La storia della Russia, come altre ex repubbliche post-sovietiche nel periodo dal 1928 al 1953, è chiamata "l'era di Stalin". La sua posizione di governante saggio, un brillante statista, che agisce sulla base di "convenienza". In realtà, erano guidati da motivi completamente diversi.

Parlando dell'inizio della carriera politica del leader, che divenne un tiranno, tali autori disdegnarono timidamente un fatto indiscutibile: Stalin era un detenuto-recidivo, con sette "camminatori". Rapina e violenza erano la forma principale della sua attività sociale in gioventù. Le repressioni sono diventate parte integrante del corso di stato perseguito da lui.

Lenin ha ricevuto in faccia un degno successore. "Avendo sviluppato in modo creativo il suo insegnamento", Joseph Vissarionovich concluse che doveva governare il paese con metodi di terrore, instillando costantemente la paura nei suoi concittadini.

Stalin repressione

La generazione di persone alle cui labbra si può dire la verità sulle repressioni di Stalin sta lasciando ... Non sono gli articoli nuovi di zecca che sbiancano il dittatore che sputa sulle loro sofferenze, sulle loro vite spezzate ...

Chief Torture Officer

Come sapete, Joseph Vissarionovich ha firmato personalmente le liste di esecuzione per 400.000 persone. Inoltre, Stalin ha represso il più possibile autorizzando l'uso della tortura durante gli interrogatori. Furono loro a ricevere il semaforo verde per completare il caos nei sotterranei. Era direttamente collegato al famigerato telegramma del Comitato centrale del PCUS (b) del 10 gennaio 1939, che letteralmente sciolse le mani degli organi punitivi.

Creatività nella tortura

Richiami estratti dalla lettera del comoro di Liskovsky, che è stato fatto irruzione dal satrapo del leader ...

"... Un interrogatorio del trasportatore di dieci giorni con un crudele e vizioso pestaggio e senza la possibilità di addormentarsi, poi c'è una cella di punizione di venti giorni, quindi costringendolo a sedersi con le mani alzate, a piegarsi, con la testa nascosta sotto il tavolo, per 7-8 ore ..."

Il desiderio dei detenuti di provare la loro innocenza e l'incapacità di firmare le accuse inventate da loro hanno causato maggiori torture e percosse. Lo status sociale dei detenuti non ha avuto un ruolo. Ricordiamo che Robert Eiche, un candidato membro del Comitato centrale, fu rotto durante l'interrogatorio della colonna vertebrale, e il maresciallo Blucher nella prigione di Lefortovo morì per le percosse durante gli interrogatori.

La motivazione del leader

il numero delle vittime della repressione di Stalin Il numero delle vittime delle repressioni di Stalin non è stato contato dalle decine, non dalle centinaia di migliaia, ma dai sette milioni di persone che sono morte per fame e dai quattro milioni arrestati (le statistiche generali saranno presentate di seguito). Solo il numero di quelli sparati era di circa 800 mila persone ...

In che modo Stalin ha motivato le sue azioni, lottando immensamente per il potere dell'Olimpo?

Di cosa parla Anatoly Rybakov nei Children of Arbat? Analizzando la personalità di Stalin, condivide con noi i suoi giudizi. "Il governante che il popolo ama è debole, perché il suo potere si basa sulle emozioni delle altre persone. Un'altra cosa è quando le persone hanno paura di lui! Quindi il potere del sovrano dipende da se stesso. Questo è un forte dominatore! "Quindi, il credo del leader è di infondere amore in te attraverso la paura!

Passi, adeguati a questa idea, hanno preso Joseph Stalin. La repressione divenne il suo principale strumento competitivo nella sua carriera politica.

L'inizio di un'attività rivoluzionaria

Joseph Vissarionovich rimase affascinato dalle idee rivoluzionarie all'età di 26 anni dopo aver incontrato V. I. Lenin. Era impegnato in rapina di fondi per il tesoro del partito. Destino ha preso 7 collegamenti in Siberia. Pragmatismo, prudenza, promiscuità nei mezzi, rigidità per le persone e egocentrismo Stalin si distinse fin dalla tenera età. La repressione contro le istituzioni finanziarie - rapina e violenza - erano sue. Quindi il futuro leader del partito ha partecipato a Guerra civile

Stalin nel comitato centrale

la verità sulla repressione di Stalin Nel 1922, Joseph Vissarionovich riceve un'opportunità a lungo attesa per la crescita della carriera. Ill ed indebolendo Vladimir Ilyich lo presenta insieme a Kamenev e Zinoviev al Comitato Centrale del Partito. In questo modo, Lenin crea un contrappeso politico a Leon Trotsky, che rivendica davvero la leadership.

