L'anno esatto di creazione di "Zadonshchina" è sconosciuto. Secondo la maggior parte dei ricercatori, questa famosa opera di antica letteratura russa è apparsa alla fine XIV secolo.

Monumento della letteratura

zadonshchina anno della creazione

L'ora esatta dell'aspetto di "Zadonshchina" è ancora sconosciuta. L'anno della creazione di questo lavoro rimane una questione controversa. Ma lo evidenzieremo in dettaglio in questo articolo.

Lo stesso monumento dell'antica letteratura russa racconta il trionfo delle truppe nazionali che combatterono contro il Tatar-mongolo con il famoso sovrano dell'Orda d'oro, Mamai. Le truppe russe in quella battaglia erano guidate dal principe di Mosca Dmitry Donskoy e suo cugino Vladimir Andreevich.

Quando è stata scritta Zadonshchina?

autore zadonshchina

L'anno della creazione della "Zadonshchina" si inserisce presumibilmente nell'intervallo di tempo tra la data della battaglia di Kulikovo descritta, e fu l'anno 1380 e la fine del XV secolo. A questo punto, la prima lista che è sopravvissuta fino ai nostri giorni appartiene alla base della quale è stata compilata un'opera contemporanea, nota come Zadonshchina. Questo elenco si chiamava Kirillo-Belozersky.

È interessante notare che questa battaglia cominciò a essere chiamata la battaglia di Kulikov solo nella storia dello stato russo, scritta da Karamzin. È successo nel 1817. Prima di questo, questa battaglia era più conosciuta come Mamaevo o Don massacro. Dopo che Karamzin usò l'espressione "Battaglia di Kulikov", si diffuse rapidamente nella letteratura e nella storiografia russa.

Secondo la maggior parte dei ricercatori, l'anno di creazione della "Zadonshchina" si inserisce nell'intervallo di tempo tra il 1380 e il 1393 anni.

L'autore degli annali

lavoro nel cortile

È necessario riconoscere che l'autore di "Zadonshchina" è anche noto solo apparentemente. È vero, i ricercatori si fermano per lo più ad un nome. Questo è il sacerdote Ryazan Sofonio. È spesso chiamato l'autore di "Zadonshchiny". Di lui è autenticamente noto che prima di diventare un uomo di Dio, era un boiardo a Brjansk.

È il nome della vecchia Sofonia menzionata nel titolo della prima lista di Kirillo-Belozersky che è arrivata fino a noi.

È interessante notare che il nome Sofonia si trova più volte nella "Zadonshchina" stessa. È vero, è menzionato solo in terza persona. C'è questo nome nelle liste di un'altra famosa opera dedicata alla battaglia di Kulikovo. Questo è il "Racconto del massacro di Mamai". È qui che Zephania è apertamente chiamato l'autore della "Zadonshchina" che stiamo studiando.

Un'altra versione

Secondo un'altra versione, "Zadonshchina" è stata scritta da Ivan Ivanovich Munynda, noto anche come Sofonyi Munya. Questo è un altro monaco che, come Zephanias, trascorse circa undici anni nel monastero di Kirillo-Belozersky, dove trovò la lista più antica di questo monumento Vecchia letteratura russa.

Presumibilmente Munynda era nel monastero dal 1499 al 1511. E c'è informazione che era il pronipote di Dmitry Donskoy. Dopo tutto, è stato stabilito con certezza che colui che ha scritto "Zadonshchina" deve avere accesso all'antica letteratura russa e alle ricche biblioteche monastiche. Da dove, ovviamente, ha attinto la sua conoscenza.

Riassunto del lavoro

Vecchia letteratura russa

"Zadonshchina", il cui contenuto è in questo articolo, racconta l'impresa del principe Dmitrij Dolgoruky e del principe Vladimir Andreyevich, il re vittorioso Mamai, che in questo lavoro è chiamato il nemico.

La narrazione inizia con il fatto che Dmitrij Ivanovic è andato con suo fratello a una festa al governatore di Mosca. Dmitrij Dolgoruky fa appello a tutti coloro che sono riuniti per condividere la terribile notizia. Il re Mamai venne in Russia. Pertanto, il Granduca con suo fratello, arruolato dall'aiuto di Dio, decide di riunire coraggiosi reggimenti domestici.

Molti grandi principi russi vengono a Mosca che decidono di combattere contro Mamai. Dmitri Ivanovich incoraggia tutti i presenti a mettere alla prova il loro coraggio sconfiggendo gli infedeli invasori.

Il giorno dopo, Vladimir Andreevich inizia a costruire scaffali che invia al grande Don. Dmitrij Dolgoruky stesso li istruisce sulla strada. Insieme ai boiardi e ai principi coraggiosi, l'esercito di 300.000 uomini si fa avanti. Inoltre, la maggior parte di loro sono soldati combattenti, provati e testati in battaglie, pronti a deporre la testa per la terra russa.

Battaglia del Don

contenuto zadonschina

Nell'antica letteratura russa "Zadonshchina" ha un ruolo importante. Questa è una delle principali opere epiche di quel periodo della storia nazionale.

