Il conflitto è uno scontro tra due opinioni contrastanti, atteggiamenti, visioni del mondo e credenze con un categorico rifiuto del punto di vista dell'avversario. Questo confronto è come una valanga crescente, alimentando emotivamente la guerra, ed è una parte integrale, a volte solo necessaria della vita. Dal lato della spiritualità, questo fenomeno ha un carattere malsano, poiché lo stato normale di una persona è la pace, l'amore e la tranquillità - un'immagine che esisteva in paradiso prima della caduta.

Conflitto: cos'è?

L'essenza del conflitto consiste in diversi punti di vista degli individui sulla stessa situazione, così come motivi personali e socio-psicologici. Questi ultimi includono la perdita e la distorsione delle informazioni, le differenze nei metodi di valutazione delle rispettive attività, le intense relazioni interpersonali, l'interazione squilibrata tra due individui, il desiderio di potere e l'incompatibilità psicologica. Una società senza conflitti interpersonali oggi sarebbe qualcosa di mitico, incapace di esistere, poiché non esprimerebbe la manifestazione dell'individualità e della libertà di ogni cittadino e la capacità di difendere i propri interessi.

Conflitto generazionale

Ogni generazione in tutte le fasi storiche accompagna il confronto tra "padri e figli". La ragione per cui si verifica il conflitto di generazioni è una grande intolleranza da parte dei genitori, manifestata nel processo educativo. I giovani ruotano nel loro mondo, inquieti percepiti dagli adulti. Ciò contribuisce alla convergenza di due mondi: adolescenti e genitori. L'80% di tutti i conflitti familiari è proprio questa categoria. I motivi qui possono essere diversi. I bambini, provando con tutti i metodi noti per attirare l'attenzione dei genitori sui loro problemi, a volte duplicano i loro comportamenti negativi che quelli mostrano con l'esempio. Tuttavia, la ragione principale del confronto è la riluttanza a fare i conti con gli interessi, i valori, i bisogni e le esigenze del bambino che sta maturando. Un conflitto generazionale non sorge durante l'adolescenza, ma nel momento in cui i genitori ascoltano dalla bocca del bambino la frase: "Io stesso!". esempi di conflitti Ogni giorno, una piccola persona si sente più acutamente come un individuo a tutti gli effetti, più attivamente si sforza di avere il proprio spazio vitale, l'autoaffermazione e la libertà, che aumenta le ragioni delle liti di un ordine di grandezza. I genitori spesso trattano negativamente tali espressioni, cercando di proteggere il loro amato figlio da possibili problemi, citando la propria esperienza di vita come esempio.

Crescendo, i bambini fanno famiglia e questo conflitto - lo sanno già in prima persona, perché sono direttamente confrontati con il confronto tra genero e suocera, nuora e suocera. La manifestazione esterna in questo caso è diversa. Si distinguono i seguenti tipi di "seconde madri":

  • Una terribile proprietaria, fiduciosa che il nuovo uomo in casa non è una coppia per la sua progenie. Pertanto, il suo compito è la seconda madre vede la rapida liberazione del bambino amato dal matrimonio a suo insindacabile, a suo parere.
  • Una hostess premurosa che fa del suo meglio per prendere parte attiva nella vita della famiglia appena formata, comprese le feste finanziarie e intime. È motivato da un sincero desiderio di aiutare, poiché c'è molta esperienza di vita dietro di loro.
  • Il nemico segreto, insoddisfatto della scelta del figlio, della qualità di fare le faccende domestiche o il salario, ma di non entrare in aperto conflitto, preferendo agire di nascosto.
  • Iron lady: una donna compiuta, impegnata nella propria carriera e indifferente a una giovane famiglia, ma senza dimenticare di dimostrare disuguaglianza sociale.
  • Potente natura indiscutibile, che ama dare ordini e attende la loro implementazione indiscussa.

Esiste ancora il tipo più desiderabile di "seconda madre", ideale, che si distingue per sincerità, attenzione e un necessario consiglio non invadente. conflitto interpersonale

Il conflitto, di cui esistono diversi modi per risolvere, è in grado di infliggere dolore, infliggendo profonde ferite spirituali, che si fanno sentire per lungo tempo, creando in un istante un abisso tra le persone e distruggendo le relazioni.

Le famiglie più forti rischiano di cadere nelle reti di questo fenomeno sociale e non riescono a resistere al test inviato dal test. Il risentimento e l'incapacità di perdonare e capire quale sia il conflitto e quanto sia terribile questo fenomeno, impediscono alle persone di stabilire un contatto e di avvicinarsi, per continuare a vivere e comunicare in pace. Basta fare il primo passo per trasformare la situazione intorno a 360 gradi.