Stalin diresse contemporaneamente due strutture di partito: l'ufficio organizzativo del comitato centrale e il segretariato. In questo post, ha brillantemente studiato l'arte degli intrighi segreti di partito, cosa che gli è stata utile ulteriormente nella lotta contro i concorrenti.

Il posizionamento di Stalin nel terrore rosso

La macchina del terrore rosso fu lanciata ancor prima dell'arrivo di Stalin nel Comitato centrale.

09/05/1918 Il Consiglio dei commissari del popolo pubblica la risoluzione "Sul terrore rosso". L'organismo per la sua attuazione, chiamato Commissione di emergenza tutta russa (VChk), ha agito sotto il Consiglio dei commissari del popolo dal 7.12.1917.

La ragione di tale radicalizzazione della politica interna fu l'assassinio di M. Uritsky, il presidente della Petersburg Cheka, e il tentativo di V. Lenin Fanny Kaplan, che agiva dal partito dei Social Revolutionaries. Entrambi gli eventi si sono verificati il ​​30/08/1918. Già quest'anno, la Cheka ha lanciato un'ondata di repressione.

Secondo informazioni statistiche, 21988 persone furono arrestate e imprigionate; 3061 preso in ostaggio; Colpo 5544, concluso nei campi di concentramento del 1791.

Gendarmi, poliziotti, funzionari zaristi, uomini d'affari, proprietari terrieri erano già stati repressi dall'arrivo del comitato centrale di Stalin. Prima di tutto, le classi che sono il pilastro della struttura monarchica della società sono state colpite. Tuttavia, "sviluppando creativamente la dottrina di Lenin", Joseph Vissarionovich delineò le nuove principali direzioni del terrore. In particolare, il corso è stato intrapreso per distruggere la base sociale del villaggio - imprenditori agricoli.

.

Stalin dal 1928 - l'ideologo della violenza

repressione di Stalin quanti sono morti Fu Stalin a reprimere la repressione nel principale strumento della politica interna, che teoricamente sostenne.

Il suo concetto di accrescere la lotta di classe diventa formalmente la base teorica per la crescente escalation della violenza da parte degli enti governativi. Il paese rabbrividì quando fu annunciato per la prima volta da Joseph Vissarionovich nel comitato centrale del luglio 1928 del PCUS (B.). Da quel momento in poi è diventato il leader del partito, l'ispirazione e l'ideologo della violenza. Tyrant dichiarò guerra al suo stesso popolo.

Slogan nascosti il ​​vero significato dello stalinismo si manifesta nella sfrenata ricerca del potere. La sua essenza è mostrata da un classico: George Orwell. L'inglese ha mostrato chiaramente che il potere di questo sovrano non era un mezzo, ma una fine. La dittatura non fu più percepita come una difesa. rivoluzione. rivoluzione divenne un mezzo per stabilire una dittatura senza confini personale.

Joseph Vissarionovich nel 1928-1930 Cominciò iniziando la fabbricazione da parte dell'OGPU di una serie di processi pubblici, che immergevano il paese in un'atmosfera di shock e paura. Quindi, dalle prove e dalla suggestione dell'orrore a tutta la società, il culto della personalità di Stalin iniziò la sua formazione ... Le repressioni di massa furono accompagnate dalla confessione pubblica di coloro che commisero crimini inesistenti "nemici del popolo". Le persone sono state brutalmente torturate e costrette a firmare accuse inventate. La brutale dittatura ha imitato la lotta di classe, violando cinicamente la Costituzione e tutte le norme della morale universale ...

Tre processi giudiziari globali sono stati falsificati: "Il caso dell'Ufficio di presidenza dell'Unione" (che minaccia i dirigenti); "Il caso del partito industriale" (imitazione dello smembramento delle potenze occidentali in relazione all'economia dell'URSS); "La causa del partito contadino laborioso" (evidente falsificazione del danno al fondo seme e ritardi con la meccanizzazione). Inoltre, tutti si unirono in un unico caso per creare l'apparenza di una singola cospirazione contro il potere sovietico e per dare spazio a ulteriori falsificazioni dei corpi dell'OGPU-NKVD.

