Nell'agosto del 1949, un americano poliglotta, un diplomatico, l'attuale ambasciatore degli Stati Uniti nella Federazione Russa, John Tefft, nacque a Madison, nel Wisconsin. Prima della presentazione negli Stati Uniti in Russia, era a capo delle ambasciate degli Stati Uniti in Lituania, Georgia e Ucraina. John Tefft parla correntemente ebraico, ungherese, lituano e russo, tra cui: inglese, tedesco, spagnolo, italiano e francese.

john tefft

carriera

Il futuro ambasciatore ricevette una laurea in Marquette e divenne un maestro a Georgetown. Già nel 1972, John Tefft iniziò il suo servizio diplomatico: prima in Ungheria, poi in Israele. Fino al 1989, è stato per tre anni consigliere militare per gli affari politici presso l'ambasciata degli Stati Uniti a Roma. John Tefft affrontò la situazione tesa, poiché le relazioni tra i due paesi in quel momento furono tese a causa dell'ubicazione della base militare in Sicilia. C'è un'opinione che già a quel tempo padroneggiava magistralmente le moderne tecnologie "Maidan", poiché fu proprio in quel momento che l'organizzazione terroristica Gladio fu attivata.

Si dice che sia stato coordinato e sponsorizzato dalla CIA, e le istruzioni date ai terroristi sono state date dallo stesso John Tefft. Morto come risultato di questi attacchi, non una persona ignara o un uomo innocente, come scrive Daniel Ganser nel suo romanzo investigativo. Tutti i terroristi Gladio che furono arrestati dai giudici veneziani, che non avevano paura di condurre questo processo, mostrarono durante gli interrogatori che, in realtà, un'organizzazione militarizzata sponsorizzata dall'estero opera in Italia.

john tefft ambasciatore

Russia

Dal 1989 al 1992, John Tefft, la cui biografia è diventata nota a tutti i cittadini russi, è stato nominato vice capo del dipartimento dell'URSS, poi in Russia e nella CSI nel Dipartimento di Stato americano, e ha sempre supervisionato la direzione militare. La sua intera biografia dopo il 1989 era in qualche modo collegata allo spazio post-sovietico.

Dal 1992 gli è stato affidato il nord Europa e dal 1996 sono iniziate le attività dell'ambasciata in Russia da parte di John Tefft, dapprima al livello di vice ambasciatore e incaricato d'affari degli Stati Uniti con il nostro paese. Diventò amico di Boris Berezovsky e spesso lo aiutò con consigli, comunicando spesso e molto amichevolmente. Il lavoro è stato semplicemente fantastico e nel 1999 gli è stata assegnata una medaglia d'onore.

Ambasciatore degli Stati Uniti John Tefft

In Lituania

L'inizio del nuovo secolo ha portato Tefftu e un nuovo paese problematico: in Lituania i più fedeli conservatori statunitensi hanno fallito le elezioni parlamentari e l'ex leader comunista Algirdas Brazauskas, ora a capo del Partito socialdemocratico, ha vinto. È stato necessario correggere urgentemente la situazione. John Tefft ha sistemato tutto. Ha lanciato una campagna estremamente seria, ha organizzato un referendum, dopo di che è diventato chiaro che il novanta per cento degli elettori ha votato per l'adesione all'Unione europea. Allo stesso tempo, Tefft ha lavorato per garantire che la Lituania e il resto delle repubbliche baltiche estendessero l'alleanza NATO, che è stata fatta nel 2004.

Il Ministero della Difesa lituano era completamente sotto l'influenza dell'ambasciatore statunitense: nel 2002 fu concluso un accordo del valore di trentun milioni di dollari, e il Sottosegretario alla Difesa Linus Linkiavicius riferì dell'acquisizione di sessanta complessi antiaerei americani, gli Stingers. Il pretesto fu presto inventato: la centrale di Ingalinskaya, costruita dall'Unione Sovietica, improvvisamente richiese un cielo protetto su se stessa (mentre la principale condizione per l'ammissione della Lituania nell'UE era solo quella di fermare questa centrale nucleare). Gli Stingers furono consegnati in Lituania e la centrale nucleare fu fermata. Questi sono i risultati che l'ambasciatore statunitense John Tefft è stato in grado di raggiungere.

