. Brevemente sugli dei minori dei pagani.

  • Dazhbog - il dio del sole, simboleggia l'alba e la prosperità.
  • Stribog è il dio del vento, capace di inviare tempeste e maltempo. Si occupa anche del corso del tempo e del cambio delle stagioni.
  • Lada - la dea dell'ordine e la prima delle donne in travaglio. Fu lei che, secondo le credenze, diede alla luce dodici mesi.
  • Lelya è la madre di Perun. Questa dea seguì i raccolti, così fu in onore speciale tra gli slavi.
  • Yarilo - il dio della luce e della primavera, con il tempo ha iniziato a personificarlo con il cerchio solare.
  • Makosh - la dea del destino e l'eternal spinning. Dicono che lei ha tessuto tutti i destini umani sul suo fuso, e Share e Nedol l'hanno aiutata in questo.

Inoltre, c'erano divinità malvagie che cercavano di distruggere le persone, inviando costantemente malattie e disgrazie su di loro.

Magi: il legame tra umani e dei

Il sacerdote era presente in ogni cultura, quindi la religione non era senza di essa. Slavi orientali. Nell'antichità le persone che sanno leggere gli indizi degli dei venivano chiamate maghi o stregoni. Spesso venivano contattati per chiedere aiuto, poiché, secondo le leggende, erano in grado di guarire malattie, rimuovere gli occhi e benedire nelle imprese future. religione pagana degli slavi orientali

Ciò che è vero, a differenza di altre religioni del tempo, i sacerdoti pagani non costruivano templi e non richiedevano una maggiore attenzione a se stessi. Nella maggior parte dei casi, vivevano lontano dagli insediamenti per proteggersi dalla folla fastidiosa.

Riti nell'antica Russia

La religione e la vita degli slavi orientali sono strettamente collegate. Ci sono molte credenze e segni a cui le persone prestano sempre attenzione. Quindi, le colture erano sempre accompagnate dalle preghiere alla dea Lele, così che in seguito avrebbe curato il raccolto.

Un'attenzione speciale è stata data al funerale, perché dipendeva da come il defunto si fosse incontrato nell'aldilà. Il corpo del defunto è stato deposto in una piccola barca, quindi dato alle fiamme e lasciato scorrere. Così, l'anima del defunto fu inviata lungo il fiume verso l'aldilà, dopo di che le ceneri furono sepolte nel tumulo. Armi, armi e il corpo di un cavallo furono posti nelle tombe di nobili e guerrieri, così che nell'altro mondo la gente non aveva bisogno di nulla.

Allo stesso modo, la religione degli slavi orientali proteggeva i riti associati alla nascita di un figlio, il matrimonio e il matrimonio.

Grandi celebrazioni e feste

Tutte le festività nel calendario degli slavi erano associate a fenomeni naturali e transizioni da una stagione all'altra. Molti di loro hanno svolto un ruolo così importante nella società che sono rimasti anche dopo l'arrivo del cristianesimo, sebbene abbiano cambiato il loro scopo originario.

Quindi, il primo dell'anno fu una celebrazione in onore di Kolyada, il dio che portò la conoscenza alle persone. Fu celebrato il primo gennaio, che in seguito coincise con il Natale. Ecco perché ora c'è una tradizione per andare nei cortili e chiedere dolci in cambio di un versetto elogiativo.

cultura e religione degli slavi orientali

Un'altra festa pagana che esiste ancora oggi è Ivan Kupala. Si celebra il 24 giugno (secondo il vecchio calendario) in onore del solstizio d'estate. Secondo le leggende, in questo giorno l'acqua ha potere di guarigione, quindi la gente organizza questa festa al bacino. Inizialmente, questo giorno era destinato al canto del dio sole. È in suo onore che cerchi di fuoco o ruote vengono lanciati nell'acqua, dimostrando in tal modo il movimento del sole attraverso il cielo.

L'avvento del cristianesimo

E sebbene la religione degli slavi orientali per lungo tempo abbia regnato su tutto il territorio della Russia, l'arrivo del cristianesimo lo ha ancora spostato. La ragione di questo era il patronato del principe Vladimir, che non lasciava alcuna scelta alla gente comune.

religione pagana degli slavi orientali

Per diversi secoli, i Saggi hanno cercato di ripristinare le antiche tradizioni, ma il loro lavoro è finito in fallimento. E solo piccoli templi e idoli in legno ricordano ancora che nell'antichità esistevano divinità capaci di controllare il tempo, i corpi celesti e il destino dell'uomo.