Conflitto armato

Da un punto di vista globale, un conflitto è molto pericoloso, in cui gli stati usano le armi senza passare allo stadio di guerra. È una delle forme di risoluzione delle contraddizioni politiche, religiose, territoriali, nazionali ed etniche e di altre. In questo confronto, di norma, vengono perseguiti obiettivi militari-politici privati. conflitto armato Un conflitto armato può essere il risultato dell'escalation di un incidente pericoloso o di un confronto di frontiera. Gli scontri con l'uso di armi possono verificarsi all'interno della struttura territoriale di un singolo stato, con un carattere interno. La partecipazione di uno o più stati crea conflitti internazionali, spesso di forma politica e di vario tipo. Il più comune è la loro separazione in simmetrica e asimmetrica.

I conflitti internazionali simmetrici sono caratterizzati da un potenziale approssimativamente uguale delle parti coinvolte, asimmetrico, rispettivamente, da una netta differenza nella forza e nel potere dello stato.

Lati positivi e negativi del conflitto

Tutti capiscono cosa sia un conflitto e quale tipo di energia negativa porti, moralmente e finanziariamente a buttar fuori una persona da una carreggiata. Rappresentando una minaccia per entrambe le parti, il conflitto:

  • mina la fiducia reciproca tra i lati opposti;
  • tende ad approfondire ed espandere;
  • cambia le priorità, mettendo a rischio altri interessi;
  • priva di sostegno;
  • minaccia un sistema sociale che fornisce stabilità e uguaglianza;
  • invece di considerare attentamente la situazione, richiede un'azione rapida.

Ci sono anche lati positivi del conflitto:

  • c'è un'accelerazione del processo di auto-consapevolezza e la priorità;
  • giustifica un certo insieme di valori;
  • si sta impegnando un'associazione di persone affini;
  • i conflitti meno significativi sono relegati in secondo piano;
  • spinge a discutere le vie d'uscita dalla situazione;
  • contribuisce all'emergere di contatti con altri individui o gruppi, nonché a stimolare lo sviluppo di sistemi per l'equa prevenzione dello scontro esistente.

Tipi di conflitti

Il conflitto può essere di due tipi: nascosto e aperto.

Aperto può essere determinato immediatamente, in quanto il negativo è evidente lì. Questa comunicazione Su toni alti, affermazioni violente di affermazioni, movimenti improvvisi, rabbia manifesta, piatti rotti e altre manifestazioni rumorose. modi di conflitto

Il conflitto nascosto, caratterizzato dall'assenza di azioni aggressive, è un fenomeno pericoloso, poiché può durare per un lungo periodo, sotto la maschera silenziosa della negatività. A causa della mancanza di influenza o dell'incapacità di mantenere una resistenza aperta, è comune che un avversario usi metodi indiretti, piuttosto efficaci. I conflitti sono difficili da evitare se c'è un eufemismo, un problema irrisolto dovuto all'ambiguità della situazione, sotto la paura di una rottura delle relazioni, la paura di perdere il lavoro, gli amici e la possibilità di restare soli. Cercando di evitare un tale risultato del problema, una persona evita le conversazioni fastidiose e dolorose, scegliendo il silenzio (o meglio il silenzio); in altre parole, si mette una maschera e si nasconde nel suo guscio per evitare l'incandescenza della situazione. Questa non è la decisione giusta, poiché la situazione potrebbe peggiorare e provocare uno sfogo emotivo. Uno stato di conflitto nascosto che può durare per molti anni può tradurlo in una fase congelata.

Tipi di conflitto

I conflitti a seconda del numero di partecipanti sono di diversi tipi.

Intra-personale - è uno squilibrio del mondo interiore di una persona, in cui i bisogni, gli interessi, i sentimenti, i valori sono incompatibili. Avendo la capacità di fare determinate scelte, una persona è costretta a scegliere tra i suoi desideri e le sue possibilità che sono di natura opposta. Esempi di conflitti: un buon padre e un marito fedele, essendo il capo di un'impresa, a causa delle specificità delle loro attività, devono rimanere al lavoro invece di passare il tempo con le loro famiglie. In questo caso, questo conflitto di ruolo è la forma più comune in cui sono poste richieste conflittuali sui vari ruoli vitali di una persona. O altri esempi di conflitti: nel fine settimana, c'era l'opportunità di stare con una persona amata, ma in questo momento un amico ha bisogno di un aiuto concreto. Cioè, una persona è costretta a combattere con se stesso per prendere la decisione giusta. Un altro esempio vivido è il desiderio di conformarsi alle stime degli altri, accompagnato dalla persistente convinzione che ciò sia sbagliato e che sia necessario rimanere chi sei veramente. È difficile essere in conflitto con se stessi, poiché non c'è nessuno con cui si possa avere un suggerimento, discutere, essere arrabbiati e, infine, dare la colpa.