John Tefft è morto

Quattro paesi

Dal 2004, quando la Lituania è già stata praticamente sotto controllo, John Tefft ottiene una nuova posizione. Ora è vice segretario di Stato per l'Eurasia e a Tefft vengono affidate le relazioni degli Stati Uniti con Moldova, Bielorussia, Ucraina e Russia. Un anno dopo aver iniziato a lavorare in Lituania, Tefft è stato nuovamente ricompensato per meritevole servizio, e qui, nel 2005, cioè un anno dopo, ha ricevuto il seguente premio.

Non è affatto strano che nel 2004 la rivoluzione arancione abbia avuto luogo in Ucraina. Fu allora che Tefft visitò l'Ucraina diverse volte con i poteri del Dipartimento di Stato, e fu lui a sollevare interrogativi durante le elezioni presidenziali, difendendo i politici "arancioni". Il maestro delle rivoluzioni colorate dall'epoca italiana, e questa volta Tefft ha svolto il suo lavoro perfettamente. Ricordiamo che nel 2004 l'Ucraina ha vinto Viktor Yanukovich, tuttavia, con un piccolo margine. Ma i sostenitori di Viktor Yushchenko improvvisamente aumentarono, e improvvisamente rivelarono un enorme numero di frodi e altre violazioni.

Ambasciatore degli Stati Uniti in Russia John Tefft

In Georgia

E ancora nel "punto caldo" - dal 2005 al 2009, John Tefft come ambasciatore degli Stati Uniti d'America in Georgia. E qui la presenza di Tefft non era invano. Il conflitto armato non ha dovuto aspettare a lungo. La Georgia ha immediatamente litigato con l'Ossetia a tal punto che la guerra è iniziata, terminando questa volta in modo leggermente diverso rispetto a quanto avrebbe voluto il Dipartimento di Stato.

Anche se Mikhail Saakashvili, che allora era presidente, dichiarò che Tefft divenne istantaneamente una parte importante della vita sociale, politica e culturale della Georgia, la sua opposizione non era d'accordo. Non era fiera di essere un diplomatico di così alto rango, ma al contrario, criticò semplicemente le attività dell'ambasciatore statunitense. Lo accusò persino di interesse per l'attuale governo, e non nel paese nel suo insieme, e nell'usare Saakashvili per gli scopi stabiliti dal Dipartimento di Stato, cioè, nel contrastare la Russia. Di conseguenza, le attività dell'ambasciata di Tefft in Georgia si sono concluse nel 2009.

In Ucraina

Ma in Ucraina è andato tutto bene. Qui devi anche descrivere la situazione in modo più dettagliato, poiché è di eccezionale interesse. Alla fine di novembre 2009, la candidatura alla carica di ambasciatore fu approvata dal Senato e il 2 dicembre presentò le sue credenziali a Kiev. I compagni di Yushchenko hanno elogiato questo appuntamento, rendendolo conto questo è un diplomatico efficace, esperto e consapevole che il confronto con la Russia deve essere che l'obiettivo principale del lavoro di Tefft sarà l'orientamento dell'Ucraina alla NATO e all'UE.

In effetti, la cooperazione militare tra l'Ucraina e la NATO è notevolmente aumentata e l'influenza della Russia sulla situazione è diminuita al minimo. Dal 2011, esercitazioni militari congiunte sono state tenute regolarmente presso il campo di addestramento di Yavoriv, ​​così come nei campi di addestramento militare vicino a Odessa. John Tefft è stato molto contento, le foto di quel tempo lo dimostrano in modo convincente. Ancora! Nel 2010 era già stato creato Gruppo americano-ucraino sulla sicurezza energetica per sbarazzarsi della dipendenza dalla Russia in questo settore. E nel 2011, l'esplorazione geologica americana ha iniziato il suo lavoro in Ucraina. E il gas è stato trovato. Nel Donbass. Ma la sua produzione avrebbe reso l'intero territorio enormemente disabitato, dal momento che questo gas di scisto. Gli esperti sanno come viene estratto.

