Un episodio vivido nella storia nazionale è l'invasione mongolo-tatara della Russia. Invasione mongolo-tatara della Russia

Unione nomadi

Un esercito fu formato sulle rive del fiume Onon anche tre decenni prima che apparisse sulle frontiere russe. Nella sua composizione dominavano i signori feudali mongoli e i loro guerrieri, che provenivano da tutte le parti della steppa. Scelsero Temujin come loro sovrano supremo, a cui in seguito venne dato il nome Gengis Khan. Sotto il suo comando, unì molte tribù nomadi. Allo stesso tempo, la lotta interna si è conclusa, si è formata una solida base economica, che ha assicurato lo sviluppo del nuovo stato. Nonostante le prospettive favorevoli, le autorità non hanno scelto una via pacifica, ma hanno guidato il loro popolo lungo la via della guerra e dell'aggressione, organizzando infine un'invasione della Russia mongolo-tatara. Lo scopo di questa campagna è stato facile arricchimento economico. Poiché il suo allevamento di bestiame non era molto redditizio, fu deciso di ricostituire le risorse saccheggiando popoli e tribù vicini. Verso la fine della vita di Gengis Khan, i mongoli-tatari possedevano una parte significativa dei territori dal Mar Caspio all'Oceano Pacifico. Questo non era un motivo per smettere di pianificare nuovi viaggi. Il principale il segreto del successo I mongoli-tartari erano una strategia ponderata e una debolezza politica dei paesi conquistati. Le tattiche dei guerrieri furono ridotte a un attacco improvviso e alla frammentazione delle forze nemiche in alcune parti e alla loro successiva distruzione. L'invasione mongolo-tatara della Russia e le sue conseguenze

Invasione mongolo-tatara della Russia

Con l'avvento al potere Khan Batu fu deciso di conquistare le terre russe. L'invasione mongolo-tatara della Russia è iniziata con la città di Torzhok. All'inizio, gli abitanti diedero un notevole rifiuto al nemico, ma il numero del nemico era così alto che le forze stavano diminuendo. Come risultato dell'assedio di due settimane dei Mongoli, Torzhok si dimise il 5 marzo 1238. I nomadi spietati entrarono in città e iniziarono a sterminare i locali. Hanno ucciso tutti senza pietà: dalle donne ai bambini agli anziani. I fuggiaschi stavano raggiungendo la strada verso nord e sottoposti allo stesso destino. L'invasione mongolo-tatara della Russia brevemente

L'invasione mongolo-tatara della Russia ha continuato la cattura senza successo di Novgorod. Al momento dell'approssimarsi del nemico, tutti gli approcci all'accordo furono bloccati. Khan Batu non aveva altra scelta che continuare sulla sua strada. Si spostò a sud, distruggendo e bruciando città, lasciando morti i residenti sulle loro ceneri. Una fila di prigionieri russi seguì gli invasori. Le attività minerarie sono diventate più difficili, i carrelli sono molto pesanti. Con una sconfitta così terribile prima che la Russia non fosse familiare.

Resistenza eroica

L'invasione mongolo-tatara della Russia si riferisce agli anni 1237-1240. Durante questo tempo, le truppe degli invasori incapparono in un adeguato rifiuto. L'opposizione della Russia all'invasione mongolo-tatara indebolì significativamente le forze nemiche e distrusse i piani per la conquista della civiltà occidentale. Le truppe degli invasori furono fortemente indebolite e dissanguate dalle continue battaglie nella Russia nord-orientale. Il russo e altri popoli del nostro paese hanno salvato l'Europa dall'invasione mongolo-tatara. Anche dopo il pogrom di Batu, gli abitanti della Russia non si sottomisero al conquistatore. Il Khan impiegò più di un decennio per stabilire il controllo sulle città devastate e poi su tutto lo stato. La resistenza della Russia ha impedito a Batu di organizzare una campagna contro l'Occidente. confronto della Russia Mongolo Tatar invasione