Conflitto interpersonale

Conflitto interpersonale - il tipo più popolare di lotta degli individui, associato a incompatibilità psicologica - una combinazione infruttuosa di temperamenti di individui interagenti, una contraddizione in valori di vita e gli obiettivi dell'attività, la mancata corrispondenza tra la visione del mondo e gli atteggiamenti ideologici. Inoltre, un fenomeno così negativo nella società è dovuto a ragioni personali spiegate dalle caratteristiche psicologiche individuali dei partecipanti allo scontro. I conflitti interpersonali sono:

  1. Valore. In queste situazioni, la disputa è per avere una natura particolarmente significativa della presentazione, incompatibile o contraddittoria. Nel lavoro, questo può essere guadagnare denaro per un'esistenza decente o la possibilità di autorealizzazione, in una famiglia, relazioni di fiducia calorose. Inoltre, il sistema di valori di una persona include il suo visione del mondo, religioso e credenze morali. Questo tipo di conflitto sorge nel caso di invasione di individui sui valori reciproci o nell'influenza di varie credenze sull'interazione delle parti, l'imposizione delle proprie opinioni, gusti, punti di vista.
  2. Conflitti di interesse. Rappresentano situazioni in cui gli interessi delle parti, i loro piani, aspirazioni e obiettivi si contraddicono o risultano completamente incompatibili. Ad esempio, il capo manderà un subalterno in un viaggio di lavoro che non è pronto ad andare lì. O i coniugi stanno pianificando una vacanza, ma i loro interessi in questo caso non coincidono, ma puoi provare a combinarli. Ci sono situazioni in cui le risorse sono interessate (valori materiali, finanze, posizioni) per le quali le parti in conflitto rivendicano simultaneamente. E ognuno di loro è convinto della propria correttezza, con buone ragioni per questo.
  3. Conflitti legati alla violazione di norme o regole di interazione. Le ragioni per cui si verifica il conflitto interpersonale possono essere di natura diversa. Ad esempio, una nuova persona al lavoro ha involontariamente violato le regole dell'ignoranza, oppure un adolescente è tornato consapevolmente a casa più tardi del tempo fissato dai genitori.

Personal-gruppo. In questo caso, un certo gruppo informale stabilisce le proprie regole, che devono essere seguite rigorosamente dai suoi membri. La deviazione dalle norme di comportamento accettate è considerata un fenomeno negativo e comporta un conflitto tra un individuo e un gruppo. È anche possibile il confronto tra un gruppo contro un leader - un fenomeno abbastanza comune nella società moderna.

Conflitto intergruppo In questo caso, lo scontro avviene tra gruppi di persone: l'amministrazione e il sindacato, i dirigenti e i dirigenti, i dipendenti dei vari dipartimenti. l'essenza del conflitto Queste situazioni controverse sono accompagnate da manifestazioni di de-individualizzazione (la percezione di altre persone non come individui, ma come membri di un gruppo ostile dotato di tratti negativi) e attribuzione di gruppo (tendenza a incolpare il comportamento negativo dell'avversario).

Conflitto sociale Un fenomeno complesso costituito da una serie di aspetti ed espresso nella collisione di diverse comunità sociali: stati, nazioni, classi. Questo tipo di conflitto sorge nel caso del massimo aggravamento delle contraddizioni sociali ed è espresso nell'opposizione delle parti, sostenendo al contempo tendenze, interessi e obiettivi di sviluppo reciprocamente esclusivi e contraddittori.

Fasi di conflitto

Fasi dello sviluppo del conflitto:

  • l'origine del conflitto;
  • capire la situazione attuale;
  • comportamento conflittuale dei partecipanti, espresso emotivamente e contribuendo alla realizzazione dei propri interessi a scapito del lato opposto;
  • implementazione o risoluzione del conflitto. Questo risultato dipende dai partecipanti, dalle loro caratteristiche personali, dalle tattiche di interazione, dalle capacità materiali e, naturalmente, dalla portata del problema stesso.

Le persone, di fronte a un fenomeno sociale di questo tipo, a volte non sanno cosa fare, come comportarsi e accettare la situazione così com'è. Tuttavia, vale la pena guardare il retro della medaglia. Allora, qual è il conflitto? Questo è:

  • l'opportunità di passare a una nuova fase di relazioni;
  • un tempo per rivedere i principi di vita e prendere decisioni cruciali.