Di conseguenza, l'intera gestione economica dell'economia nazionale passò dai vecchi "specialisti" ai "nuovi quadri" che erano pronti a lavorare secondo le istruzioni del "leader".

Attraverso la bocca di Stalin, che ha assicurato l'apparato statale fedele alle repressioni da parte dei tribunali, è stata espressa la determinazione irremovibile del partito: spodestare e rovinare migliaia di imprenditori - industriali, commercianti, piccoli e medi; rovinare le basi della produzione agricola - un contadino benestante (definendolo indiscriminatamente "pugni"). Allo stesso tempo, una nuova posizione di partito volontarista era mascherata "dalla volontà degli strati più poveri degli operai e dei contadini".

Segretamente, parallelamente a questa "linea generale", il "padre delle nazioni" coerentemente, con l'aiuto di provocazioni e false testimonianze, la linea di liquidazione dei loro rivali di partito per un maggiore potere statale (Trotsky, Zinoviev, Kamenev) iniziò ad essere attuata.

Collettivizzazione forzata

La verità sulla repressione del periodo di Stalin 1928-1932. testimonia che la principale base sociale del villaggio - un produttore agricolo efficace - è diventata l'obiettivo principale della repressione. L'obiettivo è chiaro: l'intero paese contadino (come allora era la Russia, l'Ucraina, la Bielorussia, il Baltico e le repubbliche transcaucasiche) doveva essere trasformato da un complesso economico autosufficiente in un donatore obbediente sotto la pressione della repressione per attuare i piani stalinisti di industrializzare e mantenere le agenzie di polizia ipertrofiche.

repressione di massa di stalin

Per definire chiaramente l'oggetto della sua repressione, Stalin ha optato per un'ovvia falsificazione ideologica. Economicamente e socialmente irragionevolmente, realizzò che gli ideologi del Partito obbedienti a lui individuarono il normale produttore (redditizio) autosufficiente in una "classe di pugno" separata - l'obiettivo di un nuovo sciopero. Sotto la direzione ideologica di Joseph Vissarionovich, fu sviluppato un piano per la distruzione delle fondamenta sociali del villaggio che si era sviluppato nel corso dei secoli, la distruzione della comunità rurale - Ordinanza "Sull'eliminazione delle ... Fattorie Kulak" del 30 gennaio 1930.

Il terrore rosso arrivò al villaggio. In linea di principio, coloro che erano in disaccordo con la collettivizzazione dei contadini erano sottoposti alle corti staliniste - la "troika", che in molti casi terminava con le esecuzioni. I "kulak" meno attivi, così come le "famiglie kulak" (nella categoria in cui potevano cadere tutte le persone soggettivamente definite dal "bene rurale") erano soggette a confisca forzata di proprietà e sfratto. È stata creata un'autorità operativa permanente per gli sfratti - gestione operativa segreta sotto la guida di Efim Evdokimov.

I migranti nelle regioni estreme del Nord, vittime delle repressioni di Stalin, furono precedentemente determinati per lettera nella regione del Volga, in Ucraina, Kazakistan, Bielorussia, Siberia, Urali.

Negli anni 1930-1931. 1,8 milioni sfrattati e nel 1932-1940. - 0,49 milioni di persone.

Organizzazione della fame

Tuttavia, esecuzioni, devastazione e sfratto negli anni '30 del secolo scorso - questa non è tutta la repressione di Stalin. Un breve elenco di essi dovrebbe essere integrato dall'organizzazione della fame. La vera ragione di ciò fu l'inadeguato approccio di Joseph Vissarionovich personalmente agli insufficienti approvvigionamenti di grano nel 1932. Perché il piano ha raggiunto solo il 15-20%? Il motivo principale era il fallimento del raccolto.

Sotto minaccia era il suo piano di industrializzazione sviluppato soggettivamente. Sarebbe ragionevole ridurre i piani del 30%, rimandarli, e in primo luogo stimolare il produttore agricolo e attendere l'anno del raccolto ... Stalin non ha voluto aspettare, ha chiesto la fornitura immediata di strutture energetiche gonfiate e nuovi progetti di costruzione giganti - Donbass, Kuzbass. Il leader prese la decisione di ritirare il grano destinato alla semina e al consumo dai contadini.

10.22.1932 due commissioni di emergenza sotto la guida di personaggi odiosi Lazar Kaganovich e Vyacheslav Molotov lanciarono una campagna misantropica di "combattimento dei kulaki" per sequestrare il pane, che fu accompagnato da violenze, navi ambulanze e tripli e sfratto di ricchi produttori agricoli nelle regioni del Nord Est. È stato un genocidio ...