Tentativi di confrontarsi

L'invasione mongolo-tatara della Russia e le sue conseguenze costrinsero i contadini e i cittadini a vivere nelle foreste. Solo qualche tempo dopo il pogrom, gli abitanti iniziarono lentamente a tornare insediamenti. I principi sopravvissuti ristabilirono gradualmente l'ordine. Tuttavia, ciò non escludeva la minaccia di nuove invasioni da parte dei mongoli-tartari. Il potente stato fondato da Batu nel sud della Russia - l'Orda d'oro - costrinse tutti i principi russi a raggiungere il formidabile Khan per l'approvazione. Tuttavia, il fatto formale di sottomissione non significava la conquista dell'intera terra russa. Pskov, Smolensk, Novgorod, Vitebsk rimasero imperfetti, e quindi decise di non riconoscere la dipendenza dal khanate dell'Orda d'oro. L'invasione della Mongolia in Russia si riferisce agli anni

Il primo tentativo di opporsi apertamente al giogo fu fatto da Andrei Yaroslavich dopo l'omicidio di suo padre da parte dei mongoli. Collaborando con il principe Daniele della Galizia, organizzò la resistenza agli invasori. Tuttavia, alcuni principi stabilirono relazioni reciprocamente vantaggiose con l'Orda d'oro e non intendevano rovinare questi legami. Avendo appreso i piani della campagna di Andrei Yaroslavich, hanno trasmesso le intenzioni del principe Khan. Un potente esercito fu inviato al "recalcitrante", e Andrei fu sconfitto. La disperata resistenza continuò a fornire il principe Daniele di Galizia. A partire dal 1254, ha combattuto con fermezza i tentativi di Khan di soggiogare i suoi beni. Solo nel 1258, quando Baty inviò un grande esercito al principe, fu costretto ad ammettere la sua dipendenza.

Istituzione del giogo

L'invasione mongolo-tatara della Russia e le sue conseguenze raggiunsero il suo apice nel 1257. Funzionari mongoli hanno viaggiato in giro per la Russia per organizzare un censimento della popolazione, imponendo un tributo pesante su tutti loro. In realtà, ciò significava l'istituzione del giogo dei mongoli-tartari in Russia. I principi assistettero personalmente i mongoli nella questione del censimento. Dopo questo evento iniziò un periodo difficile del giogo dei duecento anni. Il ripristino delle città si è rivelato molto pesante. I mestieri complessi sono minati e scompaiono del tutto per i successivi centocinquantadue anni. Le relazioni commerciali con altri soggetti sono infranti.

Questo è ciò che ha portato l'invasione mongolo-tatara della Russia. In breve, può essere formulato come segue - a danno enorme in tutti i settori: economico, culturale, politico. Economia naturale è stato messo fuori servizio, l'imbarcazione è stata distrutta e le persone sono state gravate da pagamenti insopportabili. Il progresso dello sviluppo politico fu interrotto e il conflitto fu seminato tra i principi, impedendo l'unificazione della Russia. La dipendenza dall'Orda d'oro ha gettato il popolo russo nello sviluppo di diversi secoli fa. Mongolo Tatar invasione della Russia obiettivo

Giogo cadente

Il grande ruolo nell'unificazione delle terre russe fu interpretato dallo zar Ivan III, che regnò negli anni 1462-1505. Prima di tutto, annette il Grande Novgorod e il principato di Rostov a Mosca. Poi prese il resto delle terre recalcitranti, anno dopo anno raccogliendo la frammentata Russia. L'anno 1480 fu una tappa decisiva nella liberazione: il giogo mongolo-tataro cadde. Grazie alle capacità diplomatiche di Ivan III, lo stato unito, chiamato Russia, ha alleviato il pesante fardello mongolo.

Tappe principali

Ripetiamo come si sviluppò l'invasione mongolo-tatara della Russia. Elenca brevemente i punti principali.

  • XII secolo. - L'unificazione delle tribù mongole, la proclamazione di Gengis Khan del desiderio di dominare il mondo. La conquista dei paesi vicini.
  • 1223 - Battaglia del fiume Kalki, che fu perso dai principi russi.
  • 1237 - Marcia ai mongoli-tartari.
  • 1240 - l'invasione riuscita dei mongoli-tartari nella Russia meridionale.
  • 1243 - educazione sul Volga inferiore dell'Orda d'oro.
  • 1257 - l'istituzione del giogo in Russia.

Così, l'invasione mongolo-tatara della Russia portò alla formazione di un giogo nemico, che durò diversi secoli. Nonostante la debolezza e la frattura, i residenti conquistati non hanno perso la volontà di combattere e vincere.