Il libro descrive come i principi russi attaccarono le orde di tartari. Inizia la vera battaglia, che si svolge nella zona in cui scorre il piccolo fiume Nepryadvy al Don. Nel giro di pochi minuti, tutta la terra comincia ad essere nera con gli zoccoli, il sangue e le ossa dei Tartari. Nuvole inquietanti convergono sui rivali, che iniziano a brillare di lampi e tuoni.

Nonostante il fatto che molti tatari furono uccisi in quella battaglia, un gran numero di principi russi e dei loro guerrieri morirono negli scontri. Il boiardo Peresvet-Chernets di Bryansk fece appello ai suoi sostenitori, i quali riconobbero che era meglio essere uccisi che essere catturati e sotto il giogo dei Tartari.

La natura piange

quale evento racconta zadonshchina

Intorno a migliaia di persone che muoiono da entrambe le parti, la natura comincia a soffrire. L'autore di "Zadonshchina" descrive come i contadini non lavorano nei campi, ma solo i corvi incessantemente si contorcono sui cadaveri umani. Tutto questo è terribile e terribile da sentire. Tutta l'erba è coperta di sangue, e gli alberi, con il dolore, si piegano verso il terreno.

Gli uccelli della zona cantano canzoni pietose insieme ai nobili e alle principesse che desiderano i morti. Le donne si rivolgono addirittura al Granduca con la richiesta di bloccare il Dnepr con i remi e raccolgono gli elmetti in modo che i cattivi Tatar non vengano più nella terra russa.

Specialmente illustre sposa Mikula Vasilyevich, chi ha pianto sulle visiere di tutte le mura di Mosca. Suo marito, un voivoda di Mosca, morì tra gli altri guerrieri.

Attack!

caratteristiche di zadonschiny come fonte storica Subito dopo, con un grido di battaglia, il principe Vladimir Andreevich lancia il suo esercito sugli scaffali dei nemici. Loda suo fratello, che deve diventare un forte scudo in questo momento amaro. Non arrenderti e non indulgere in sediziosi.

Dmitrij Ivanovic, che chiama a combattere per il suo onore e l'onore della sua terra, fa appello anche alle sue truppe. Esercito inviato al Don, perché il Granduca galoppa tutto l'esercito russo.

Le truppe russe si precipitano all'attacco, i nemici corrono all'indietro. I tatari fuggono dal campo di battaglia ei guerrieri russi difendono il campo con un ampio click e un'armatura placcata in oro. I tartari cercano di scappare, fuggendo dal campo di battaglia in parti sparse lungo sentieri imbattuti.

I guerrieri russi catturano i cavalli tartari e la loro armatura, diventano proprietari di ricchi bottini - vini, tessuti pregiati e seta, che vengono portati alle loro mogli. A quel punto, grande gioia si sta diffondendo in tutta la terra russa. Tutti sanno già che l'esercito russo ha sconfitto l'esercito nemico.

Mamai fugge dal campo di battaglia inorridito. Sta cercando di chiedere aiuto nella città del caffè, ma i fryagi lo cacciano di là, urlando che è arrivato in terra russa con una grande orda, e ora sta scappando sconfitto. Pertanto, nessuno vuole fare affari con lui per non cadere sotto la giusta ira dei principi russi.

Ora, quando conosci l'evento di cui Zadonshchina parla, la fine di quest'opera sarà particolarmente chiara e vicina a te. Il Signore ha pietà dei principi russi. Dmitry Ivanovich fa appello ai vincitori sopravvissuti, grazie a loro per aver posto le loro teste per la terra russa e per la fede cristiana. Chiede perdono e benedizione per il futuro.

Insieme a suo fratello Vladimir, va alla gloriosa Mosca per tornare al suo regno, con l'onore e la gloria che sono riusciti a ottenere.

Caratteristiche "Zadonshchiny"

L'accademico Dmitrij Sergejevich Likhachev, noto ricercatore dell'antica letteratura russa, discute in dettaglio sulle peculiarità di "Zadonshchina" come fonte storica.

Secondo lui, "Zadonshchina" contiene una storia naturalmente poetica sugli eventi sul campo di battaglia di Kulikovka, a differenza della letteratura nazionale di questo periodo - "Il massacro di Tales of the Mamai".

Il romanzo storico "Zadonshchina" è dedicato principalmente alla glorificazione della significativa vittoria dell'esercito nazionale sull'invasione tataro-mongola. È interessante il fatto che l'autore abbia estratto il materiale di fatto dalle fonti della cronaca, mentre ha preso il Lay of Igor's Works come modello letterario. Da lì, ha preso in prestito, in particolare, varie tecniche artistiche e il piano poetico del testo stesso.

In "Zadonshchina" vengono confrontati e confrontati vari eventi legati al passato e al futuro. Secondo Dmitrij Likhachev, questo è il principale pathos civico e storico di questo lavoro. La lotta in questo testo è considerata una battaglia per l'indipendenza della terra russa.

Nel lavoro, l'autore esprime la sua attitudine poetica agli eventi.