È degno di nota il fatto che la crudeltà dei satrapi sia effettivamente iniziata e non abbia fermato Joseph Vissarionovich stesso.

Fatto noto: la corrispondenza di Sholokhov e Stalin

Repressioni di massa di Stalin nel 1932-1933. avere prove documentate M. A. Sholokhov, autore del Quiet Don, si rivolge al leader, difendendo i suoi compatrioti, con lettere, esponendo l'illegalità durante la confisca dei cereali. Soggettivamente, con l'indicazione dei villaggi, i nomi delle vittime e dei loro tormentatori, il famoso abitante del villaggio di Veshenskaya ha dichiarato i fatti. Il bullismo e la violenza contro i contadini sono terrificanti: brutali percosse, rottura delle articolazioni, parziale soffocamento, messa in scena dell'esecuzione, sfratto dalle case ... In una lettera di risposta, Joseph Vissarionovich concordava solo parzialmente con Sholokhov. La vera posizione del leader è vista nelle linee in cui chiama i contadini sabotatori, che cercano tranquillamente di contrastare le scorte di cibo ...

Un tale approccio volontaristico ha causato carestia nella regione del Volga, in Ucraina, nel Caucaso settentrionale, in Kazakistan, Bielorussia, Siberia e Urali. Una dichiarazione speciale della Duma di stato della Russia, pubblicata nell'aprile 2008, rivelò alla società precedenti statistiche classificate (in precedenza la propaganda nascondeva queste repressioni di Stalin in ogni modo).

Quante persone sono morte per fame nelle regioni sopra? La cifra stabilita dalla Commissione della Duma di Stato è terrificante: oltre 7 milioni.

Altre direzioni del terrore stalinista prima della guerra

vittime della repressione di Stalin Considereremo anche altre tre direzioni del terrore di Stalin, e nella seguente tabella presenteremo più dettagliatamente ciascuna di esse.

Con le sanzioni di Joseph Vissarionovich c'era anche una politica di oppressione libertà di coscienza. Un cittadino della Terra dei Soviet dovrebbe aver letto il giornale della Pravda e non andare in chiesa ...

Centinaia di migliaia di famiglie di contadini precedentemente produttivi, temendo espropriazione e legami con il Nord, divennero un esercito che fornì giganteschi progetti di costruzione per il paese. Al fine di limitare i loro diritti, per renderli manipolati, è stato proprio in quel momento che la popolazione nelle città è stata certificata. Solo 27 milioni di persone hanno ricevuto il passaporto. I contadini (ancora la maggioranza della popolazione) sono rimasti senza passaporto, non godono dell'intera gamma di diritti civili (libertà di scegliere il luogo di residenza, libertà di scelta del lavoro) e "attaccati" alla fattoria collettiva nella comunità, con la condizione obbligatoria per soddisfare gli standard dei giorni lavorativi.

La politica antisociale era accompagnata dalla distruzione delle famiglie, un aumento del numero di bambini di strada. Questo fenomeno è diventato così grande che lo stato è stato costretto a rispondere ad esso. Con la sanzione di Stalin, il Politburo della terra dei soviet emise una delle risoluzioni più inumane - punitiva per i bambini.

L'offensiva antireligiosa del 1 aprile 1936 portò alla riduzione delle chiese ortodosse al 28%, le moschee al 32% del loro numero pre-rivoluzionario. Il numero di ecclesiastici è diminuito da 112,6 a 17,8 mila.

Con lo scopo di passaporto repressivo della popolazione urbana è stata effettuata. Più di 385mila persone non hanno ottenuto il passaporto e sono state costrette a lasciare la città. 22,7 mila persone furono arrestate.

Uno dei più cinici crimini di Stalin è la sanzione della sentenza del Politburo classificata, datata 7 aprile 1935, che consente ai minorenni di essere assicurati alla giustizia a partire dall'età di 12 anni e puniti con loro nella misura più alta. Solo nel 1936, 125.000 bambini furono collocati nelle colonie del NKVD. A partire dal 1 aprile 1939, 10.000 bambini furono inviati al sistema GULAG.

Grande terrore

repressione di stalin in breve Il volano di stato del terrore acquisì slancio ... Il potere di Joseph Vissarionovich, che iniziò nel 1937, divenne onnicomprensivo a causa della repressione dell'intera società. Tuttavia, il loro più grande salto è stato poco più avanti. Oltre alla punizione finale e già fisica degli ex colleghi di partito - Trotsky, Zinoviev, Kamenev - fu eseguita una "pulizia di massa dell'apparato statale".