La possibilità di cambiare qualcosa nella tua vita durante questa crisi sarà la soluzione più corretta a questa situazione. Il successo è il riconoscimento stesso del conflitto; la cosa principale è non rifiutare la sua decisione.

Modi per risolvere una situazione di conflitto

La gestione dei conflitti identifica diversi modi per uscire da questa situazione.

L'adattamento Cambiare il proprio punto di vista, riformare il comportamento, attenuare le contraddizioni, anche a scapito dei propri interessi. Rifiuto gratuito o forzato di confronto e consegna delle loro posizioni. D'accordo con questa strategia ha per vari motivi:

  • l'obbligo di mantenere buoni rapporti;
  • capire il tuo torto;
  • forte dipendenza dall'avversario;
  • frivolezza del problema;
  • danno significativo nel processo di lotta;
  • la minaccia di conseguenze ancora più negative;
  • nessuna possibilità per un altro risultato;
  • pressione di terzi.

Il compromesso è il modo più popolare.

Compromesso: il desiderio degli oppositori di risolvere le differenze attraverso concessioni reciproche. È caratterizzato dal rifiuto delle precedenti richieste, dalla volontà di perdonare e parzialmente d'accordo con le affermazioni valide dell'altra parte. Si basa sulla tecnologia delle concessioni, delle concessioni e della contrattazione. cos'è il conflitto Questo metodo è efficace nel caso di interessi che si escludono a vicenda, comprensione da parte dell'avversario, la minaccia di perdere tutto, la soddisfazione con un accordo temporaneo. I passaggi per incontrarsi, svolti da una delle parti, consentono di raggiungere un accordo. Il secondo lato è anche inferiore a qualsiasi grado. Quando si studiavano situazioni di conflitto tra un manager e un subordinato, si è notato che un terzo dei conflitti termina con un compromesso, due terzi della concessione (principalmente subordinata) e una piccola parte è risolta dalla cooperazione. Nei conflitti di un subordinato e di un dirigente nel 60% dei diritti, quest'ultimo, facendo reclami su omissioni nel lavoro, negligenza e scarico ingiusto di doveri. Pertanto, la maggioranza dei manager, cercando il comportamento desiderato da un dipendente, usa tattiche di rivalità per risolvere il conflitto.

Gli svantaggi del compromesso sono i seguenti:

  • riduzione delle transazioni;
  • porre le basi per trucchi;
  • probabile deterioramento delle relazioni. Ciò potrebbe essere dovuto a pressioni e minacce;
  • cessazione dei contatti;
  • complicazione della contrattazione in presenza di più parti.

Tuttavia, nella vita reale, il compromesso è un fenomeno frequente. La gestione dei conflitti apprezza molto la tecnica del dialogo aperto, che consiste in una proposta per porre fine al conflitto, ammettere gli errori, concedere a un avversario, esprimere i loro desideri in merito alle concessioni dell'avversario. Tutto ciò è desiderabile per discutere in un'atmosfera rilassata, senza negatività. Al raggiungimento di un accordo per riconoscere che il conflitto è stato esaurito.

Collaborazione - pensiero comune attraverso una soluzione che soddisfi entrambe le parti in conflitto. Questa è la strategia più efficace di comportamento nel conflitto, suggerendo il desiderio degli avversari di una discussione approfondita del problema, considerando l'avversario come un alleato. Meglio di tutti, la cooperazione si manifesta nella forte interdipendenza dei rivali, l'inclinazione di entrambe le parti a non prendere in considerazione le differenze di potere, oggettività e decisioni di valore per i partecipanti alla lotta. gestione dei conflitti

Ignorare è il desiderio di uscire da una situazione deprimente senza eliminarne le cause, con perdite minime. L'avversario ricorre a questa decisione dopo tentativi infruttuosi di realizzare i propri interessi con l'aiuto di strategie attive. In questo caso, non si tratta di risolvere il conflitto, ma della sua estinzione.

La rivalità è una lotta aperta per i propri interessi e ostinata difesa della propria posizione. Imporre al tuo avversario una decisione proficua. Giustificato in casi di redditività del risultato non per un individuo, ma per l'intero gruppo o organizzazione, importanza del risultato, mancanza di tempo per l'accordo, ovvia applicabilità della soluzione proposta. Questo metodo è utile in linea di principio e situazioni estreme e anche se c'è una carenza di tempo e un'alta probabilità di conseguenze pericolose.

La scelta della strategia di uscita dipende da molti fattori. Questa è l'identità del partecipante al conflitto, il livello di danno, la disponibilità di opportunità, lo status dell'avversario, le probabili conseguenze, la natura globale del problema da risolvere, la durata del conflitto.