John Tefft è morto a Mosca

Ancora in Ucraina

Quando Tefft fu ambasciatore, vari fondi americani fiorirono in Ucraina, gli aiuti finanziari fluirono costantemente dal Dipartimento di Stato, e questo flusso non si esaurì. Lo stesso Tefft era impegnato nella distribuzione di esso - principalmente, come lui stesso designava nelle interviste ai media, "allo sviluppo della democrazia". I suoi relatori nei campi di TechCamp sono conosciuti da tutti e non si nascondono da nessuno, ed è stato lì che ai partecipanti di questi incontri sono state insegnate azioni specifiche: come usare le tecnologie digitali per mobilitare gli stati di protesta.

E nel 2011, John Tefft (ambasciatore) ha avviato una competizione di giornalisti investigativi, in cui i leader erano l'ambasciata degli Stati Uniti e il giornale Ukrainskaya Pravda. La giuria si è seduta sulla testa del comitato di lustrazione Sobolev, il famigerato Chernovol e altri. Non importa quanto ridicole, ma anche le parate gay e le altre azioni delle minoranze sessuali hanno organizzato e sponsorizzato Tefft, mentre conducevano nell'esprimere internamente "sincera simpatia". Alla fine del 2013, l'accordo è stato fatto, Tefft stava aspettando nuovi punti caldi, e quindi è stato sostituito come ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina, Jeffrey Payette.

Ambasciatore degli Stati Uniti in Russia

Nel novembre 2014, John Tefft ha presentato le sue credenziali a Vladimir Putin. Dal punto di vista degli Stati Uniti e secondo il precedente ambasciatore Michael McFaul, questo diplomatico è straordinario, il migliore di tutti. Il ministero degli Esteri russo ha approvato questa scelta. Speriamo qui a Tefft troverà una falce su una pietra. Di fatto, a Mosca non importa chi rappresenterà gli Stati Uniti. Tutti i movimenti di protesta "palude", organizzati anche da chi è chiaro, nel 2014 si sono calmati e si sono prosciugati.

E il popolo russo ha visto in realtà come questi Maidan finirono, guardando la guerra che durava per il terzo anno sul territorio dello stato vicino. Poiché i rapporti tra i due paesi (USA e Russia) sono ancora finalizzati allo scontro, e il più grande sogno dell'America, e realizzato con successo, sfortunatamente, è il completo isolamento del nostro paese dal resto del mondo, alla Russia non importa chi saranno gli Stati Uniti da noi rappresentati. Tutti i precedenti compiti che Tefft ha risolto in altri paesi sono quasi impossibili qui. C'erano i jolly che hanno lanciato un'anatra nei media: "John Tefft è morto a Mosca!" - ed è stato necessario capire questo allegoricamente. È morto da sabotatore, immagino.

foto di john tefft

Sull'esempio di una città

Recentemente, il 10 febbraio 2016, a Ekaterinburg, le "madri" della maggior parte dei movimenti di protesta, è stato organizzato un imponente picchetto vicino al Consolato Generale. Questo è stato solennemente salutato dall'ambasciatore dell'ambasciatore Tefft - Tracy Lynn, che ha programmato una serie di incontri privati ​​con rappresentanti regionali della lobby filoamericana. Questa regione è strategicamente importante e i suoi servizi americani sono stati "spud" per molto tempo e in maniera massiccia. Ora è il momento di occuparsi delle elezioni rapide e dei loro risultati (si sono svolti in autunno, e tutto è andato di nuovo non secondo i piani del Dipartimento di Stato).

Ekaterinburg è una zona a rischio, dove l'inizio della destabilizzazione della situazione nel paese è del tutto possibile. La visita di un altro amico Victoria Nuland, ugualmente ben versato nell'organizzazione di rivoluzioni colorate, il segnale è allarmante. Ma il popolo di Ekaterinburg è uscito in massa e si è incontrato. I poster recitavano: "Ekaterinburg - senza Maidan!" I soldi, tuttavia, a questo punto il Dipartimento di Stato era già stato assegnato, avevano bisogno di essere portati e divisi. Questo sicuramente è stato fatto. Ma - non ha aiutato.