Il terrore ha raggiunto una scala senza precedenti. L'OGPU (dal 1938, il NKVD) ha risposto a tutte le denunce e lettere anonime. La vita fu spezzata per una persona per una sola parola abbandonata ... Persino l'élite stalinista fu repressa - statisti: Kosior, Eikhe, Postyshev, Goloshchekin, Vareikis; signori della guerra Blucher, Tukhachevsky; agenti di sicurezza Yagoda, Ezhov.

Alla vigilia della Grande Guerra Patriottica, il principale personale militare fu fucilato su casi fabbricati "sotto una cospirazione anti-sovietica": 19 comandanti di livello di corpo qualificato - divisioni con esperienza di combattimento. I quadri che li avevano succeduti non possedevano in misura adeguata l'arte operativa e tattica.

Non solo le facciate delle vetrine delle città sovietiche caratterizzate il culto della personalità di Stalin. Le repressioni del "capo delle nazioni" hanno dato origine al mostruoso sistema dei campi GULAG, fornendo alla terra dei soviet il lavoro gratuito, sfruttando senza pietà le risorse del lavoro per estrarre la ricchezza delle regioni sottosviluppate del Nord-Est e dell'Asia centrale.

La dinamica dell'aumento dei campi e delle colonie di lavoratori è impressionante: nel 1932 erano circa 140 mila prigionieri e nel 1941 - circa 1,9 milioni.

In particolare, ironicamente, i prigionieri Kolyma hanno estratto il 35% dell'oro alleato, trovandosi in condizioni terribili di detenzione. Elenchiamo i principali campi inclusi nel GULAG: un sistema: Solovki (45 mila prigionieri), disboscamento - Svirlag e Temnikovo (rispettivamente 43 e 35 mila); produzione di petrolio e carbone - Ukhtapechlag (51 mila); industria chimica - Bereznyakov e Solikamsk (63 mila); sviluppo delle steppe - campo di Karaganda (30 mila); costruzione del canale Volga-Mosca (196 mila); costruzione di BAM (260 mila); estrazione dell'oro a Kolyma (138 mila); Estrazione di nichel a Norilsk (70 mila).

Per lo più le persone sono rimaste nel sistema Gulag in un modo tipico: dopo un arresto notturno e una corte ingiusta. E anche se questo sistema fu creato sotto Lenin, fu sotto Stalin che i prigionieri politici dopo le corti di massa iniziarono a iscriversi in massa: "nemici del popolo" -kulaks (in realtà, un produttore agricolo efficace), o anche intere nazionalità sfrattate. La maggior parte ha servito un termine di 10 a 25 anni sotto il 58 ° articolo. Il processo di investigazione implicava la tortura e la rottura della volontà del condannato.

Nel caso del reinsediamento dei kulak e delle piccole nazioni, il treno con i prigionieri si fermò proprio nella taiga o nelle steppe, ei detenuti si costruirono un campo e una prigione per scopi speciali (OET). Dal 1930, il lavoro dei prigionieri è stato spietatamente sfruttato per soddisfare piani quinquennali - da 12 a 14 ore. Decine di migliaia di persone sono morte per superlavoro, scarsa nutrizione, scarsa assistenza medica.

Invece di conclusione

Gli anni della repressione di Stalin - dal 1928 al 1953. - hanno cambiato l'atmosfera in una società che ha cessato di credere nella giustizia, sotto la pressione della paura costante. Dal 1918, le persone sono state accusate e giustiziate dai tribunali militari rivoluzionari. Il sistema disumano si sviluppò ... Il tribunale divenne la Cheka, poi il Comitato esecutivo centrale, poi l'OGPU, poi l'NKVD. Le esecuzioni come parte del 58 ° articolo funzionarono fino al 1947, e poi Stalin li sostituì con 25 anni di servizio nei campi.

In totale, sono state uccise circa 800 mila persone.

culto della personalità delle repressioni di massa di stalin

Le torture morali e fisiche di tutta la popolazione del paese, in effetti, l'illegalità e l'arbitrarietà, sono state eseguite per conto del potere operaio e contadino, la rivoluzione.

Le persone impotenti erano terrorizzate dal sistema stalinista costantemente e metodicamente. L'inizio del processo di ripristino della giustizia ha posto il XX Congresso del PCUS.