Significato di termine

Il dimorfismo sessuale è il fenomeno della presenza nella struttura anatomica di maschi e femmine della stessa specie, che sono distinti l'uno dall'altro (ad eccezione dei genitali). In parole povere, è possibile caratterizzare qualsiasi differenza duratura tra i sessi, non solo biologica. In questo articolo considereremo sia il lato biologico del problema che le differenze di genere nella società umana. dimorfismo sessuale

In biologia

Il dimorfismo sessuale separato e, quindi, in natura è più comune non nelle piante, ma negli animali. Quali sono esattamente le differenze? Negli animali, di regola, le femmine e i maschi hanno dimensioni disuguali. Quindi, negli uccelli e nei mammiferi, i maschi sono di solito più grandi, e in anfibi e artropodi - viceversa. Dimorfismo sessuale pronunciato - la differenza nel colore dei maschi e delle femmine degli uccelli. I primi hanno principalmente piumaggio luminoso, a causa del quale attraggono femmine sbiadite rispetto a loro. Spesso nei maschi di diverse specie di animali ci sono varie escrescenze e formazioni della pelle, ad esempio corna e creste. I maschi dell'elefante indiano hanno zanne che le femmine non hanno. Il dimorfismo è permanente o stagionale. Nel primo caso, esistono differenze nell'anatomia di maschi e femmine della stessa specie per tutto il loro ciclo di vita. Il dimorfismo stagionale si manifesta solo nel periodo dell'accoppiamento. Per quanto riguarda le piante, tra queste il dimorfismo sessuale è espresso principalmente in specie dioiche dioiche. Un esempio particolarmente eclatante è la canapa. dimorfismo sessuale è

Dimorfismo sessuale umano

Le differenze biologiche tra uomini e donne sono evidenti e rappresentate in modo abbastanza vivido. Questi includono la differenza nella quantità di peli sul corpo, nella struttura delle ossa, nella composizione ormonale e molto altro.

Dimorfismo sessuale nella società

dimorfismo sessuale umano La cultura tradizionale separa nettamente maschile e femminile l'una dall'altra, considerando che questa divisione è naturale e basata biologicamente. In effetti, la natura biosociale umana implica l'esistenza di un fattore sociale, compresa l'influenza sulla natura del genere, che è molto più complesso organizzato rispetto a qualcosa di univocamente maschile o femminile, definito unicamente dalla differenza nella composizione qualitativa dell'insieme cromosomico. Anche se consideriamo l'attività vitale di una persona dovuta unicamente a fattori biologici, essa non è in alcun modo divisa in ciò che è inerente solo alle donne o solo agli uomini. Alternativo e unico per ogni segno biologico del sesso sono bilanciati da segni comuni. La differenza nell'attività vitale è causata non da differenze intersessuali, ma dalle caratteristiche individuali di ciascuna persona, sia morfologiche che psicologiche. Anche le differenze sociali attribuite a uomini e donne sono illegali. La differenza nel comportamento delle persone non è dovuta al dimorfismo sessuale naturale, ma a fattori socioculturali: educazione, tipo di attività, condizioni di vita e altro. Quindi, il lato sociale della vita umana non dipende dal dimorfismo sessuale e non è il suo riflesso.